Buoni Fruttiferi Postali: lo Stato può Cambiare gli Interessi Quando Vuole

Lo Stato italiano può cambiare gli interessi dei Buoni Fruttiferi Postali retroattivamente quando vuole, lo ha stabilito una sentenza della Suprema Corte di Cassazione nell’ambito di un processo fatto da dei possessori di Buoni Fruttiferi acquistati prima del 1999 che avevano preso i Buoni ad un interesse molto alto, ma anche al momento del rimborso si erano visti ridare interessi più bassi in quanto le condizioni dell’inflazione erano molto diminuite dopo l’entrata nella zona euro dell’Italia.

L’Art 173 de Codice Postale recita infatti che gli interessi dei Buoni vengono corrisposti secondo quanto concordato nel buono stesso, dove sono specificati e che le variazioni degli interessi ci possono essere solo dopo previa pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale e non possono essere retroattivi.

Questa sentenza ribalta il principio di irretroattività e di pubblicità.

Ora lo Stato può cambiare l’interesse quando vuole, può farlo in modo retroattivo e non deve nemmeno farlo sapere ai diretti interessati.

Una sentenza che lascia un po’ stupiti.

Anche se si tratta di una sentenza che è stata fatta per Buoni Fruttiferi emessi prima del 1999 cioè quando c’erano tassi anche del 20% all’anno, tassi che esistevano in quanto c’era un’inflazione molto alta, che poteva arrivare anche ad essere del 20%.

Con l’arrivo dell’euro, la Nostra moneta si è stabilizzata, ed era proprio questo il motivo principale per cui tanti paesi hanno voluto entrare a far parte dell’Unione Monetaria europea, avere una moneta forte e stabile che proteggesse i salari dall’inflazione.

Buoni Fruttiferi Postali: lo Stato può Cambiare gli Interessi Quando Vuole Buoni Fruttiferi Postali: Gli Interessi Possono Essere Cambiati dallo Stato quando vuole. Cosa fare allora?

L’unico modo che ha l’investitore che ha comprato i Buoni Fruttiferi prima del 1999 è quello di richiederne il rimborso immediatamente.

In questo modo potrà avere ancora quel rimborso in base agli interessi pattuiti nel momento in cui ha sottoscritto i Buoni.

Altrimenti, se aspetta la normale scadenza, Poste Italiane, con tutta probabilità gli daranno gli interessi pari a quelli più alti attualmente per i Buoni Fruttiferi, ma che comunque sono molto più bassi di quelli dei BFP ante 1999.

Cosa succede ora, nessuno più comprerà dei Buoni Fruttiferi?

Difficile dirlo, di certo ci pare una sentenza incredibile, anche se comunque giustificata dall’enorme divario tra un 20% di interessi dati prima del 1999 e il 1% (circa) di interessi dati oggi .

In questo modo si sono protetti gli interessi dello Stato, ma si è data una picconata al diritto in generale, ed in particolare a quello degli investitori.

Se un investitore non si può più fidare nemmeno dello Stato cosa potrebbe accadere?

Accadrà che le agenzie di rating ne prenderanno nota e che l’affidabilità del Nostro debito calerà ancora? 

Di certo non è un bel segnale da dare ai mercati nè al principio di irretroattività delle leggi.

Leggi le Ultime Novità sui Buoni Fruttiferi Postali

Rendimenti 

Per minori 

Europa 

Indicizzati all’inflazione italiana 

A 18 mesi 

4×4 Fedeltà 

Ordinari 
indicizzati II 

Investire 1000 euro in BFP 

3×4 

Per ragazzi minorenni 

Conviene investire su BFP?    

Caratteristiche 3 Anni Plus

Come acquistarli 

Parliamo di Investimenti e Prestiti dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *