Azioni da Comprare per Investire nel 2022 e Tenere Per Anni secondo Warren Buffett

Ecco il portafoglio titolo di Berkshire Hathaway, la società di investimenti di Warren Buffett, il gènio della finanza. Questo portafoglio viene copiato da moltissimi investitori in tutto il mondo perchè molti credono che basti copiare gli investimenti dei più bravi, sia una delle migliori ricette per avere investimenti redditizi come i loro.

Ovviamente non basta copiare questo portafoglio per fare degli ottimi investimenti. Ad esempio Buffett detiene da decenni le azioni della Coca-Cola, quando costavano molto, molto meno di oggi, quindi questo portafoglio secondo Noi non va copiato, ma va tenuto in considerazione per darci uno spunto non solo sulle azioni che vale la pena comprare per fare investimenti, ma anche su come vengono gestite le varie azioni, perchè Buffett aumenta o diminuisce un certo tipo di azioni secondo le sue  strategie di trading basate sulle sue esigenze e le performances delle varie società.

Il metodo di investimento usato da Buffett è il Buy and Hold, cioè comprare titoli di aziende che hanno delle solide basi, leader di un settore in crescita e tenerle per molti anni in modo da sfruttare l’interesse composto e i dividendi. D’altronde l’Oracolo di Omaha non da consigli, e allora perchè non guardare cosa fa lui per ‘rubare’  qualche sua strategia?

NB: tutte queste azioni fanno parte del mercato azionario americano, quindi si possono comprare solo da Broker intermediari che nella loro piattaforma diano la possibilità di fare trading con Wall Street. Inoltre ricordiamo che sui dividendi, per le azioni americane c’è una doppia tassazione (italiana ed americana). Quindi conviene comprare queste azioni se sono quotate anche nel listino italiano ( come Apple)

Azioni da Comprare per Investire nel 2022 e Tenere Per Anni per Warren Buffett
Immagine sopra: le azioni apple sono cresciute del 447% negli ultimi 5 anni.

1. Apple

  • Azioni possedute: 887.135.554
  • Valore di partecipazione: $ 121.502.087.000
  • Percentuale di portafoglio: 41,45%

Warren Buffett adora assolutamente Apple ( AAPL ), ma anche lui ha deciso di dare un piccolo morso alla partecipazione di BRK.B alla fine dello scorso anno.

Berkshire Hathaway ha venduto 57,2 milioni di azioni, o il 6% della sua quota di AAPL, durante l’ultimo trimestre del 2020. Ma probabilmente questo aveva poco a che fare con la mancanza di fiducia nel produttore di iPhone.

Chiamalo un’intuizione.

“Non penso ad Apple come a un titolo”, ha detto Buffett su Apple. “Penso che sia la nostra terza attività.”

Potrebbe anche essere. Anche dopo le vendite di azioni del quarto trimestre, il gigante della tecnologia rappresenta ancora oltre il 40% delle attività nel portafoglio azionario di Berkshire Hathaway. E Berkshire rimane il terzo investitore di Apple con una quota di 887 milioni di azioni che rappresentano circa il 5,3% di tutte le azioni in circolazione. Solo Vanguard e BlackRock, giganti dell’universo dei fondi indicizzati a gestione passiva, detengono più azioni Apple.

L’Oracolo di Omaha si è dilettato solo occasionalmente in titoli tecnologici. Ma ha comprato Apple con due pugni ed è più che felice di discutere del suo ardore per l’AAPL. Come ha detto più di una volta su CNBC, ama la potenza del marchio Apple e il suo ecosistema di prodotti (come iPhone e iPad) e servizi (come Apple Pay e iTunes).

“Probabilmente è il miglior business che conosco al mondo”, ha detto Buffett un anno fa. “E questo è un impegno più grande che abbiamo in qualsiasi attività tranne le assicurazioni e la ferrovia”.

È probabile che Buffett stesse semplicemente prendendo profitti su quello che è stato un investimento eccezionalmente fruttuoso. Le azioni AAPL hanno restituito il 490% dalla fine del primo trimestre 2016, quando Berkshire ha avviato la sua partecipazione. È circa 3,5 volte migliore rispetto al mercato più ampio.

Azioni Migliori di Questo periodo 

Azioni da Comprare  nel 2022 e Tenere Per Anni
Immagine sopra: l’andamento del titolo Bank of America, aumentate del 163% in 5 anni.

2. Bank of America

  • Azioni possedute: 1.010.100.606
  • Valore di partecipazione: $ 41.646.488.000
  • Percentuale di portafoglio: 14,21%

Buffett ha trascorso la maggior parte del 2020 hackerando e tagliando le sue varie partecipazioni del settore bancario. Ma è rimasto fedele come sempre alla Bank of America ( BAC ).

L’interesse di Buffett per BAC risale al 2011, quando si è precipitato per sostenere le finanze dell’azienda sulla scia della Grande Recessione. In cambio dell’investimento di $ 5 miliardi nell’azienda, Berkshire ha ricevuto azioni privilegiate con un rendimento del 6% e warrant che conferiscono a Berkshire il diritto di acquistare azioni ordinarie BofA con un forte sconto. (L’Oracolo di Omaha ha esercitato quei warrant nel 2017, ottenendo un profitto di $ 12 miliardi nel processo.)

Warren Buffett ha lasciato andare 2,2 milioni di azioni BAC nel quarto trimestre del 2019, ma ciò ha rappresentato una semplice riduzione dello 0,2%. E mentre ha tagliato pesantemente in varie partecipazioni bancarie nel 2020, in realtà ha aggiunto alla già ampia posizione di Berkshire nel terzo trimestre di quell’anno acquisendo oltre 85 milioni di azioni.

La partecipazione in BAC, del valore di oltre 41 miliardi di dollari, rappresenta il 14,2% del valore totale del portafoglio della holding. Nel frattempo, Berkshire è il maggiore azionista di Bank of America, con l’11,8% delle sue azioni in circolazione.

Azioni da tenere sempre presente

 

migliori azioni da comprare nel 2022
Immagine sopra: le azioni American Express sono aumentate del 155% negli ultimi 5 anni

3.  American Express

  • Azioni possedute: 151.610.700
  • Valore della detenzione: $ 25.050.635000
  • Percentuale di portafoglio: 8,55%

American Express ( AXP ) continua a essere uno degli investimenti preferiti di Warren Buffett.

A Buffett piace dire che il suo periodo di detenzione preferito è “per sempre” e AmEx è uno dei principali esempi. Berkshire è entrata nella sua partecipazione iniziale nella società di carte di credito nel 1963, quando un AmEx in difficoltà aveva un disperato bisogno di capitale. Buffett obbedì, ottenendo condizioni favorevoli sul suo investimento. Ha interpretato più volte il ruolo di cavaliere bianco nel corso degli anni, anche durante la crisi finanziaria del 2008, come mezzo per ottenere partecipazioni in buone aziende a prezzo scontato. (Pensa: Goldman Sachs e Bank of America.)

Nessuno si sarebbe sorpreso se Buffett avesse ridotto la sua posizione in AXP nel corso del 2020. Dopotutto, Berkshire ha scaricato titoli finanziari per tutto l’anno e ha persino ridotto le sue partecipazioni nei processori di pagamento durante il secondo trimestre.

American Express è entrambe le cose . Eppure la posizione è rimasta completamente intatta per tutto l’anno.

Berkshire Hathaway, che possiede il 18,9% delle azioni in circolazione di American Express, è di gran lunga il maggiore azionista della società. No. 2 Vanguard possiede il 6,1%.

Buffett ha elogiato il potere del marchio AmEx all’incontro annuale del 2019 del Berkshire. “È una storia fantastica e sono contento che ne possediamo il 18%”, ha detto. Ovviamente è contento: un rendimento totale di circa l’1,680% nell’ultimo quarto di secolo farebbe brillare la maggior parte degli investiti.

Come iniziare ad investire in azioni

4. Coca Cola

  • Azioni possedute: 400.000.000
  • Valore di partecipazione: $ 21,644,001.000
  • Percentuale di portafoglio: 7,38%

Buffett, un fan sfacciato di Cherry Coke, iniziò a investire in azioni della Coca-Cola ( KO ) subito dopo il crollo del mercato azionario del 1987. Nella sua lettera del 1988 agli azionisti del Berkshire, Buffett disse che si aspettava di mantenere le azioni “per tanto tempo.”

Tre decenni dopo, si è dimostrato fedele alla sua parola. Berkshire è il più grande azionista di KO con il 9,3% delle sue azioni in circolazione e Coca-Cola rimane tra le azioni più iconiche di Buffett.

La Coca-Cola ha fatto una breve apparizione come componente del Dow Jones Industrial Average negli anni ’30. Le azioni sono state aggiunte di nuovo al Dow nel 1987 e da allora sono rimaste un membro fedele.

Sebbene la performance delle azioni di Coca-Cola non abbia impressionato – il suo rendimento totale del 72% nell’ultimo decennio è ben al di sotto del rendimento del 161% dell’S&P 500 – è stato il sogno di un investitore di reddito. Il produttore di bevande ha aumentato il suo dividendo ogni anno per 59 anni.

Migliori titoli azionari italiani  

5: Kraft Heinz

  • Azioni possedute: 325.634.818
  • Valore di partecipazione: $ 13.279.388.000
  • Percentuale di portafoglio: 4.53

Warren Buffett è stata una delle forze trainanti della fusione del 2015 tra il gigante del cibo confezionato Kraft e il fornitore di ketchup Heinz per creare Kraft Heinz ( KHC , 38,01 dollari). È il quinto più grande investimento azionario del Berkshire con un valore di mercato di oltre $ 13 miliardi.

Ma è stato un cane, e Buffett probabilmente rimpiange ancora la sua partecipazione a quello che è stato uno dei suoi più grandi affari dell’ultimo decennio.

Berkshire Hathaway ha registrato una perdita non in contanti di 3 miliardi di dollari a causa di una svalutazione di attività immateriali nel 2018, “derivante quasi interamente dalla nostra partecipazione in Kraft Heinz”, ha scritto Buffett nella sua lettera del 2019 agli azionisti. All’inizio del 2019, KHC ha svalutato il valore dei suoi marchi di quasi $ 15 miliardi. Nel 2020, Fitch ha declassato il debito della società allo status di spazzatura. I suoi guadagni del secondo trimestre hanno superato le aspettative, ma Kraft ha dovuto ancora registrare altri 2,9 miliardi di dollari di svalutazioni.

Le prestazioni operative di Kraft sono almeno migliorate da allora, ma le sue azioni sono tornate indietro rispetto al mercato più ampio. KHC ha ancora molto da recuperare per perdere il suo status di “spazzatura” nel portafoglio azionario di Berkshire Hathaway.

“Mi sbagliavo (su KHC)”, ha ammesso categoricamente Buffett su CNBC nel 2019. Buffett afferma di aver pagato in eccesso ed è difficile non essere d’accordo. Anche includendo i dividendi, le azioni di Kraft sono ancora in calo di oltre il 30% dal 30 settembre 2015.

Berkshire Hathaway rimane il secondo azionista della società con una quota del 26,6%. La società di investimento privata 3G Capital – che ha collaborato con Berkshire nel 2013 per l’acquisto di HJ Heinz – è al massimo al 44,3%.

Sono meglio gli ETF o le azioni ? 

6: Moody’s

  • Azioni possedute: 24.669.778
  • Valore di partecipazione: $ 8.939.587,000
  • Percentuale di portafoglio: 3,05%

Moody’s ( MCO ) è una società di servizi finanziari e commerciali nota per il suo ramo di rating del credito Moody’s Investors Service, una delle tre principali agenzie di rating del credito aziendali americane insieme a Standard & Poor’s e Fitch Ratings. Offre anche una tecnologia di analisi finanziaria tramite Moody’s Analytics.

MCO è una partecipazione significativa e di lunga data nel portafoglio di Berkshire Hathaway – e per giunta ironica.

“Uncle Warren” ha puntato per la prima volta durante il primo trimestre del 2001, e si è accontentato del suo investimento negli ultimi tempi, lasciando invariata la sua quota di 24,7 milioni di azioni negli ultimi due anni.

La cosa divertente della partecipazione di Berkshire in Moody’s è che Buffett ha affermato nel 2010 che “Il nostro compito è valutare noi stessi il credito. Non lo appaltaamo alle agenzie di rating”. Eppure Berkshire Hathaway è il più grande detentore istituzionale di MCO, con il 13,2% della società finanziaria. (Vanguard è un secondo distante al 7,2%.)

La partecipazione è significativa anche alla fine del Berkshire. Con il 2,7%, Moody’s è uno dei primi 10 titoli di Buffett.

Conviene acquistare azioni Frazionate?

7. Verizon

  • Azioni possedute: 158.824.575
  • Valore di partecipazione: $ 8.898.941.000
  • Percentuale di portafoglio: 3,04%

Verizon ( VZ ), l’unica società di telecomunicazioni nel Dow Jones Industrial Average, è un punto fermo amato dagli investitori di dividendi a lungo termine in tutto il mondo. Ecco perché sembra così a suo agio nel portfolio di Berkshire Hathaway.

Berkshire e Buffett hanno avviato una nuova partecipazione in VZ nel quarto trimestre del 2020, raccogliendo quasi 146,7 milioni di azioni per un valore di 8,69 miliardi di dollari. In un colpo solo, la società di telecomunicazioni ha rappresentato un considerevole 3,2% del valore totale del portafoglio azionario di Berkshire.

Quella posizione è diventata un po’ più grande nel primo trimestre del 2021, poiché Warren Buffett ha aggiunto oltre 12 milioni di azioni, migliorando la quota dell’8%. La percentuale di attività di VZ è leggermente diminuita, ma rimane ancora una forte ponderazione del 3,0%. Berkshire rimane anche il quarto proprietario di azioni VZ al 3,8%, dietro agli investitori istituzionali Vanguard (7,8%), BlackRock (7,2%) e State Street Global Advisors (4,0%).

I rialzisti amano Verizon sia per le sue prospettive di crescita nell’era del networking 5G, sia per le sue caratteristiche difensive e per il flusso di reddito affidabile che offre agli investitori.

“Con un rendimento da dividendi sicuro e una leva finanziaria ridotta, riteniamo che il mercato favorisca la strategia 5G di Verizon e una storia più semplice”, affermano gli analisti di ricerca azionaria di Raymond James. “Sia che ci troviamo in un’espansione o in una contrazione, i piani Internet e mobile dei consumatori potrebbero essere l’ultima cosa a cui sono disposti a rinunciare quando i tempi si fanno difficili”.

Settori economici in Crescita dove investire

8. US Bancorp

  • Azioni possedute: 128.888.906
  • Valore di partecipazione: $ 7,342,802,000
  • Percentuale di portafoglio: 2,51%

US Bancorp ( USB ) è la quinta banca della nazione per attività e la più grande banca regionale d’America. È anche uno dei titoli Buffett più antichi nel portafoglio di Berkshire Hathaway; l’Oracolo di Omaha ha iniziato la sua posizione nel primo trimestre del 2006.

Buffett è notoriamente a denti stretti su US Bancorp e raramente tocca la posizione. Ma ha tagliato lo 0,6%, o 798.178 azioni, nel secondo trimestre del 2021. Ciò ha seguito un taglio dell’1,1% nel primo trimestre e dello 0,6% nel quarto trimestre del 2020.

Raschiare solo un po’ dalla posta USB è in netto contrasto con ciò che Buffett ha fatto con tanti altri titoli bancari del Berkshire, tuttavia. Per lo più, ha preso un’accetta per loro. E non è che i rendimenti del prestatore regionale abbiano giustificato la tenuta quando Buffett ha abbandonato così tanti dei suoi pari.

È vero, il rendimento totale di USB supera quello del mercato più ampio di 23 punti percentuali finora nel 2021, ma è notevolmente in ritardo negli ultimi tre, cinque, 10 e 15 anni.

Tuttavia, gli azionisti di USB apprezzano senza dubbio il voto di fiducia del Berkshire. La quota dell’8,6% della holding la rende il maggiore azionista istituzionale, davanti a Vanguard (7,3%) e BlackRock (6,2%).

Titoli tecnologici su cui investire

9. DaVita

  • Azioni possedute: 36.095.570
  • Valore di partecipazione: $ 4.445.169.446
  • Percentuale di portafoglio: 1,52%

DaVita ( DVA ) era una partecipazione in gran parte indisturbata nel portafoglio azionario di Berkshire Hathaway, almeno fino al 2020. Poi Buffett ha tagliato l’1% della sua partecipazione nel fornitore di cure renali e operatore del centro di dialisi nel primo trimestre del 2020. un altro 5% nel terzo trimestre.

Ma Buffett ha lasciato la posizione da solo nel 2021.

DaVita serve i pazienti tramite più di 3.000 centri di dialisi negli Stati Uniti e in altri nove paesi. I baby boomer che invecchiano e una popolazione incanutita in molti mercati sviluppati dovrebbero fornire un forte vento in poppa per i prossimi decenni.

Berkshire ha rivelato la sua posizione iniziale in DaVita durante il primo trimestre del 2012. Dato che DVA era una grande posizione della Peninsula Capital di Ted Weschler nei suoi giorni pre-Berkshire, non era irragionevole presumere che fosse la sua scelta. Weschler lo ha confermato nel 2014.

Le azioni di DaVita hanno sottoperformato l’S&P 500 di circa 94 punti percentuali dal primo trimestre del 2012, ma la sua performance più recente è stata promettente, con le azioni DVA in rialzo del 59% nelle ultime 52 settimane fino al 34% dell’S&P 500.

Per ora, Buffett è il più grande azionista di DaVita con un miglio di campagna. La sua quota di 36,1 milioni di azioni rappresenta poco più di un terzo delle azioni della società in circolazione. E DVA rimane una delle prime 10 posizioni nel portafoglio azionario di Berkshire Hathaway.

Titoli di semiconduttori su cui investire

10. Charter Communications

  • Azioni possedute: 5.213.461
  • Valore di partecipazione: $ 3,761.251.000
  • Percentuale di portafoglio: 1,28%

Charter Communications ( CHTR ) commercializza TV via cavo, Internet, telefono e altri servizi con il marchio Spectrum, che è il secondo operatore via cavo d’America dopo Comcast ( CMCSA ). Ha ampliato notevolmente la sua portata nel 2016 quando ha acquisito Time Warner Cable e la consociata Bright House Networks.

Ed è anche un altro titolo Buffett con una connessione a John Malone, anche se ora è piccolo. Malone ha fatto parte del consiglio di amministrazione della società di telecomunicazioni e media dal 2013 al 2018, quando si è dimesso per concentrare la sua attenzione su un gruppo più piccolo di società. (Rimane comunque un regista emerito.)

Buffett è entrato in CHTR nel secondo trimestre del 2014, ma negli ultimi anni ha apparentemente perso il suo amore per la compagnia di telecomunicazioni. La sua posizione è stata ridotta da 9,4 milioni di azioni all’inizio del 2017 a soli 5,2 milioni di azioni a partire dall’ultimo 13F di Berkshire, inclusa una riduzione di 210.000 azioni nel secondo trimestre del 2020.

Charter rimane una posizione decente nel portafoglio di Berkshire Hathaway, con l’1,3% del suo patrimonio netto.

Azioni spaziali da tenere d’occhio

11. Bank of New York Mellon

  • Azioni possedute: 72.357.453
  • Valore di partecipazione: $ 3,706,871,000
  • Percentuale di portafoglio: 1,26%

Bank of New York Mellon ( BK ) si distingue davvero dalla parte posteriore.

Warren Buffett è da tempo un ammiratore di BNY Mellon e, nonostante il suo amore in diminuzione per le banche, ha in gran parte lasciato in pace la sua partecipazione in BK. Ha ridimensionato leggermente la posizione nel secondo trimestre del 2020, ma non è niente in confronto ai pesanti tagli di capelli che le altre partecipazioni bancarie di Berkshire hanno subito negli ultimi trimestri.

Bank of New York Mellon è una banca depositaria che detiene attività per clienti istituzionali e fornisce servizi contabili di back-end. Le sue radici risalgono al 1784, quando la Bank of New York fu fondata da un gruppo che comprendeva Alexander Hamilton e Aaron Burr. Oggi, secondo i dati della Federal Reserve, BK è la nona banca della nazione per attività.

Berkshire Hathaway ha preso posizione per la prima volta in BK durante il terzo trimestre del 2010, quando ha pagato un prezzo medio stimato di $ 43,90. Da allora, Berkshire Hathaway è diventato il più grande investitore della banca con l’8,3% delle azioni. (Vanguard è n. 2 all’8,0%.)

Titoli di energia Rinnovabile da comprare

12: General Motors

  • Azioni possedute: 60.000.000
  • Valore di partecipazione: $ 3.550.200.000
  • Percentuale di portafoglio: 1,21%

Warren Buffett ha preso per la prima volta una partecipazione in General Motors ( GM ) all’inizio del 2012. E negli ultimi anni, è diventato ancora più rialzista sul quarto produttore di auto al mondo per produzione, aumentando le partecipazioni di Berkshire Hathaway nel 2018, 2019 e fino al terzo trimestre del 2020.

Ma ora Buffett sta iniziando a prendere le distanze.

Berkshire ha ridotto la sua proprietà nella società automobilistica di un altro 10% nel secondo trimestre, ovvero 7 milioni di azioni. Ciò fa seguito a tagli di 5,5 milioni di azioni (7,6%) nei primi tre mesi del 2021 e di 7,5 milioni di azioni (9,0%) nell’ultimo trimestre del 2020.

General Motors è sempre sembrata una classica value bet di Buffett. Dopotutto, ci sono meno marchi americani più iconici di GM. Ha anche cantato le lodi dell’amministratore delegato Mary Barra in diverse occasioni. E il titolo viene scambiato perennemente a multipli pazzeschi di guadagni attesi.

Ma con le azioni in rialzo di quasi il 90% nelle ultime 52 settimane, forse era giunto il momento di togliere un po’ di più da un investimento redditizio, anche se agli analisti piace ancora la valutazione e il potenziale di ripresa del reddito.

“Sulla valutazione, le azioni GM sembrano valutate favorevolmente in base alla maggior parte delle metriche di valutazione standard”, scrive l’analista di Argus Research Bill Selesky, che valuta GM a Buy. “Ci aspettiamo anche che la società ripristini presto il dividendo”.

Poi c’è la questione dell’allocazione. Grazie alla forte performance di prezzo del titolo GM, rappresenta ancora l’1,2% del portafoglio azionario totale di Berkshire Hathaway, in calo rispetto all’1,4% prima del taglio più recente di Buffett.

13. Verisign

  • Azioni possedute: 12.815.613
  • Valore di partecipazione: $ 2.917.987
  • Percentuale di portafoglio: 1,00%

Berkshire ha acquistato Verisign ( VRSN ) – una società di servizi di infrastrutture Internet che mantiene letteralmente il mondo connesso online e funge da registro di dominio per .com, .net e altri domini di primo livello – durante un calo nell’ultimo trimestre di 2012.

Il dominio dell’azienda nello spazio esemplifica l’amore di Buffett per i fossati profondi e la posta in gioco è stata ben ripagata. VRSN non ha fatto nell’ultimo anno, in rialzo solo dell’1% rispetto al 35% dell’S&P 500. Ma dall’inizio del 2013, è andato avanti del 440%, ben prima del rendimento totale del 272% dell’S&P 500.

VRSN è anche un esempio insegnabile di come le azioni non siano buone o cattive in una bolla. Il brillante acquisto di un investitore è spesso, a seconda dei tempi, il più grande fallimento di un altro investitore.

Stanley Druckenmiller, un famoso ex gestore di hedge fund, non ha avuto la stessa fortuna con Verisign. Druckenmiller ha effettuato uno short di $ 200 milioni in azioni tecnologiche all’inizio del 1999 mentre investiva per il Quantum Fund di George Soros, ma ha perso $ 600 milioni nel commercio. Ha quindi cercato di riconquistarlo tramite un grosso buy-in di $ 6 miliardi di titoli tecnologici tra cui Verisign … ma ha perso $ 3 miliardi in sei settimane quando VRSN e molti altri acquisti recenti hanno fallito, rendendolo uno dei peggiori “soldi intelligenti” stock call di tutti i tempi .

Berkshire Hathaway è attualmente il più grande investitore istituzionale in azioni VRSN. Possiede poco meno di 13 milioni di azioni, il che le conferisce il controllo dell’11,3% nella società.

14. Liberty Sirius XM Group

Azioni possedute (Classe A / Classe C): 14.860.360 / 43.208.291
Valore della partecipazione (Classe A / Classe C): $ 692.195.000 / $ 2.000.432.000
Percentuale di portafoglio (Totale): 0,94%
Il Berkshire è riuscito a trovare un modo per possedere Sirius XM non in uno, non in due, ma in tre modi diversi.

Liberty Media detiene da anni una grossa partecipazione in Sirius XM Holdings. Ma nel 2015, la società ha effettivamente ricapitalizzato, offrendo (tra le altre cose) diversi titoli di monitoraggio che hanno permesso agli investitori di godere direttamente della performance dell’investimento Sirius XM di Liberty piuttosto che farlo in modo frammentario attraverso la stessa Liberty Media.

Pertanto, Buffett è stato esposto a Sirius XM prima di investire direttamente in azioni SIRI nel quarto trimestre 2016. Ma nel tempo ha acquistato più azioni di monitoraggio; il corpo complessivo delle azioni di monitoraggio rappresenta attualmente la quota di circa il 70% di Liberty in Sirius XM.

Il portafoglio di Berkshire Hathaway detiene ora circa 58 milioni di azioni di Liberty Sirius XM Group Series A ( LSXMA , $ 41,24) e Liberty Sirius XM Group Series C ( LSXMK , $ 41,20) combinate. Quella posta in gioco è stata in gran parte lasciata in pace negli ultimi trimestri.

Warren Buffett è il più grande azionista istituzionale di ogni classe, con il 15,1% delle azioni A di Liberty Sirius XM e il 19,0% delle azioni C.

15. Chevron

  • Azioni possedute: 23.123.920
  • Valore di partecipazione: $ 2,421,999,000
  • Percentuale di portafoglio: 0,83%

Chevron ( CVX ) è l’unico titolo energetico rimasto nel Dow Jones Industrial Average dopo che Exxon Mobil ( XOM ) è stato rimosso nel 2020 . È anche l’unico rappresentante del settore tra le azioni di Warren Buffett.

Quanto durerà resta da vedere.

Berkshire Hathaway ha avviato una posizione di oltre 48 milioni di azioni nel quarto trimestre del 2020 per un valore di 4,1 miliardi di dollari. Sebbene non ci si aspettasse che i prezzi dell’energia facessero enormi passi avanti nel 2021 dopo un notevole rimbalzo alla fine del 2020, le prospettive per il petrolio e il gas erano molto migliorate e si prevede che miglioreranno con la ripresa dell’economia globale.

Chevron in particolare era ben posizionata, poiché ha approfittato dei peggiori problemi del settore nel luglio 2020 acquisendo Noble Energy in una transazione di azioni da $ 5 miliardi. Le dimensioni, la qualità degli asset e le riserve della società la rendono uno dei giocatori più sani in un settore in cui molti giocatori sono infortunati.

Degno di nota è anche un rendimento superiore al 5% a prezzi correnti. E ciò risalta ancora di più dato che una sfilza di compagnie petrolifere e del gas ha dovuto tagliare o sospendere i propri dividendi nel 2020. Chevron, nel frattempo, ha aumentato il suo payout trimestrale per 34 anni consecutivi, incluso un miglioramento del 4% annunciato ad aprile a $ 1,34. per azione.

Eppure, Buffett ha invertito la rotta nel primo trimestre del 2021. Oltre ad avviare Suncor Energy ( SU ) dal portafoglio, Berkshire ha abbandonato poco più della metà della sua posizione CVX, scaricando 24,8 milioni di azioni. Ha poi fatto cadere altre 550.000 azioni circa, o il 2%, nel secondo trimestre, per portare la posizione a 23,1 milioni di azioni.

La quota non è nulla: CVX costituisce lo 0,8% del portafoglio ed è ancora una delle prime 15 posizioni. Nel frattempo, con l’1,2% delle azioni Chevron, Berkshire è appena fuori dai primi 10 azionisti dell’azienda.

16. Kroger

  • Azioni possedute: 61.787.910
  • Valore di partecipazione: $ 2,367,094,000
  • Percentuale di portafoglio: 0,81%

Kroger ( KR ), sta rapidamente diventando uno dei titoli più favoriti di Buffett, con l’Oracle che ha aumentato la sua posizione di oltre un quinto durante il secondo trimestre del 2021 dopo aver aggiunto una grossa fetta anche nel primo trimestre.

Berkshire Hathaway ha girato alcune teste durante il quarto trimestre del 2019, quando ha avviato la sua posizione da 18,9 milioni di azioni in Kroger. Ma dato quello che sarebbe successo, ora sembra una scelta intelligente.

Dopotutto, la massiccia catena di supermercati ha trattato bene gli azionisti durante la fase peggiore della pandemia e ha continuato a sovraperformare nel 2021. In effetti, le azioni sono aumentate di quasi il 37% da inizio anno.

Kroger gestisce circa 2.750 negozi di alimentari al dettaglio che operano sotto striscioni come Dillons, Ralphs, Harris Teeter e il suo marchio omonimo, oltre a 1.585 stazioni di servizio e persino 170 gioiellerie sotto striscioni tra cui Fred Meyer Jewelers e Littman Jewelers.

E Buffett è estremamente interessato a possedere sempre più KR.

BRK.B ha aggiunto 10,7 milioni di azioni, o il 21%, alla sua posizione in Kroger nel secondo trimestre. Ciò ha seguito l’acquisto di 17,5 milioni di azioni – un aumento del 52% della posizione – durante il primo trimestre.

Con quasi 62 milioni di azioni in totale, Berkshire Hathaway è il terzo proprietario di azioni Kroger, con una quota dell’8,3% dietro solo a BlackRock (10,2%) e Vanguard (9,4%).

È solo una posizione intermedia con appena lo 0,8% del patrimonio netto di Berkshire. Ma certamente appartiene. A differenza di altre recenti nuove posizioni come Amazon.com ( AMZN ), StoneCo ( STNE ) e Snowflake ( SNOW ), il gioco di valore della vecchia economia Kroger è perfettamente in linea con gli interessi tradizionali di Buffett.

17. Visa

  • Azioni possedute: 9.987.460
  • Valore di partecipazione: $ 2,335,268,000
  • Percentuale di portafoglio: 0,80%

Visa ( V ) gestisce la più grande rete di pagamenti del mondo, ed è quindi ben posizionata per beneficiare della crescita delle transazioni senza contanti e dei pagamenti mobili digitali. Come Mastercard, Visa è stata un’idea dei tenenti Todd Combs e/o Ted Weschler (Buffett non lo dirà). E come Mastercard, Buffett vorrebbe che Berkshire avesse comprato di più.

Berkshire Hathaway ha acquistato Visa per la prima volta nel terzo trimestre del 2011 e ha dimostrato di essere un gigantesco vincitore. Compresi i dividendi, Visa ha ottenuto un enorme rendimento totale del 1.060%, non proprio il triplo del rendimento del 382% dell’S&P 500 in quel momento. Visa è anche una macchina per la crescita dei dividendi, che ha aumentato i suoi pagamenti del 129% solo negli ultimi cinque anni.

“Se fossi stato intelligente come Ted o Todd, avrei (comprato Visa)”, ha detto Buffett agli azionisti durante l’assemblea annuale del 2018.

Visa rappresenta una partecipazione modesta ma non trascurabile allo 0,8% del portafoglio di Buffett. Nel frattempo, la quota del mezzo percento di Berkshire in Visa non la colloca nemmeno tra i primi 25 investitori.

Titoli che puoi tenere per sempre

18. AbbVie

  • Azioni possedute: 20.527.861
  • Valore di partecipazione: $ 2.312.258.000
  • Percentuale di portafoglio: 0,79%

La società biofarmaceutica AbbVie ( ABBV , $ 118,41) è un’altra delle grandi aggiunte del settore farmaceutico del Berkshire dal terzo trimestre del 2020, ed è un altro titolo sanitario da cui Buffett ha preso le distanze nella prima metà del 2021.

AbbVie è meglio conosciuto per farmaci di successo come Humira e Imbruvica, ma gli analisti sono anche ottimisti sul potenziale di Rinvoq e Skyrizi, che trattano l’artrite reumatoide e la psoriasi a placche.

E non dimentichiamo che ABBV è un grande successo tra gli investitori con dividendi a lungo termine.

L’azienda farmaceutica è una Dividend Aristocrat , in virtù di aver alzato il proprio dividendo per 49 anni consecutivi. Ancora meglio, il suo attuale payout è uno dei più alti dell’S&P 500 e la società ha aumentato il payout a un tasso del 18% negli ultimi cinque anni. Il suo rendimento da dividendi del 4,4% è molte volte migliore della media S&P 500 di circa l’1,3%.

Più di recente, tuttavia, Berkshire Hathaway ha snellito la sua posizione. La holding ha tagliato il 10% della sua partecipazione in ABBV nel secondo trimestre, scaricando 2,3 milioni di azioni. Ciò segue una riduzione di 2,7 milioni di azioni, o poco più del 10%, nel primo trimestre del 2021. AbbVie ora rappresenta lo 0,8% del portafoglio azionario di Berkshire, in calo dallo 0,9% alla fine del primo trimestre.

Titoli da comprare in caso di crollo del mercato finanziario

19. Amazon.com

  • Azioni possedute: 533.300
  • Valore di partecipazione: $ 1.834.637.000
  • Percentuale di portafoglio: 0,63%

Amazon.com ( AMZN ) è stato un vincitore per Warren Buffett per la maggior parte del tempo da quando è entrato per la prima volta nel gigante dell’e-commerce all’inizio del 2019. Tuttavia, come altri azionisti di AMZN, Berkshire sta sopportando un raro attacco di prestazioni inferiori.

La holding ha rivelato la sua posizione di 483.300 azioni dopo il primo trimestre del 2019, quindi ha aggiunto altre 54.000 azioni nel trimestre successivo. Le azioni di AMZN sono aumentate del 74% dalla fine del secondo trimestre del 2019, contro solo il 39% di rendimenti per il mercato più ampio.

Detto questo, le azioni di Amazon sono praticamente invariate nel 2021 rispetto ai guadagni del 20% per l’S&P 500.

Va bene. Se Buffett ne ha davvero voglia, può scaricare la colpa su uno dei suoi luogotenenti. Anche prima che Berkshire Hathaway presentasse il suo deposito normativo per il primo trimestre del 2019 alla Securities and Exchange Commission, Buffett ha dichiarato alla CNBC: “Uno dei colleghi dell’ufficio che gestiscono denaro … ).”

Detto questo, Buffett è stato a lungo un ammiratore del CEO di Amazon Jeff Bezos, ha ammesso in un’intervista. Ha anche sperato di aver comprato le azioni prima.

“Sì, sono stato un fan e sono stato un idiota per non aver acquistato (azioni AMZN)”, ha detto Buffett alla CNBC.

Berkshire detiene un insignificante 0,1% delle azioni di Amazon in circolazione per mantenerlo a malapena tra i primi 100 azionisti. È interessante notare che Buffett ha ridotto marginalmente la posizione di 4.000 azioni nel primo trimestre del 2020, ma da allora non ha più toccato la quota.

Titoli di Auto elettriche da valutare

20. Bristol Myers Squibb

  • Azioni possedute: 26.294.266
  • Valore di partecipazione: $ 1,756,983,000
  • Percentuale di portafoglio: 0,60%

Tra le azioni di Warren Buffett, le banche sono le più note per aver aver subito un taglio ultimamente, ma dovremmo notare che  anche diversi player sanitari sono diminuiti nel suo portafoglio.

Bristol Myers Squibb ( BMY , $ 68,68) è stata una delle tante scommesse Big Pharma Warren Buffett durante il terzo trimestre del 2020. Nel caso di BMY, Berkshire ha acquisito quasi 30 milioni di azioni per un valore di $ 1,81 miliardi. Buffett si è affezionato ancora di più all’azienda nei mesi successivi. Ha aggiunto altri 3,4 milioni di azioni durante il quarto trimestre del 2020, facendo crescere la posizione dell’11%.

Tuttavia, Buffett ha perso 2,3 milioni di azioni del colosso farmaceutico durante i primi tre mesi del 2021. Nel secondo trimestre ha ceduto altri 4,7 milioni di azioni, ovvero il 15% della posizione rimanente.

BMY si è notevolmente rafforzato un anno fa quando ha acquisito il colosso farmaceutico Celgene, e probabilmente questa è stata una parte importante dell’attrazione iniziale per questo titolo. L’accordo ha portato a un paio di trattamenti di successo per il mieloma multiplo: Pomalyst e Revlimid, l’ultimo dei quali tratta anche il linfoma mantellare e le sindromi mielodisplastiche.

Questo è normale per il corso. Una lunga esperienza di acquisizioni di successo ha mantenuto la pipeline dell’azienda farmaceutica innescata con farmaci di grandi nomi nel corso degli anni. Tra i nomi più noti oggi ci sono Coumadin, un anticoagulante, e Glucophage, per il diabete di tipo 2.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *