Blue Chips: le Azioni Migliori su cui Investire al riparo dall’Inflazione

Su quali azioni investire in momenti di crisi e inflazione come questi? In questi periodi turbolenti possiamo affidare la Nostra quota del portafoglio titoli dedicato ai titoli azionari alle Blue Chips, le azioni più affidabili che ci sono.

Cosa sono le azioni Blue Chips?

Le azioni blue chips, sono titoli di grandi società consolidate che vantano una capitalizzazione di mercato nell’ordine dei miliardi di dollari riescono a portare discreti dividenti e buona crescita del valore del titolo in modo costante e ( quasi) sicuro.
Non hanno necessità di pagare dividendi per consolidare il loro titolo in Borsa. La maggior parte di queste aziende ha un record di pagamenti di dividendi stabili o in crescita da anni.
Le azioni blue chips non si possono acquistare quasi mai a buon mercato. Sono piuttosto costose. Sono l’esatto contrario delle penny stock, che costano pochi centesimi e sono più adatte a speculatori “rapaci”. Le blue chips sono le preferite dagli investitori che ricercano sicurezza e crescita dei flussi di reddito.
Blue Chips: le Azioni Migliori su cui Investire al riparo dall'Inflazione

All’orizzonte: la recessione

L’S&P500 ha registrato il peggior primo semestre dell’anno dal 1970, scivolando di oltre il 20% in sei mesi. Molti analisti sono ora del parere che l’economia statunitense sia a un bivio, dato che l’inflazione alle stelle, l’aumento dei tassi di interesse e un mercato volatile potrebbero far precipitare l’economia nella sua prima recessione dal 2009. Il capo economista di Wells Fargo Jay Bryson prevede che una lieve recessione nel 2023 “sembra più probabile che no” e prevede che l’economia si ridurrà dell’1% in due trimestri nel prossimo anno.

JPMorgan Chase ha aumentato la probabilità prevista di una recessione nei prossimi 12 mesi al 35%, osservando che “i rischi sono decisamente orientati al rialzo sull’inflazione e al ribasso sulla crescita”. Beth Ann Bovino, capo economista statunitense di S&P Global, ritiene che l’economia statunitense eviterà una recessione nel 2022 a causa del recente slancio economico, ma osserva che sarebbe abbastanza difficile per l’economia uscire dal 2023 “illesa”. I suoi calcoli mettono la probabilità di una recessione al 40%.

Perché scegliere le azioni Blue Chips?

Poiché gli investitori stanno abbandonando i titoli rischiosi e in crescita nell’ambiente attuale che ha messo sotto pressione il potere di guadagno e il prezzo delle azioni di ogni società, l’importanza delle azioni blue chips consolidate è decisamente aumentata. Le azioni blue chips sono le società più conosciute e dominanti nei rispettivi campi. Dal momento che hanno solidi modelli di business e una lunga storia di solidi guadagni, queste società hanno quindi le migliori possibilità di sopravvivere, o addirittura di registrare guadagni, durante una recessione. Questi includono nomi come International Business Machines Corporation (NYSE:IBM), The Coca-Cola Company (NYSE: KO ) e Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE: GS ), insieme ad altri menzionati di seguito.

 

la metodologia di questo articolo

Le azioni blue chips che sono ben posizionate nel clima finanziario in corso e hanno valutazioni positive degli analisti sono state incluse nell’elenco seguente. Il sentiment degli hedge fund è stato utilizzato come qualificatore per la popolarità di ciascun titolo.

Le migliori azioni Blue Chips da acquistare in questo momento

11. ONEOK, Inc. (NYSE: OKE )

  • Numero hedge fund che ne sono titolari: 25

ONEOK, Inc. (NYSE:OKE) è una società con sede in Oklahoma che si occupa di lavorazione, stoccaggio e trasporto di gas naturale negli Stati Uniti. L’aumento dei prezzi dell’energia posiziona la società molto bene per il futuro e il suo rendimento impressionante ma sostenibile del 6,59% al 1° luglio lo rende anche un interessante titolo azionario con dividendi. Il 2 maggio, l’analista di Truist Neal Dingmann ha assunto la copertura di ONEOK, Inc. (NYSE:OKE) con un rating “Buy” e un target price di 78 dollari.

Dei 912 hedge fund nel database  25 hedge fund erano lunghi ONEOK, Inc. (NYSE:OKE) con posizioni combinate per un valore di 174,4 milioni di dollari. Lo stesso numero di hedge fund era rialzista anche sulle azioni della società un trimestre prima. Adage Capital Management è stato il maggiore azionista di ONEOK, Inc. (NYSE:OKE) nel primo trimestre, con una posizione di 32 milioni di dollari. Millennium Management è stato anche un importante stakeholder con una quota di 28 milioni di dollari, che di recente ha visto un enorme aumento del 199%.

Miller Howard Investments ha parlato di molti titoli nella sua lettera per gli investitori del terzo trimestre 2021 e ONEOK, Inc. (NYSE:OKE) era uno di questi. Il fondo ha detto :

A fine agosto, abbiamo aumentato l’esposizione ciclica del portafoglio tagliando i servizi di pubblica utilità dopo un periodo di sovraperformance relativa e riallocando il capitale all’energia midstream, che si era ritirata durante l’estate. Abbiamo aggiunto ONEOK Inc. (OKE) con l’aspettativa che trarrà vantaggio dall’aumento del recupero di gas naturale e liquidi di gas naturale (NGL) nella regione di Bakken”.

Oltre a International Business Machines Corporation (NYSE:IBM), The Coca-Cola Company (NYSE:KO) e Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE:GS), ONEOK, Inc. (NYSE:OKE) è uno dei migliori azioni blue chips da acquistare ora.

10. DTE Energy Company (NYSE: DTE )

  • Numero hedge fund che hanno questa azione: 28

DTE Energy Company (NYSE:DTE) è la prossima nella nostra lista delle migliori azioni blue chips da acquistare in questo momento. Si occupa della fornitura di elettricità e gas ai consumatori nel sud-est del Michigan e fornisce anche aria compressa, servizi di trattamento delle acque reflue, produzione di acqua refrigerata e coke metallurgico a clienti industriali. A partire dal 1 luglio, la società ha un dividendo trimestrale di $ 0,88 per azione, portando il suo rendimento al 2,74%. DTE ha visto il suo prezzo delle azioni salire di oltre il 15% negli ultimi 12 mesi.

L’analista di Credit Suisse Nicholas Campanella a fine maggio ha aggiornato DTE Energy Company (NYSE:DTE) a “Outperform” da “Neutral” e ha rivisto l’obiettivo di prezzo a $ 140, in ribasso da $ 142. L’analista ritiene che due temi domineranno il panorama degli investimenti nei servizi di pubblica utilità nel prossimo anno, vale a dire la decarbonizzazione e l’inflazione, e vede DTE ben posizionato su entrambe le estremità. Gli analisti ritengono inoltre che la direzione aziendale stia probabilmente registrando una crescita dell’EPS nella fascia alta dell’intervallo del 5-7%.

28 hedge fund erano rialzisti su DTE Energy Company (NYSE:DTE) alla fine del primo trimestre 2022, con posizioni complessive per un valore di 482,3 milioni di dollari. Questo è in confronto ai 27 hedge fund nel trimestre precedente con $ 779 milioni di partecipazioni nella società. Il più grande azionista dell’azienda nel primo trimestre è stato Millennium Management con una quota di quasi 140 milioni di dollari.

9. Digital Realty Trust, Inc. (NYSE: DLR )

  • Numero hedge fund che hanno investito in questa azione: 31

Digital Realty Trust, Inc. (NYSE:DLR) è un fondo di investimento immobiliare che possiede e gestisce più di 290 data center in 26 paesi in tutto il mondo. Fornisce servizi cloud come centri di elaborazione dati, archiviazione e scambio sicuri a clienti come Amazon Web Services (AWS), Google Cloud, Adobe e LinkedIn, tra gli altri. L’azienda sta godendo di forti tendenze secolari poiché il mondo deve far fronte a una crescente domanda di servizi cloud. Digital Realty Trust, Inc. (NYSE:DLR) ha un dividend yield di oltre il 3% e ha aumentato il proprio dividendo costantemente negli ultimi 17 anni.

Il 30 giugno, l’analista di Jefferies Jonathan Petersen ha aggiornato Digital Realty Trust, Inc. (NYSE:DLR) a “Buy” da “Hold” con un obiettivo di prezzo di $ 160, rispetto a 151 dollari, citando il potere di determinazione dei prezzi dell’azienda e il modello di business resiliente che avrebbe fare bene in una recessione. L’analista osserva che il settore immobiliare ha registrato forti rendimenti durante i passati periodi di stagflazione e raccomanda REIT con potenziale di inflazione degli affitti come data center, storage, industriali, torri e residenziali.

Si è visto che gli hedge fund si sono accaparrati azioni di Digital Realty Trust, Inc. (NYSE:DLR). Alla fine di marzo, 31 hedge fund hanno riportato scommesse rialziste sulle azioni DLR, rispetto ai 26 hedge fund del trimestre precedente. Jasper Ridge Partners , con una posizione di circa 93 milioni di dollari, è stato il maggiore azionista di Digital Realty Trust, Inc. (NYSE:DLR) nel primo trimestre.

8. The Hershey Company (NYSE: HSY )

  • Numero hedge fund che hanno in portafoglio questa azione: 40

Un titolo difensivo di beni di consumo come The Hershey Company (NYSE:HSY) è un tesoro per gli investitori nei momenti di turbolenza del mercato azionario. Vantando forti flussi di cassa, un impressionante potere di determinazione dei prezzi e fedeltà al marchio in tutto il mondo, The Hershey Company (NYSE: HSY) è uno dei migliori titoli blue chips da acquistare ora. Produce e vende prodotti dolciari e articoli per la dispensa negli Stati Uniti e all’estero.

La Hershey Company è uno stock di dividendi stabile, con 370 pagamenti regolari consecutivi di dividendi ad aprile di quest’anno. Offre un dividendo trimestrale di $ 0,90 per azione, con un rendimento dell’1,63% a partire dal 1 luglio.

Gli investitori erano entusiasti di The Hershey Company (NYSE:HSY) nel primo trimestre. 40 hedge fund detenevano partecipazioni nella società alla fine di marzo, per un valore complessivo di 1,4 miliardi di dollari. Al contrario, 37 hedge fund erano long su HSY nel trimestre precedente, con $1,5 miliardi di posizioni aggregate. Renaissance Technologies di Jim Simons deteneva 3,06 milioni di azioni di The Hershey Company (NYSE:HSY) nel primo trimestre con un valore di quasi 663 milioni di dollari, diventando così il principale azionista dell’azienda.

Il 29 aprile, l’analista di BMO Capital Kenneth Zaslow ha aumentato l’obiettivo di prezzo dell’azienda su The Hershey Company (NYSE:HSY) a $ 255 da $ 215 e ha mantenuto un rating “Outperform” sulle azioni della società, rilevando che rimangono un “investimento convincente”. Zaslow ha valutato che l’azienda ha superato significativamente le stime del primo trimestre grazie al forte contributo delle sue recenti acquisizioni, all’elasticità della domanda migliore del previsto e al rifornimento delle scorte prima delle aspettative.

 

7. International Business Machines Corporation (NYSE: IBM )

  • Numero hedge fund che hanno comprato questo titolo azionario: 43

International Business Machines Corporation (NYSE:IBM) fornisce soluzioni e servizi integrati attraverso i suoi segmenti: software, consulenza, infrastrutture e finanziamento. La società da  127 miliardi di dollari ha un record di 27 anni di crescita continua del suo dividendo e ha un dividendo trimestrale di  1,65 dollari per azione, portando il suo rendimento al 4,68% a partire dal 1 luglio.

Ad aprile, l’analista di BofA Wamsi Mohan ha mantenuto un rating “Buy” sulle azioni della International Business Machines Corporation (NYSE:IBM) e ha aumentato l’obiettivo di prezzo a $ 165 da $ 162 dopo che l’azienda ha pubblicato solidi risultati del primo trimestre e ha fornito ottime prospettive per il 2022. La difensiva di IBM il portafoglio può sovraperformare in un contesto macroeconomico difficile, secondo l’analista, che vede una crescita sostenuta dei ricavi per l’azienda oltre il 2022.

Arrowstreet Capital è stato l’azionista più importante di International Business Machines Corporation (NYSE:IBM) nel primo trimestre, con 4,46 milioni di azioni per un valore di circa 580 milioni di dollari. Un totale di 43 hedge fund erano rialzisti sulle azioni della società alla fine del primo trimestre 2022, rispetto ai 44 hedge fund del trimestre precedente.
Ecco cosa ha da dire la St. James Investment Company su International Business Machines Corporation (NYSE: IBM) nella sua lettera per gli investitori del quarto trimestre 2021.

“ IBM non è stata la prima azienda a costruire computer. La distinzione spetta alla consociata di Sperry-Rand, UNIVAC, che ha introdotto i primi computer di successo commerciale all’inizio degli anni ’50. In quest’epoca, IBM possedeva il più grande dipartimento di ricerca e sviluppo dell’industria delle macchine aziendali e si mise rapidamente al passo, introducendo computer competitivi in ​​termini di costi pochi anni dopo UNIVAC. Alla fine degli anni ’50, IBM deteneva la quota di mercato dominante dei computer. IBM ha anche propagandato un’organizzazione di vendita di gran lunga superiore, che utilizzava una tattica di vendita chiamata “macchine per la carta” (l’equivalente dell’odierno “vaporware”). Se il prodotto di un concorrente stava vendendo bene in un segmento di mercato in cui IBM doveva ancora penetrare, l’azienda avrebbe annunciato un prodotto concorrente e avrebbe iniziato a prendere ordini per la “macchina continua” molto prima che fosse disponibile.

Non si può sopravvalutare quanto fosse potente l’IBM nell’industria dei computer negli anni ’50 e ’60. Ogni concorrente temeva giustamente che se il proprio prodotto funzionava troppo bene per troppo tempo, era solo questione di
tempo prima che un esercito di rappresentanti della forza vendita IBM si mobilitasse. Nelle loro uniformi facilmente riconoscibili di camicie bianche inamidate, cravatte rosse e abiti blu, i marketer IBM hanno marciato verso i loro clienti e hanno offerto una scelta più costosa, ma molto più difendibile. “Nessuno viene licenziato per aver acquistato IBM” era una frase comune. Anche i concorrenti hanno riconosciuto che l’azienda eccelleva nelle vendite. Come si è lamentato una volta un dirigente dell’UNIVAC, “Non serve a molto costruire una trappola per topi migliore se l’altro tizio che vende trappole per topi ha un numero di venditori cinque volte superiore”. ”

6. Marathon Petroleum Corporation (NYSE: MPC )

  • Numero di hedge fund titolari di questa blue chip: 43

Marathon Petroleum Corporation (NYSE:MPC) è una compagnia energetica con sede in Ohio ed è la più grande raffineria di petrolio greggio negli Stati Uniti. Si occupa del trasporto e della commercializzazione di prodotti petroliferi negli Stati Uniti ea livello internazionale. Le azioni della società hanno registrato guadagni impressionanti del 43,26% negli ultimi 12 mesi e del 28,66% nell’anno finora, a partire dal 1 luglio. Le sanzioni sul petrolio greggio russo e l’impennata dei prezzi dell’energia agiscono come vento favorevole per Marathon Petroleum Corporation (NYSE: MPC), rendendolo uno dei migliori titoli blue chips in cui investire in questo momento.

Il 13 giugno, l’analista di BMO Capital Phillip Jungwirth ha avviato la copertura di Marathon Petroleum Corporation (NYSE:MPC) con un rating “Outperform” e un prezzo target di $ 135. L’analista ha espresso fiducia nel principale programma di riacquisto di azioni della società, che diventerà più sostenibile solo grazie al suo “robusto profilo di flusso di cassa libero” nel 2022 e nel 2023. Jungwirth pensa ancora che le azioni MPC siano “economiche” ai livelli attuali.

Una revisione dettagliata degli oltre 900 hedge fund nel database  ha mostrato che 43 hedge fund erano stakeholder di Marathon Petroleum Corporation (NYSE:MPC), con posizioni combinate per un valore di 2,51 miliardi di dollari. Ciò mostra una tendenza positiva rispetto al trimestre precedente, in cui 41 hedge fund erano lunghi su azioni MPC.

Clark Street Value, una società di gestione degli investimenti, ha menzionato Marathon Petroleum Corporation (NYSE:MPC) nella sua lettera per gli investitori del quarto trimestre 2021, affermando :

“Durante il peggio del covid, ho acquistato alcuni LEAP su Marathon Petroleum (MPC) come proxy per Par Pacific (PARR) poiché le opzioni di lunga data non erano disponibili in seguito. Quelle chiamate MPC scadono il mese prossimo e prenderò profitti, con PARR ho ridotto la mia posizione durante tutto l’anno e potrei vendere il resto all’inizio del prossimo anno, l’ho posseduto per 6-7 anni e non è andato da nessuna parte, loro non ho toccato i NOL, solo un affare difficile che probabilmente non capisco bene come dovrei”.

Insieme a International Business Machines Corporation (NYSE:IBM), The Coca-Cola Company (NYSE:KO) e Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE:GS), Marathon Petroleum Corporation (NYSE:MPC) è uno dei principali titoli blue chips acquistare nel 2022.

5. McDonald’s Corporation (NYSE: MCD )

  • Numero di hedge fund che ha investito in questa blue chip: 58

McDonald’s Corporation (NYSE:MCD) è uno dei marchi più conosciuti in tutto il mondo. Uno studio di ricerca ha scoperto che l’iconico logo degli archi dorati di McDonald’s è riconosciuto da più persone in tutto il mondo rispetto alla croce cristiana. McDonald’s si classifica anche come un’azione Dividend Aristocrat, con un rendimento del 2,18% al 1 luglio e un’impressionante storia di 46 anni di aumento dei dividendi al suo attivo.

Il 29 giugno, l’analista di Atlantic Equities Edward Lewis ha aggiornato McDonald’s Corporation (NYSE:MCD) a “Overweight” da “Neutral” con un prezzo target di $ 278. L’azienda offre un gioco di valore difensivo con la sua leadership nello spazio globale dei ristoranti a servizio rapido (QSR), secondo l’analista, che apprezza il modello di business resiliente dell’azienda e la sua vasta esperienza nella gestione di periodi economici difficili.

58 hedge fund erano rialzisti su McDonald’s Corporation (NYSE:MCD) alla fine del primo trimestre con posizioni aggregate per un valore di 2,73 miliardi di dollari. Questo è in aumento da 57 hedge fund nel trimestre precedente. Renaissance Technologies di Jim Simons è stato il maggiore azionista di McDonald’s Corporation (NYSE:MCD) nel primo trimestre, con una quota di quasi 626 milioni di dollari.

 

4. The Coca-Cola Company (NYSE: KO )

  • Numero di hedge fund possessori di questa blue chip: 64

Quando il mercato sta massacrando azioni a destra e a manca, The Coca-Cola Company (NYSE:KO) rappresenta un rifugio sicuro per gli investitori. Il produttore di bevande ha aumentato i suoi dividendi per quasi 6 decenni, a testimonianza della sua presenza globale, guadagni robusti, potere di determinazione dei prezzi e forte fedeltà al marchio. Offre un rendimento da dividendo del 2,73% a partire dal 1 luglio ed è salito del 19,49% negli ultimi 12 mesi.

Alla fine del primo trimestre del 2022, la Berkshire Hathaway di Warren Buffett deteneva 400 milioni di azioni di The Coca-Cola Company (NYSE:KO) per un prezzo di 24,79 miliardi di dollari, diventando così il maggiore azionista dell’azienda. In totale, 64 hedge fund sono stati rialzisti sulle azioni della società con una partecipazione complessiva del valore di  29,17 miliardi di dollari.

L’analista di Morgan Stanley Mike Wilson ha recentemente nominato The Coca-Cola Company (NYSE:KO) nell’elenco delle società che possono rivedere al rialzo la propria guida agli utili nel 2023, nonostante i timori di una recessione in arrivo. Ritiene che ci sia un potenziale di rialzo del 29% per le azioni ai livelli attuali e ha assegnato al titolo un rating “sovrappeso”.

La società di gestione degli investimenti ClearBridge Investments ha menzionato The Coca-Cola Company (NYSE:KO) nella sua lettera agli investitori del quarto trimestre 2021. Ecco cosa hanno detto:

“Nell’ultimo anno, abbiamo riposizionato il nostro portafoglio per navigare nel corso che vediamo avanti. Abbiamo aggiunto aree più difensive del portafoglio come i beni di prima necessità ( Coca-Cola ). Mentre il prossimo mese o due probabilmente si rivelerà instabile a causa della variante Omicron, riteniamo che Omicron, come Delta, rappresenti un aumento di velocità sulla via del recupero piuttosto che un vero cambiamento di rotta. Vediamo un forte slancio economico continuare nel 2022 e prevediamo un aumento dei tassi di interesse. Dopo un decennio di tassi notevolmente bassi, non saremmo sorpresi se questo cambio di direzione fosse accompagnato da alcuni singhiozzi nei mercati. Con la nostra enfasi sul potere di determinazione dei prezzi, l’esposizione mirata al settore, la disciplina di valutazione e un forte profilo dei dividendi, riteniamo di essere ben posizionati per il prossimo anno”.

 

3. NIKE, Inc. (NYSE: NKE )

  • Numero di hedge fund che hanno investito in questa blue chip: 67

NIKE, Inc. (NYSE:NKE) è un produttore di articoli sportivi con sede negli Stati Uniti. A causa del rallentamento della domanda in Cina e delle continue interruzioni della catena di approvvigionamento, molti analisti hanno recentemente ridotto i loro obiettivi di prezzo su Nike, ma hanno mantenuto valutazioni positive a causa del battito degli utili trimestrali della società, delle sue opportunità a lungo termine e della posizione di società sportiva leader nel mondo. La serie di 20 anni di dividendi in crescita della società lo rende anche uno dei migliori titoli blue chips da acquistare, con un rendimento dell’1,21% a partire dal 1 luglio.

Il 28 giugno, l’analista di Morgan Stanley Alex Straton ha mantenuto un rating “sovrappeso” sulle azioni NIKE, Inc. (NYSE: NKE) e ha rivisto l’obiettivo di prezzo a $ 149 da $ 159, osservando che mantiene una visione rialzista a lungo termine della società nonostante la recente pressione sul margine lordo. L’analista di Deutsche Bank Gabriella Carbone e l’analista di Wedbush Tom Nikic avevano anche i rating “Buy” e “Outperform” rispettivamente sulle azioni NIKE, Inc. (NYSE:NKE).

Alla fine del primo trimestre, 67 hedge fund hanno dichiarato di possedere partecipazioni in NIKE, Inc. (NYSE:NKE), rispetto ai 68 hedge fund del trimestre precedente. Fundsmith LLP è stato il principale azionista del primo trimestre della società di articoli sportivi, con una posizione composta da 6,7 ​​milioni di azioni per un valore di circa $ 905 milioni.

Clearbridge Investments ha parlato della performance e delle prospettive future di NIKE, Inc. (NYSE:NKE) nella sua lettera per gli investitori del quarto trimestre 2021. Ecco cosa diceva:

“NIKE, Inc. (NYSE:NKE) è un altro gioco sull’e-commerce, nonché sulla prevista crescita della spesa dei consumatori mentre impariamo a convivere con il COVID-19. Dopo aver esaurito le azioni nel 2016 a causa di problemi di concorrenza, siamo stati motivati ​​a riacquistare azioni a causa dell’ottimismo sull’obiettivo di un nuovo team di gestione di accelerare il passaggio di Nike verso l’e-commerce e la distribuzione diretta al consumatore (DTC). I problemi a breve termine della catena di approvvigionamento in Vietnam e la debolezza della vendita al dettaglio in Cina, che riteniamo effimera, hanno fornito una buona opportunità di acquisto. Non crediamo che il mercato stia dando il giusto credito al potenziale di Nike di offrire una crescita dei ricavi interessante e a una cifra, offrendo al contempo un’espansione del margine operativo poiché più merce viene venduta direttamente. Anche NIKE, Inc. (NYSE:NKE) è ancora sotto indicizzato alla categoria femminile, che consideriamo un importante catalizzatore in corso”.

2. Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE: GS )

  • Numero di titolari di hedge fund che hanno questra blue chip: 71

Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE:GS) sembra sottovalutato, con un rapporto P/E (prezzo/utili) di 5,81. Il recente stress test della Federal Reserve ha mostrato che l’azienda bancaria ha anche uno dei bilanci più impressionanti di tutte le principali banche degli Stati Uniti.

Il 29 giugno, l’analista di BofA Ebrahim Poonawala ha aggiornato Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE:GS) a “Buy” da “Neutral” con un prezzo target di $ 380, rispetto a 360 dollari. L’analista non ha attribuito questo aggiornamento a un miglioramento delle prospettive per i titoli bancari in generale, ma ha piuttosto sottolineato l’attraente rischio/rendimento relativo di Goldman Sachs e ha notato che vede la banca ben posizionata per sovraperformare in un contesto economico in deterioramento.

71 hedge fund erano rialzisti su Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE:GS) alla fine del primo trimestre, con un valore complessivo di 4,59 miliardi di dollari. Al contrario, 75 hedge fund erano parti interessate dell’azienda un trimestre prima. Con una posizione di 1,12 miliardi di dollari, Eagle Capital Management è stato il maggiore azionista di Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE:GS) nel primo trimestre del 2022.

Ariel Investments ha parlato di Goldman Sachs Group, Inc. (NYSE:GS) nella sua lettera del quarto trimestre 2021 agli investitori. Ecco cosa è stato detto:

“L’aumento dei tassi di interesse, dopo un periodo sorprendentemente lungo di bassi tassi assoluti e tassi “reali” negativi, creerà un vento contrario. Sebbene si sia discusso molto sulla causa di questi tassi bassi, riteniamo che il fattore più importante siano stati i $ 120 miliardi di acquisti mensili di obbligazioni del mercato aperto della Federal Reserve e l’accumulo di un bilancio di $ 8 trilioni. Il primo finirà e il secondo si ridurrà. Non è solo la Fed ad aver acquistato obbligazioni in modo aggressivo, aumentando i prezzi e abbassando i rendimenti. I commercianti di obbligazioni e i gestori di hedge fund hanno rafforzato le posizioni, fiduciosi che essere dalla stessa parte della Fed fosse il posto più saggio dove stare. Ora che la Fed sta per diventare un venditore di obbligazioni piuttosto che un acquirente, è probabile che la “moneta intelligente” di Wall Street segua l’esempio. In questo contesto,

Questa aspettativa di un ritorno alla media dei tassi di interesse ha aiutato la performance del 2021, anche se non quanto speravamo. Il rendimento del Treasury statunitense a 10 anni è infatti passato dal +0,92% di inizio anno al +1,52% di fine anno. Una storia sottostimata è stata la scarsa performance delle obbligazioni l’anno scorso. L’indice Barclays Aggregate è sceso del -1,67% per l’anno terminato a dicembre rispetto a un rendimento del +28,71% per le azioni misurato dall’S&P 500. I tassi di interesse hanno continuato a salire nel 2022 con il Tesoro a 10 anni a +1,79% mentre vai a stampare. Questo aumento dei tassi ha contribuito al nostro buon inizio del 2022. Il Goldman Sachs Group, Inc. (GS) è balzato del +47,59% nell’anno e del +1,73% nel trimestre”.

 

1. Expedia Group, Inc. (NASDAQ: EXPE )

  • Numero  di hedge fund che hanno investito in questa blue chip: 88

Expedia Group, Inc. (NASDAQ:EXPE) è una compagnia di viaggi online con sede a Seattle, Washington. Di recente è apparso nell’elenco di titoli stabili di Goldman Sachs che sono ben posizionati nell’attuale clima finanziario.

Il 28 giugno Thomas Champion, analista di Piper Sandler, ha assegnato una valutazione “sovrappeso” invariata, che considera l’opportunità B2B dell’azienda “interessante” e vede il segmento pronto per una forte crescita continua per raggiungere $ 5 miliardi di vendite entro il 2027. L’analista ha abbassato l’obiettivo di prezzo a $ 155 da $ 225 per riflettere la volatilità complessiva del mercato. L’analista di JMP Securities Nicholas Jones, con una valutazione “Market Perform”, è stato positivo sull’obiettivo strategico di Expedia Group, Inc. (NASDAQ: EXPE) di promuovere relazioni più solide con i consumatori con un utilizzo più intenso delle app e un programma fedeltà, poiché l’azienda inizia a ottenere maggiori guadagni e stabilizzare la propria quota di mercato.

Il sentiment degli investitori è aumentato sulle azioni di Expedia Group, Inc. (NASDAQ:EXPE). Alla fine del primo trimestre 2022, 88 hedge fund detenevano posizioni per un valore di 6,33 miliardi di dollari nella compagnia di viaggi, rispetto agli 82 hedge fund del trimestre precedente. D1 Capital Partners di Daniel Sundheim deteneva 7,61 milioni di azioni di Expedia Group, Inc. (NASDAQ: EXPE) per un valore di 1,48 miliardi di dollari, diventando così il principale azionista del primo trimestre dell’azienda.

Ecco cosa ha detto Aristotele Capital Management su Expedia Group, Inc. ( NASDAQ: EXPE ) nella sua lettera per gli investitori del primo trimestre 2022:

“ Expedia ha sovraperformato nel primo trimestre a seguito di un rapporto sugli utili migliore del previsto per il quarto trimestre dell’azienda del 2021. Durante la pandemia, l’azienda ha ridotto le spese, migliorando la leva operativa con la ripresa dei ricavi. Le aspettative per i viaggi nel 2022 sono migliorate poiché i casi di COVID sono diminuiti”.

Altre azioni Blue Chips quotate alla Borsa di Milano.

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *