Migliori IPO 2024 Azioni di Nuove Aziende su Cui Investire

Quali saranno le IPO migliori nel 2024?

Negli ultimi anni lo scenario degli investimenti è cambiato drasticamente, complice anche la pandemia che ha portato paure, insicurezze ma anche conferme. Nonostante ciò quasi 2.400 aziende che hanno fatto la loro offerta pubblica l’anno scorso, per un volume di oltre 450 miliardi di dollari.

Il 2023 sarà un anno estremamente importante per le IPO, tra grandi novità e nomi già noti che seguono gli annunci dell’anno precedente. Tra i vantaggi, la possibilità di cogliere i trend positivi delle new entry, ma è ancora presto per capire quali titoli avranno ottime performance. Quali sono le migliori IPO per il 2023?

INIZIA AD INVESTIRE Vai ed apri un Conto Corrente per Investimenti

IPO migliori dove investire soldi

Cos’è un’IPO?

Acronimo di initial public offer, l’offerta pubblica iniziale è l’ingresso di una società in un mercato regolamentato, lo strumento con cui diffonde i suoi titoli al pubblico ottenendo la loro quotazione. In Italia è disciplinata dal TUF (D.L. 58/1998). L’IPO deve garantire informazione trasparente e dare preventiva comunicazione ad un organo di vigilanza, ad esempio Consob o SEC, specificandone ogni caratteristica e indicando tutti i soggetti che prenderanno parte all’operazione e rispettivi ruoli.

Con regolare prospetto informativo redatto secondo disposizioni del proprio organo di vigilanza, un’IPO può avere durata dai 4 ai 6 mesi suddividendosi nelle seguenti fasi:

  • Decisione quotazione, con comparazione costi/benefici, determinando quantità d’azioni da emettere e relative tempistiche; richiede la presenza di un consulente strategico
  • Individuazione intermediari, coordinatori globali che facciano mediazione tra società e investitori istituzionali; parte del pacchetto azioni viene destinato al collocamento privato
  • Decisione intervallo prezzo preliminare, con stima di reddito operativo e flussi di cassa futuri
  • Collocamento titoli, con prezzo finale deciso alla chiusura dell’IPO
  • Quotazione in borsa, col prezzo che viene solitamente sovrastimato durante il primo giorno avendo poi trend negativi nei successivi

Secondo Ernst & Young, al 2021 sono 2.388 le società ad aver effettuato un’IPO con volume totale di 453 miliardi di dollari; di queste quasi 1.100 si sono quotate negli Stati Uniti, con circa 260 miliardi raccolti.

 

[table id=44 /]

“Crediamo che il mercato delle IPO  sia pronto a trarre vantaggio da numerosi sviluppi positivi dell’ultimo trimestre: la pausa nei rialzi dei tassi, la ripresa di operazioni più grandi alla fine del trimestre e il miglioramento dei rendimenti, con l’indice IPO Renaissance in rialzo del 32% su base annua. -data”, scrive Renaissance Capital nella sua analisi del mercato IPO del secondo trimestre . “Il portafoglio ordini sembra pieno di solidi candidati all’IPO e prevediamo un aumento costante delle quotazioni nella seconda metà.”

È incoraggiante il fatto che il recente spin-off di Johnson & Johnson ( JNJ ) della sua divisione di prodotti per la salute dei consumatori Kenvue ( KVUE ) abbia raccolto 3,8 miliardi di dollari. E l’entusiasmo immediato per l’ IPO di Arm di metà settembre , che ha portato 5 miliardi di dollari di nuovo capitale per il produttore di chip di proprietà di Softbank, fa ben sperare per le aziende di alta qualità destinate a quotarsi in borsa nel prossimo anno.

In effetti, stiamo iniziando a vedere alcune altre aziende sondare il terreno, trovando ora il momento migliore per esplorare le prossime IPO più attese. Ho coperto le migliori IPO imminenti da tenere d’occhio per Kiplinger ormai da diversi anni, e questo elenco di otto è un numero inferiore a quello che normalmente ci aspettiamo in questo periodo dell’anno a causa della recente debolezza del mercato. Tuttavia, mi sono concentrato su nomi grandi e più affermati che dovrebbero suscitare molto entusiasmo sia a Wall Street che a Main Street.

I dati risalgono al 20 settembre. Ove possibile, abbiamo fornito le aspettative riportate per le tempistiche e/o le valutazioni per le prossime IPO.

 

ARM 

Fondata 30 anni fa, Arm è una delle più grandi aziende di semiconduttori al mondo. Ha spedito più di 230 miliardi di chip in tutto il mondo e le sue tecnologie hanno un impatto su circa il 70% della popolazione mondiale.

Arm ha registrato entrate per 2,68 miliardi di dollari nell’anno fiscale terminato il 31 marzo, in leggero calo rispetto all’anno precedente, e ha spedito oltre 30 miliardi di chip. L’azienda sta registrando una crescita in tutti i segmenti di mercato, con ottimi risultati con le soluzioni automobilistiche e IoT (Internet-of-Things).

Nel settembre 2020, il produttore di chip rivale Nvidia ( NVDA ) ha accettato di acquistare Arm dal suo proprietario, SoftBank Group, per 40 miliardi di dollari. Tuttavia, l’accordo è stato oggetto di un intenso controllo antitrust e le parti hanno abbandonato la proposta di acquisizione all’inizio del 2022.

Arm è stato quotato in borsa giovedì 14 settembre, scambiato con il ticker “ARM” sul Nasdaq Global Select Market. La società ha valutato la sua offerta mercoledì sera a 51 dollari per azione, la fascia alta del suo range precedente.

ARM ha aperto a 56,10 dollari nel suo primo giorno di negoziazione, dando alla società una valutazione di circa 60 miliardi di dollari. Le azioni hanno raggiunto i 66,28 dollari negli scambi intraday prima di stabilizzarsi a 63,59 dollari.

L’accordo è stato una delle IPO imminenti più interessanti da tenere d’occhio e probabilmente renderà ARM uno dei migliori titoli di semiconduttori da tenere d’occhio in futuro.

 

INSTACART

Instacart , che gestisce una rete di consegna di generi alimentari, ha registrato un’impennata della crescita a causa della pandemia. Ma man mano che l’impatto del COVID-19 si attenua, le cose diventano più difficili per l’azienda.

Un altro problema è la concorrenza. Oltre a dover affrontare rivali online come Uber Technologies ( UBER ) e DoorDash ( DASH ), ci sono anche operatori tradizionali che sono entrati nel mercato. Tra i più grandi figurano Dow Stock Walmart ( WMT ) e la catena di alimentari Kroger ( KR ).

Per trovare nuove opportunità, Instacart si è diversificata in altre categorie. Ad esempio, lo scorso settembre ha lanciato Instacart Health, che offre prodotti più sani.

Instacart è stata anche aggressiva nell’aggiungere più negozi alla sua piattaforma. Ha inoltre ampliato le sue capacità pubblicitarie e introdotto un sistema per consentire il pagamento di buoni pasto.

La strategia sembra funzionare. Secondo il Wall Street Journal, nell’anno fiscale 2022, i ricavi sono aumentati del 39% a circa 2,5 miliardi di dollari e hanno elaborato 29 miliardi di dollari di vendite totali sulla sua piattaforma . Instacart sta anche generando un EBITDA positivo (utili prima di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti).

Alla fine dell’anno scorso, la società ha tentato un’IPO, ma l’ha sospesa a causa della volatilità del mercato. Tuttavia, Instacart ha archiviato i documenti alla fine di agosto 2023 e ha iniziato a fare trading sul Nasdaq martedì 19 settembre con il ticker “CART”.

L’IPO di Instacart ha ricevuto un clamoroso applauso dal mercato azionario. Maplebear ( CART ), la società tecnologica che opera come società di consegna di generi alimentari online Instacart, ha valutato la sua offerta a 30 dollari per azione – la fascia alta della sua gamma – e ha aperto a 42 dollari. Le azioni CART hanno raggiunto un massimo intraday di $ 42,95 nel suo primo giorno di negoziazione prima di stabilizzarsi a $ 33,70.

 

NAVAN

Fondata nel 2015, Navan gestisce una piattaforma che fornisce gestione di viaggi e spese per le aziende. L’azienda, che ha cambiato nome da TripActions all’inizio di quest’anno, sfrutta tecnologie di prossima generazione come l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale per ridurre i costi e migliorare l’esperienza dell’utente. Ha anche aggiunto le tecnologie ChatGPT che possono aiutare con cose come la creazione di itinerari personalizzati.

Quando è emersa la pandemia di COVID-19, Navan ha subito un forte calo degli affari e l’azienda ha dovuto licenziare centinaia di dipendenti. Ma è riuscita a ottenere finanziamenti, il che ha contribuito a mantenere a galla l’attività.

Da allora Navan ha fatto un forte ritorno e continua a innovare la sua piattaforma. Ad esempio, l’azienda ha lanciato il suo programma globale di rimborsi rapidi. Ciò consente ai dipendenti di essere rimborsati entro 24-48 ore.

L’azienda si è concentrata anche sulle acquisizioni. Alcune delle offerte includono Resia e Comtravo, due società di gestione dei viaggi con sede in Europa. Poi c’è stato l’acquisto di Reed & Mackay, fornitore di servizi per viaggi d’affari ed eventi di fascia alta.

A ottobre, Navan ha annunciato un finanziamento di 304 milioni di dollari per una valutazione di 9,2 miliardi di dollari, due volte in più rispetto al 2020. La società ha inoltre presentato in via riservata la sua prossima IPO. Questo accordo potrebbe avvenire nella seconda metà del 2023.

 

Databricks

Poco più di dieci anni fa, un gruppo di studenti di informatica dell’Università della California, Berkeley, creò Apache Spark, un sistema open source pensato per gestire i big data. La piattaforma ha ottenuto un’adozione massiccia insieme alle crescenti esigenze di utilizzo di sistemi, come l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico.

Alcuni anni dopo, quegli studenti avrebbero lanciato Databricks per commercializzare il software per le imprese. Nel corso degli anni, l’azienda ha accumulato una base clienti di oltre 7.000 e comprende aziende come Shell ( SHEL ), Regeneron Pharmaceuticals ( REGN ), CVS Health ( CVS ) e Comcast ( CMCSA ).

Databricks ha anche un ecosistema di centinaia di partner, tra cui le azioni blue chip Microsoft ( MSFT ) e Amazon.com ( AMZN ), nonché la società di consulenza Booz Allen Hamilton ( BAH ) e la società di servizi IT con sede a Parigi Capgemini ( CAPMF ).

Per molte aziende, lavorare con i dati è impegnativo. Parte di ciò è dovuto al fatto che le informazioni vengono archiviate in silos. Ma ci sono anche problemi con l’elaborazione dei dati per ottenere informazioni utili.

La piattaforma Databricks consente di gestire i dati indipendentemente da dove sono archiviati. Ciò rende possibile l’analisi in tempo reale, che può essere fondamentale per prendere decisioni migliori.

Databricks ha anche creato sistemi ChatGPT. Attualmente ci sono più di 1.000 clienti per questa tecnologia. Databricks ha recentemente lanciato il suo modello di linguaggio di grandi dimensioni Dolly, che è open source. Ciò consente maggiore controllo e sicurezza per le imprese.

Per quanto riguarda le prossime IPO, i dettagli su quella di Databricks sono attualmente sconosciuti. Tuttavia, alla fine del 2021 la società ha annunciato il suo ultimo finanziamento . Ha raccolto 1,6 miliardi di dollari per una valutazione di 38 miliardi di dollari. Alcuni degli investitori includono Amazon Web Services, CapitalG – il fondo di rischio di Google di Alphabet ( GOOGL ) – e Microsoft.

INTERCOM 

Fondata nel 2011, Intercom sviluppa tecnologie per migliorare il coinvolgimento dei clienti per le vendite, il marketing e il supporto. L’azienda ha più di 25.000 clienti e la piattaforma consegna oltre 500 milioni di messaggi al mese.

Con le incertezze sull’economia, c’è sicuramente più enfasi sul coinvolgimento del cliente. Per quanto riguarda Intercom, la sua soluzione fornisce comunicazioni personalizzate e ha dimostrato di generare un forte ROI (ritorno sull’investimento). Ad esempio, la società di software di analisi digitale Amplitude ha risparmiato 1 milione di dollari in costi e ha aumentato i tassi di coinvolgimento dei clienti di almeno il 25% utilizzando Intercom.

Intercom è stato aggressivo nel lavorare con la tecnologia ChatGPT. A marzo ha annunciato il suo bot del servizio Fin, basato sulla piattaforma GPT-4 di OpenAI. Non è richiesta alcuna configurazione o formazione. Invece, Fin impara come operare analizzando le informazioni aziendali.

A differenza di molte altre startup tecnologiche, Intercom non ha raccolto enormi quantità di finanziamenti in capitale di rischio. L’ultima infusione di capitale è avvenuta nel 2018. All’epoca, la società aveva raccolto 125 milioni di dollari. In altre parole, Intercom è stata abbastanza efficiente con i suoi fondi.

Jaime Moreno de los Rios, direttore operativo della società di prodotti e servizi finanziari Secfi, afferma che la società è sulla buona strada per una IPO nel 2023. “Da allora hanno visto una forte crescita e sono cresciuti fino alla loro ultima valutazione”, ha disse.

STRIPE

Il settore dei pagamenti non è particolarmente entusiasmante, ma può essere redditizio e le prospettive di crescita sembrano brillanti man mano che sempre più transazioni continuano a spostarsi online.

Uno dei principali beneficiari di questo è Stripe . Fondata nel 2010, l’azienda ha creato un sistema di facile utilizzo per i pagamenti online. È solo questione di usare poche righe di codice.

I fondatori dell’azienda sono i fratelli: Patrick e John Collison. Hanno tratto ispirazione per Stripe quando hanno avuto difficoltà a utilizzare le soluzioni di pagamento esistenti per le loro startup.

Come nell’ultimo anno, Stripe ha dovuto affrontare difficoltà con la propria attività. L’azienda ha un gran numero di startup come clienti, che hanno visto una crescita rallentata. Di conseguenza, Stripe ha tagliato il 14% della sua forza lavoro , ovvero circa 1.120 dipendenti.

Nonostante ciò, l’attività rimane solida. Considera che circa 100 clienti gestiscono più di 1 miliardo di dollari in pagamenti annuali sulla piattaforma.

A marzo, la società ha annunciato un round di finanziamento di serie I per oltre 6,5 miliardi di dollari con una valutazione di 50 miliardi di dollari. Ciò rende l’azienda una delle startup di maggior valore al mondo.

Che ne dici di un’offerta pubblica? Sembra che Stripe potrebbe essere una delle IPO imminenti più calde da tenere d’occhio nel prossimo futuro.

 

Klaviyo

Nel 2012, Andrew Bialecki e Ed Hallen hanno cofondato Klaviyo (il nome è un’ispirazione dalla parola spagnola per spilli o chiodi da alpinismo). Hanno deciso di costruire una piattaforma per aiutare a gestire i dati.

In pochi anni l’azienda ha iniziato a concentrarsi sull’aiutare i clienti con attività di marketing mirate e personalizzate, come email e SMS. Anche se lo spazio era estremamente competitivo, Klaviyo è riuscita a distinguersi grazie alla sua profonda esperienza nell’analisi dei dati. Ha inoltre sfruttato una partnership strategica con il titolo tecnologico a grande capitalizzazione Shopify ( SHOP ), che l’anno scorso ha effettuato un investimento di 100 milioni di dollari in Klaviyo.

Attualmente, Klaviyo ha oltre 130.000 clienti, tra cui Unilever ( UL ) e Citizen Watches. Nella prima metà del 2023, la società ha registrato un utile netto di 15,2 milioni di dollari su un fatturato di circa 321 milioni di dollari.

Alla fine di agosto, Klaviyo ha licenziato i documenti dell’IPO presso la Securities and Exchange Commission (SEC). Mercoledì 19 settembre, la società ha valutato la sua offerta a 30 dollari per azione – la fascia alta del suo range – e ha aperto giovedì 20 settembre a 36,75 dollari. Le azioni hanno toccato un massimo intraday di 37,00 dollari, prima di chiudere la sessione a 32,76 dollari.

BMC Software

Fondata nel 1980, BMC Software ha iniziato come sviluppatore di software per sistemi mainframe IBM ( IBM ). La crescita è stata forte, ma ha iniziato a rallentare alla fine del decennio. Questo è il motivo per cui l’azienda ha diversificato la propria linea di prodotti in altre categorie, ad esempio per i sistemi Windows. Gran parte della strategia di crescita è avvenuta attraverso acquisizioni.

Oggi, i sistemi mainframe rimangono un segmento significativo del business complessivo. Tuttavia, BMC ha modernizzato la propria offerta, anche con funzionalità di intelligenza artificiale e apprendimento automatico.

BMC ha anche una forte presenza in altre importanti categorie come DevOps, AIOps, gestione dei servizi, sicurezza, gestione dell’infrastruttura cloud e orchestrazione dei flussi di lavoro. L’azienda ha come clienti circa l’86% dei Forbes Global 50.

La società era stata precedentemente quotata in borsa dal 1988 al 2013. Successivamente è stata privata con una transazione del valore di circa 6,9 miliardi di dollari. Gli acquirenti includevano Bain Capital e Golden Gate Capital. Cinque anni dopo, la società di private equity KKR ( KKR ) ha acquistato BMC Software per 8,5 miliardi di dollari .

Ora sembra che la società tornerà sui mercati pubblici. BMC Software ha recentemente presentato una richiesta riservata di IPO . La valutazione stimata è di circa 14-15 miliardi di dollari.

 

Le IPO sono un buon investimento?

Le IPO possono essere un ottimo modo per investire in società in fase iniziale di crescita. E sì, i guadagni possono potenzialmente essere enormi.

Poi ancora una volta, i rischi possono essere sostanziali. “La storia del mercato è costellata di esempi di IPO ‘calde’ che sono diventate un disastro di mercato”, ha affermato Ed Ciancarelli, senior portfolio manager presso The Colony Group . “Lyft, Inc ( LYFT ) è stata quotata in borsa a 72 dollari nel marzo del 2019, dopo aver quotato al di sopra dell’intervallo previsto compreso tra 62 e 68 dollari per azione. LYFT ha chiuso il primo giorno di negoziazione a 78 dollari e da allora non ha più visto quel livello. Tali IPO fallite diventano vittima di un mercato eccessivamente esuberante e di aspettative irraggiungibili.”

Pertanto, un’IPO dovrebbe essere considerata una categoria di rischio più elevata per il tuo portafoglio. Ad esempio, potrebbe essere meglio destinare non più del 5% al ​​10% a questi tipi di investimenti.

Prima di investire in un’IPO, potresti voler aspettare che l’entusiasmo si calmi. “Sii paziente e attendi che il prezzo delle azioni subisca un inevitabile calo prima di investire”, ha affermato Jeff McClean, CEO di Solidarity Wealth. “A meno che tu non sia uno dei pochi fortunati che hanno accesso alle azioni pre-IPO a valutazioni ragionevoli, la pazienza è la cosa migliore.”

Inoltre, è una buona idea leggere l’S-1, un documento normativo che include informazioni importanti sulla società che intende quotarsi in borsa. Assicurati di concentrarti sulla sintesi del prospetto, sui fattori di rischio e sulla lettera dei fondatori.

data nuove ipo, nuove ipo
data nuove ipo, nuove ipo

Quelle di cui già abbiamo parlato: 

1. TripActions

  • Cronologia prevista per l’IPO: secondo trimestre del 2023
  • Valutazione stimata dell’IPO: $ 12 miliardi

Fondata nel 2015, TripActions gestisce una piattaforma che fornisce la gestione dei viaggi e delle spese per le aziende. L’azienda sfrutta tecnologie di nuova generazione come l’apprendimento automatico e l’intelligenza artificiale per ridurre i costi e migliorare l’esperienza dell’utente.

Quando è emersa la pandemia di COVID-19, TripActions ha subito un forte calo dell’attività e l’azienda ha dovuto licenziare centinaia di dipendenti. Ma è stato in grado di ottenere finanziamenti, il che ha contribuito a mantenere a galla l’attività.

Da allora TripActions ha fatto un forte ritorno e ha continuato a innovare la sua piattaforma. Ad esempio, l’azienda ha lanciato il suo programma globale di rimborsi rapidi. Ciò consente ai dipendenti di ottenere il rimborso entro 24-48 ore.

La società si è concentrata anche sulle acquisizioni. Alcune delle offerte includono Resia e Comtravo, due società di gestione dei viaggi con sede in Europa. Poi c’è stato l’acquisto di Reed & Mackay, fornitore di servizi per viaggi d’affari ed eventi di alto livello.

A ottobre, TripActions ha annunciato un finanziamento di 304 milioni di dollari per una valutazione di 9,2 miliardi di dollari, due volte in più rispetto al 2020. La società ha anche presentato in via confidenziale la sua prossima IPO. È probabile che questo accordo avvenga nella prima metà del 2023.

Risorse utili:

 

 

2. Databrick

  • Cronologia prevista per l’IPO: 2023
  • Valutazione IPO stimata: N/A

Poco più di un decennio fa, un gruppo di studenti di informatica dell’Università della California, Berkeley, ha creato Apache Spark, un sistema open source pensato per gestire i big data. La piattaforma ha ottenuto un’adozione massiccia insieme alle crescenti esigenze di utilizzo di sistemi, come l’intelligenza artificiale e l’apprendimento automatico.

Alcuni anni dopo, quegli studenti avrebbero lanciato Databricks per commercializzare il software per le imprese. Nel corso degli anni, l’azienda ha accumulato una base clienti di oltre 7.000, con aziende come Shell ( SHEL(si apre in una nuova scheda)), Regeneron Pharmaceuticals ( REGN(si apre in una nuova scheda)), CVS Salute ( CVS(si apre in una nuova scheda)) e Comcast ( CMCSA(si apre in una nuova scheda)). Databricks ha anche un ecosistema di centinaia di partner, tra cui Microsoft ( MSFT(si apre in una nuova scheda)), Amazon.com ( AMZN(si apre in una nuova scheda)), Capgemini ( CAPMF(si apre in una nuova scheda)) e Booz Allen Hamilton ( BAH(si apre in una nuova scheda)).

Per molte aziende, lavorare con i dati è una sfida. Parte di ciò è dovuto alle informazioni archiviate in silos. Ma ci sono anche problemi con l’elaborazione dei dati per ottenere informazioni utili.

La piattaforma Databricks consente di gestire i dati indipendentemente da dove sono archiviati. Ciò rende possibile l’analisi in tempo reale, che può essere cruciale per prendere decisioni migliori.

Per quanto riguarda le imminenti IPO, i dettagli su uno per Databricks sono attualmente sconosciuti. Tuttavia, la società alla fine del 2021 ha annunciato il suo ultimo finanziamento. Ha raccolto $ 1,6 miliardi con una valutazione di 38 miliardi di dollari. Alcuni degli investitori includono Amazon Web Services, CapitalG, il fondo di rischio di Alphabet ( GOOGL) Google e Microsoft.

Risorse Utili:

3. ezCater

  • Cronologia prevista per l’IPO: 2023
  • Valutazione IPO stimata: N/A

Per più di 25 anni, Stefania Mallett è stata una fondatrice e dirigente tecnologica di successo. Una delle società che ha lanciato, InSite Marketing Technology, sarebbe stata quotata in borsa.

E Mallett vuole farlo di nuovo con la sua ultima compagnia: ezCater . Nel 2007, ha collaborato con Briscoe Rodgers per co-fondarla. È anche un imprenditore seriale, avendo venduto due società.

L’ispirazione per ezCater è stata quella di risolvere un problema per i rappresentanti delle vendite mediche. Volevano un modo per un catering affidabile delle loro riunioni.

Mallett e Rodgers avrebbero continuato a costruire una piattaforma con una rete di ristoranti. L’attenzione si è concentrata sulla creazione di una soluzione one-stop, con pagamenti, ordini, definizione del budget e reportistica. Attualmente, ezCater ha circa 103.000 ristoranti nel suo sistema e il 93% delle aziende Fortune 500 sono clienti.

Tuttavia, l’attività ha subito un duro colpo con la pandemia. Ma l’azienda è stata in grado di adattarsi rapidamente, offrendo nuovi programmi come la fornitura di servizi di catering a ospedali e magazzini di e-commerce. La tendenza del lavoro ibrido ha anche portato a più affari.

Alla fine del 2021, ezCater ha annunciato un round di finanziamento da $ 100 milioni per una valutazione di $ 1,6 miliardi. L’investitore principale era SoftBank Vision Fund .

Per quanto riguarda il suo posto in questo elenco di imminenti IPO, la società diventerà pubblica nel 2023, secondo Axios(si apre in una nuova scheda).

 

4. Versa Networks

  • Cronologia prevista per l’IPO: 2023
  • Valutazione IPO stimata: N/A

La sicurezza informatica è la priorità numero uno per i chief information officer (CIO), secondo un sondaggio della società di ricerca Gartner che ha coinvolto 2.200 intervistati. Circa il 66% ha dichiarato di voler aumentare i propri investimenti.

Questa è sicuramente una buona notizia per gli operatori di sicurezza informatica come Versa Networks . Fondata dieci anni fa, l’azienda è leader nel mercato SASE (secure-access-service-edge), una categoria in rapida crescita. Gartner prevede che la spesa SASE aumenterà a un tasso di crescita annuo composto del 36% fino al 2025, raggiungendo un totale di 14,7 miliardi di dollari.

Una chiave per SASE è che fornisce un approccio più completo alla sicurezza informatica. Tieni presente che le aziende dispongono in media di 75 diversi strumenti e applicazioni.

Per quanto riguarda Versa Networks, l’azienda ha potenziato la propria piattaforma con intelligenza artificiale avanzata e machine learning. Ciò ha contribuito ad automatizzare notevolmente i processi. Questo è importante a causa delle sfide legate all’assunzione di esperti di sicurezza qualificati.

Alla fine di ottobre, la società ha annunciato un round di finanziamento per 120 milioni di dollari. Gli investitori principali includevano BlackRock ( BLK) e Silicon Valley Bank, segnando una “importante fase pre-IPO del business”, secondo Kumar Mehta, chief development officer di Versa Networks. Ciò suggerisce che Versa potrebbe essere tra le imminenti IPO da tenere d’occhio nel 2023.

5. Flexport

  • Cronologia prevista per l’IPO: 2023
  • Valutazione IPO stimata: N/A

Mentre quest’anno le aziende tecnologiche hanno licenziato i lavoratori , questo non è stato il caso di Flexport . L’azienda, che fornisce servizi logistici e di supply chain, ha in programma di assumere personale. L’obiettivo è portare circa 400 ingegneri l’anno prossimo, il che raddoppierebbe la base.

La pandemia di COVID-19 ha rivelato la fragilità della catena di approvvigionamento globale. Tieni presente che possono facilmente essere necessarie fino a 20 aziende per spostare una spedizione.

Ma la tecnologia di Flexport è stata di grande aiuto per semplificare il processo. Questo viene fatto collegando tutte le entità, automatizzando le pratiche burocratiche e fornendo un monitoraggio sofisticato e l’ottimizzazione del percorso. Flexport trova anche modi per ridurre le emissioni di carbonio.

L’azienda ha registrato una forte crescita, che probabilmente continuerà. Per quest’anno, è in procinto di registrare ricavi per 5 miliardi di dollari.

A gennaio, Flexport ha raccolto 935 milioni di dollari in un round di finanziamenti di serie E. Gli investitori includevano Andreessen Horowitz, MSD Partners, Shopify ( SHOP(si apre in una nuova scheda)), DST Global, Founders Fund e Softbank Vision Fund.

Per essere chiari: Flexport non ha presentato istanza (né ha nemmeno accennato a) un’offerta pubblica iniziale. Ma quando (e se) lo farà, sarà sicuramente una delle IPO imminenti più calde da tenere d’occhio.

 

6. Arm 

  • Tempistica prevista per l’IPO: marzo 2023
  • Valutazione stimata dell’IPO: 60 miliardi di dollari

Fondata 30 anni fa, Arm è una delle più grandi aziende di semiconduttori al mondo. Ha spedito più di 230 miliardi di chip in tutto il mondo e le sue tecnologie hanno un impatto su circa il 70% della popolazione mondiale.

Nell’ultimo trimestre, Arm ha registrato ricavi per 656 milioni di dollari e ha spedito 7,5 miliardi di chip, con un aumento del 9% su base annua. L’EBITDA rettificato (utile prima di interessi, imposte, deprezzamento e ammortamento) è stato di 326 milioni di dollari. C’è stata una crescita in tutti i segmenti di mercato, con ottimi risultati con le soluzioni automotive e IoT (Internet-of-Things). L’azienda sta inoltre investendo nella categoria emergente del metaverso .

Nel settembre 2020, il chipmaker rivale Nvidia ( NVDA(si apre in una nuova scheda)) ha accettato di acquistare Arm dal suo proprietario, SoftBank Group, per 40 miliardi di dollari. Tuttavia, l’accordo è stato oggetto di un intenso controllo antitrust e le parti hanno abbandonato la proposta di acquisizione all’inizio del 2022.

Arm sta ora esaminando un’offerta pubblica. Il CEO del gruppo SoftBank Masayoshi Son ha indicato una preferenza per la quotazione delle azioni sul NASDAQ. Mentre è probabile che un accordo non si realizzi fino a marzo 2023, secondo Reuters(si apre in una nuova scheda), Arm è sicuramente una delle IPO più calde da tenere d’occhio per il prossimo anno.

 

7. Intercom

 

  • Cronologia prevista per l’IPO: 2023
  • Valutazione IPO stimata: N/A

Fondata nel 2011, Intercom costruisce tecnologie per migliorare il coinvolgimento dei clienti per le vendite, il marketing e il supporto. L’azienda ha più di 25.000 clienti e la piattaforma invia oltre 500 milioni di messaggi al mese.

Con le incertezze sull’economia, c’è sicuramente più enfasi sul coinvolgimento dei clienti. Per quanto riguarda Intercom, la sua soluzione fornisce comunicazioni personalizzate e ha dimostrato di generare un forte ROI (ritorno sull’investimento). Ad esempio, la società di software di analisi digitale Amplitude ha risparmiato 1 milione di dollari sui costi e ha aumentato i tassi di coinvolgimento dei clienti di almeno il 25% utilizzando Intercom.

A differenza di molti altri avviamenti tecnologici, la società non ha raccolto enormi quantità di finanziamenti in capitale di rischio. L’ultima infusione di capitale è avvenuta nel 2018. All’epoca, la società ha raccolto 125 milioni di dollari. In altre parole, Intercom è stata abbastanza efficiente con i suoi fondi.

Jaime Moreno de los Rios, che è il direttore operativo della società di prodotti e servizi finanziari Secfi, afferma che la società è sulla buona strada per un’IPO nel 2023. “Da allora hanno visto una forte crescita e sono cresciuti nella loro ultima valutazione”, ha disse.

8. Stripe

  • Cronologia prevista per l’IPO: 2023
  • Valutazione stimata dell’IPO: 74 miliardi di dollari

Il settore dei pagamenti online non è particolarmente entusiasmante. Ma può essere redditizio e le prospettive di crescita sembrano brillanti man mano che più transazioni continuano a spostarsi online.

Uno dei principali beneficiari di questo è Stripe . Fondata nel 2010, l’azienda ha creato un sistema di facile utilizzo per i pagamenti online. Si tratta solo di utilizzare poche righe di codice.

I fondatori dell’azienda sono i fratelli: Patrick e John Collison. Hanno tratto l’ispirazione per Stripe quando hanno avuto difficoltà a utilizzare le soluzioni di pagamento esistenti per le loro startup.

Per quanto riguarda quest’anno, Stripe ha dovuto affrontare difficoltà con la sua attività. L’azienda ha un gran numero di startup come clienti, che hanno visto una crescita decelerata. Di conseguenza, Stripe ha tagliato il 14% della sua forza lavoro, ovvero circa 1.120 dipendenti.

Nonostante ciò, Stripe è una delle aziende tecnologiche private più apprezzate al mondo. La valutazione interna è di circa 74 miliardi di dollari. Nel 2021, i ricavi sono stati di 12 miliardi di dollari, rispetto ai 7,4 miliardi di dollari su base annua.

Che dire di un’offerta pubblica? Sembra che Stripe potrebbe essere una delle IPO imminenti più calde da tenere d’occhio nel 2023.

9. Service Titan

  • Cronologia prevista per l’IPO: 2023
  • Valutazione IPO stimata: N/A

Come progetto collaterale, Ara Mahdessian e Vahe Kuzoyan hanno creato strumenti software per le imprese appaltatrici dei loro padri. Ma presto si sono resi conto che la loro tecnologia poteva trasformarsi in un’attività redditizia. Quindi, nel 2013, hanno cofondato ServiceTitan .

Pensa alla piattaforma dell’azienda come a un sistema operativo per idraulici, elettricisti e installatori HVAC. Solo alcune delle funzioni includono l’invio, il marketing, la programmazione, il libro paga, i contratti, gli annunci, le schede attività e il costo del lavoro.

“Il settore degli appaltatori è stato tradizionalmente resistente all’adozione di nuove tecnologie”, ha affermato Steven Wang, amministratore delegato e fondatore della società di software di misurazione Measure Square. “Ma questo è cambiato con la pandemia. Questo è stato un vantaggio per aziende come ServiceTitan.”

L’anno scorso, la società ha raccolto $ 500 milioni. Tiger Global Management e Sequoia Capital Global Equities hanno guidato il round di finanziamento. Per quanto riguarda il suo posto in questo elenco di imminenti IPO, è probabile che diventi pubblico il prossimo anno, secondo Secfi.

10. Reddit

Fondato nel 2005 a Medford, Massachusetts, Reddit è un aggregatore di news che unisce in un unico servizio la modernità dei social coi meccanismi dei forum, dove gli utenti possono pubblicare contenuti testuali o ipertestuali. E’ diviso in comunità tematiche chiamate Subreddit.

Secondo Business Insider ha 52 milioni d’utenti giornalieri e 430 milioni d’utenti mensili, è il 19o sito più visitato al mondo secondo Alexa e a giugno 2021 ha un fatturato di oltre 100 milioni di dollari. L’IPO Reddit avverrà entro fine 2022, con valutazione stimata da Forbes di oltre 15 miliardi di dollari. Segui >> Azioni Reddit

11. Tiktok

Fondato nel 2005 col nome Musical.ly in Cina, Tiktok è un social network basato prettamente sui contenuti audiovisivi, sul quale gli utenti possono caricare, commentare e condividere video dai 15 secondi ai 3 minuti, altamente personalizzabili con canzoni, suoni, voci e filtri. Con utilizzo solo da smartphone, è disponibile per Android e iOS.

Proprietà della cinese Bytedance, che lo acquista a novembre 2017 per 750 milioni di dollari, vanta investitori come Oracle e Walmart. Secondo Apptopia conta oltre 1,2 miliardi d’utenti attivi mensili, mentre dati interni confermano un fatturato al 2021 di 4,6 miliardi di dollari. L’IPO Tiktok non ha ancora data ufficiale ma avverrà nel corso del 2022, con valutazione stimata da Business Insider di oltre 50 miliardi di dollari.

12. Starlink

Avviato nel 2006 a Redmond, Washington, Starlink è progetto di costellazione di mini-satelliti per connessione internet a banda ultralarga, mirato a soddisfare le principali esigenze multimediali e di servizi. A maggio 2021 risultano in orbita 1.433 dei circa 12.000 satelliti pianificati nel progetto, approvato dalla FCC statunitense con licenza da 15 anni.

Ideato da Elon Musk e proprietà di SpaceX, secondo Forbes ha un fatturato di 10,5 miliardi di dollari al 2021 con proiezioni di crescita fino a 30 miliardi entro il 2025. L’IPO Starlink non ha ancora date precise ma avverrà nel 2022, con valutazione stimata da Forbes di 74 miliardi di dollari.Segui le Azioni Starlink

13. Discord

Lanciata ufficialmente nel 2015 a San Francisco, California, Discord è una piattaforma VoIP, chat vocale, messaggistica istantanea e condivisione audio/video rivolta principalmente ai gamer, per comunicazione in tempo reale durante le sessioni videoludiche. E’ disponibile per Windows, Mac, Android e iOS.

Secondo dati interni, al 2022 conta più di 140 milioni d’utenti attivi e 300 milioni totali, con fatturato al 2021 di 130 milioni di dollari. L’IPO Discord avverrà durante il 2022, con valutazione stimata da Forbes di 17 miliardi di dollari.

14. Impossible Foods

Le ultime notizia danno una ulteriore posticipazioni di Impossibile Foods alla discesa nell’arena del mercato finanziario di Wall Street avvenuta a dicembre 2022, ora se ne riparla per il 2023. Fondata nel 2011 a Redwood City, California, Impossible Foods è una società alimentare che produce e commercializza prodotti vegani e sostituti di carne, per creare benefici nutrizionali e sapori analoghi, accostandosi a nuove tendenze ed esigenze del settore food, divenendo uno dei suoi marchi più popolari.

Con fatturato di circa 500 milioni di dollari secondo Fortune, al 2021 registra il +85% delle entrate rispetto all’anno precedente. L’IPO Impossible Foods era prevista entro fine 2022 ora spostata al 2023, con valutazione stimata da Bloomberg di oltre 10 miliardi di dollari.

15. Instacart

Fondata nel 2012 a San Francisco, California, Instacart è un’azienda di delivery che svolge consegna e ritiro di generi alimentari a domicilio, anche con la presenza di personal shopper che fanno spese presso rivenditori convenzionati. I suoi servizi sono fruibili tramite app Android o iOS o sito web.

Con fatturato di 1,5 miliardi di dollari, la valutazione di Instacart è di 30 miliardi, complice la pandemia ed il conseguente trend del food delivery. L’IPO potrebbe avvenire entro metà 2022.

NOVITA’: Secondo quanto riferito, la startup di consegna di cibo Instacart ha annullato i piani per diventare pubblica. I rapporti arrivano solo pochi mesi dopo che la società aveva proattivamente ridotto la propria valutazione di quasi il 40%, a $ 24 miliardi, nel tentativo di adattarsi alle difficili condizioni di mercato.

A maggio, la catena con sede a San Francisco aveva presentato una bozza di dichiarazione di registrazione alla Securities and Exchange Commission (SEC) per un’offerta pubblica iniziale ( IPO ). I rapporti suggeriscono che la società non ha formalmente ritirato il suo deposito alla SEC e, secondo quanto riferito, sta aspettando condizioni di mercato più favorevoli per un’IPO.

Instacart ha registrato una crescita robusta, anche se altri beniamini del mercato dell’era della pandemia di Covid hanno vacillato. La società ha registrato nel 2021 un fatturato di 1,8 miliardi di dollari, in aumento del 20% rispetto all’anno. Secondo quanto riferito, la società è redditizia, con oltre 10 milioni di utenti attivi.

“Voglio attirare investitori che comprendano questa visione a lungo termine e capiscano cosa stiamo cercando di fare, quindi non c’è fretta”, ha dichiarato il CEO di Instacart Fidji Simo a marzo.

ipo 2023 borsa italiana, ipo borsa italiana

Le IPO che già ci sono state ed abbiamo seguito finora

Però  il debutto sui mercati finanziari di aziende come Uber o, PininterestFerrovie dello Stato ( quest’ultima è saltata) , possono essere occasioni di fare dei buoni affari nel lungo periodo, sfruttando i dividendi che negli anni faranno, oppure per gli investitori più scaltri, potranno comprare le azioni di queste aziende nei primi giorni di offerta per rivenderle subito dopo e guadagnarci qualche punto, come di solito fanno i trader più esperti, allora andiamo a scoprire le migliori IPO 2021.

Le offerte pubbliche iniziali (IPO) quindi, sono eventi entusiasmanti per gli investitori perché offrono opportunità completamente nuove. Le IPO sono spesso imprese più recenti che hanno superato i mercati dei capitali privati ​​a causa della crescente popolarità dei loro prodotti e servizi dirompenti. È intrinsecamente rischioso investire in società con storie operative relativamente limitate che stanno iniziando a sfidare i leader in carica che hanno più risorse e marchi più forti. Tuttavia, i disgregatori della fase di crescita possono fornire agli azionisti ritorni mostruosi mentre salgono a posizioni di leader del settore.

Porsche

Fondata nel 1931 a Stoccarda, Germania, Porsche è una casa automotive specializzata in auto sportive di lusso e accessori, prodotti attraverso la controllata Porsche Design. E’ celebre per modelli come la spider 911, il suv Cayenne e la supercar Carrera GT. Il suo marchio è lo scudo di Stoccarda con un cavallino all’interno, simile a quello Ferrari.

Proprietà del Gruppo Volkswagen, secondo dati interni nel 2021 ha venduto nel mondo 301.915 veicoli, di cui l’84% in Cina, mentre il suo fatturato è di 33,1 miliardi di euro, con l’obiettivo di passare totalmente all’elettrico entro il 2030. L’IPO Porsche potrebbe avvenire entro fine 2022, con valutazione stimata da Forbes di 100 miliardi di euro. La sua IPO c’è stata a fine settembre 2022.

Azioni Snowflakes: il cloud computing è l’affare del momento

Si tratta di una delle IPO più attese a livello tecnologico. Snowflake ( SNOW )  infatti si occupa di cloud computing e i suoi guadagni migliorano notevolmente da trimestre a trimestre. Questa IPO potrebbe essere un vero affare per chi riuscirà ad aggiudicarsi qualche sua azione che oggi come oggi vale sui 100 euro l’una ma che tra qualche anno potrebbe valerne molti, molti di più.

 

ARAMCO: la più grande società per azioni del mondo

Il 9 novembre 2019 si parte con la vendita delle azioni Aramco, l’azienda petrolifera saudita proprietà della famiglia reale che ha deciso di monetizzare il suo patrimonio.

Sarà difficile comprare azioni visto che sono quotate alla borsa valori saudita di Tadawul, ma non è escluso che qualche intermediario possa facilitarvi.

Consigliamo di stare attenti a queste azioni, anche sconsigliamo vivamente di partecipare a questa IPO, in quanto c’è un’ampia forchetta sul prezzo. Quotazione che invece con il tempo dovrebbe stabilizzarsi e portare un buon rendimento anche grazie a sostanziosi utili.

Pirelli

Dopo 2 anni di assenza dalle Borse valori, torna una delle più grandi realtà industriali di produzione pneumatici a livello mondiale: la Pirelli di Milano. Le azioni Pirelli sono veramente interessanti se si vuol fare un’investimento da cassettista a lungo termine. L’azienda sta puntando su prodotti sempre più esclusivi ed innovativi per aumentare i propri margini di guadagno e sembra che ci stia riuscendo benissimo. Segui le Azioni Pirelli.

Ferrovie dello Stato italiane:

Aggiornamento luglio 2019: sembra che questa privatizzazione sia stata rinviata a data da destinarsi e comunque non sia più presa in considerazione dall’attuale Governo.

Doveva esserci alla fine del 2016, poi ci sono stati dei rallentamenti, il piano industriale non era pronto ma si pensava che per il 2017 doveva esserci il debutto delle azioni delle Ferrovie dello Stato alla borsa di Milano e, visto che si tratta di una azienda che ha gran parte di questo settore nelle sue mani…

Ferrovie dello Stato fa parte di tutte quelle aziende statali che devono essere privatizzate, proprio come è accaduto per Poste italiane.

Offerta azioni Uber

Uber è una delle aziende online che stanno avendo più successo negli ultimi anni. Come tutti sanno è un modo per mettere in contatto domanda ed offerta di passaggi tipo taxi con costi minori dei taxi perchè chi li guida non ha le licenze dei taxi. Qui la quotazione delle azioni Uber.

Offerta azioni  Airbnb

Anche il titolo AirBnb è atteso dalle borse ormai da 2 anni, ma in molti dicono che il 2017 sarà l’anno buono per poter comprare il titolo di questa azienda che è così brava a mettere in contatto domanda ed offerta di affitto locali in tutto il mondo.

Offerta azioni Snapchat:

Ecco un’altra azienda online molto interessante. Snapchat è nata come una semplice app per smartphone, ha una chat con cui si possono mettere degli effetti speciali, ma che ha anche dei margini per poter fare pubblicità ed addirittura per poterci lavorare, come potrete leggere nell’approfondimento al link.

Autore

  • Massy Biagio

    Fondatore di Economia-Italia.com nel 2014 trader e pubblicista finanziario, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Ha collaborato con diverse testate online, in cui ha scritto di economia e finanza fin dal 2007.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *