Migliori Azioni di Idrogeno: Plug Power o Bloom Energy?

Le azioni di idrogeno o più propriamente delle celle a combustibile, hanno sicuramente catturato l’attenzione degli investitori di recente. La crescita delle energie rinnovabili ha aumentato la domanda di accumulo di energia, poiché la generazione da fonti rinnovabili tende ad essere intermittente. Sebbene le batterie siano attualmente le più utilizzate per lo stoccaggio di energia, esiste anche una domanda considerevole e in crescita per le celle a combustibile. Sia Plug Power ( PLUG.O ) che Bloom Energy ( BE.N ) sono pronti a beneficiare di questa tendenza. Ma uno sembra migliore dell’altro in questo momento. Vediamo perché.

 

Di che tipo di idrogeno si occupano Plug Power e Bloom Energy

Le celle a combustibile di Plug Power differiscono notevolmente da quelle di Bloom Energy. Plug Power offre membrane a scambio protonico, o PEM, celle a combustibile, che è la tecnologia di celle a combustibile più comune attualmente in uso. Richiede un catalizzatore di platino, il che lo rende costoso. Inoltre, il platino è estremamente sensibile alle impurità presenti nell’idrogeno derivato da combustibili fossili. Quindi, le celle a combustibile PEM richiedono anche un reattore aggiuntivo per ridurre il monossido di carbonio presente nel combustibile a idrogeno, aumentando il costo. Tuttavia, le celle a combustibile PEM sono compatte, possono avviarsi o arrestarsi rapidamente e possono funzionare a temperature più basse. Tutte queste caratteristiche li rendono più adatti per applicazioni di trasporto.

In confronto, Bloom Energy utilizza la tecnologia delle celle a combustibile a ossidi solidi. Le celle a combustibile a ossido solido possono funzionare utilizzando biogas o gas naturale e sono più convenienti ed efficienti. Tuttavia, funzionano a temperature molto elevate e richiedono più tempo per avviarsi rispetto alle celle a combustibile PEM. Costi inferiori e maggiore efficienza rendono queste celle a combustibile adatte alla generazione di energia stazionaria di carico di base.

Finora Bloom Energy ha fornito celle a combustibile alimentate da biogas e gas naturale. Tuttavia, ora ha iniziato a fornire celle a combustibile che utilizzano l’idrogeno rinnovabile come input.

Approfondimenti : Investire in idrogenoEnergia ad idrogeno in Italia

Migliori Azioni di Idrogeno: Plug Power o Bloom Energy?

Mercato di destinazione

La proposta di valore chiave di Bloom Energy è costituita da celle a combustibile a basso costo con maggiore efficienza. Questi sono utili nelle applicazioni di utilità stazionarie. Bloom Energy ha stretto una partnership con SK Engineering & Construction (una filiale del principale conglomerato industriale della Corea del Sud SK Group) per vendere celle a combustibile nel mercato delle utility fisse e commerciali e industriali in Corea. Altre aree in cui le celle a combustibile a idrogeno possono essere particolarmente utili sono la navigazione e l’aviazione. Bloom Energy ha collaborato con Samsung Heavy Industries per sostituire l’energia a base di petrolio sulle sue grandi navi da carico con celle a combustibile a ossidi solidi.

In confronto, Plug Power si rivolge principalmente al mercato dei trasporti per le sue celle a combustibile. Le sue celle a combustibile sono utilizzate da Amazon , Home Depot e Walmart nei loro carrelli elevatori. Si rivolge anche alle case automobilistiche europee, che stanno investendo nello sviluppo di veicoli alimentati a celle a combustibile a idrogeno. La joint venture pianificata da Plug Power con Renault è un enorme passo avanti e potrebbe avviare saldamente l’azienda sulla strada della redditività.

Inoltre, la società ha anche recentemente stipulato una partnership strategica con SK Group, dove fornirà celle a combustibile ed elettrolizzatori (unità per produrre idrogeno utilizzando acqua) ai mercati coreano e asiatico. Il governo della Corea del Sud mira a mettere su strada 6 milioni di veicoli a celle a combustibile entro il 2040. Se le cose andranno bene, le due società potrebbero entrare in una joint venture formale entro il 2022.

Leggi anche:

Prospettive

L’idrogeno sta ricevendo molto sostegno politico in Europa e nell’Asia orientale, principalmente in Giappone e Corea. La Commissione europea prevede che il 13-14% dell’energia europea provenga dall’idrogeno entro il 2050. Tuttavia, è necessaria una più ampia adozione delle celle a combustibile e delle infrastrutture di supporto per consentire alle aziende di celle a combustibile di operare su larga scala e in modo redditizio.

Plug Power offre da anni celle a combustibile a idrogeno. Finora non è stato redditizio nonostante i clienti di spicco, ma ha buone prospettive a causa del calo dei costi e della maggiore adozione di celle a combustibile a idrogeno. L’azienda mira a generare un utile operativo positivo entro il 2024. Con le ultime partnership tra Renault e SK Group, sembra in una posizione migliore per raggiungere tale obiettivo. Mi aspetto che il segmento dei veicoli elettrici, che Plug Power entrerà con la partnership Renault, non sarà così sensibile ai costi come il mercato dei carrelli elevatori. Questo dovrebbe essere di buon auspicio per i profitti dell’azienda.

Bloom Energy è entrata di recente nel mercato dell’idrogeno. Si rivolge a un mercato diverso in cui la tecnologia delle batterie finora non ha avuto molto successo. È un mercato in evoluzione e il successo dipende dalla capacità dell’azienda di offrire soluzioni personalizzate facili da usare e convenienti. Bloom Energy punta al 15% di margine operativo entro il 2025. Sembra anche che si stia muovendo nella giusta direzione per raggiungere questo obiettivo.

Valutazione

Bloom Energy batte Plug Power sul fronte delle valutazioni. Il titolo viene scambiato a un rapporto prezzo / vendita di circa sei, rispetto al rapporto elevato di Plug Power di 70. L’enorme divario di valutazione potrebbe essere dovuto al fatto che Bloom Energy è entrata solo di recente nel segmento dell’idrogeno e deve ancora dimostrare che può essere redditizio lì. Finora ha fornito biogas e celle a combustibile a base di gas naturale. Anche se Plug Power non ha ancora raggiunto la redditività, è un attore esperto nella tecnologia delle celle a combustibile a idrogeno ed è già entrata nell’enorme potenziale mercato dei veicoli elettrici a idrogeno. L’azienda ha aumentato le vendite a un tasso medio del 35% in cinque anni e potrebbe crescere a un ritmo più rapido nei prossimi anni.

Dati sui ricavi (trimestrali) PLUG di YCharts

Si noti che sia Plug Power che Bloom Energy affrontano rischi significativi. La tecnologia delle celle a combustibile potrebbe non ricevere il tipo di adozione che le aziende e gli investitori sperano. Sebbene promettente, la tecnologia non è stata ancora commercializzata con successo nonostante sia in circolazione da decenni. La riduzione dei costi delle batterie agli ioni di litio potrebbe limitare la crescita delle celle a combustibile anche in futuro. Inoltre, le due società potrebbero dover affrontare una concorrenza significativa che potrebbe generare pressioni sui margini. In particolare, questo ultimo punto mi mette a disagio per l’elevata valutazione di Plug Power. In confronto, Bloom Energy offre un potenziale di crescita simile a una valutazione molto più sana. Questo lo rende un acquisto migliore in questo momento. Sebbene, considerando i rischi coinvolti, gli investitori prudenti potrebbero voler stare alla larga da entrambe le azioni al momento.

– MTFL

Azioni di settori in crescita

Titoli tecnologici

Azioni di Litio

Titoli Biotech

Energia Eolica 

Energia Rinnovabile

Titoli di industrie minerarie 

Auto elettriche

Fintech

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *