Qonto: Recensione e Opinioni del Conto Corrente Aziendale

Fare pagamenti, ricevere pagamenti, fare trasferimenti, controllare i movimenti, avere delle carte di credito, usare l’apposita App, oggi chi gestisce un’azienda deve avere un conto corrente, ecco allora che arriva Qonto.

Conviene aprire Qonto, il nuovo conto corrente online dedicato alla clientela business, startup, aziende e professionisti, che nasce come alternativa ai servizi tradizionali? Scopriamolo insieme.

Suo obiettivo prioritario è semplificare la gestione di pagamenti aziendali, note spese e contabilità generale, grazie ad un utilizzo semplificato e intuitivo. Disponibile in 6 piani differenti in funzione della propria impresa, offre inoltre 3 carte di debito che si differenziano per operatività. Cos’è, come funziona e quanto costa Qonto?

Cos’è Qonto e a chi è rivolto?

Fondata nel 2016 a Parigi da Olinda SAS e lanciata nel 2017 sul mercato, Qonto è una banca online dedicata all’attività aziendale, che offre il suo conto corrente omonimo, carte di pagamento e una serie di strumenti atti a semplificare le mansioni professionali, in particolare quelle di contabilità. Il suo è un conto business dedicato a partite IVA:

  • Libere professioni
  • Startup
  • PMI e aziende

Ideale per team da una a 250 persone, è rivolto anche a soci e amministratori societari. Approdato in Italia a maggio 2019, per semplificare versamenti e pagamenti da febbraio 2020 dispone di IBAN italiano.

Tra le sue collaborazioni, si ricordano:

  • BorsadelCredito.it
  • Satispay
  • iZettle
  • SumUp

Con più di 220.000 clienti professionali e 250 dipendenti, al 2022 Qonto ha un valore di 4,4 miliardi di euro, +93,83% rispetto all’anno precedente.

qonto, conto corrente qonto, conto corrente aziendale qonto, qonto opinioni
Sopra: la App e la carta di debito di Qonto, il conto corrente online

Cosa offre e quanto costa Qonto?

Rivolto al mondo imprenditoriale, Qonto offre funzionalità classiche di un conto corrente, come:

  • Prelievi
  • Versamenti
  • Bonifici SEPA e extra-SEPA
  • Domiciliazione utenze

Oltre a questo, da ricordare pagamento di F24 e semplificazione di contabilità e note spese, oltre alla possibilità di avere funzioni multiutente, con più tipologie d’accesso in caso di gestione condivisa e suddivisione delle spese dei team. Con Qonto sono 6 i tipi di conti disponibili, che si differenziano per funzionalità incluse, operatività e costi:

 

Basic

Smart

Premium

Essential

Business

Enterprise

Canone mensile

9,00 euro

19,00 euro

39,00 euro

29,00 euro

99,00 euro

249,00 euro

Utenti

1

2

5

2

5

10

IBAN separati

1

1

1

5

10

Illimitati

Carte debito Mastercard Business

1

2

5

2 tra One, Plus e X

5 tra One, Plus e X

10 tra One, Plus e X

Carte debito virtuali

Nessuna

Illimitate

Illimitate

2

Illimitate

Illimitate

Bonifici online inclusi

30

60

200

100

500

1000

Accesso commercialista

No

Si

Si

No

Si

Si

Gestione fornitori

No

Si

Si

Si

Si

Si

Digitalizzazione contabilità

No

Si

Si

Si

Si

Si

Supporto clientela

No

No

Si

Si

Si, anche prioritario

Si, anche prioritario

 

 

Si ricorda poi la presenza di 3 carte di debito, sempre su circuito Mastercard, i cui costi si aggiungono ai canoni mensili del proprio Qonto. Le loro caratteristiche e servizi sono:

 

 

One

Plus

X

Tipologia

Business Debit

World Business Debit

World Business Debit

Canone mensile

Nessuno

6,00 euro

20,00 euro

Prelievi inclusi/mese solare

Nessuno

5

Illimitati

Limite prelievi/mese solare

1.000 euro

2.000 euro

3.000 euro

Limite pagamenti/mese solare

20.000 euro

40.000 euro

60.000 euro

Pagamenti valuta estera

+2,00%

+1,00%

Gratuiti

Impostazione limite spesa

Si

Si

Si

Servizi VIP

Nessuno

Nessuno

Concierge, accesso sale VIP aeroporti

Assicurazione Mastercard

Business Classica

Business Avanzata

Business Esclusiva

 

 

Costi extra alle funzionalità incluse nei conti riguardano poi:

  • Imposta bollo: 34,20 euro/anno da dichiarare in IVAFE per giacenze superiori a 5.000 euro per professionisti, nessuna per imprese
  • Carte debito aggiuntive: 5,00 euro/mese se fisiche, 2,00 euro/mese se virtuali, 6,00 euro sostituzione carta fisica
  • Bonifici SEPA: gratuiti verso altro conto Qonto, 0,50 euro per Basic, 0,40 euro per Standard, 0,25 euro per Premium, 0,40 euro per Essential, Business e Enterprise
  • Bonifici extra-SEPA: +1% in uscita, 5,00 euro in entrata per Basic, gratuiti per altri
  • Prelievi: 1,00 euro
  • Estratto conto trimestrale: gratuito online

Tutte le varianti sono facilmente gestibili dall’app ufficiale per Android e iOS, sono compatibili con Apple Pay e Google Pay e consentono un primo mese di prova gratuito.

Come aprire Qonto?

Non avendo sedi fisiche, l’apertura di Qonto può avvenire solamente online dal sito ufficiale. Non disponibile per privati, si dovrà rientrare nelle seguenti categorie:

  • Società Semplice
  • Società in Accomandita Semplice
  • Società in Nome Collettivo
  • Società a Responsabilità Limitata/Limitata Semplificata
  • Società per Azioni
  • Società in Accomandita per Azioni
  • Società Cooperativa
  • Impresa individuale
  • Società tra professionisti
  • Libero professionista/Lavoratore autonomo

Saranno richiesti:

  • Email per ricevere il codice d’attivazione
  • 2 documenti d’identità validi per titolare d’impresa effettivo
  • Documentazione attività d’impresa (visura camerale per ditte individuali e società, ultimo Modello Unico e certificato Partita IVA per professionisti
  • Indirizzo di consegna carta

Al termine della procedura di registrazione, dalla durata di circa 15 minuti, si potrà scegliere il proprio piano preferito e, firmando digitalmente il contratto, si otterrà l’IBAN italiano. L’attivazione e l’arrivo della carta di debito impiegheranno circa 48 ore.

Qonto conviene davvero?

Chiudendo questa recensione su Qonto, si nota quanto questo prodotto sia estremamente versatile e adatto a più realtà aziendali, permettendo di scegliere tra:

  • 6 conti
  • 3 carte di debito

Numerosi i suoi punti di forza, in particolare quelli legati alla gestione multipla, con accessi personalizzati, impostazione limite spese e suddivisione costi team, così come allo snellimento delle pratiche contabili, con la possibilità di dematerializzare le note spese, oltre al pagamento degli F24, elemento imprescindibile dell’impresa.

Malgrado le svariate funzionalità, è però il lato economico che può diventare un punto di debolezza, con spese annuali che possono andare dai 108,00 ai 2.988 euro solo di canone annuale, a cui vanno sommati i costi per le carte di debito, variabili dai 72,00 ai 240,00 euro/anno aggiuntivi, e quelli delle singole operazioni.

A conti fatti, Qonto resta un prodotto assolutamente valido e conveniente, le cui caratteristiche lo rendono più strutturato e completo rispetto a competitor come Revolut e N26, adatti però anche a clientela privata. Ciò che sarà necessario, in fase di scelta, sarà massima attenzione per non incappare in costi troppo elevati per la propria attività.

 

Confronta i Conti Correnti recensiti

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *