Investire in Azioni di Aziende di Realtà Aumentata e Realtà Virtuale

Se c’è una cosa su cui siamo tutti d’accordo, è che la realtà è stata dura negli ultimi due anni. Potremmo tutti usare una realtà alternativa per non vedere i lockdown e l’orribile guerra in Ucraina. Questa settimana, esamineremo alcune delle aziende e delle tecnologie che lavorano per offrirti proprio questo, sia attraverso la realtà aumentata (AR), la realtà virtuale (VR) o la realtà mista (MR), o se vogliamo chiamarla in un altro modo cioè metaverso. Discuteremo di alcune delle aziende e dei dispositivi significativi e di come vengono utilizzate le tecnologie.

Nessuna conversazione su AR, VR e MR sarebbe completa, senza l’azienda che sta puntando proprio nel Metaverso tanto da cambiare nome e aver costruito diversi prodotti VR orientati al consumatore:  Meta Platforms ( FB ) . Il suo prodotto principale è il visore Oculus Quest, che ha appena festeggiato il suo decimo anniversario il mese scorso. Meta ha acquisito Oculus nel 2014 per circa  2 miliardi di dollari, ma ha ridimensionato il marchio Oculus a favore di Quest. La presenza di Quest è così profonda che la maggior parte degli sviluppatori VR che lavorano su più piattaforme, incluso Quest, riferiscono che la maggior parte dei loro clienti arriva tramite Meta. Ad esempio, la piattaforma di creazione di giochi/giochi  Rec Room  ha recentemente annunciato di aver  superato i 3 milioni di utenti attivi mensili , con la maggior parte di questi utenti che accede tramite cuffie Quest 2.

Secondo  The Information , Meta ha in programma di rilasciare quattro nuovi visori da qui al 2024, a partire dal suo primo prodotto “Project Cambria” noto come “Arcata”, che è un visore VR e MR di fascia alta descritto come un dispositivo per il futuro del lavoro. Dovrebbe essere rilasciato intorno a settembre, con un prezzo stimato nella fascia di 800 euro. La seconda versione di Cambria dovrebbe essere lanciata nel 2024 e prende il nome in codice Funston.

Durante la chiamata sugli utili di Meta la scorsa settimana, il CEO Mark Zuckerberg ha affermato che Cambria “si concentrerà maggiormente sui casi di utilizzo del lavoro e alla fine sostituirà il laptop o la configurazione del lavoro”.

La qualità dell’immagine ad alta risoluzione dovrebbe essere adatta alla lettura del testo, con l’idea che le persone possano usarla per inviare e-mail o codice. Tieni presente che la digitazione su una tastiera virtuale o qualsiasi gesto significativo richiederà un riconoscimento dettagliato dei movimenti delle dita, che attualmente non è ampiamente disponibile sul mercato consumer. Meta prevede anche di rilasciare due nuove versioni del suo Quest a basso prezzo (oggi circa 300 euro per la versione da 128 GB), nome in codice internamente Stinson e Cardiff nel 2023 e nel 2024.

Dopo il rilascio dei suoi  occhiali intelligenti Ray-Ban lo  scorso settembre, Meta spera anche di mettere i suoi  primi occhiali AR nelle mani dei consumatori entro il 2024 , offrendo quello che il CEO Mark Zuckerberg chiama il dispositivo “Santo Graal” che “ridefinirà il nostro rapporto con la tecnologia .” Questi occhiali, chiamati Project Nazare, sono visti all’interno di Meta come un modo per aggirare il potere che  Apple ( AAPL )  e  Alphabet ( GOOG ) hanno a causa del loro dominio nel mercato dei telefoni cellulari perché la prima versione è progettata per funzionare indipendentemente da un telefono cellulare. Invece, si baserà su un dispositivo wireless a forma di telefono che gestisce il sollevamento di carichi pesanti dal punto di vista dell’elaborazione. Questo è un gioco a lungo termine per l’azienda, dato che ha già speso miliardi per svilupparli e prevede che la distinta base da sola per ciascun dispositivo sarà inizialmente di migliaia di dollari. Le aspettative di vendita sono nell’ordine delle decine di migliaia per la prima generazione senza un prezzo ancora deciso. Secondo quanto riferito, la società sta anche sviluppando una versione più economica soprannominata Hypernova che dovrebbe essere rilasciata anche nel 2024 che si abbinerà a uno smartphone e avrà un set di funzionalità più piccolo.

L’obiettivo di Meta per il 2024 per gli occhiali AR sembra ambizioso se si considera che oggi i suoi prototipi di occhiali Mazare sono da quattro a cinque volte più pesanti degli occhiali ordinari e da due a tre volte più pesanti di quelli che molti fornitori di componenti AR mirano. È probabile che gran parte di quel peso provenga dalla batteria. Ad esempio, un anno fa,  Snap ( SNAP )  ha rilasciato i suoi occhiali per soli sviluppatori con una durata della batteria di soli 30 minuti rispetto alle quattro ore di Nazare.

Il grande punto di forza per Cambria di Meta è il pass-through a colori per un’esperienza di realtà mista. Ciò significa che le telecamere rivolte verso l’esterno mostreranno agli utenti una visione ad alta risoluzione dell’ambiente circostante reale che può quindi essere aumentata. Questo solleva anche il problema di privacy.

Con le fotocamere rivolte verso l’esterno che acquisiscono immagini della vita reale, gli utenti corrono il rischio che, ad esempio, venga registrato l’interno della propria casa. Anche se un visore VR non registra quelle immagini, il suo utilizzo richiede una connessione di rete, fornendo agli attori malvagi un nuovo vettore di attacco o l’opportunità di penetrare nel dispositivo e potenzialmente scavare negli altri dispositivi di rete di un utente o fare ciò che vogliono come con le immagini.

Secondo quanto riferito, il gigante della tecnologia di consumo, Apple, sta lavorando anche su occhiali AR e un visore per realtà mista, combinando AR e VR in un unico dispositivo. L’auricolare MR dovrebbe essere rilasciato quest’anno o all’inizio del 2023, con gli occhiali in arrivo nel 2023.

investire in realtà aumentata, azioni di realtà aumentata
Sopra: ecco un’applicazione su uno smartphone di realtà aumentata.

Un altro attore in questo settore in continua espansione,  che cerca di capitalizzare la sua già consistente presenza nelle sale riunioni aziendali è  Cisco ( CSCO ). L’azienda vende già apparecchiature di teleconferenza di fascia alta a molti dei suoi clienti, offrendo più di un semplice passo per il suo  servizio WebEx Hologram  , che è stato annunciato per la prima volta lo scorso ottobre. Si prevede che il servizio sarà compatibile sia con le  cuffie HoloLens 2 di Microsoft ( MSFT )  che con le  cuffie  Magic Leap  . Sebbene non sia ancora in grado di fornire un’esperienza perfettamente fluida e coinvolgente, è  a buon punto .

Il progetto Starline di Alphabet  è un’offerta simile ma utilizza un approccio molto diverso. Invece di indossare le cuffie, gli utenti si siedono all’interno di una cabina e guardano uno schermo che presenta un’immagine a grandezza naturale dell’altra persona che sembra essere tridimensionale, dando a entrambi i partecipanti la sensazione di essere fisicamente presenti l’uno con l’altro.

Gli occhiali HoloLens AR di Microsoft sono stati, secondo l’azienda, sviluppati per l’uso nella produzione, ingegneria, edilizia, assistenza sanitaria e istruzione. Un recente articolo di  Business Insider  ha riportato che gli addetti ai lavori affermano che la società ha recentemente scartato i piani per un successore dell’attuale HoloLens 2, indicando che questa potrebbe essere la fine del percorso per questa linea di prodotti. Microsoft ha accettato di collaborare con  Samsung  ( SSNLF )  su un nuovo dispositivo MR, che secondo quanto riferito ha causato un notevole attrito interno. Il contratto da 22 miliardi di dollari della società con l’esercito americano per la creazione di visori AR pronti per il combattimento basati su HoloLens sembra essere in difficoltà, poiché il Dipartimento della Difesa  non è così entusiasta  dei risultati finora.

Nel marzo 2021, Microsoft ha presentato la sua nuova piattaforma di realtà virtuale,  Microsoft Mesh , a cui è possibile accedere tramite le proprie cuffie HoloLens 2, cuffie VR, telefoni cellulari, tablet o PC utilizzando qualsiasi app abilitata per Mesh. L’idea è quella di creare una piattaforma di riunione virtuale come estensione di Microsoft Teams in cui gli utenti si proiettano come avatar nello spazio virtuale utilizzando gli avatar presi dal  social network AltspaceVR  che Microsoft ha acquisito nel 2017. Alla fine, l’intenzione è quella di supportare “l’olotrasporto”, il che consentirebbe alle persone di apparire come se stesse nello spazio virtuale, ma anche in questo caso probabilmente abbiamo partecipato ad almeno alcune videochiamate per le quali avremmo preferito essere una versione avatar di noi stessi.

Sebbene uno degli obiettivi principali sia stato il mercato globale dei giochi VR, che secondo alcuni raggiungerà i 12,13 miliardi di dollari quest’anno, ma i casi d’uso per VR/AR continuano a crescere. Ecco solo alcuni esempi recenti:

  • Il mese scorso Meta ha fornito un’anteprima del primo gioco VR con licenza ufficiale della National Football League per Quest e PlayStation VR
  • Meta sta collaborando con lo Smithsonian per lanciare una  simulazione VR del camminare sulla Luna  per celebrare il 50 °  anniversario delle missioni Apollo della NASA
  • Bundlar, un fornitore di piattaforme di pubblicazione AR basata sul Web, ha recentemente ottenuto un contratto di Fase II di ricerca sull’innovazione per piccole imprese dall’Air Force per fornire una  formazione AR immersiva  per il personale dell’aeroporto e della forza spaziale
  • L’anno scorso, il Morehouse College  ha tenuto tre lezioni  di VR utilizzando la  piattaforma Victory XR  con i visori Oculus Quest 2 forniti agli studenti da  Qualcomm ( QCOM )
  • Snap ha recentemente lanciato un nuovo obiettivo AR per insegnare l’   alfabeto della lingua dei segni americana
  • La startup AR  WayRay , sostenuta da Porsche – società madre  Volkswagen ( VWAGY ) – e  Alibaba ( BABA ) , ha recentemente pubblicato un video su YouTube del suo display AR per i conducenti utilizzati in  situazioni di guida reali

La linea di fondo è che questa è un’area con un potenziale profondo ma anche con notevoli sfide che vanno dalla durata e dal peso della batteria all’acquisizione e alla presentazione delle immagini. Ci sono anche domande sui punti di prezzo, una per i primi consumatori che adottano e quella che guiderà l’adozione su larga scala sia per i consumatori, le aziende e altre istituzioni. Poi ci sono l’importantissimo riconoscimento del movimento della mano e le preoccupazioni sulla privacy, ma questi sono argomenti per un’altra volta. Notiamo quanto siano diffusi i casi d’uso di Internet negli ultimi due anni e segnaliamo che abbiamo poco meno di 23 anni fino al 2045, anno in cui  Ready Player One è impostato. Miliardi vengono investiti ogni anno nella creazione di realtà alternative. Il modo in cui possono migliorare le nostre vite è sicuramente un mondo che vale la pena reinventare.

 

Altri settori tecnologici in crescita da prendere in considerazione per investire:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *