IPO Azioni Aramco Quotazione Azioni Previsioni

L’IPO di Aramco sarà meno gigantesca di quanto promesso
Il gigante petrolifero di proprietà statale dovrebbe annunciare presto che intende diventare pubblico. Ma la vendita delle azioni non sarà all’altezza delle ambizioni dell’Arabia Saudita.

 

Quando Mohammed bin Salman ha annunciato nel 2016 che avrebbe elencato uno dei gioielli della corona del suo paese – il colosso petrolifero statale Saudi Aramco – sul mercato azionario , ha fissato alcuni obiettivi audaci .

Aramco sarebbe valutata a circa 2 trilioni di $ ( 2 mila miliardi ), rendendolo facilmente la più grande azienda quotata in borsa al mondo. Anche se la vendita di azioni è stata enormemente complessa, ha affermato che potrebbe avvenire entro il 2018. E le ricchezze che l’offerta genererebbe aiuterebbero l’ Arabia Saudita a liberarsi dal petrolio .

Oltre tre anni dopo, l’obiettivo del principe Mohammed appare finalmente a portata di mano, ma in una forma molto più piccola e più umile di quanto promesso inizialmente. Sarà probabilmente valutato a un prezzo molto più basso.

L’Arabia Saudita dovrebbe annunciare entro poche settimane che ufficialmente Aramco renderà pubblico, vendendo fino al 3% delle azioni della società in un’offerta pubblica iniziale. Lo farebbe solo due mesi dopo un devastante assalto a due delle strutture chiave dell’azienda che ha temporaneamente sospeso la sua produzione di petrolio.

La vendita di azioni sarà sicuramente uno dei principali punti di discussione alla terza annuale Future Investment Initiative , la conferenza che il governo saudita ospiterà a Riyadh a partire da martedì per magnati aziendali e alti funzionari governativi di tutto il mondo.

Ma i banchieri sulla transazione hanno detto al principe Mohammed, 34enne principe ereditario e sovrano di fatto dell’Arabia Saudita, che i potenziali investitori avrebbero probabilmente valutato il produttore di petrolio a circa $ 1,5 trilioni, secondo le persone con conoscenza della questione che parlavano a condizione di anonimato per descrivere conversazioni private.

Sebbene le borse di New York, Hong Kong e Londra abbiano corteggiato in modo aggressivo Aramco, la compagnia petrolifera sembra destinata per ora a negoziare sulla borsa molto meno conosciuta del suo paese d’origine, il Tadawul . E l’Arabia Saudita rimane come sempre dipendente dai suoi oceani di petrolio.

Era forse inevitabile che realizzare la più grande IPO della storia sarebbe stato un compito lungo e difficile. Ma nel caso di Aramco, il processo lungo anni ha incontrato difficoltà nei mondi finanziari e geopolitici, costringendo il principe Mohammed a sminuire significativamente le sue ambizioni.

Azioni IPO Aramco Quotazione Azioni Previsioni
impianto petrolifero saudita ARAMCO

Quanto vale la IPO sulle azioni ARAMCO?

C’è chi dice 60 miliardi di $ ( i proprietari), c’è chi dice nemmeno 50 miliardi di $ ( rumors).

Potrò comprare azioni Aramco?

Queste azioni si potranno comprare esclusivamente presso la borsa saudita di Tadawul, quindi a meno che la Vostra banca non abbia degli accordi internazionali particolari, difficilmente le potrete comprare.

Noi ovviamente non possiamo che dirvi di attendere la IPO e vedere come sviluppa i primi giorni, prima di acquistare ( se ne avete la possibilità), tutto quello che riguarda la casa reale saudita va preso con molte precauzioni.

 

Il governo saudita ha già dovuto rimandare l’offerta più volte, tra cui l’anno scorso, quando ha diretto Aramco per acquistare il controllo di un produttore petrolchimico saudita , e all’inizio di questo mese, quando ha deciso di ritardare l’annuncio dell’offerta di diverse settimane per incorporare l’olio relazione finanziaria del terzo trimestre dell’azienda, secondo le persone con conoscenza della questione.

È ancora possibile che il governo possa cambiare idea e ritardare nuovamente l’offerta, hanno aggiunto queste persone.

Anche a $ 1,5 trilioni, l’ Arabia Saudita sarebbe un colosso sui mercati azionari globali, con una capitalizzazione di gran lunga superiore a quella di tutti i suoi principali rivali del petrolio messi insieme.

Formalmente conosciuta come Saudi Arabian Oil Company, Aramco è stata fondata nel 1933 attraverso un accordo tra Arabia Saudita e Standard Oil ed è ampiamente considerata come un’operazione professionale e ben gestita.

Le sue enormi risorse e dimensioni – ha guadagnato 46,9 miliardi di dollari nella prima metà dell’anno e prodotto 10 milioni di barili al giorno – gli hanno dato vantaggi finanziari e produttivi senza pari. Ciò potrebbe dargli un vantaggio su rivali come Exxon Mobil e Royal Dutch Shell con gli investitori.

“Esiste davvero un pool limitato di capitali disponibili per gli investimenti azionari nel settore petrolifero e del gas, e c’è la possibilità che Aramco ne risucchi un po ‘”, ha affermato Ben Cahill , direttore della ricerca presso Energy Intelligence, una società di ricerca.

Aramco la società petrolifera proprietà della famiglia reale saudita
Il Logo di Aramco la società petrolifera proprietà della famiglia reale saudita

Il suo debutto sul mercato produrrà ancora miliardi di dollari, denaro che il Principe Mohammed intende utilizzare per pagare una vasta revisione economica del regno.

Aramco ha già attinto alcuni investitori privati ​​e ha venduto $ 12 miliardi di obbligazioni questa primavera in una domanda più pesante del previsto.

Ad esempio, il fondo sovrano di Singapore, Temasek, ha affermato che non investirà in industrie che si occupano di combustibili fossili, escludendo potenzialmente un investitore importante e rispettato come partecipante a un’offerta Aramco.

L’offerta sarebbe avvenuta anche all’ombra dell’uccisione e dello smembramento del dissidente e giornalista saudita Jamal Khashoggi da parte di agenti sauditi l’anno scorso. Il principe Mohammed ha recentemente accettato la responsabilità dell’omicidio del sig. Khashoggi, ma ha negato di averlo ordinato .

Non può importare altrettanto: le imprese occidentali che erano state ansiose di sminuire i loro legami con il governo saudita subito dopo l’omicidio hanno ripreso tranquillamente gli affari con il regno mesi dopo. E alti funzionari governativi come il segretario al Tesoro, Steven Mnuchin, e dirigenti del mondo degli affari come Stephen A. Schwarzman, amministratore delegato di Blackstone, e John Waldron, presidente di Goldman Sachs, hanno in programma di partecipare alla conferenza sugli investimenti saudita questa settimana.

Negli ultimi anni, il governo saudita e il suo esercito di consiglieri hanno lavorato duramente per risolvere molti dei potenziali blocchi stradali per un’offerta pubblica di successo. Nel corso degli anni i banchieri hanno volato frequentemente negli uffici di Aramco per preparare la società al controllo di analisti e investitori che derivano dall’essere una società pubblica.

Gli analisti della ricerca sono stati portati in Arabia Saudita alla fine di settembre per essere informati sulle operazioni di Aramco e partecipare a un pranzo con i top manager, incluso l’amministratore delegato dell’azienda, Amin Nasser .

Anche il regno ha fatto cambiamenti. Recentemente ha reso più facile per gli investitori stranieri non finanziari prendere quote in società quotate localmente , per esempio. E questa estate, la società di dati finanziari MSCI ha aggiunto lo scambio Tadawul al suo indice dei mercati emergenti, aumentando il flusso di denaro estero verso le azioni saudite.

Il mese scorso, il governo saudita ha sostituito il presidente di Aramco per quattro anni, Khalid al-Falih , con Yasir al-Rumayyan , il capo del Fondo di investimenti pubblici del paese. Il signor al-Rumayyan è uno stretto alleato del principe Mohammed.

E recentemente, l’Arabia Saudita si è impegnata a pagare agli azionisti di Aramco un dividendo annuale di $ 75 miliardi , nel tentativo di rendere l’azienda il più attraente possibile.

Una valutazione di $ 1,5 trilioni darebbe agli investitori un rendimento di circa il 5 percento, secondo i calcoli di Energy Intelligence. In confronto, Exxon Mobil, la più grande compagnia petrolifera americana, ora paga un rendimento di circa il 4,1 percento, mentre Shell paga il 6,4 percento.

Una questione imprevista e urgente per il team di gestione di Aramco è convincere i potenziali investitori che gli ingegneri della compagnia hanno rapidamente ripristinato la produzione e le esportazioni dopo gli attacchi aerei del mese scorso che hanno temporaneamente eliminato circa metà della sua produzione.

Gli ingegneri di Aramco “conoscono davvero gli impianti”, ha dichiarato Sadad Al-Husseini , ex vice presidente esecutivo di Aramco. “Conoscono tutte le valvole, i tubi e le navi”, ha aggiunto.

Ma mentre il danno fisico può essere stato riparato, gli attacchi hanno sollevato una domanda preoccupante: quanto sono vulnerabili i torrenti di petrolio che pulsano attraverso le strutture di Aramco a causa delle crescenti tensioni politiche tra l’Arabia Saudita e i suoi vicini, in particolare l’Iran?

“Riteniamo che sussista il rischio di ulteriori attacchi all’Arabia Saudita, che potrebbero causare danni economici”, ha scritto Fitch Ratings in una nota di ricerca in cui ha declassato il rating del credito dell’Arabia Saudita ad A, da A + .

Azioni del momento

Azioni ENI 

IPO migliori

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *