Investimenti Sicuri: Poste o Banca? Dove Investire nel 2019

Quali sono gli investimenti sicuri 2019?

Parlando di investimenti, cerchiamo di capire quali sono gli investimenti a basso rischio tra Poste Italiane o tramite banca? Sono le domande che si pongono molto risparmiatori italiani, visto che questi sono i due metodi più usati dai piccoli risparmiatori italiani, cioè affidare i propri risparmi o a qualche operatore finanziario di fiducia della Nostra banca, oppure allo sportello delle Poste, proprio perchè attratti dall’investimento meno a rischio.
Andiamo a vedere quali sono gli investimenti più convenienti per fare fruttare al meglio i propri risparmi quest’anno.

Una premessa: cosa si intende per investimenti sicuri?

E’ difficile capirsi anche se si parla la stessa lingua, l’unico linguaggio riconosciuto universalmente è quello della matematica e a quello bisogna affidarsi specialmente quando si parla di finanza ed investire i Nostri risparmi.

Per “investimento sicuro”, di solito si considera quello che garantisce il recupero al 100% del capitale versato, più eventuali interessi.

Con il tempo però, questo significato si è un po’ ampliato, molti operatori finanziari, quando parlano di “investimento sicuro”, intendono un investimento a basso rischio di capitale.

Come dicevamo, molte parole possono essere interpretate, quindi quando andate a farvi fare una consulenza finanziaria, cercate sempre di farvi specificare quanto capitale è a rischio.

Per questo Vi ricordiamo che i conti correnti e i depositi bancari garantiti, le obbligazioni bancarie ( quelle normali, quindi garantite)  sono garantiti dal sistema bancario italiano fino a 100.000 euro anche in caso di fallimento della banca stessa.

Le Obbligazioni di Stato e i Buoni Fruttiferi Postali, sono garantiti dallo Stato italiano.

Tutte gli altri tipi di investimento: dalle azioni, ai fondi comuni, per non parlare di strumenti finanziari derivati, sono a rischio capitale, quando più, quando meno.

Investimenti sicuri 2018: Poste o banca? I consigli degli esperti finanziari

INVESTIMENTI SICURI 2019: SU COSA INVESTIRE IN QUESTO PERIODO DI CRISI DEGLI INDICI AZIONARI

Prima di vedere se conviene mettere i Nostri soldi in Banca o alle Poste, vediamo quali altri tipi di investimenti a basso rischio possiamo fare

Riuscire ad adottare tecniche di investimenti sicuri, per il 2019, può comportare decisioni difficili da prendere, valutando opportunità mai prima considerate.
Come prima regola, per un investimento sicuro, vi è quella di proteggere il capitale: fattore fondamentale. A seguire, vengono poi valutazioni legati ai rendimenti, che tante volte risultano primari rispetto alla protezione del capitale.
Seconda regola è quella di diversificare gli investimenti, cercando di trovare un mix efficiente che preveda una diluizione del rischio complessivo.
Forse, quanto appena detto, sembrerà banale, ma è bene anche per il 2019 tenere in considerazione investimenti che rispecchino i criteri basilari di sicurezza, di fronte a mercati finanziari instabili e tassi di interesse che possono essere annullati dall’ inflazione, e/o manovre governative sui tassi di interesse.

Cosa poter scegliere, allora, per il 2019?

Investire soldi nel 2019

Il primo dilemma da affrontare è quello di investimento a breve termine, o a lungo termine.
Di norma, gli investimenti a breve termine tendono a conservare il capitale, mentre il medio e lungo termine mirano a creare ricchezza.
Investire, anche per il nuovo anno, vuol dire scegliere, accettando un certo grado di rischio, più tipico, ad esempio, per gli investimenti azionari, in immobili, e strumenti finanziari derivati.
Accettazione del rischio a fronte di un ritorno, in termini di ricchezza nel medio/lungo periodo, può rappresentare un buon criterio per cercare come investire per il 2019.

Vediamo ora, alcune opportunità su come costruire un mix di investimenti che possa essere considerato sicuro.

Consideriamo l’ opportunità della componente azionaria , fermo restando che comprare azioni va considerato come un investimento non sicuro, è comunque importante inserire in un portafoglio titoli questo tipo di investimento, anche se con una quota molto limitata del Nostro capitale, qualsiasi sia il Nostro profilo di rischio, una quota che può variare dal 5% al 20% del Nostro portafoglio titoli a seconda delle Nostre disponibilità finanziarie e delle Nostre consapevolezze finanziarie, ma anche se si tratta di una piccola quota del Nostro capitale, rimane comunque l’investimento più importante perchè si rivelerà nel tempo quello più redditizio.

L’ attuale instabilità dei mercati azionari non ha, del tutto, vanificato i rendimenti di molte azioni, e se consideriamo l’ indice S & P 500, i ritorni sono stati interessanti sia dal ritorno in linea capitale, sia per l’ incasso dei dividendi.
Un portafoglio titoli, che possa dirsi composto da investimenti sicuri, dovrebbe considerare un minimo di componente azionaria, anche a fronte di tempi non proprio rosei, al momento. Da evitare, attualmente, strategie di investimento di trading intra-day puro, privilegiando un acquisto per una detenzione almeno di medio periodo.
Sul mercato vi sono molte azioni sulle quale vale la pena di puntare: Apple è un buon esempio di successo, a fronte di tempi finanziari instabili. Altri esempi di azioni con un buon ritorno sono AT & T, Verizon, General Electric.
Volendo rimanere in ambito domestico, si consiglia, così come riportano molti analisti, le azioni di Enel, Juventus, Unicredit.

Obbligazioni, sempre un investimento sicuro

Le obbligazioni sono l’investimento sicuro finanziario per antonomasia. Si tratta di prestiti che Noi facciamo a Stati o aziende , garantiti dagli stessi stati ed aziende, ecco allora che quando i tassi di interesse iniziano a farsi interessanti come in questo periodo storico, si può optare per scegliere anche obbligazioni di Stato a 10 anni, oppure obbligazioni corporate con alti rendimenti, sempre di aziende solide.

In tema di investimenti obbligazionari, normalmente il fattore attrattivo per investire è costituito dal tasso di interesse. Questo, anche semplificando, è un dato reale.
Sui mercati finanziari esistono molteplici opportunità di investimento per 2019, in tema di obbligazioni.

Solo guardando oltre oceano, i rendimenti dei titoli di Stato USA (Treasury Bond) si aggirano sul 2,60% – rischio valutario escluso. Tuttavia, le prospettive positive per il mercato americano rimangono, anche se il rischio aumento dei tassi di interesse potrebbe colpire, ma il condizionale è d’ obbligo.
Di norma, in un contesto potenziale di calo dei tassi di interesse, le obbligazioni possono fornire reddito (cedole), ma anche un apprezzamento del capitale: investimento più che sicuro e redditizio.
In uno scenario di potenziale rialzo dei tassi di interesse, generalizzato, ed un rafforzamento dell’ Eur, gli investimenti in obbligazioni emessi da paesi emergenti, potrebbe non essere la scelta sicura come investimento per il 2019.
Si consiglia di privilegiare gli investimenti obbligazionari espressi in Eur, e parzialmente anche in Usd, privilegiando i tassi variabili, sulla scia di possibili rialzi dei tassi di interesse.

In Italia è prevista una nuova emissione di BpT per il 2019 con interessi al 1,25%, la novità è che saranno BpT a 4 anni , come non avveniva dal 2014

Altre opportunità per investimenti sicuri nel 2019

Nell’ ottica di trovare possibili investimenti sicuri per il 2019, si possono considerare anche le opportunità rivenienti dai Fondi comuni di investimenti, e dagli ETF.
I Fondi comuni, e quelli negoziati in Borsa, sono nient’ altro che portafogli che contengono azioni e obbligazioni. Ciò che fa la differenza è la tipologia di gestione del Fondo, privilegiando la professionalità delle case emittenti.
I Fondi comuni risultano essere una scelta vincente, per il 2019, per coloro che decidono di dedicare una parte limitata del capitale disponibile.
Lo scenario dei mercati azionari, e relativi indici di Borsa, influiscono moltissimo sull’ andamento dei Fondi puramente azionari. Meglio puntare su Fondi misti, o a componente obbligazionaria, anche a fronte di scontare rendimenti limitati privilegiando la sicurezza di non perdere capitale.
Interessante, per gli spunti di potenzialità nel 2019, sono i Fondi comuni a specializzazione, come per esempio l’ high – tech, le energie rinnovabili, la farmaceutica etc.
Ciò che potrebbe rappresentare un punto a favore dei Fondi comuni è il fatto che la gestione è diversificata, in panieri che contengono obbligazioni, od azioni, di tipologia differente e che possano cogliere le opportunità di rendimento dai movimenti di mercato.
Dato statistico: solo il 20% circa dei Fondi comuni, in essere, ha una performance positiva nel quinquennio.

Non possono essere considerati investimenti pienamente sicuri, per il 2019, gli ETF, anche se possono offrire buone potenzialità di realizzo nel tempo.
A differenza dei Fondi comuni, gli ETF hanno una gestione passiva: il Fondo investe, sostanzialmente, in un indice sottostante, tra cui il più comune il S & P 500. Gli ETF possono investire in titoli a bassa capitalizzazione, puntando su indici che rappresentano tali mercati. L’ ETF cerca, fondamentalmente, di replicare la performance dell’indice sottostante.
Non possono rappresentare un investimento sicuro, se non si possiede una adeguata preparazione finanziaria. Qualora la si possieda, si possono cogliere molteplici opportunità dall’ andamento dei mercati finanziari.

Investimento sicuro, anche per il 2019, è il settore immobiliare: settore che ha registrato rendimenti positivi, prevalentemente, dalla seconda guerra mondiale.
Sicuramente, il possesso della casa propria è un investimento sicuro, e da fare a tutela propria e della propria famiglia. L’ ombra che incombe per il 2019 è rappresentata,in Italia, dal credit crunch potenziale legato allo Spread, che potrebbe minare l’ acquisto di un immobile.

In conclusione, potremmo considerare quale investimento maggiormente sicuro per il 2019, una diversificazione tra azioni, obbligazioni, ed immobili. Ovviamente, l’ ottica è di medio/lungo periodo, cercando di cogliere le opportunità sopra ricordate.
Da escludere, dal punto di vista sicurezza, l’investimento in cripto valute: forti le potenzialità, ma molto deboli le sicurezze. i Bitcoin, e similari, vista la forte attualità, possono offrire rendimenti elevati: ma fino a che punto si è disposti a sacrificare la sicurezza del capitale investito?

Investimenti sicuri in Poste: le soluzioni

Il Gruppo Poste Italiane è tenuto in grande considerazione dai risparmiatori grazie a diversi fattori a partire dalla sua presenza capillare sul territorio che agevola la collocazione dei prodotti finanziari ed assicurativi. L’approdo in borsa delle Poste ha confermato il trend positivo su lungo periodo. Sono diverse le soluzioni sicure su cui puntare. Tra queste i buoni fruttiferi postali, molto apprezzati dagli italiani che propongono rendimenti garantiti ma molto limitati.

investimenti sicuri postali: i buoni fruttiferi

Investimenti sicuri con i Buoni Postali:

Se si investe nei Buoni Fruttiferi Postali a 18 mesi il rendimento è quasi nullo. Si ottiene qualcosa in più su scadenze a medio lungo termine. Gli interessi vengono assegnati ogni anno o in scadenze predeterminate. Oltre alla restituzione del capitale garantito si può optare per soluzioni d’investimento di medio lungo periodo e anche riavere in anticipo le somme investite. Sui BFP è applicata una tassazione agevolata. Si può anche puntare sui buoni fruttiferi postali indicizzati all’inflazione italiana.

Investimenti postali: Libretto Postale Smart

Al momento non è attiva la promozione sul Libretto Postale Smart, una proposta che abbinava al libretto funzioni ulteriori. Con la carta si possono ricevere bonifici indicando il proprio IBAN e comprare BFP dematerializzati. Dava l’opportunità di ottenere interessi altri visto il basso profilo di rischio: 1,25% annuo lordo era il tasso. La promozione è in corso, al momento, solo per i libretti già in essere.
E’ sempre attivo il Libretto di risparmio postale una delle forme di risparmio postale più antiche in Italia.

Poste Italiane propone soluzioni in linea con gli altri grandi operatori finanziari italiani. In aggiunta c’è però la garanzia della solidità del Gruppo. Per chi vuole investire i risparmi in formule garantite i Buoni Fruttiferi Postali continuano ad essere quelli migliori. L’alternativa è costituita da altre soluzioni di investimento che incrementano i rendimenti ma espongono a maggiori rischi.

La banca come intermediario finanziario.

ATTENZIONE AI VOSTRI RISPARMI:

Investire soldi tramite banca, significa anche e sopratutto avvalersi degli intermediari finanziari che sono innanzitutto dipendenti delle banche per poter fare un investimento su qualsiasi cosa, sia che si tratti di azioni come di obbligazioni di Stato, fondi comuni o oro.
Bisogna cercare però di ragionare con la propria testa, rispettare le regole di un buon investitore e diversificare il portafoglio titoli.
Un operatore di banca, lavora per la banca, quindi cercherà di vendervi un prodotto della banca, quali le azioni della banca, le obbligazioni della banca o dei fondi comuni gestiti direttamente o indirettamente dalla banca.
A tutto questo il risparmiatore deve essere preparato e non arrivare presso la propria banca come un pollo da spennare, quindi deve saper ragionare con la propria testa ed arrivare al giorno in cui va a parlare con consulente finanziario dipendente di banca con le idee già chiare.
Va anche bene investire nelle azioni della Nostra banca, ma prima bisogna informarsi sullo stato di solidità della banca, sull’andamento delle azioni, sulla soddisfazione dei clienti, ma sopratutto bisogna fare ‘i conti della serva’.
Se un altro investimento a pari rischio mi da di più, perchè comprare strumenti finanziari legati alla banca dove ho il mio conto corrente?

Approfondimenti ed analisi finanziarie delle principali banche italiane ed estere che operano in Italia:

Banca Carige

BNL

Banco BPM

Mediobanca Group

Intesa Sanpaolo

Unicredit

MPS

Banca Finnat

investimenti sicuri banca: i conti deposito

Investimenti sicuri in banca: i conti deposito

I conti deposito figurano tra i prodotti di investimento maggiormente gettonati tra i risparmiatori italiani. I conti deposito hanno però registrato una flessione legata ad un lento ma costante abbassamento dei rendimenti a cui si associa l’inasprimento della tassazione sulle rendite finanziarie al 26%. Le misure legate al quantitative easing mantengono bassi i tassi di interesse per volontà della BCE. In questo inizio di 2017 non vi sono grandi prospettive di rendita mediante la sottoscrizione di un conto deposito e gli istituti bancari che propongono interessi e soluzioni più vantaggiose non sempre brillano per affidabilità. Tra essi ve ne sono anche a rischio bail-in.
Il mercato dei Pronti Contro Termine viaggia sulla stessa sostanziale stagnazione dei conti deposito. E’ improbabile che nel corso del 2017 la tendenza subisca un’inversione a meno che non cambi la situazione insieme alle scelte di politica economica e monetaria europea.

Conti deposito: un investimento sicuro e garantito

I conti deposito hanno una scadenza che di norma varia da un minimo di un anno ad una media di 2 anni. I BFP hanno un orizzonte temporale di medio lungo periodo anche se, in alcuni casi, propongono rendimenti decenti anche su scadenze non molto lunghe. I conti deposito garantiscono operatività diversa rispetto ai BFP e hanno un margine di crescita maggiore. Anche perché soprattutto nella seconda parte del 2017 si attende un cambio nelle politiche dell’Ue dato che molti Paesi chiave saranno chiamati alle urne. In più molto dipenderà dalle spinte monetarie che arriveranno dagli USA.

Ecco alcuni conti deposito da prendere in considerazione:

Conto Deposito Mediolanum

Conto Deposito BNL

Conto Deposito Che Banca!

Conto Deposito Unicredit Vincolato

Conto Deposito Arancio

Deposito italiano MPS 

MoneyBox Unicredit

Investimenti sicuri in  Banca:il risparmio gestito 

Quasi tutte le banche, offrono, attraverso i proprio procacciatori delle formule di risparmio gestito.

Ogni istituto di credito ha le sue pecularietà ed i suoi prodotti, o prodotti di aziende finanziarie specializzate con cui la banca ha degli accordi commerciali che però si basano essenzialmente su questo tipo di offerte: Fondi comuni obbligazionari, fondi comuni azionari, fondi misti, sia italiani che stranieri.

Di solito, il promotore finanziario che lavora per la banca, vi farà offerte anche di PAC, cioè Piani di Accumulo Capitale, di PIR, cioè di Piani Individuali di Risparmio e obbligazioni della stessa banca sia normali che obbligazioni subordinate al valore delle azioni.

Si tratta di prodotti che di solito la banca definisce “sicuri”, ma che in sè nascondono alcuni rischi, come potrete vedere andando a leggere gli articoli di approfondimento ai link di seguito, rischi in particolare per quanto riguarda le obbligazioni subordinate e i fondi azionari.

Risparmio gestito UBI Banca

investimenti sicuri e redditizi i beni rifugio

Investimenti sicuri e redditizi: i bèni rifugio 

Anche questi possono essere considerati investimenti sicuri, anche se il loro prezzo può avere anche notevoli oscillazioni, quindi non sono sicuri al 100%, visto che hanno un rischio capitale,  ma non si tratta in questo caso di grandi oscillazioni un giorno per un altro come può avvenire per le azioni, ma si tratta di oscillazioni che sono molto ‘spalmate nel tempo’
Prendiamo ad esempio il mercato immobiliare. Investire in una casa all’estero oggi è una delle ultime mode per investitori che hanno una certa possibilità di differenziare il loro portafogli titoli,

Vi segnaliamo che 2019, complice la sempre più accentuata volatilità dei mercati azionari, per i noti problemi dovuti alla diminuzione della crescita economica delle principali economie mondiale e della guerra commerciale tra Cina e Stati Uniti, la quotazione dell’oro è notevolmente incrementata, per questo abbiamo creato una Guida all’acquisto dell’oro per Principianti, totalmente gratuita.

Di seguito, alcuni investimenti sicuri in beni rifugio da prendere in considerazione:

Comprare Oro

Comprare Argento

Comprare diamanti

Comprare Arte Moderna

Comprare pietre preziose

Fondi Comuni di investimento più sicuri

I fondi comuni sono un investimento a rischio, ma possono essere considerati un buona possibilità di investimento sicuro, se sono ben bilanciati.

In particolare parliamo dei fondi comuni obbligazionari e fondi pensione. Di seguito, alcune tipologie di fondo da approfondire

Fondi comuni migliori oggi

Piani di Accumulo – PAC

Fondi pensione

Fondi Intesa Sanpaolo

Piani di Accumulo capitale Unicredit

Piani di Accumulo Poste Italiane

Fondo Banco Posta Evoluzione 3D

Risarcimenti dei Fondi di Poste italiane

Fondi Poste italiane 

Fondi immobiliari con investimenti su case all’estero

Fondo Bancoposta cedola dinamica

Quote di Auto d’epoca

ETF cosa sono

ETF a reddito fisso

Obbligazioni di Stato: l’investimento sicuro per eccellenza

E’ l’investimento più sicuro in assoluto: sono le obbligazioni di Stato e per non riavere i Vostri soldi deve accadere che lo Stato da cui le avete comprate debba fallire.

Non è impossibile che uno Stato fallisca, ma la cosa è molto, molto improbabile.

Di seguito, approfondiamo la conoscenza di questi strumenti di investimento che sono garantiti dallo Stato che le emette – per questo hanno dei tassi di interesse tra i più bassi in assoluto, ma almeno abbiamo la sicurezza di avere i Nostri soldi al sicuro, la certezza di riprendere il 100% del capitale versato e il cuore in pace in caso di crisi finanziarie globali.

Cosa sono le obbligazioni

Le obbligazioni più performanti

Obbligazioni pro e contro

Obbligazioni di Stato

Obbligazioni a tasso fisso migliori

Obbligazioni più interessanti

Obbligazioni più redditizie

Obbligazioni nuove emissioni

 

Pareri

Per stabilire il vantaggio di un prodotto raffrontato rispetto ad un altro bisogna non solo tenere conto del tasso di interesse garantito ma anche della tassazione. Sui conti deposito la pressione fiscale è al 26% mentre per BFP come per i Titoli di Stato è al 12,5%, oltre la metà. Poi bisogna considerare l’imposta di bollo. In Poste Italiane spetta al cliente il pagamento. Alcune banche, invece, si fanno carico della spesa sgravando il risparmiatore.
Può risultare interessante valutare le condizioni per svincolare le proprie somme di denaro. Gli istituti bancari subordinano lo svincolo ad un interesse più basso. Con i Buoni Fruttiferi Postali si può eseguire lo svincolo anticipato ma si incorre nel rischio di perdere parte l’interesse maturato se la capitalizzazione si realizza prima delle scadenze determinate.
Infine, prima di acquistare prodotti finanziari, bisogna informarsi bene e sentire anche gli ultimi consigli dei migliori esperti di finanza.
Per rimanere aggiornate sui migliori , seguiteci su FB.

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

1 commento

  1. Più che un commento vorrei un consiglio: ho 66 anni e vorrei fare un versamento a risparmio in favore della mia nipotina di 6 anni (circa 500€ annui) in previdenza complementare (o no: parliamone) che possa servirle per quando avrà 18/20 anni (in prelievo parziale se ne avrà necessità) detraibile dalla mia dichiarazione dei redditi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *