Azioni Esprinet: un Buon Investimento? Target Price e Quotazioni 2022

Ecco un’azienda italiana che offre soluzioni tecnologiche per altre aziende. Si chiama Esprinet, quotata in borsa, che scopriremo oggi insieme con storia, profilo societario, business model e trend azionario, per valutarne investimenti.

Un’importante storia italiana, per una realtà da sempre impegnata nelle soluzioni tecnologiche, mirate a soddisfare le esigenze informative della clientela raggiungendo ogni segmento di mercato. Conoscendo dettagliatamente la società e relative caratteristiche occorre capire, conviene comprare azioni Esprinet?

Grafico quotazione azioni Esprinet ( BIT: PRT )

INDICATORI AZIONI Esprinet: Prezzo attuale, % variazione prezzo rispetto al giorno procedente, Volume scambi, Rapporto Dividendo/Prezzo, Dividendo per Azione, Rapporto Prezzo/Utili, Capitalizzazione, Margine di Profitto, Prezzo obiettivo medio, Prezzo Obiettivo massimo, prezzo obiettivo minimo, Margine EBITDA, PEG ratio, Price/Book, Payout Ratio:

azioni esprinet, investire in azioni esprinet, recensione azioni esprinet

Cos’è Esprinet e di cosa si occupa?

Fondato nel 2000 a Nova Milanese, Monza, Esprinet S.p.A. è un gruppo societario specializzato nella distribuzione e noleggio di prodotti tecnologici all’ingrosso. La sede principale è a Vimercate e il suo amministratore è l’imprenditore Alessandro Cattani. Principale azionista con l’11,47% è l’imprenditore Giuseppe Calì, già nel consiglio d’amministrazione Esprinet.

Le sue origini risalgono agli anni ’70 da Comprel, distributore italiano di semiconduttori, in cui si intuiva la nascita di un nuovo settore dalla crescita esponenziale, quello tecnologico. Assume l’attuale assetto societario a settembre 2000 grazie alla fusione con Celo e Micromax, due realtà nazionali specializzate in servizi informatici precedentemente unite. Il piano di fusione viene coordinato da Cattani.

Raggiungendo la prima posizione di mercato in Italia nel 2003, il business s’espande anche in Spagna e Portogallo: dall’acquisizione di UMD e Memory Set Spain nasce Esprinet Iberica, che diventa la terza società di settore in Spagna. Altre partecipazioni sono: 

  • EDSLan, Italia
  • ITway, Italia
  • Vinzeo, Spagna
  • 4Side, Italia
  • Dacom, Italia
  • IdMaint, Italia
  • GTI, Spagna

Una crescita graduale negli anni permette al gruppo di sviluppare solide partnership, creando il giusto rapporto domanda-offerta. Fornitore per oltre 650 marchi, tra i più importanti presenta:

  • Acer
  • Apple
  • Asus
  • Candy
  • Epson
  • HP
  • Huawei
  • Lenovo
  • LG
  • Microsoft
  • Panasonic
  • Samsung
  • Sony
  • Whirlpool
  • Xiaomi

Per clientela consumatori e business, le soluzioni tecnologiche si uniscono a prodotti, produttori e servizi connessi, spaziando in contesti dall’ufficio allo svago passando per l’ambiente domestico e la mobilità elettrica, rispondendo alle crescenti richieste del mercato odierno. Possiede anche due marchi proprietari, Celly e Nilox, sua è anche V-Valley, società specializzata nella fornitura di prodotti per data center e relativa sicurezza.

Con oltre 1.700 dipendenti, 174.000 m2 di centri ricerca e logistica e 31.000 clienti, vanta un fatturato 2021 di 4,69 miliardi di euro, +4,44% rispetto all’anno precedente.

Qual è il modello di business di Esprinet?

Il modello business Esprinet è semplice quanto ambizioso: soddisfare ogni esigenza tecnologica per qualsiasi utilizzo con un catalogo di oltre 130.000 prodotti originali dei marchi più celebri e servizi dedicati alle varie necessità. Per uffici, abitazioni private e aziende, categorie merceologiche più importanti sono:

  • Arredo
    • Armadi
    • Condizionatori
    • Domotica
    • Elettrodomestici
    • Illuminazione
    • Librerie
    • Sedie
    • Sportelli
    • Ventilatori
  • Commercio
    • Antitaccheggio
    • E-Commerce
    • Lettori green pass
    • POS
  • Connettività
    • Estensori
    • Modem
    • Router
    • Strumenti misurazione
  • Cybersicurezza
    • Backup
    • Dispositivi archiviazione
    • Firewall
    • Protezione dati
  • Didattica
    • Lavagne interattive
    • Proiettori
  • Fai-da-te
    • Accessori giardinaggio
    • Avvitatori
    • Levigatrici
    • Smerigliatrici
  • Gaming
    • Console
    • Controller
    • Sensori
    • Videogiochi
  • Informatica
    • Adattatori
    • Computer fissi e portatili
    • Periferiche varie
    • Scanner
    • Stampanti
  • Mobilità
    • Biciclette elettriche
    • Colonnine
    • Monopattini elettrici
    • Navigatori GPS
  • Musica
    • Amplificatori
    • Mixer
    • Strumenti
  • Pubblicità
    • Ledwall
    • Totem
  • Sicurezza
    • DVR
    • Interfono
    • Telecamere di sorveglianza
    • Videocitofoni
  • Sistemi
    • Cloud
    • Hosting
    • Opzioni server
    • Sistemi operativi
  • Svago e intrattenimento
    • Antenne
    • Decoder
    • Home cinema
    • Fotografia
    • Giocattoli
    • Lettori multimediali
    • Televisori
  • Telefonia
    • Smartphone
    • Smartwatch
    • Telefoni fissi
  • Ufficio
    • Cancelleria
    • Cavi e connettori
    • Contenitori
  • Viaggio
    • Borse
    • Valigie
    • Zaini

I modelli commerciali presentati da Esprinet sono di due categorie:

  • On-premises, dedicato agli strumenti online, per fruirvi direttamente dal fornitore senza download (come il cloud)
  • As-a-service, dedicato agli strumenti fisici, per fruirvi con canone a consumo

L’approccio ai mercati è multicanale e completo, offrendo inoltre supporto alle strategie di business e comunicazione massimizzando i risultati.

A luglio 2022 sigla una partnership con Alkemy Play, divisione Alkemy dedicata alle PMI, a settembre lancia un’offerta d’acquisto totalitaria su 21,86 milioni d’azioni Cellular Line, pari al 99,9% del capitale sociale, il mese stesso JP Morgan incrementa le vendite su Esprinet dall’1,40% all’1,56%. I ricavi netti nel secondo trimestre 2022 sono di 1,14 miliardi di euro, -2,28% rispetto al trimestre precedente.

Andamento azioni Esprinet

Con codice PRT, il titolo è disponibile da luglio 2001 su Borsa Italiana negli indici FTSE Italia Small Cap e Italia STAR, con prezzo d’esordio equivalente a 1,37 euro/azione, mantenendo un andamento costante fino ad agosto 2003.

Al 13 settembre 2022 il prezzo delle azioni Esprinet è 6,59 euro, con capitalizzazione di mercato di 335,28 milioni di euro, segnando i seguenti trend:

  • +381,02% dall’IPO
  • +72,51% negli ultimi 10 anni
  • +8,74% negli ultimi 5 anni
  • +74,80% negli ultimi 3 anni
  • +8,93% negli ultimi 2 anni
  • -47,49% nell’ultimo anno
  • -29,97% negli ultimi 6 mesi
  • -10,22% nell’ultimo mese
  • +9,65% nell’ultima settimana

Anche Esprinet, come molte azioni su Piazza Affari, ha risentito della pandemia CoViD segnando -46,54% nel periodo febbraio-marzo 2020, seguito però da un lento ma costante rialzo record di +444,22% fino a settembre 2021, che lo porta al massimo a 5 anni a 16,00 euro/azione il 3 settembre; il massimo storico totale a 17,35 euro viene raggiunto il 28 aprile 2006, mentre il minimo storico a 1,25 euro il 14 settembre 2001.

Secondo MarketScreener, il target price medio per le azioni PRT è tra 14,00 e 17,20 euro, +112,44%-+161% rispetto al valore attuale, considerando inoltre la maggior resistenza a 8,79 euro. L’utile per azione 2021 si attesta a 0,54.

Conviene investire in azioni Esprinet?

Seppur sconosciuta ai più, Esprinet è una realtà presente in ogni aspetto della vita quotidiana, che sia essa personale o professionale, fornendo prodotti e servizi sempre all’avanguardia con formule di mercato innovative, scalabili e comode per la clientela. Un’offerta commerciale estremamente versatile, adatta a ogni business e pronta a soddisfare le principali esigenze tecnologiche e non solo.

Come dicevamo anche per altri titoli, in questo momento, con le borse valori che non si sono riprese da inflazione e aumento dei prezzi delle materie prime, ,  sconsigliamo di investire in qualsiasi tipo di azione a meno che non abbiano caratteristiche particolari. Le azioni Esprinet potranno essere prese in considerazione nel momento in cui verrà toccato quel momentum in cui finirà questo momento negativo finirà e i mercati torneranno a crescere, rimanendo sempre saldi nei principi di diversificazione del portafoglio titoli anche nel caso delle migliori azioni che possiamo comprare..

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *