Azioni ENAV Quotazioni Previsioni Target Price, Conviene Comprare?

La navigazione aerea è regolamentata e controllata da ogni singolo Stato; in Italia c’è la società ENAV a fornire questo servizio per tutti i cieli italiani; non solo una grande responsabilità, ma anche un business sempre più importante visto il costante aumento dei voli nei cieli di tutto il mondo. Oggi scopriremo ENAV, attraverso la sua storia, il suo profilo societario e il trend azionario, per capire se sia o meno un investimento consigliato.

Sicurezza e puntualità, destinata ai milioni di passeggeri che viaggiano sui cieli italiani ed europei, rispettando a pieno le loro esigenze, per questo la società fortifica in maniera crescente la sua presenza anche nel panorama internazionale. Davanti a una realtà così consolidata occorre quindi capire, conviene comprare azioni ENAV?

Grafico Quotazione azioni ENAV BIT: ENAV

Azioni ENAV, conviene investire?

Cos’è ENAV e di cosa si occupa?

Nato con l’acronimo AAAVTAG (Azienda Autonoma Assistenza al Volo Traffico Aereo Generale) nel 1981, ENAV è un ente attivo nei servizi di navigazione aerea civile e spazio aereo, operando come fornitore esclusivo nazionale. Il suo nome è l’acronimo di Ente Nazionale Assistenza al Volo, è sottoposto al controllo di ENAC e MIMS e partecipato al 53,37% dal MEF. Sede legale e principali stabilimenti sono a Roma.

I principali servizi offerti sono:

  • Controllo traffico aereo, regolando, accelerando e ordinando il flusso d’aeromobili al suolo e in cielo
  • Informazioni volo, fornendo avvisi e informazioni utili per sicurezza ed efficienza dei voli
  • Informazioni aeronautiche, raccogliendo e distribuendo informazioni utili per sicurezza, efficienza e regolarità della navigazione aerea
  • Bollettini meteorologici, per prevedere condizioni atmosferiche per spazi aerei e aeroporti

Nel suo operato rispetta le norme internazionali dell’ICAO, agenzia delle Nazioni Unite rivolta alla navigazione aerea.

Le sue origini risalgono all’ottobre 1979, con la smilitarizzazione dell’Azienda per il Controllo del GAT e conseguente sciopero dei controllori: AAAVTAG nasce col consenso del presidente della Repubblica Sandro Pertini, presidente del Consiglio Francesco Cossiga, ministro della Difesa Attilio Ruffini e dei Trasporti Luigi Preti.

Fondato come ente pubblico non-economico, diviene economico acquisendo l’attuale nome nel 1996, mentre la privatizzazione avviene il 1 gennaio 2001, continuando a gestire e controllare il traffico aereo civile. I successivi sono anni di grandi acquisizioni, tra tutte:

  • Techno Sky, manutenzione, supporto logistico e controllo volo, al 100%
  • IDS Airnav, software e piattaforme di gestione traffico aereo, al 100%
  • D-Flight, realizzazione di una piattaforma per di gestione droni, al 60%
  • Aireon, gestione sistemi di tracciamento e sorveglianza aerea globale, al 12,50%

Gestendo 45 aeroporti italiani tra cui Roma-Fiumicino, Milano-Malpensa, Cagliari-Elmas e Lamezia Terme e 4 centri di controllo a Roma, Milano, Padova e Brindisi, conta circa 4.200 dipendenti e un fatturato 2021 di 800,22 milioni di euro, +8,62% rispetto all’anno precedente.

Qual è il modello di business di ENAV?

Il modello di business ENAV è incentrato su sicurezza e puntualità dei viaggi aerei per milioni di clienti che sorvolano i cieli italiani ed europei, contribuendo alla crescita del settore tramite efficienza, tecnologia e innovazione. L’assistenza è dedicata a velivoli:

  • In fase di rotta
  • In scalo presso aeroporti italiani
  • In transito nello spazio aereo

Con le sue società partecipate, garantisce massima funzionalità dei servizi di navigazione aerea, grazie anche all’eccellenza tecnologica maturata negli anni su gestione rischi, valutazioni interferenze elettromagnetiche e sistemi ingegneristici. Da ricordare anche la gestione di velivoli senza pilota, con sistemi di controllo remoto e, in collaborazione con ESA, l’utilizzo del sistema di navigazione satellitare europeo EGNOS.

Nel modello business rientra anche la sostenibilità ambientale, con una strategia sul lungo periodo integrata alle linee di sviluppo, progettando rotte più brevi per ridurre le emissioni di CO2, con una riduzione delle emissioni dirette di oltre il -80% entro fine 2022: a gennaio è l’unica italiana tra le 1.000 aziende del Science Based Target Initiative, iniziativa internazionale che verifica che le strategie aziendali siano in linea con gli obiettivi globali di lotta al cambiamento climatico.

In linea col Piano Industriale 2022-2024, che prevede investimenti per 350 milioni di euro per innovazione, digitalizzazione e formazione, il 29 aprile 2022 firma un contratto con Qatar Civil Aviation Authority, per il supporto al traffico aereo durante i Mondiali di Calcio 2022: in collaborazione con Fusion Technology Trading, avrà un valore complessivo di 19,1 milioni di euro, di cui 10,1 destinati a ENAV. A causa dei cambiamenti di regolamentazione europea, i ricavi netti nel primo trimestre 2022 sono di 168,07 milioni di euro, -11,2% rispetto al primo trimestre 2021.

Andamento azioni ENAV

ENAV è quotata su Borsa Italiana dal 26 luglio 2016, con un’IPO dal valore di 759 milioni di euro e azioni che esordiscono a 3,63 euro, segnando +10,61% il giorno stesso. E’ presente nell’indice FTSE Italia Mid Cap, tra le prime 60 società per capitalizzazione escluse dall’FTSE MIB.

Al 18 maggio 2022 il prezzo delle azioni ENAV è 4,30 euro, con capitalizzazione di mercato di 2,33 miliardi di euro, segnando i seguenti trend:

  • +18,46% dall’IPO
  • +13,76% negli ultimi 5 anni
  • -10,04% negli ultimi 3 anni
  • +4,88% negli ultimi 2 anni
  • +13,16% nell’ultimo anno
  • +3,86% negli ultimi 6 mesi
  • -8,51% nell’ultimo mese
  • -0,92% nell’ultima settimana

Come la maggior parte dei titoli su Piazza Affari, anche ENAV ha subito le ripercussioni dell’emergenza CoViD-19, segnando -43% nel periodo febbraio-marzo 2020 da quello che era il suo massimo storico di 6,14 euro/azione, raggiunti il 19 febbraio; il suo minimo storico verrà però raggiunto il 30 ottobre, nella seconda ondata pandemica, a 2,98 euro.

Target Price azioni ENAV

Secondo MarketScreener, il target price medio per le azioni ENAV è tra 3,50 e 5,00 euro, -19%-+15,7% rispetto al valore attuale, considerando inoltre la maggior resistenza a 4,70 euro. Il titolo è in linea col suo target price e prossimo alla resistenza. L’utile per azione 2021 si attesta a 0,14, +40% rispetto a quello dell’anno precedente.

Conviene investire in azioni ENAV?

Chiudendo quest’esame, emerge come ENAV sia il più importante ente italiano d’assistenza e sicurezza aerea, che grazie agli investimenti sulla innovazione tecnologica offre servizi altamente efficienti ai viaggiatori che transitano negli aeroporti e cieli italiani. Una storia affermata, divenuta negli anni una delle eccellenze del Made in Italy.

A conti fatti, i risultati economici 2021-2022 sono positivi ed è un ottimo momento per vendere azioni ENAV ma non per acquistarle, poiché nonostante le turbolenze hanno raggiunto ormai dal 2021 il loro target price. Considerandone le oscillazioni per cause geo-politiche, si consiglia di attendere ulteriori ribassi per l’acquisto, o investire sul breve-medio periodo con cautela.

Altri titoli di aziende italiane quotate presso la Borsa Italiana 

 

Pubblicista finanziario e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso UniPG

5 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *