I Migliori Investitori Value Investing del mondo e Come Copiarli

Quando inizi a investire nel mercato azionario, puoi prendere una scorciatoia importante: puoi copiare gli investimenti di altre persone con molta più esperienza di te anzi: puoi copiare dai migliori.

Questo è esattamente ciò che ha fatto Warren Buffett quando ha iniziato. Ha copiato gli investimenti del suo professore Benjamin Graham e, in seguito, la sua tecnica di investimento che consiglia anche Finanza Italia.

Chi dovresti copiare e come li segui?

Nessun problema: qui potrai trovare la lista dei 10 migliori investitori di value investing preferiti e ti diremo come puoi vedere in cosa stanno investendo.

Ma prima un po’ di informazioni che sono necessarie se vuoi imitarli.

I Migliori Investitori Value Investing del mondo e Come Copiarli
immagine sopra: Warren Buffet ed il su socio Charlie Munger.

Esistono due tipi di investitori di valore: investitori quantitativi e qualitativi.

Gli investitori quantitativi investono in molte società contemporaneamente. Hanno centinaia o addirittura migliaia di aziende nel loro portafoglio.

Seguono una specie di sistema automatico e un computer decide su cosa investire in base a numeri specifici.

Benjamin Graham investiva così. Joel Greenblatt investe così oggi. È un rinomato investitore di valore, ma attualmente ha azioni in 1.044 società.

Non possiamo aspettarci che qualcuno con centinaia o migliaia di investimenti abbia esaminato ogni azienda in dettaglio, quindi non possiamo usare i loro investimenti come prova di qualità.

Dobbiamo guardare agli investitori qualitativi: quelli che guardano con attenzione a ogni investimento e che vanno alla grande quando credono nel potenziale di un’azienda. Questo è in linea con il modo in cui ti consiglio di investire: segui una checklist e analizza nel dettaglio le aziende.

Come fai a sapere se un investitore è qualitativo o quantitativo?

Prima di tutto, guarda la quantità di società in cui investono. Alcuni dei migliori investitori hanno solo una manciata di investimenti attivi. Tuttavia, alcuni di loro hanno molte “condivisioni di pratica”. Questo è quando investono solo una piccola parte nelle aziende che stanno prendendo in considerazione, quindi il numero totale di aziende non è sempre equo.

È un’indicazione migliore per guardare i loro primi cinque investimenti. Se le loro prime cinque azioni costituiscono almeno il 50 percento del loro portafoglio, stai guardando uno dei nostri ragazzi (scusate, non ci sono donne nell’elenco).

Dove guardi i loro investimenti?

I gestori dei fondi devono segnalare le loro operazioni alla SEC alla fine di ogni trimestre. Puoi usare il sito web della SEC, ma è un po’ disordinato. È meglio usare database come:

1. Warren Buffett

  • Berkshire Hathaway ( NYSE: BRK-B ) (circa 200 miliardi di dollari)

Non dire altro, giusto?

Se non hai mai sentito parlare di lui prima, sei decisamente nuovo in fatto di investimenti in borsa.

Scrivo e parlo di Warren Buffett fino a quando non sono blu in faccia, perché è il miglior investitore là fuori.

Questo investitore di 90 anni ha reinventato l’investimento di valore. L’ha preso dal puro shopping affare per lo shopping affare con un cervello.

Ha imparato il value investing dal suo professore Benjamin Graham, che era un investitore quantitativo. Buffett ha fatto un ulteriore passo avanti e ha creato lo stile qualitativo in cui guardi attentamente in cosa investi per assicurarti di ottenere i veri affari – e non i cosiddetti mozziconi di sigaro o coltelli che cadono (investimenti che sono economici perché devono affrontare una desolazione futuro).

Buffett investe attraverso la società per azioni Berkshire Hathaway e, se sei davvero pigro, puoi copiarlo investendo direttamente nel Berkshire (BRK/B). Ma ricorda, in tutti gli investimenti in azioni, devi assicurarti di acquistare le azioni quando sono a buon mercato. Può essere difficile capire quando BRK/B è economico, poiché è una costruzione complicata con molte aziende all’interno.

Un buon parametro è guardare quando Warren Buffett decide che è tempo di riacquistare azioni. Puoi stare certo che ha fatto dei calcoli intelligenti.

I primi cinque investimenti di Berkshire costituiscono il 75% del suo portafoglio di società quotate in borsa. Il suo principale investimento è Apple ( NASDAQ: AAPL ), che da sola rappresenta il 44% del suo portafoglio al momento della stesura.

2. Charlie Munger

  • Berkshire Hathaway (circa 200 miliardi di dollari) e Daily Journal (circa 100 milioni di dollari)

Charlie Munger è il partner di Warren Buffett. Senza Munger, Buffett non avrebbe mai raggiunto il livello in cui è oggi.

Quando senti Warren Buffett dire che preferirebbe investire in un’azienda meravigliosa con un prezzo equo piuttosto che in un’azienda equa con un prezzo eccezionale, puoi sentire l’eco dell’influenza di Charlie Munger.

Munger ha sollevato Buffett dall’essere un investitore di mozziconi di sigaro che pensa al giorno del giudizio a investire nelle cosiddette Wonderful Companies (aziende con un fossato e una buona gestione).

Oltre alla sua influenza su Berkshire Hathaway, di cui è vicepresidente, Munger prende anche alcune decisioni sul portafoglio del Daily Journal di cui è presidente.

Il Daily Journal ha solo quattro investimenti: Bank of America, Wells Fargo, US Bancorp e Posco.

3. Bill Ackman

  • Pershing Square Capital Management (7 miliardi di dollari)

Bill Ackman è un diverso tipo di investitore di valore. Si definisce un investitore attivista. Prende posizione e si impegna attivamente nel dare una direzione alla direzione.

Investe spesso in aziende in difficoltà e le costringe a fare una sorta di grande cambiamento come cambiare la gestione.

Questo è un modo molto diverso di investire rispetto a Buffett e Munger, che hanno un approccio diretto alle società in cui investono. Buffett e Munger scelgono società ben gestite con un management in cui credono e lasciano che il management gestisca lo spettacolo senza interferire.

Bill Ackman è anche famoso per le sue spettacolari scommesse su società che crede falliranno. Questo è chiamato vendita allo scoperto o shorting.

È diventato una notizia da prima pagina quando ha messo in guardia contro Herbalife, che ha definito uno schema piramidale e ha messo in cortocircuito. L’investitore rivale Carl Icahn ha preso la posizione opposta e ha iniziato ad acquistare azioni Herbalife per supportare l’azienda e il prezzo delle azioni. I due investitori hanno litigato molto pubblicamente sulla società che è andata in onda sui principali canali televisivi finanziari. Bill Ackman avrebbe potuto avere ragione sulle sue accuse, ma Carl Icahn ha tenuto una mano sotto il titolo e, dopo cinque lunghi anni, Bill Ackman ha dovuto ritirarsi dalla scommessa nel 2019 con una grave perdita.

Ha avuto una rimonta all’inizio del 2020 quando ha cortocircuitato l’intero mercato, prevedendo il calo del COVID di marzo 2020.

Lo shorting non è per i deboli di cuore e metto in guardia gli investitori privati ​​dallo shorting.

Bill Ackman arriva comunque nella lista, dato che nel tempo ha fatto delle posizioni long molto valide.

Il suo portafoglio è composto solo da sette società e le prime cinque costituiscono l’83%.

4. David Einhorn

  • Greenlight Capital (922 milioni di dollari)

David Einhorn è un po’ come Bill Ackman. Gli piace cortocircuitare e, di tanto in tanto, fa delle divertenti accuse pubbliche.

Le menti di questi due lavorano un po’ come i giornalisti investigativi che scoprono scandali.

David Einhorn ha messo in cortocircuito Lehman Brothers nel 2007 e ha puntato il dito contro i problemi esatti che hanno causato loro la caduta un anno dopo.

Ora mette in cortocircuito Tesla e usa Twitter per sottolineare alcune pratiche di gestione dubbie. Potete vedere il suo profilo Twitter qui .

Ha scritto il libro Fooling Some of the People All of the Time su Allied Capital, uno degli altri casi che ha cortocircuitato.

Attualmente ha investito in 23 diverse società. I suoi primi cinque costituiscono il 69 per cento.

5. Monish Pabrai

  • Fondi d’investimento Pabrai (148 milioni di dollari)

Quando l’indiano-americano Monish Pabrai ha venduto la sua attività di IT e ha annunciato che voleva diventare un gestore di fondi, i suoi amici si sono accigliati. Pensavano che avrebbe dovuto avere un lavoro “reale” e smettere di contare la lanugine che aveva in tasca.

Che si vergognino. Oggi è considerato uno dei migliori investitori al mondo e alcuni lo chiamano il nuovo Warren Buffett.

Si concentra sui classici giochi di valore in cui identifica le società che sono come i biglietti della lotteria gratuita in cui il potenziale rialzo è grande e dove c’è poco rischio di perdere denaro. Ha scritto della sua strategia di investimento nel libro The Dhandho Investor. L’ho descritto in un post sul blog qui .

Il suo fondo ha attualmente tre investimenti di cui siamo a conoscenza: Micron, Seritage Growth Properties e Fiat Chrysler. C’è un piccolo problema, però. Possiamo vedere solo le società americane di cui possiede più del 10 percento e ha la tendenza a volare al di sotto della soglia del 10 percento per evitare di doverlo segnalare alla SEC.

6. Li Lu

  • Himalaya Capital Management (1 miliardo di dollari)

Li Lu è stato uno degli studenti cinesi che hanno organizzato la protesta nel 1989 in piazza Tienanmen. Dovette fuggire dalla Cina e ricevette una borsa di studio per studiare alla Columbia University, che è il luogo in cui Warren Buffett ha imparato il value investing da Benjamin Graham.

Li Lu ha investito o scambiato i soldi della sua borsa di studio e li ha portati a un milione di dollari, secondo Charlie Munger.

Munger è il suo mentore e investitore, e non è timido di vantarsi del talento di Li Lu agli incontri annuali di Berkshire Hathaway.

Alcune persone ipotizzano se Li Lu sarà uno degli eredi ad assumere la gestione dell’investimento di Berkshire Hathaway dopo Buffett e Munger.

Il fondo di Li Lu ha solo quattro investimenti: Micron Technology, Bank of America, Facebook oggi Meta ( NASDAQ: FB )  e Google (Alphabet) ( NASDAQ: GOOGL ).

7. Bill Gates

  • Bill e Melinda Gates Foundation Trust (17 miliardi di dollari)

Il fondatore di Microsoft ( NASDAQ: MSFT ), Bill Gates, non è davvero un investitore di valore, ma tengo d’occhio le sue mosse, poiché è un caro amico di Warren Buffett.

Buffett ha donato gran parte delle sue azioni al Bill and Melinda Gates Foundation Trust e immagino che Gates discuta di eventuali investimenti importanti con Warren Buffett, o almeno li gestisca da lui.

Il Trust ha un approccio più incentrato sulle dotcom, il che non sorprende, dato che abbiamo a che fare con Bill Gates. Ha, tra gli altri, investito in Google e Amazon.

Ci sono 23 aziende in totale. I cinque principali costituiscono il 72% del portafoglio. Il più grande da solo, Berkshire Hathaway, costituisce il 49% del Trust, ma è perché Warren Buffett dona azioni al Trust.

8. Allan Meccam

  • Arlington Value Capital (688 milioni di dollari)

Allan Mecham è stato citato in giudizio da un broker locale per aver falsificato le sue dichiarazioni dopo la crisi finanziaria. Il broker non credeva che Mecham avrebbe potuto ottenere un rendimento positivo quando il resto del mercato è sceso di circa il 50%.

Ma il nocciolo della questione era che Mecham sfidava davvero la gravità finanziaria.

Probabilmente non hai mai sentito parlare di lui prima, e questo perché è un timido investitore.

Non rilascia mai interviste, non ha scritto libri (sembra che qualsiasi investitore che si rispetti scriverà almeno un libro), ed è tutto sommato molto tranquillo. Preferisce volare sotto il radar; non crede che la pubblicità lo aiuterà. In precedenza ha affermato di temere di attirare il tipo sbagliato di investitore se è troppo sotto gli occhi del pubblico.

In rete circolano voci secondo cui sta chiudendo il suo fondo per problemi di salute. Le voci sono apparse per la prima volta nell’aprile 2020, quando il COVID-19 ha iniziato a imperversare per la prima volta nel mondo. Non c’è stata alcuna dichiarazione pubblica in merito.

Uno sguardo ai suoi investimenti dipinge l’immagine di qualcuno che potrebbe chiudere – o potrebbe essere semplicemente qualcuno che giudica che il mercato è dovuto per un altro calo. Recentemente ha ridotto la maggior parte delle sue posizioni più alte da 1,5 miliardi di dollari a 688 milioni al momento della stesura.

È il più giovane dei primi 10 investitori – l’unico sotto i 50 anni – quindi, sicuramente, non può andare in pensione.

Ci sono 16 diverse società nel suo portafoglio e le prime cinque costituiscono il 38%.

9. Prem Watsa

  • Fairfax Financial Holdings (1,6 miliardi di dollari)

L’indiano-canadese Prem Watsa si concentra sull’economicità, nel modo tradizionale dell’investitore value (pensa a Warren Buffett prima di incontrare Charlie Munger).

Una delle sue posizioni più importanti è Blackberry, ricordi? Erano un popolare telefono calendario le cui vendite sono crollate quando l’iPhone ha conquistato il mondo.

È difficile vedere i tratti di un’azienda meravigliosa in Blackberry (che cos’è il vantaggio competitivo?). Questo tipo di investimento può essere spiegato solo con una mentalità da investitore tradizionale. Prem Watsa deve aver identificato alcune risorse, forse tecnologia, che valgono più della valutazione della società sul mercato azionario al momento dell’acquisto del titolo.

Ha 59 società nel suo portafoglio e molte di loro sono posizioni molto piccole (sembrano azioni di pratica). I cinque maggiori costituiscono l’81% del suo portafoglio.

Leggi anche: Titoli di energia che dovresti prendere in considerazione per fare investimenti:

10. Seth Klarman

  • Gruppo Baupost (8 miliardi di dollari)

Seth Klarman è un investitore davvero leggendario. Una versione usata del suo libro, Margin of Safety, lo vende per più di 1.000 dollari americani su Amazon.

Alcune persone hanno ipotizzato se sia apposta che non lasci che il suo libro venga ristampato. Forse è una specie di prestigio avere un libro che è diventato un oggetto da collezione.

Seth Klarman ne sa qualcosa sulla vendita e l’acquisto di cose usate. La sua più grande partecipazione è eBay, che costituisce il 21% del suo portafoglio.

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *