Come comprare i Buoni Fruttiferi Postali oggi e 10 buoni motivi per farlo

Se gli italiani comprano i Buoni Fruttiferi Postali, una ragione c’è. Nonostante i bassi rendimenti, i Buoni Postali rimangono uno degli investimenti più amati dagli italiani, su questo ci sono pochi dubbi, ma quali sono i motivi che spingono i risparmiatori italiani verso Poste Italiane, perchè, nonostante siano passati decenni i Buoni Postali sono così ancora cercati dal mercato del risparmio?

In un momento di grande sfiducia verso le banche italiane, è normale che un risparmiatore medio sia portato a rivolgersi verso un investimento sicuro, con quello che sta accadendo a Banca Etruria, fidarsi di un operatore finanziario, – seppure di una banca – oggi come oggi è veramente difficile, avere i propri risparmi lontano da pericoli Bail In , è diventata una mossa basilare per non incappare in problemi o stare attenti ogni giorno alla affidabilità della mia banca.

 

Come comprare i Buoni Fruttiferi Postali oggi - 10 motivi

Come acquistare dei Buoni Fruttiferi Postali

I Buoni Fruttiferi Postali (BFP) sono strumenti di risparmio garantiti dallo Stato Italiano, disponibili per l’acquisto attraverso le Poste Italiane. Ci sono diversi modi per acquistare Buoni Fruttiferi Postali:

  1. Ufficio postale: Puoi recarti fisicamente in un ufficio postale e acquistare Buoni Fruttiferi Postali. Ti servirà un documento di identità valido e il codice fiscale. Dovrai compilare un modulo per l’acquisto dei buoni.
  2. Online tramite Poste Italiane: Se possiedi un conto corrente Bancoposta o una Carta Postepay Evolution, puoi acquistare i Buoni Fruttiferi Postali online attraverso il sito web o l’app di Poste Italiane.
  3. Telefono: Alcuni tipi di BFP possono essere acquistati telefonicamente attraverso il servizio clienti di Poste Italiane.

Ricorda che i Buoni Fruttiferi Postali vengono emessi a nome del titolare e non sono trasferibili. Sono disponibili in diverse serie con diverse condizioni, durate e tassi di interesse, quindi è importante scegliere il tipo di BFP che si adatta meglio alle tue esigenze di risparmio e investimento.

Buoni Fruttiferi Postali 10 buoni motivi per comprarli:

  1. Sono garantiti dallo Stato italiano, quindi non avrò problemi a riprendere tutto il capitale versato.
  2. Il rendimento è certo e conosciuto; stabilito fin dall’inizio ( a parte qualche tipologia di Buoni legati all’inflazione italiana o di Buoni legati all’andamento dei mercati finanziari, che comunque danno un rendimento base).
  3. Non subiranno mai un Bail In.
  4. Ci sono dei Buoni Fruttiferi per minorenni adatti a genitori o nonni che vogliano fare un regalo o lasciare qualcosa di concreto ai propri figli/nipoti.
  5. Tassazione agevolata: le imposte su questo tipo di prodotti finanziari sono agevolate, è uno dei cavalli di battaglia dei Buoni Postali perchè hanno una tassazione che è la metà di quella di altri prodotti finanziari, in quanto considerati uno dei finanziamenti dello Stato italiano.
  6. I Buoni Postali, sono uno dei migliori metodi che lo Stato italiano ha per finanziare le opere pubbliche: per anni i Buoni Fruttiferi Postali hanno permesso di finanziare le grandi opere nel Nostro paese.
  7. Non hanno spese, nè quando si vanno a ritirare in anticipo nè quando si vanno a stipulare contratti.
  8. L’imposta di bollo non si paga, se si ha un investimento inferiore a 5.000 euro.
  9. Ci sono Buoni Postali Più convenienti di altri, basta saper scegliere.
  10. Ci sono una dozzina di ‘profili di risparmio diversi’, per ogni tipo di risparmiatore, per ogni tipo di esigenza.

 

ARTICOLI CORRELATI

Buoni Fruttiferi Postali 3×2, Rendimenti 2020, convengono?

Buoni Fruttiferi Postali 3x2, Rendimenti 2019, convengono?

Torniamo a parlare di Buoni Postali i quali sono sempre una sponda sicura per i

 

 

 

Buoni Postali: investimenti sicuri ed affidabili?

Buoni Postali: investimenti sicuri ed affidabile?

Buoni Postali: cosa succede se Poste Italiane va in default cioè se dovesse fallire? Cosa accadrà

 

 

 

 

Fondatore di Economia-Italia.com nel 2014 trader e pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Ha collaborato con diverse testate online, in cui ha scritto di economia e finanza fin dal 2007.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.