Investire in Petrolio nel 2021 Conviene? Le previsioni degli analisti

Investire in petrolio è stato sempre una scelta abbastanza rischiosa per i molteplici fattori che influiscono sul suo prezzo.
Abbiamo assistito a fasi di forte discesa delle quotazioni, con successiva ripresa contrassegnata, però, da un trend abbastanza instabile.
Proviamo a considerare come possano evolvere le quotazioni per il 2021, per un possibile investimento su basi rialziste.

È troppo tardi per investire in petrolio?

I rendimenti da dividendi elevati supportati da un debito basso sono il modo migliore per avvicinarsi a questo settore rischioso.

Dal crollo del petrolio e del gas del 2014 e 2015, l’industria è stata per lo più in disgrazia a Wall Street. Tra il 2017 e il 2020 il settore energetico ha prodotto un rendimento totale del 39% negativo rispetto al guadagno del mercato di oltre l’80%, portando il significato di sottoperformance a un livello completamente nuovo.

Ma nel 2021, l’energia è stata finora il settore più performante poiché i tagli al petrolio dell’Arabia Saudita hanno spinto i prezzi del greggio West Texas Intermediate (WTI) sopra i $ 50 per la prima volta da febbraio 2020. Facciamo un tuffo nel settore per determinarlo. dove sta andando il petrolio, se vale la pena investire – e in tal caso – quali azioni sono i migliori acquisti in questo momento.

Prezzi del petrolio

Non possiamo discutere delle azioni petrolifere senza parlare dei prezzi del petrolio.

I prezzi del greggio WTI hanno chiuso il 2019 a circa $ 60 al barile prima di precipitare brevemente in territorio negativo alla fine di aprile 2020 quando la domanda è precipitata a causa della pandemia COVID-19. Ecco il prezzo medio del greggio WTI negli ultimi cinquanta anni.

Migliori Azioni di Petrolio da Comprare in Questo Momento
Migliori Azioni di Petrolio da Comprare in Questo Momento

In molti modi, i prezzi del petrolio riflettono l’equilibrio tra domanda e offerta. I prezzi del petrolio stanno aumentando perché l’offerta globale sta diminuendo durante un periodo in cui il consumo globale di carburanti per il trasporto terrestre e aereo potrebbe godere di una crescita costante durante tutto l’anno. Ma non è passato molto tempo da quando il petrolio era sui 30 dollari.

Il 9 novembre, il mercato azionario è salito alle stelle su possibili notizie sui vaccini da parte dei produttori di farmaci Pfizer e BioNTech , inviando i prezzi del greggio WTI sopra i $ 40 al barile. Anche da quel balzo sono rimaste quattro ragioni per cui il petrolio greggio potrebbe continuare a salire .

Per riassumere, l’aumento della domanda di petrolio greggio e di prodotti raffinati potrebbe superare l’offerta a breve termine. I produttori, grandi e piccoli, hanno ridotto la produzione durante il secondo e il terzo trimestre del 2020 in risposta alla minore domanda. Poiché l’offerta non può tornare dall’oggi al domani, una domanda più elevata potrebbe far salire i prezzi nel breve termine. A lungo termine, molte società quotate in borsa stanno riducendo la spesa per concentrarsi sul sostegno della produzione esistente, lasciando poco spazio per aumentare la produzione . Tuttavia, le compagnie petrolifere nazionali (NOC) mantengono il controllo sulla maggior parte dell’offerta globale, lasciando un livello di incertezza nel mercato.

Tuttavia, anni di minore spesa in coppia con la crescente domanda globale potrebbero far aumentare i prezzi. E infine, le aziende, in particolare le major, stanno tagliando la spesa per petrolio e gas a favore di investimenti rinnovabili . La BP , ad esempio, prevede di produrre il 40% in meno di petrolio nel 2030 rispetto al 2019. I tagli permanenti potrebbero ridurre ulteriormente l’offerta.

I vantaggi di un aumento dei prezzi del petrolio a breve termine insieme a quella che potrebbe essere una riduzione dell’offerta a lungo termine sono parzialmente compensati da una minore domanda di petrolio. Le ultime prospettive energetiche mondiali dell’Agenzia internazionale per l’energia suggeriscono che la domanda di petrolio potrebbe iniziare a stabilizzarsi nel 2030 a circa 103,2 milioni di barili al giorno.

Investire in Petrolio nel 2019: Conseguenze Rialzo Prezzo sui Mercati Finanziari

Efficienza dei costi

I movimenti del prezzo del petrolio sono fuori dal controllo di un’azienda. Tuttavia, le aziende possono posizionare il proprio portafoglio di investimenti in pareggio a prezzi del petrolio più bassi, il che può aiutare a mitigare le perdite durante i periodi di recessione e trarre vantaggio dai trend rialzisti. Ci sono diverse società che sono ben posizionate per incassare $ 50 di petrolio greggio , in gran parte perché hanno effettuato acquisizioni tempestive e spostato i loro portafogli solo verso le loro attività più redditizie. Molti dei migliori produttori a monte affermano di poter ora raggiungere il pareggio nei bassi $ 40 o negli alti $ 30 al barile. Resta da vedere se un produttore può realizzare costantemente un profitto anche a quel prezzo basso. Ma se è vero, 50 dollari al barile sarebbero il punto in cui il flusso di cassa libero (FCF) inizia a decollare, aprendo la strada all’aumento dei dividendi e più investimenti.

Cosa evitare
Operazioni efficienti possono fare una grande compagnia petrolifera, ma non se vanno a scapito di un debito elevato. Società come Occidental Petroleum hanno ottenuto costi di pareggio inferiori per barile, ma lo hanno fatto a scapito del proprio bilancio. Elevati debiti a tassi di interesse elevati sono una ricetta per il disastro. È meglio stare alla larga dalle compagnie petrolifere con un debito elevato , anche se hanno operazioni efficienti.

Cosa cercare

Il settore energetico è pieno zeppo di attori rischiosi con bilanci sospetti. Ma ci sono una manciata di titoli energetici con alti rendimenti da dividendi, basso debito e operazioni efficienti . Data la volatilità dei prezzi del petrolio, la chiave è dare la priorità alla salute finanziaria e al basso debito. Ad esempio, Chevron ha probabilmente il miglior bilancio delle major petrolifere che sostiene il suo di

videndo stabile e in crescita (attualmente con rendimenti superiori al 5%). Il Texas Pacific Land Trust è un’altra riserva petrolifera più sicura. Possiede 900.000 acri nel Texas occidentale, non ha debiti e 300 milioni di dollari in contanti. Trae vantaggio dall’aumento dei prezzi del petrolio senza dover spendere molti soldi perché le aziende tendono a trivellare più petrolio e costruire più oleodotti attraverso la sua terra quando i prezzi aumentano.

A parte i produttori a monte, il settore midstream è noto per avere fonti stabili e affidabili di FCF e rendimenti da dividendi elevati pur essendo meno esposto ai prezzi delle materie prime. Allo stesso modo, le utility con fonti di reddito regolamentate possono anche essere un investimento energetico migliore rispetto alle azioni petrolifere per gli investitori in dividendi.

Conclusioni

La risposta breve è che non è troppo tardi per le azioni petrolifere, ma il settore è pieno di aziende con troppo debito e troppo poco rialzo. Anche se il consumo di petrolio si appiattisce nel 2030, è improbabile che l’offerta superi la domanda perché alcune compagnie petrolifere stanno investendo meno nel petrolio e di più nelle energie rinnovabili. Pertanto, trovare società con un debito basso, un FCF elevato che supporti i loro dividendi e operazioni efficienti è il miglior metodo a lungo termine per investire in azioni petrolifere .

Investire in petrolio nel 2021 può rivelarsi un’ ottima opportunità, tuttavia i fattori da valutare, e soggetti a variazioni, sono molteplici.
Prudenza e rivalutazione nel breve periodo sono elementi da prendere in considerazione prima di ogni scelta.

Approfondimenti :

Titoli petroliferi del momento

Azioni ARAMCO

Prezzo crude oil 

Investimenti con lo Spread Alto 

Conviene investire in materie prime? 

Cacao

Olio Extravergine di Oliva

Migliori ETC su ORO

IEA – International Energy Agency

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *