Buoni Fruttiferi Postali BFP 4×4 : Recensione e Opinioni, Conviene Comprarli?

Sempre più considerato un istituto di credito, Poste Italiane implementa negli anni i suoi servizi e presenta prodotti dedicati al piccolo risparmiatore e investitore. Strumenti che uniscono tradizione e innovazione, caratterizzati da semplicità di gestione e massima sicurezza, con la garanzia di Stato italiano e Cassa Depositi e Prestiti.

Tra questi vi sono i Buoni Fruttiferi Postali 4×4, soluzione per un rendimento sicuro e crescente sul lungo periodo, che rappresentano ulteriore innovazione dei buoni ordinari. Sono facili da sottoscrivere, senza costi e con tassazione agevolata, ma cos’altro c’è da sapere sui BFP 4X4? Sono un investimento ancora conveniente?

Cosa sono i BFP 4X4?

Collocati per la prima volta il 28 febbraio 2015 da Poste Italiane e ripresentati nella serie TF116A201106 il 6 novembre 2020, i 4×4 sono nuovi Buoni Fruttiferi Postali dedicati all’investimento su medio-lungo periodo, per creare una rendita integrativa alla loro scadenza. Sono tra i successori dei BFP ordinari e hanno durata dai 4 ai 16 anni.

Senza spese di gestione né commissioni, sono emessi da Cassa Depositi e Prestiti, società controllata dal MEF all’83%, ponendosi come obiettivo la crescita dei rendimenti a ogni scadenza: come avviene coi 3×4, la loro durata è divisa in step ai quali viene riconosciuto un aumento degli interessi.

Garantiti dallo Stato italiano, come ogni categoria di buono anch’essi possono essere emessi in forma:

  • Cartacea, con titolo fisico che il cliente dovrà presentare necessariamente in ufficio postale per effettuare rimborso a scadenza o anticipato
  • Dematerializzata, con scrittura contabile su conto BancoPosta o libretto postale Smart con cui vengono sottoscritti e su cui verranno accreditati i rendimenti

Si possono sottoscrivere facilmente online, su sito o app BancoPosta, in qualsiasi ufficio postale, con documento d’identità e codice fiscale in corso di validità o, ai sensi dell’art. 37 del Decreto Rilancio 2020, anche telefonicamente.

Buoni Fruttiferi Postali BFP 4x4 : Recensione e Opinioni, Conviene Comprarli?

Come funzionano e cosa offrono i Buoni Fruttiferi 4×4?

Sottoscrivibili esclusivamente da persone fisiche maggiorenni, rispetto agli ordinari, che prevedono una singola scadenza ventennale, i Buoni Fruttiferi Postali 4×4 hanno durata complessiva di 16 anni con scadenze quadriennali a rendimento incrementale, presentando i seguenti interessi lordi:

    • 0,20% al termine del quarto anno
    • 0,30% al termine dell’ottavo anno
    • 0,40% al termine del dodicesimo anno
    • 0,75% al termine del sedicesimo anno/scadenza

Con capitalizzazione annuale, i buoni 4×4 sono alimentabili con tagli minimi da 50,00 euro e multipli, fino ad un massimale di un milione di euro al giorno. I loro rendimenti saranno rimborsati sul libretto postale Smart o sul conto BancoPosta, con cui condividono la medesima intestazione.

Sono rimborsabili in qualsiasi momento, maturando interessi in funzione della durata di mantenimento. Se la forma cartacea è finanziariamente indivisibile, quella dematerializzata consente di effettuare rimborsi anche parziali, purchè in tagli minimi da 50,00 euro.

Come tutti i BFP, anch’essi diventano infruttiferi dal giorno successivo alla scadenza, prescrivendosi dopo 10 anni (problema che riguarda i cartacei, poiché quelli dematerializzati vengono automaticamente rimborsati). Nominativi, possono essere cointestati fino a 4 soggetti maggiorenni, non possono essere dati in pegno né ceduti, eccetto trasferimento causa morte dell’intestatario o casi di successione a titolo universale.

Quanto costano i Buoni Fruttiferi Postali 4X4?

Escludendo le cifre fruttifere versate, come avviene con tutti i Buoni Fruttiferi Postali anche i 4×4 non prevedono alcun costo di sottoscrizione, gestione, rimborso o commissioni. Sono però soggetti ai seguenti oneri fiscali:

  • Aliquota agevolata al 12,50%, ai sensi del d.l. 239/1996, applicata ai rendimenti
  • Imposta di bollo al 2‰, applicata a giacenze superiori a 5.000 euro

Sono esenti da imposta di successione e, indifferentemente dal valore dei buoni, la loro duplicazione avrà un costo di 1,55 euro cadauno. Infine, ulteriori costi riguarderanno eventuali richieste di ricerca sull’esistenza di buoni intestati, variabili in funzione del numero di uffici postali che effettueranno le ricerche.

I BFP 4X4 convengono ancora?

Considerando l’attuale situazione dei Buoni Fruttiferi 4×4, si può ovviamente notare un rendimento che, sebbene aumenti nel tempo, risulta in linea con quello di altri prodotti Poste ma irrisorio rispetto ad altri asset dal rischio maggiore.

Tuttavia, nel corso degli anni gli interessi offerti si sono oltremodo ridotti, cosa che si può constatare osservando le caratteristiche delle serie precedenti all’attuale TF116A201106:

  • Serie Q01, emessa dal 28/02/2015 al 19/03/2015
    • 0,50% al quarto anno
    • 0,80% all’ottavo anno
    • 1,20% al dodicesimo anno
    • 1,50% al sedicesimo anno/scadenza
  • Serie Q02, emessa dal 20/03/2015 al 10/01/2016
    • 0,25% al quarto anno
    • 0,50% all’ottavo anno
    • 0,75% al dodicesimo anno
    • 1,00% al sedicesimo anno/scadenza
  • Serie TF116A190917, emessa dal 17/09/2019 al 07/05/2020
    • 0,25% al quarto anno
    • 0,60% all’ottavo anno
    • 0,90% al dodicesimo anno
    • 1,25% al sedicesimo anno/scadenza
  • Serie TF116A200508, emessa dal 08/05/2020 al 16/07/2020
    • 0,40% al quarto anno
    • 0,75% all’ottavo anno
    • 1,25% al dodicesimo anno
    • 1,75% al sedicesimo anno/scadenza
  • Serie TF116A200717, emessa dal 17/07/2020 al 07/10/2020
    • 0,20% al quarto anno
    • 0,40% all’ottavo anno
    • 0,75% al dodicesimo anno
    • 1,25% al sedicesimo anno/scadenza

Nonostante ciò i BFP 4×4 sono ancora un conveniente strumento d’investimento sul medio-lungo termine e dal rischio irrisorio, grazie anche alla garanzia dello Stato italiano. A renderlo ancora interessante è inoltre la ridotta fiscalità, che con aliquota al 12,5% e imposta di bollo al 2‰, lo rende ben più vantaggioso di un libretto postale che, al contrario, presenta tassazione non-agevolata al 26% e imposta di 34,20 euro/anno.

A conti fatti, oltre all’elevato livello di sicurezza, occorre però ricordare che i prodotti Poste Italiane hanno funzionalità orientate principalmente al risparmio e meno all’investimento: destinando capitale ad un BFP si potrà metterlo al sicuro, poiché sarà un deposito privo di rischi e a tassazione minore, ma contemporaneamente si renderà inutilizzabile per svariati anni eccetto disinvestimenti, cosa che potrebbe scoraggiare chi auspica rendite più sostanziose.

Consiglio finale può essere quello di inserire Buoni 4×4 in investimenti diversificati: se da un lato si darà spazio alla crescita, dall’altra avrà un maggiore ruolo la stabilità. In ogni modo, fattore cruciale sarà anche il capitale da destinare all’investimento.

I Buoni fruttiferi postali, tornano ad essere tra gli investimenti più sicuri che un risparmiatore italiano possa fare, in un periodo che sembra particolarmente impegnativo per chi vorrà investire soldi. Specialmente quando si tratta di diversificare dove investire i propri risparmi.
I Buoni postali fruttiferi sono garantiti dallo Stato, per questo sono così sicuri. Ovviamente più un investimento é sicuro, più il suo rendimento é basso, è questa la legge della finanza a cui nemmeno i BFP scappano.
I Buoni postali Fedeltà ( nome per estero BFP 4X4 Fedeltà) hanno però dei tassi crescenti molto interessanti.

Altre tipologia di Buoni Fruttiferi che ancora vengono emessi

Rendimento Buoni Fruttiferi Postali 2017 BFP4x4 Fedeltà
Buoni per Minorenni

Buoni Fruttiferi Cointestati

Buoni Ordinari

Come Regalare BFP

Chi può comprare i Buoni Fruttiferi

Possono comprare questo tipo di buoni, solo ed esclusivamente i clienti di Poste italiane che hanno in scadenza altri Buoni postali.
Entro 60 giorni dalla scadenza dei proprio buoni postali, bisogna prenotare i BFP 4X4 Fedeltà.
Possono comprarli solo persone fisiche e non società.

Quando posso chiedere il rimborso dei Buoni Fruttiferi 

In ogni momento posso ritirare tutti i miei soldi investiti, ovviamente non sarà conveniente a livello di interessi accumulati, in quanto la convenientza di questo tipo di investimento, consiste proprio nel NON TOCCARE la somma investita ed aspettare che maturino tutti gli interessi dei 16 anni previsti dall’investimento.

A Chi conviene investire nei BFP 

A tutti i clienti fedeli di Poste italiane che si sono già trovati bene con altre tipologie di Buoni Postali, e che intendono avere quel ‘gruzzoletto’ da parte senza toccarlo per almeno una quindicina di anni.
Può essere una buona soluzione per tutti quei lavoratori giovani che iniziano oggi ad entrare nel mondo del lavoro e che le pensioni fra 40 o 50 anni saranno talmente basse da non avere nessun potere di acquisto.
Mettendo via un pochino di soldi per volta, si potranno ritrovare , quando andranno in pensione un bel gruzzoletto per la vecchiaia.

Quant’é il rendimento dei Buoni Fruttiferi Postali BFP 4X4 nel 2016

Anni di investimento Tasso lordo nominale ogni anno  Quanto rendono effettivamente ogni anno (lordo e calcolati alla fine del periodo)
Primi 4 anni
0,40%
0,40%
Dal quarto all’ottavo  anno
1,40%
0,90%
Dal nono al dodicesimo anno
1,80%
1,20%
Dal tredicesimo al sedicesimo anno
2,41%
1,50%

 

Le Ultime Novità sui Buoni Fruttiferi Postali ed altri articoli di approfondimento

Rendimenti 

Buoni Fruttiferi o Libretto Postale: cosa conviene di più? 

Per minori 

Europa 

Indicizzati all’inflazione italiana 

A 18 mesi 

4×4 Fedeltà 

Ordinari 
indicizzati II 

Investire 1000 euro in BFP 

3×4 

Per ragazzi minorenni 

Conviene investire su BFP?    

Caratteristiche 3 Anni Plus

Come acquistarli 

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

8 commenti

    1. Caro Anonimo, nessuno obbliga ad investire i propri risparmi in qualcosa.

      Ovviamente sta al risparmiatore decidere dove investire i propri soldi, come in questo é scritto più e più volte, la prima regola per investire è DIVERSIFICARE dove metterli.

      Deve considerare che oggi come oggi il costo del denaro è bassissimo, quindi pure titoli di questo genere – supersicuri – rendono pochissimo.

      Chi non risica non rosica, é questa la dura legge della Finanza.

      I Buoni Fruttiferi Postali sono un buon investimento se uno i soldi li vuol mettere via , prendendo qualche soldino in più di un semplice conto corrente bancario, ma non è certo un modo per guadagnarci chissà cosa.

      Per quello ci sono altri metodi, isicuramente più rischiosi, di cui il più semplice è il mercato azionario

  1. Mi avete convinto,
    ieri ho preso questi benedetti Buoni Postali( che per come la vedo io però sono poco fruttiferi), avevo azioni MPS che ho venduto la scorsa settimana.

    A leggere le notizie, credo sia stata l'operazione finanziaria migliore che ho fatto negli ultimi 20 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *