Azioni Unipol (UNI) Quotazioni Previsione Prezzo 2022

Servizi assicurativi e finanziari acquisiscono un’importanza crescente nell’attuale scenario socio-economico italiano, in particolare quelli dedicati a salute e previdenza. Oggi scopriremo insieme il Gruppo Unipol, attraverso profilo societario, storia, modello di business e andamento azionario, per valutarne l’effettiva convenienza.

Holding nazionale dalla lunga storia, si impegna dalle origini nel miglioramento della qualità della vita della clientela, supportando e tutelandone i progetti, sempre con trasparenza, efficienza, innovazione e sostenibilità sociale. Prima di investirvi sarà però necessario capire, conviene comprare azioni Unipol?

Quotazione azioni Unipol ( BIT: UNI ) in tempo reale:

Azioni Unipol dati sempre aggiornati: Capitalizzazione, Prezzo per azione, Volume scambi , Dividendo per azione, Rapporto Dividendo/prezzo, Rapporto Prezzo/Utili, Azioni in circolazione

Azioni Unipol (UNI) Quotazioni Previsione Prezzo
Sopra: il logo del Gruppo Unipol Spa

Cos’è Unipol e di cosa si occupa?

Nata nel 1962 a Bologna, il Gruppo Unipol è un’holding finanziaria impegnata in servizi assicurativi e finanziari specializzata in soluzioni per ramo danni, salute e piani pensionistici integrativi.

Il suo nome è la contrazione di Unica Polizza, mentre il presidente è Carlo Cimbri, che è anche presidente della controllata UnipolSai Assicurazioni, nonché consigliere RCS Group e Fondazione Censis. La sede principale invece è la Torre Unipol a Bologna. Maggiore azionista è Coop Alleanza 3.0 che ne detiene il 22,24%.

Oltre a UnipolSai, che nasce nel 2014 dall’accorpamento con Fondiaria-Sai, altre società controllate dal Gruppo Unipol sono:

  • Linear Assicurazioni, nata nel 1996
  • Linear Life, nata nel 2011 da Navale Vita
  • UniSalute, nata nel 2016
  • UnipolRec, nata nel 2018
  • Arca Vita, nata nel 1987

Le origini risalgono alla collaborazione con Lancia, con cui avrebbe fornito agli acquirenti l’allora non-obbligatoria RC Auto, e alla Lega Nazionale delle Cooperative e Mutue, che decide di riunire in un unico ente il portafoglio assicurativo delle sue cooperative. La raccolta dei premi assicurativi raggiunge già nei primi anni un valore di 1,8 miliardi di lire.

Gli anni ’60 sono un decennio di alleanze e partnership, con le partecipazioni in:

  • ACME (Association des Cooperative et Mutuelles Européennes)
  • ICMIF (International Cooperative and Mutal Insurance Federation)
  • Volksfuersorge
  • CGIL
  • CISL
  • UIL
  • CNA
  • Confesercenti
  • BNP Paribas
  • Winterthur Italia

Anni di perfezionamenti nell’architettura aziendale portano Unipol ad acquisire la denominazione Unipol Gruppo Finanziario S.p.A., divenendo holding riunendo tutte le attività assicurative e rafforzando la partnership con BNP Paribas, per distribuire i suoi prodotti assicurativi col marchio BNL Vita. La sua presenza è anche all’estero, specialmente in Serbia con la partecipata DDOR Novi Sad. Attraverso UnipolRe Riassicurazioni, è l’unica compagnia italiana di riassicurazione.

La raccolta assicurativa diretta è di 13,3 miliardi di euro, divisi in:

  • 7,9 miliardi da ramo danni
  • 5,4 miliardi da ramo vita

Con oltre 15,5 milioni di clienti assicurati e quasi 12.000 dipendenti, conta un fatturato 2021 di 14,57 miliardi di euro, +5,62% rispetto all’anno precedente.

Qual è il modello di business del Gruppo Unipol?

Il business model Unipol si basa su un’offerta integrata e coordinata, con un’ampia gamma di prodotti assicurativi e finanziari che infondono alla clientela:

  • Sicurezza
  • Protezione
  • Fiducia nel futuro
  • Risparmio
  • Qualità della vita

Negli anni il Gruppo Unipol ha creato un imponente programma di sponsorizzazione attraverso cinque importanti aree di intervento:

  • Cultura e patrimonio artistico, collaborando con Fondazione Cineteca di Bologna, Biografilm Bologna, Palazzo Reale di Milano, Teatro delle Celebrazioni di Bologna e Teatro Stabile di Genova
  • Ambiente, collaborando con Legambiente, LifeGate, Fondazione Banco Alimentare, dando nome all’Unipol Arena e divenendo partner ufficiale del Meeting di Rimini
  • Ricerca scientifica e utilità sociale, collaborando con AISM e divenendo sponsor ufficiale del concorso Wing 4 Students
  • Sport e intrattenimento, sponsorizzando Federazione Italiana Nuoto, Lega Pallavolo, Federazione Italiana Atletica Leggera, Lega Basket Serie A, Virtus Pallacanestro, Fortitudo e Ducati e dando nome Unipol Domus allo stadio di Cagliari

Il piano strategico prevede anche uno sviluppo sostenibile e innovativo legato a visione e strategie, con creazione e condivisione di valore aggiunto promuovendo benessere di clientela, agenti, dipendenti, fornitori, comunità territoriali e investitori.

Ad aprile 2022 l’assemblea degli azionisti approva un dividendo di 0,30 euro/azione, con cedola staccata il 23 maggio, dal valore totale di 215 milioni di euro. Nello stesso mese Moody’s alza il suo rating da BAA3 a BBA2. Nel primo trimestre 2022 il ricavo totale è di 3,45 miliardi di euro, +8,4% rispetto al primo trimestre 2021, mentre per il triennio 2022-2024 si prevede utile cumulato di 2,3 miliardi di euro e dividendi cumulati di 750 milioni di euro.

Leggi anche:

Andamento azioni Unipol

Con codice UNI, da gennaio 1991 Unipol è presente su Borsa Italiana quotandosi nell’indice FTSE MIB, con un prezzo iniziale pari a 42,92 euro/azione, segnando +16,24% a maggio dello stesso anno.

Al 7 giugno 2022 il prezzo delle azioni Unipol è 4,95 euro, con capitalizzazione di mercato di 3,55 miliardi di euro, segnando i seguenti trend:

  • -88,47% dall’IPO
  • -91,07% negli ultimi 20 anni
  • -27,58% negli ultimi 10 anni
  • +36,74% negli ultimi 5 anni
  • +19,85% negli ultimi 3 anni
  • +47,76% negli ultimi 2 anni
  • +7,60% nell’ultimo anno
  • +2,27% negli ultimi 6 mesi
  • -3,13% nell’ultimo mese
  • +1,02% nell’ultima settimana

Come la maggior parte dei titoli di Piazza Affari, durante la pandemia anche Unipol subisce forti perdite, con -47,82% a febbraio-marzo 2020, raggiungendo il minimo storico a 5 anni a 2,75 euro/azione; il minimo storico totale risale al 21 dicembre 2012 a 1,50 euro, mentre il massimo storico al 17 aprile 1998 all’equivalente di 61,77 euro.

Secondo MarketScreener, il target price medio per le azioni UNI è tra 5,40 e 7,00 euro, +9,09%-+41,41% rispetto al valore attuale, considerando inoltre la maggior resistenza a 5,38 euro. L’utile per azione 2021 si attesta a 0.

Conviene investire in azioni Unipol?

Concludendo quest’analisi, si può dire che il Gruppo Unipol è una delle più affermate e solide realtà del comparto assicurativo, incorporando diverse società e incentrandosi su salute, sicurezza e previdenza integrativa, sempre con strategie di sviluppo sostenibili verso persone e territorio.

A conti fatti, è un buon momento per comprare azioni Unipol, considerando la stabilità riacquisita dopo il CoViD-19 e il lento ma auspicato avvicinamento al target price. Qualora si voglia vendere, invece, si consiglia l’attesa. In entrambi i casi, si consiglia un investimento cauto.

 

Altre azioni italiane del FTSE MIB da seguire con attenzione peer fare eventuali investimenti:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *