Migliori Azioni Francesi da Comprare nel 2021 per Investire

Il 2020 sarà ricordato come l’anno della crisi sanitaria del Covid-19, con il repentino calo dei mercati azionari. In questo periodo di spettacolare ripresa del mercato, ecco 10 titoli francesi che puoi comprare nel 2021.

Nel 2019 i mercati finanziari sono stati caratterizzati da performance eccezionali: + 32% per il Nasdaq, + 29% per S & P500 e + 26% per CAC 40. I mercati azionari statunitensi hanno ancora registrato nuovi massimi storici fino a metà -Febbraio, quando la pandemia di coronavirus stava già iniziando a colpire il mercato cinese.

Con l’apertura dei mercati finanziari nel febbraio 2020, i mercati azionari globali hanno iniziato a scendere più bruscamente, segnando l’inizio di un altro crollo del mercato azionario. Al culmine di questa crisi sanitaria, il CAC 40 ha perso quasi il 35% del suo valore in due settimane, e le materie prime erano in caduta libera, come il prezzo del petrolio, sceso da 65 dollari al barile. meno di $ 30.

Con un ritorno del PIL mondiale al livello pre-Covid-19 intorno al 4 ° trimestre del 2020, anche i mercati azionari hanno iniziato a salire (l’indice CAC 40 sta flirtando con il segno di 5.000 punti dopo aver toccato il fondo a 3.754 punti Marzo). Questa nuova situazione offre un’ottima opportunità per investire in borsa e per acquistare azioni a prezzi migliori.

I 10 migliori titoli CAC 40 francesi

Ecco la nostra selezione delle migliori azioni francesi che puoi seguire nel 2021:

  1. Airbus
  2. Bnp Paribas
  3. Totale
  4. Unibail Rodamco
  5. Peugeot
  6. Ubisoft
  7. LVMH
  8. Veolia
  9. Bouygues
  10. Worldline

 

Migliori Azioni Francesi da Comprare nel 2021 per Investire
Sopra: loghi di grandi aziende francesi

1. Airbus

Airbus SE è il numero due al mondo nella produzione di aerei (75% del suo fatturato) e di equipaggiamento militare, dietro al Boeing americano. Il gruppo produce aerei da combattimento militari, elicotteri militari e commerciali, missili, satelliti e sistemi di telecomunicazione e difesa, nonché servizi di conversione e manutenzione di aerei militari e commerciali.

A causa del suo settore, le azioni Airbus sono diminuite drasticamente sul mercato azionario dall’inizio della crisi del coronavirus (la produzione e le consegne sono diminuite del 40%), a causa delle misure governative e delle restrizioni sui viaggi. Airbus ha annunciato la sua decisione di adattare i tassi di produzione degli aeromobili commerciali a 40 al mese per l’A320, 2 al mese per l’A330 e 6 al mese per l’A350. Queste misure consentono al gruppo di preservare la sua capacità di soddisfare la domanda dei clienti, proteggendo al contempo la sua capacità di adattarsi all’evoluzione del mercato globale.

Con la fine delle misure di contenimento, il settore aeronautico dovrebbe sperimentare un boom di ripresa che andrà sicuramente a vantaggio delle azioni Airbus. Le previsioni di alcuni specialisti dell’Airbus condividono buone prospettive di investimento.

Il prezzo di Airbus ha subito un forte impatto durante la caduta di marzo, ma la recente accelerazione dei valori del settore aeronautico e del turismo in generale ha consentito al prezzo del costruttore di aerei europeo di rimbalzare del 100% dal punto minimo di Marzo a 48,10 euro.

Graficamente, il prezzo di Airbus si sta ora avvicinando ad una zona di resistenza significativa, sulla soglia dei 100 euro, corrispondente anche alla media mobile di 100 periodi, che potrebbe dare luogo ad un’inversione tecnica.

Pertanto, in caso di guasto al di sotto della soglia dei 100 €, monitoreremo il ritorno alla media mobile a 200 periodi a 92,48 € quindi in caso di breakout, prevediamo un ritorno al massimo di giugno di 85 €. .

Alcuni numeri chiave di Airbus

  • Capitalizzazione di mercato totale: 69.993.460.054 euro
  • Numero azioni in circolazione: 784.064.748
  • Luogo di quotazione: Compartment A Euronext Paris
  • Indice: CAC 40
  • Settore di attività: Aeronautica
  • + Alto: 139,40 €
  • + Basso: 48,10 €

2. Bnp Paribas

BNP Paribas è il principale gruppo finanziario francese e una delle maggiori capitalizzazioni di mercato dell’indice borsistico francese CAC 40. Mentre le azioni BNP Paribas hanno perso valore in borsa a seguito della crisi Covid-19 (almeno 55 % del suo valore tra metà febbraio e metà marzo 2020), le previsioni indicano un buon slancio per questa banca d’affari. BNP Paribas annuncia una graduale ripresa dei suoi mercati e un ritorno a un livello di prodotto interno lordo (PIL) paragonabile a quello del 2019 entro la metà del 2022, nonostante una contrazione compresa tra il 15% e il 20% del suo reddito netto dell’anno 2020.

BNP Paribas ha approfittato della ripresa delle attività di mercato tra luglio e settembre, dove i ricavi sono aumentati di oltre il 30%, i ricavi da cambi e commodity sono cresciuti del 36% e di oltre il 20% per il trading su Azioni. Secondo gli analisti di Jefferies, BNP Paribas ha superato le aspettative nel terzo trimestre su ricavi, costi e accantonamenti per il rischio di credito nel 2020.

Il prezzo delle azioni delle banche europee è rimasto sotto pressione da marzo e nonostante un forte rimbalzo osservato da novembre, i rischi che gravano sul settore potrebbero portare a una battuta d’arresto nei prossimi mesi.

La quotazione del titolo BNP Paribas SA si sta muovendo non lontano dalla media mobile a 200 periodi e questo potrebbe portare ad un rallentamento del trend, o addirittura ad un’inversione verso il 38,2% (aumento dal 2009 al 2017) del Fibonacci a 42,80 €. Al di sotto di questo livello il nostro target sarà sul massimo di giugno di € 40,67 non lontano dalla media mobile di 100 periodi.

Il breakout convalidato dell’MM200 consentirà invece una nuova accelerazione al rialzo verso il 23,6% di Fibonacci, che si trova vicino alla soglia dei 50 euro.

Alcuni numeri  chiave di BNP Paribas

  • Capitalizzazione di mercato: 52.372,81 milioni di euro nel 2019
  • Titoli attualmente in circolazione e in circolazione sul mercato: 1.249.798.561
  • Le azioni di BNP Paribas sono quotate nel comparto A del mercato francese Euronext Paris
  • BNP Paribas fa parte dell’indice di borsa nazionale francese CAC 40
  • + basso: 24,50 €
  • + alto: 59,86 €

 

3. Total

Total è tra i primi 5 dei principali gruppi petroliferi mondiali, dietro Exxon Mobil, Chevron Texaco, Shell e BP. La pubblicazione dei risultati per il terzo trimestre 2020 mostra un netto calo, a causa della depressione dei prezzi del greggio sullo sfondo della crisi sanitaria e del calo della domanda internazionale. La Total, tuttavia, è tornata all’utile netto e ancora una volta ha mantenuto il livello del suo dividendo.

Il gruppo ha annunciato un utile netto adjusted di 848 milioni di dollari (-72%) e una produzione in calo dell’11%, a 2,715 Mboe / giorno. L’utile netto di competenza del gruppo si è attestato a 202 milioni di dollari e il cash flow a 4,3 miliardi di dollari (-41%). Total ha anche abbassato la sua previsione di produzione annuale a meno di 2,9 milioni di barili di petrolio equivalente al giorno (Mboe / giorno) contro 2,9-2,95 Mboe / giorno precedentemente previsti.

Nonostante tutte queste valutazioni al ribasso, gli specialisti considerano le azioni Total un buon investimento per le prospettive di crescita, la solidità del suo bilancio e la sua bassa probabilità di un calo dei dividendi. Il gruppo Total prevede di aumentare la propria produzione di energia, grazie all’espansione della produzione di gas naturale e alla produzione di energie rinnovabili entro il 2030.

Il prezzo di Total e del settore petrolifero è progredito bene da marzo 2020, ma le incertezze potrebbero portare a un rallentamento del trend. Inoltre, il fallimento al di sotto della media mobile 100 a livello di grafico potrebbe confermare questa ipotesi.

Stiamo ora prestando attenzione a un rendimento inferiore al livello massimo osservato tra marzo e giugno, situato a 37,80 €, che ha ripetutamente vanificato i tentativi di rimbalzo del corso azionario. La convalida al di sotto di questo livello dovrebbe portare ad un ritorno vicino alla soglia dei 35 euro, corrispondente al minimo dello scorso dicembre e ad un livello di supporto significativo osservato nel 2017.

Alcuni numeri della Total

  • Valutazione di mercato: 92,143 milioni di euro
  • Numero di azioni in circolazione: 3.677.259
  • Quotazione: indice CAC 40 comparto A sul mercato francese Euronext Paris
  • + alto: 47,78 euro
  • + basso: 19,81 euro
  • Settore: società integrate di petrolio e gas

4. Unibail Rodamco

Unibail Rodamco, che possiede, sviluppa, gestisce e gestisce asset commerciali e immobili, ha registrato un calo dell’utile netto del 29,5% (a 945 milioni di euro) tra gennaio e settembre. Questa perdita è stata principalmente dovuta alla chiusura dei suoi centri commerciali per diverse settimane, a causa della pandemia di coronavirus. Il gruppo ha registrato una contrazione del 30,4% dell’utile netto ricorrente per azione rettificato e una diminuzione degli affitti netti di gruppo del 17,2% durante lo stesso periodo.

Gli azionisti hanno rifiutato un piano di aumento del capitale di 3,5 miliardi di euro (presentato a settembre e che avrebbe avuto “conseguenze devastanti”), un limite ai dividendi e quattro miliardi di euro di vendita di asset. Unibail Rodamco ritiene di disporre di sufficiente liquidità e di avere accesso al mercato obbligazionario.

Pur registrando un calo del 60% dall’inizio dell’anno, la quotazione del titolo Unibail Rodamco è salita del 24,3% alla Borsa di Parigi, dopo l’annuncio del laboratorio Pfizer di un vaccino sperimentale contro Covid-19 efficace a più del 90%.

Il prezzo di Unibail Rodamco Westfield ha perso nel 2020 oltre il 77% della valutazione osservata il 1 ° gennaio dello stesso anno, ma è rimbalzato di oltre il 100% rispetto ai 29 € testati all’inizio di ottobre. La crisi, i confini ma anche i rischi di un diluitivo aumento di capitale per gli azionisti hanno sostenuto la tendenza al ribasso del titolo.

Questo titolo è particolarmente interessante per il suo livello di dividendo molto alto e sebbene i livelli di dividendo possano rimanere bassi per un po ‘, l’attuale valutazione consente di anticipare un rendimento da dividendo potenzialmente molto alto nel medio e lungo termine.

Attualmente mancando al di sotto di € 63,11, che è un livello di supporto significativo osservato nel 2008 e nel 2010, il prezzo delle azioni potrebbe correggersi verso € 55, il più basso recente e anche corrispondente al più alto osservato tra fine giugno e inizio novembre.

 

5. Peugeot

Il gruppo PSA ha annunciato di aver recuperato la sua crescita nel terzo trimestre del 2020, grazie alla forza del suo “mix” di prodotti, derivante dal successo degli ultimi lanci del gruppo, come la Peugeot 208, la Peugeot 2008, la Opel Vauxhall Corsa o la Citroën C5 Aircross. Il gruppo ha venduto un totale di 589.000 veicoli per il terzo trimestre, in calo del 12,7% su base annua. Tra luglio e settembre 2020, PSA ha registrato un fatturato di 15,45 miliardi di euro contro 15,58 miliardi di euro dell’anno precedente, in calo dello 0,8%.

PSA e il gruppo italo-americano Fiat Chrysler so sono fuse in “Stellantis”, ( STLA ) la nuova entità risultante dalla fusione, sono state riviste al rialzo, che sale a oltre 5 miliardi di euro, contro i 3,7 miliardi di euro precedentemente previsti.

Il prezzo delle azioni Peugeot è aumentato di quasi il 130% dal suo minimo annuale e il consolidamento potrebbe essere visibile prima di un rally rialzista di lungo termine. Al di là dell’analisi grafica, la fusione con FCA prevista per l’inizio del 2021 potrebbe aumentare il prezzo delle azioni.

Un guasto al di sotto della soglia significativa di 20 euro dovrebbe portare a un ritorno al livello tecnico importante, rappresentato dal rettangolo corrispondente a un livello significativo di supporto e resistenza dal 2008. Inoltre, sono attualmente localizzate le medie mobili di 100 e 200 periodi in questo livello di prezzo e questo potrebbe supportare lo scenario di un rimbalzo da questa fascia, situata a 18,20 – 18,70 euro.

Al rialzo, sarà necessario validare l’attraversamento del ritracciamento di Fibonacci del 38,2% (calo dal 2007 al 2012) a 21,48 euro per confermare una duratura prosecuzione del trend rialzista.

 

6. Ubisoft

L’editore di videogiochi ha rivisto i suoi obiettivi per l’anno fiscale 2020-2021, a seguito del rinvio dell’uscita di due giochi (Far Cry 6 e Rainbow Six Quarantine), a causa delle difficoltà di produzione legate al lavoro da casa a causa di Covid-19. Il primo semestre del gruppo è stato caratterizzato da una redditività record e da vendite ben al di sopra delle aspettative, ovvero un utile operativo non IFRS pari a 114,3 milioni di euro contro i 6,9 milioni di euro di un anno prima.

Utile netto non IFRS, la quota di gruppo ammonta a 89,1 milioni di euro rispetto ai 12,8 milioni di euro dell’anno precedente. Gli acquisti netti (o ricavi netti esclusi alcuni risconti passivi) sono stati pari a 754,7 milioni di euro, con un incremento del 14,2%.

Un’altra buona notizia per Ubisoft arriva dal lancio da parte di Sony della sua nuova console (PS5) nei mercati americano, australiano, canadese, coreano e giapponese.

Ubisoft ha resistito bene al calo di marzo ed è tornata ai livelli pre-crisi in poche settimane. Il settore è stato sostenuto dal contenimento e dall’arrivo della nuova generazione di console, che generalmente dà impulso al settore.

Il prezzo delle azioni rimane ben orientato e ha continuato il suo trend all’interno del canale rialzista per oltre un anno. La soglia degli 80 euro sembra essere un’importante resistenza che ha già sconfitto l’andamento del trend in numerose occasioni dall’inizio del 2019.

Attenderemo quindi che quest’ultimo venga attraversato per anticipare un prosieguo del trend verso il punto più alto da ottobre 2018 a 85,50 euro, o addirittura a contatto con la parte alta del canale, attualmente situato a 87 euro. Ciò potrebbe portare a una significativa inversione ribassista.

In caso di fallimento sotto gli 80 euro, il prezzo di Ubisoft dovrebbe continuare la sua correzione a breve termine e venire ad evolversi ancora una volta a contatto con il fondo del canale, attualmente a 72,50 €.

Alcuni numeri di Ubisoft

  • Capitalizzazione di mercato: 9,67 miliardi di euro
  • Fatturato: 1.534 milioni di euro nel 2020 (per una stima di 2.348 milioni di euro nel 2021)
  • + alto: 85,14 euro
  • + basso: 51,16 euro
  • Numero di azioni in circolazione: 120.951.000
  • Numero di dipendenti: 18.045 persone

7. LVMH

Il leader mondiale nei prodotti di alta qualità ( moda e luxury ) ha dimostrato una forte resilienza di fronte alla crisi sanitaria del Covid-19, che ha portato alla cessazione dei viaggi internazionali e alla chiusura dei negozi e dei siti produttivi del gruppo in tutto il mondo. LVMH mostra un calo delle vendite del 27% nella prima metà del 2020 rispetto allo stesso periodo del 2019.

L’utile operativo corrente del primo semestre 2020 si attesta a 1,671 milioni di euro. Il settore dei vini e liquori è sceso del 23%, il settore della moda e della pelletteria ha perso il 24%, il settore dei profumi e dei cosmetici è sceso del 29% e il settore degli orologi e dei gioielli ha visto diminuire le sue vendite del 39%. Segnali incoraggianti di ripresa si osservano in molte delle attività del gruppo, con in particolare un forte rimbalzo in Cina, e il mantenimento ad alto livello della redditività di Louis Vuitton, Christian Dior e Moët Hennessy.

LVMH mantiene la sua strategia incentrata sulla preservazione del valore dei suoi marchi e sul rafforzamento della sua politica di controllo dei costi e investimenti selettivi. Inoltre, il gruppo del lusso francese ha ottenuto il diritto di acquistare Tiffany, il gioielliere americano per 15,7 miliardi di dollari contro i 16,2 miliardi di dollari previsti, dopo diversi mesi di intense trattative.

La rotta LVMH continua ad evolversi ben oltre il suo massimo storico raggiunto prima della crisi e il titolo mantiene una configurazione rialzista ma persistono alcuni rischi nel breve periodo e un ritorno nella resistenza obliqua 2017-2020 potrebbe portare a una correzione del corso del titolo.

Una simile configurazione rappresenterebbe un significativo rischio di ribasso e potrebbe portare ad un ritorno a 435-445 euro, i livelli più alti storicamente raggiunti prima di novembre 2020.

In caso di mantenimento sopra l’inclinazione, invece, si anticipa un superamento della soglia dei 500 euro che consente di raggiungere l’estensione di Fibonacci del 161,8% (diminuzione da gennaio a marzo 2020) a 531,18 euro .

Alcuni numeri delle azioni LVMH

  • Valutazione in borsa: 249,628 milioni di euro
  • Vendite nel 2019: 53.670 milioni di euro
  • + alto: 500,5 euro
  • + basso: 275,76 euro
  • Ultimo dividendo: 2,6 euro (7 luglio 2020)
  • Numero di azioni in circolazione: 504757 339

8. Veolia

Il leader nell’acqua, nella gestione dei rifiuti e nei servizi energetici ha dimostrato la sua capacità di assorbire shock, riprendersi e guardare al futuro dopo la crisi sanitaria. Un rimbalzo che ha consentito un buon terzo trimestre, con vendite tornate a quella del 2019 e risultati decisamente migliori. Il gruppo Veolia ha realizzato un fatturato di 6.293 milioni di euro rispetto ai 6.441 milioni di euro del 2019.

Nell’acqua il fatturato è in aumento del 2,6%, i rifiuti in calo del 3,4% con volumi in calo del 2,6%, prezzi in aumento dell’1,6% e un effetto prezzo dei materiali riciclati in calo dello 0,9%. L’energia è aumentata dello 0,8% e il reddito corrente netto del 10,6%. Veolia ha acquisito il 29,9% del capitale di Suez da Engie nell’ottobre 2020, con l’obiettivo di acquisirlo tutto e diventare il campione del mondo nella trasformazione ecologica.

Il grafico di Veolia mostra una costruzione double Bottom nel 2020, che le ha consentito di riprendersi a un livello significativo di resistenza, che ha già ripetutamente ostacolato l’avanzamento del prezzo delle azioni nel 2020. Inoltre, questo prezzo è il 50,0% di Fibonacci e la media mobile di 100 periodi. Sarà quindi necessario convalidare l’incrocio di 21,60 euro per confermare la continuazione del trend rialzista.

Se mantenuta al di sotto dei 20 euro, il prezzo del titolo Veolia dovrebbe tornare a contatto con la media mobile del periodo 200 a 18,78 €. In caso di forte peggioramento delle condizioni di mercato e in caso di breakout dell’MM200 è previsto il ritorno al livello di supporto maggiore a 15-16 euro.

Alcuni numeri chiave delle azioni Veolia

  • Capitalizzazione di mercato: 10,379 miliardi di euro
  • Numero di dipendenti: 171212 persone
  • Fatturato: 27,189 milioni di euro
  • Utile netto: 625 milioni di euro nel 2019
  • + alto: 28,33 euro
  • + basso: 15,60 euro

9. Bouygues

Bouygues annuncia risultati molto buoni per il terzo trimestre 2020, dopo un primo semestre fortemente influenzato dalla crisi legata al Covid-19. Se il fatturato dei primi nove mesi è in calo del 10% (o 24,9 miliardi di euro) rispetto allo stesso periodo del 2019, è in forte miglioramento nel terzo trimestre (1%, dopo 8% nel primo trimestre e 21% nel secondo trimestre del 2020 su un anno).

L’utile operativo corrente è stato pari a 681 milioni di euro nei primi nove mesi del 2020, a fronte di una perdita di 132 milioni di euro nel primo semestre, e il margine operativo corrente ha raggiunto il 2,7% (contro un decremento di 0, 9% nel primo semestre). L’utile netto di Bouygues è tornato ampiamente positivo a 283 milioni di euro nei primi nove mesi del 2020 (rispetto a 244 milioni di euro nel primo semestre).

Il gruppo Bouygues ha un elevato livello di liquidità e una struttura finanziaria particolarmente solida (10,1 miliardi di euro di cassa disponibile a fine settembre 2020, di cui 2,4 miliardi di euro di cassa e 7,7 miliardi di euro). ‘euro in linee di credito a medio e lungo termine). Questi risultati confermano l’elevata redditività del gruppo e spingono i manager a rivedere al rialzo le proprie prospettive per la seconda metà del 2020.

Dopo un calo significativo durante il panico di marzo 2020, il prezzo di Bouygues si sta evolvendo in una tendenza al rialzo costante. Tuttavia, un nuovo test di inclinazione, che convaliderebbe un ritorno al canale, dovrebbe portare ad un’accelerazione ribassista, come quella osservata ad agosto dopo due fallimenti consecutivi al di sotto di tale inclinazione.

Quindi, questo scenario potrebbe portare il prezzo del titolo Bouygues a contatto con il fondo del canale, attualmente posizionato a 28,70 euro.

Segui l’evoluzione del prezzo delle azioni Bouygues SA con IG

Alcuni numeri di Bouygues

  • Capitalizzazione di mercato: 12,79 miliardi di euro
  • Fatturato: 37.929 milioni di euro nel 2019
  • + alto: 39,23 euro
  • + basso: 21,15 euro
  • Numero di lavoratori: 130.500 persone

10. Worldline

Lo specialista dei pagamenti elettronici conferma un netto miglioramento della propria attività nel terzo trimestre 2020, con ricavi intorno ai 573 milioni di euro, in calo del 2,7% rispetto allo scorso anno. Il fatturato del gruppo è stato pari a 1.089,2 milioni di euro nel primo semestre, in diminuzione del 5,7% rispetto al primo semestre 2019 a causa della pandemia legata al coronavirus.

Worldline ha saputo compensare l’impatto del Covid-19 e salvaguardarne la redditività grazie alle forti misure adottate per adeguare la base di costo, in particolare per i costi discrezionali e del personale, nonché il portafoglio ordini che ha raggiunto il suo massimo livello storico. fine giugno 2020 a 4 miliardi di euro. Il gruppo ha inoltre annunciato il successo dell’OPA amichevole (OPA) sul concorrente francese Ingenico, per creare il leader europeo nelle attività di pagamento e il quarto operatore nel settore.

Il corso Worldline è ancora in rialzo di quasi il 350% dalla sua IPO nel giugno 2014 ma a breve termine, dopo aver raggiunto un nuovo record a settembre, il prezzo delle azioni si corregge.

Graficamente Worldline dovrebbe raggiungere il recente minimo di 72,40 euro e assisteremo al mantenimento sotto i 100ma che dovrebbe portare ad un ulteriore movimento verso la media mobile del periodo 200, situata a 68,84 €. In caso di rottura di quest’ultimo, fisseremo l’obiettivo al minimo da inizio maggio a 61,80 euro.

Nel più lungo periodo un rendimento rialzista sembra favorevole e il nostro obiettivo sarà vicino alla soglia dei 100 euro a 103,25 euro, corrispondente all’estensione di Fibonacci del 161,8% (calo da febbraio a marzo 2020).

Si ringrazia: IG

Altri titoli stranieri interessanti

Titoli Cinesi

Titoli spagnoli

Azioni del Regno Unito

Azioni Tedesche

Nasdaq

Wall Street

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *