Google Cache, ecco il Conto Corrente Online di Google: Conviene Aprirlo?

Google offrirà conti correnti bancari personali in collaborazione con Citigroup dai primi del 2020, cerchiamo di capire meglio.

La notizia del servizio chiamato Cache arriva il giorno dopo che un informatore ha lanciato l’allarme per il trasferimento segreto di dati medici personali

“Collaboreremo con le gli istituti di credito e tutto il sistema finanziario”, ha affermato il dirigente di Google Caesar Sengupta.

Google si sta preparando a lanciare un servizio di conto corrente personale, una mossa che arriva mentre i suoi grandi rivali tecnologici sono sempre più focalizzati sul credito al consumo.

Il progetto, in collaborazione con Citigroup e nome in codice Cache, dovrebbe essere lanciato il prossimo anno.

L’esistenza del progetto, che è stato segnalato per la prima volta dal Wall Street Journal , viene dal momento che alcune delle più grandi aziende tecnologiche del mondo stanno sfidando il primato del settore bancario.

Nel corso dell’ultimo anno, Facebook ha annunciato che sta lavorando su una valuta digitale, Apple ha introdotto una carta di credito e Amazon ha avuto colloqui con le banche per introdurre conti personali per i consumatori.

Ciascuno, a sua volta, rischia di suscitare timori nei confronti dei consumatori e dei regolatori allo stesso modo in cui le società tecnologiche stanno raccogliendo troppe informazioni sui loro consumatori.

conto corrente google cache online

Google Cache, il conto corrente online di Google

La notizia del progetto arriva il giorno dopo che un informatore ha rivelato l’esistenza di Project Nightingale – la partnership di Google con il colosso sanitario Ascendant che potrebbe consentire a Google ( GOOGL quotazione titolo )  di accedere a dati medici personali fino a 50 milioni di americani.

Martedì, il cancelliere tedesco Angela Merkel ha esortato l’Europa a prendere il controllo dei suoi dati dai giganti della Silicon Valley e stabilire “sovranità digitale” invece di fare affidamento su Amazon, Microsoft e Google.

“Così tante aziende hanno appena esternalizzato tutti i loro dati a società statunitensi”, ha dichiarato Merkel.

“Non sto dicendo che sia male in sé e per sé – intendo solo che i prodotti a valore aggiunto che ne derivano, con l’aiuto dell’intelligenza artificiale, creeranno dipendenze che non sono sicuro siano buone.”

Mentre Google ha un’enorme portata – 1,4 miliardi di persone usano regolarmente Gmail – finora ciascuna delle offerte finanziarie dei giganti della tecnologia ha incontrato problemi.

Diversi partner si sono ritirati dalla criptovaluta Bilancia di Facebook dopo che i regolatori hanno segnalato l’opposizione, mentre il partner della carta di credito di Apple, Goldman Sachs, è stato citato in giudizio per aver presumibilmente offerto limiti di credito discriminatori.

Secondo il Journal , Google non ha intenzione di auto-marchiare il proprio servizio di controllo o account personale.

“Il nostro approccio sarà di collaborare profondamente con le banche e il sistema finanziario”, ha affermato il dirigente di Google Caesar Sengupta. “Potrebbe essere il percorso leggermente più lungo, ma è più sostenibile.”

Sengupta ha affermato che Google non venderà i dati finanziari degli utenti del conto corrente allo stesso modo in cui Google non condivide i dati del suo servizio in rapida crescita Google Pay con gli inserzionisti.

“I Nostri utenti e gli utenti internet di tutto il mondo gioveranno di questo servizio, come la Nostra azienda”, ha detto Sengupta al giornale.

Ma fino a che punto Google dovrà rassicurare un pubblico diffidente sul fatto che ci si può fidare di ciò che è probabilmente la sua informazione più intima – denaro e salute – è in discussione.

La società di consulenza McKinsey & Company ha riscontrato che solo il 58% delle persone intervistate ha dichiarato di fidarsi della società con prodotti finanziari.

Uno studio del 2017 di Bain & Company ha rilevato che il 45% degli intervistati nel Regno Unito ha dichiarato che le banche esistenti hanno offerto tutti i servizi di cui hanno bisogno online.

David Donovan, specialista di tecnologia bancaria presso Publicis Sapient, afferma che le società tecnologiche stanno collaborando con le banche per affrontare le questioni normative.

“Potrebbero dimostrare di essere un cavallo di Troia nel tempo”, ha detto Donovan. “Ma le banche pensano anche che questo sia un modo semplice per ottenere l’acquisizione dei clienti in modo che possa essere vantaggioso per entrambe le parti.”

I consumatori si aspettano sempre di più dalle banche lo stesso tipo di esperienza acquisita da Apple o Google e, senza dubbio, la Big Technology sarà in qualche modo nei servizi finanziari, in modo indipendente o in partnership, secondo Donovan.

“Esiste un gruppo demografico emergente abituato a una certa esperienza sostenuta dalla tecnologia emergente e le banche sono protette da molta tecnologia legacy. Quindi dovranno aggiornarsi per essere più nativi e reattivi dal punto di vista digitale, o saranno disintermediati o esclusi dalle società tecnologiche “, ha affermato.

Conti correnti online

Hello Money

FINECO

ARANCIO ING DIRECT

Yellow Che Banca!

MPS Banca Monte dei Paschi di Siena

Widiba

Mediolanum

Posta Click    

Unicredit 

Internet Banking di Unicredit

Libretto di Risparmio Postale

N26 

Findomestic 

Internet banking Unicredit 

Internet banking Intesa Sanpaolo

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *