Banche Islamiche: le Più Grandi e le Migliori del 2024

Mentre sia i finanziatori islamici che quelli convenzionali in tutto il mondo hanno sperimentato una spinta post-Covid-19 nel 2021, le loro traiettorie nel 2022 si sono biforcate in modo significativo.

Mentre il settore bancario globale nel suo complesso ha registrato una contrazione del totale delle attività e dei profitti, i finanziatori rappresentati nel rapporto Top Islamic Financial Institutions 2023 – di un sito specializzato in banche – hanno registrato un aumento a due cifre degli asset conformi alla sharia, con una redditività in aumento.

Facciamo chiarezza: cosa si intende per “Banca islamica”

Già avevamo parlato di “Finanza Islamica” in particolare, una banca islamica, o istituto di credito islamico, è un tipo di istituzione finanziaria che opera conformemente ai principi dell’islam, in particolare alle leggi della Sharia. La Sharia è la legge islamica che regola vari aspetti della vita di un musulmano, inclusi quelli finanziari. Le banche islamiche sono progettate per fornire servizi finanziari in modo etico, rispettando i principi della Sharia, che proibisce l’interesse (riba) e promuove la condivisione degli utili e delle perdite.

Principali caratteristiche di una banca islamica includono:

  1. Vietà dell’interesse (Riba): La Sharia proibisce l’addebito e il pagamento di interessi. Pertanto, le banche islamiche operano attraverso schemi di profitto e perdita condivisi o altri meccanismi conformi alla Sharia.
  2. Partecipazione agli utili e perdite: Le transazioni nelle banche islamiche coinvolgono spesso la condivisione degli utili e delle perdite tra la banca e il cliente, piuttosto che l’addebito di interessi fissi.
  3. Evitare attività proibite: Le banche islamiche evitano di investire in settori considerati non etici dalla Sharia, come l’alcol, il gioco d’azzardo e altre attività vietate.
  4. Trasparenza e divulgazione: Le banche islamiche sono tenute a fornire informazioni trasparenti e chiare sui loro prodotti e servizi, garantendo che siano conformi ai principi della Sharia.

Chiunque può accedere ai servizi di una banca islamica, a condizione che rispetti i principi e i requisiti specifici di conformità alla Sharia. Non è necessario essere musulmani per diventare clienti di una banca islamica, ma è importante comprendere e accettare i principi della Sharia che guidano le attività finanziarie di tali istituzioni.

Le banche islamiche offrono una varietà di prodotti finanziari, tra cui conti correnti, depositi, finanziamenti immobiliari e altri servizi, tutti progettati in modo da rispettare i principi della Sharia.

La disparità tra la crescita degli asset islamici e quelli convenzionali è in gran parte dovuta alla forza del dollaro statunitense rispetto alle valute locali in gran parte del mondo nel 2022; questo è stato un problema evitato dalle banche nel cuore del Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC) della finanza islamica, dove l’ancoraggio valutario degli stati al biglietto verde ha mantenuto una crescita elevata in termini di dollari.

Tuttavia, anche se la crescita del sistema bancario islamico al di fuori del GCC è più contenuta, rimane superiore a quella della finanza convenzionale, indicando il continuo interesse della finanza basata sulla sharia nei mercati in rapida crescita dell’Asia-Pacifico.

Secondo i dati di The Banker Database, il totale degli asset conformi alla sharia in tutto il mondo (escluso l’Iran) è cresciuto del 12,8% raggiungendo 1,6 trilioni di dollari nel 2022, di cui il 57% detenuto da istituti finanziari islamici autonomi. La crescita registrata è significativamente più elevata rispetto a quella del settore bancario nel suo complesso, che ha visto una contrazione dell’1,7% delle attività in termini di dollari per il 2022. E mentre gli attori del GCC rimangono dominanti, il resto del settore continua a prosperare, con i finanziatori non GCC vedendo una crescita del 3,5% per l’anno.

Mentre S&P Global Ratings prevede che la crescita a due cifre continuerà per i prossimi due anni, l’agenzia ritiene che l’ulteriore diffusione geografica della finanza islamica oltre i mercati principali del GCC e dell’Asia-Pacifico rimarrà limitata dalle debolezze strutturali del settore, in particolare l’assenza di standard comuni. S&P rileva che mentre l’emissione di sukuk al di fuori dei mercati principali è “limitata ai paesi che necessitano di aprire tutte le opzioni di finanziamento disponibili”, i sukuk legati alla sostenibilità sono una possibile area di crescita mentre i principali paesi della finanza islamica cercano di ridurre la loro impronta di carbonio e sostenere l’energia globale. transizione.

Redditività salutare

Anche la redditività è in aumento nel settore, con due terzi degli istituti nella classifica principale che registrano un aumento dell’utile ante imposte per l’anno, con il deprezzamento valutario responsabile di un numero significativo di perdite annuali registrate. Nel frattempo circa 89 istituti di credito hanno riportato profitti pari o superiori a 100 milioni di dollari. Il rendimento delle attività (ROA) per il settore rimane robusto all’1,5%, rispetto allo 0,71% della classifica delle 1000 migliori banche mondiali stilata da The Banker all’inizio di quest’anno.

Il GCC è stato per molti anni il cuore del settore della finanza islamica in termini di dimensioni, con la debolezza delle valute nei mercati asiatici che esacerba la divisione tra il blocco delle sei nazioni e altrove nel 2022. Gli asset conformi alla Sharia sono cresciuti del 14% nel corso dell’anno a 1,2 trilioni di dollari, che rappresentano tre quarti del totale attivo del settore a livello mondiale.

I totali inclusi nella classifica di quest’anno non includono i dati relativi alle banche iraniane, che vengono ancora una volta omessi. L’Iran rimane uno dei mercati chiave del mondo per il sistema bancario islamico e ospita più di 30 istituti conformi alla sharia. Negli ultimi anni, tuttavia, le banche del paese hanno ritardato la rendicontazione dei bilanci sottoposti a revisione, rendendo difficile ottenere cifre precise. Inoltre, dall’inizio del 2018 è diventata evidente una divergenza significativa tra il tasso di cambio ufficiale del paese e il tasso ampiamente utilizzato del mercato nero, rendendo praticamente impossibile un’analisi significativa del settore insieme alle banche di altri mercati. Anche le banche islamiche libanesi sono state omesse dalla classifica di quest’anno, data la crisi economica del Paese e il crollo della sterlina libanese dal 2019.

LEGGI ANCHE>> Scegli la migliore banca in Italia che fa per te

Classifica delle migliori Banche Islamiche nel mondo 

Banche Islamiche: le Più Grandi e le Migliori del 2024

Banche Islamiche: le Più Grandi e le Migliori del 2024

I sauditi restano forti

Lo status dell’Arabia Saudita come mercato bancario islamico dominante a livello mondiale – sia in Medio Oriente che nel mondo – rimane intatto nella classifica di quest’anno. Le banche del Paese gestiscono il 40% degli asset bancari mondiali conformi alla Sharia, con nove istituti di credito tra i primi 20 di quest’anno.

Il settore bancario del paese è stato uno dei principali beneficiari di un’inaspettata manna petrolifera nel 2022, con l’impennata dei prezzi in seguito all’invasione russa dell’Ucraina, rendendola l’economia in più rapida crescita nel G20 per l’anno.

Il boom dei mutui del paese – che sono cresciuti da quasi nulla nel 2016 a circa un quarto dei libri di prestito delle banche – ha iniziato a raffreddarsi, ma l’aumento della spesa pubblica su megaprogetti come la città futuristica Neom e il piano di megaturismo del Red Sea Project è destinato a sostenere i finanziatori (sia convenzionali che islamici) per qualche tempo a venire. Secondo Capital Economics, la spesa per il 2023 e il 2024 sarà rispettivamente superiore del 34% e del 32% rispetto a quanto previsto dal Ministero delle Finanze nel bilancio 2022.

Mentre sette delle nove banche saudite tra le prime 20 di quest’anno hanno registrato una crescita degli asset conformi alla sharia superiore al 10% nel 2022, il settore bancario islamico del paese è in gran parte dominato da Al Rajhi Bank e Saudi National Bank, le uniche due banche nel paese. mondo con asset conformi alla Sharia per oltre 150 miliardi di dollari.

Nella classifica di quest’anno, la Al Rajhi Bank rimane la più grande banca islamica del mondo. Oltre ad essere il maggiore fornitore di mutui personali, automobili e prestiti personali dell’Arabia Saudita, ha visto miglioramenti anche nel business dei prestiti alle imprese, con una quota di mercato cresciuta dall’8,7% all’11,9% nel 2022. Il ROA della banca per il 2022 è stato del 2,25% , più in alto di qualsiasi altra banca nella top 20 di quest’anno.

Oltre alle sue dimensioni, Al Rajhi è anche la banca islamica numero uno nella classifica delle prestazioni dell’Arabia Saudita (che confronta solo le prestazioni delle banche pienamente conformi alla Sharia), in cima alla classifica in sei degli otto indicatori di performance misurati. Alinma Bank, che lo scorso anno era in testa alla classifica delle performance, è ora al secondo posto, al primo posto in termini di redditività, grazie a un’impressionante crescita del 32,8% degli utili ante imposte.

Nonostante la performance stellare di Al Rajhi, è stata la Kuwait Finance House – uno dei più antichi istituti di credito islamici della regione – a registrare la maggiore crescita di asset conformi alla Sharia tra tutti i principali istituti di credito nella classifica di quest’anno. Il completamento della lunga acquisizione da parte della banca della Ahli United Bank del Bahrain, una delle più grandi fusioni bancarie transfrontaliere degli ultimi tempi, ha visto la base patrimoniale dell’istituto di credito kuwaitiano aumentare del 64% a 119 miliardi di dollari, consentendogli di scavalcare la Dubai Islamic Bank ( DIB) per diventare la terza banca islamica più grande del mondo.

DIB rimane il più grande finanziatore islamico negli Emirati Arabi Uniti, il secondo mercato bancario islamico della regione e il terzo più grande al mondo dietro l’Arabia Saudita e la Malesia, con la sua base patrimoniale conforme alla sharia in crescita del 3,3% durante l’anno. Mentre l’Abu Dhabi Islamic Bank ha registrato la maggiore crescita patrimoniale su base annua degli Emirati Arabi Uniti, pari al 23,1%, aiutandola a entrare nella top 10 generale, DIB è in cima alla classifica delle prestazioni di quest’anno, grazie a punteggi ai vertici della classifica per efficienza operativa, solidità e leva finanziaria.

Asset in calo in Qatar

I finanziatori del Qatar hanno visto le loro basi patrimoniali conformi alla Sharia diminuire del 4% nel 2022, a seguito del rimborso del debito pubblico. L’impatto è stato maggiore sul quarto maggiore istituto di credito, la Qatar International Islamic Bank, che ha visto la sua base patrimoniale ridursi dell’8,7% durante l’anno. La Qatar Islamic Bank e Masraf Al Rayan, i maggiori finanziatori islamici del paese, hanno visto le loro basi patrimoniali conformi alla sharia diminuire rispettivamente del 5,1% e del 3,7%.

Per il secondo anno consecutivo, la Lesha Bank (conosciuta fino all’ottobre 2022 come Qatar First Bank) è l’istituto di credito con le migliori prestazioni del Paese e l’unico istituto di credito del Qatar nella classifica di quest’anno a registrare un aumento della sua base patrimoniale (63,8%). La banca, che si colloca solo al 95° posto nella classifica generale, è in cima alle classifiche di performance del Qatar per crescita, qualità degli asset, liquidità, solidità e leva finanziaria.

Le banche islamiche nell’Asia-Pacifico, il secondo mercato più grande del settore dopo il Medio Oriente, hanno registrato una crescita modesta nel 2022 a causa del deprezzamento valutario, con la base patrimoniale conforme alla sharia della regione cresciuta solo del 2,7% su base annua.

L’impatto è stato particolarmente sentito in Bangladesh – il secondo mercato bancario islamico della regione dopo la Malesia – e nel mercato in rapida crescita del Pakistan, ciascuno dei quali ha visto la propria valuta indebolirsi di circa il 20% rispetto al dollaro lo scorso anno.

Le banche malesi hanno registrato una leggera ripresa della crescita degli asset nel 2022 rispetto all’anno precedente. Le attività sono aumentate del 5% durante l’anno in termini di dollari, con il ringgit che ha ottenuto risultati migliori rispetto alle valute in altri importanti mercati bancari islamici.

Maybank Islamic, l’ala della più grande banca del paese che rispetta la sharia, rimane il più grande attore islamico al di fuori del Medio Oriente ed è la quinta banca più grande nella classifica generale. Dopo aver registrato un leggero calo della base patrimoniale conforme alla Sharia l’anno precedente, il 2022 ha visto un miglioramento delle sue fortune, con un aumento del 4,8%.

CIMB, il secondo maggiore finanziatore islamico dell’Asia, ha visto la sua base patrimoniale conforme alla sharia crescere dell’11,2%, posizionandosi al 12° posto nella classifica generale.

Tra i finanziatori del paese soggetti esclusivamente alla sharia, la Bank Rakyat si assicura il primo posto nella classifica delle prestazioni del paese, superando di poco la filiale malese della Al Rajhi Bank. Il più grande finanziatore esclusivamente islamico del paese, Bank Rakyat è in cima alla classifica delle performance grazie ai punteggi elevati di redditività e solidità, anche se i suoi profitti al lordo delle imposte sono stati marginalmente inferiori per l’anno in termini di dollari.

Le banche del Bangladesh, la seconda più grande banca islamica in Asia, hanno visto la loro base patrimoniale diminuire complessivamente del 3,6%. Dei 33 istituti di credito del Bangladesh elencati nella classifica principale di quest’anno, solo sette hanno visto un aumento delle loro basi patrimoniali per il 2022, guidati da The City Bank, al 150° posto, che ha registrato un aumento del 38,5% delle attività conformi alla Sharia per l’anno. Islami Bank Bangladesh (IBBL) e First Security Islami Bank, i maggiori istituti di credito islamici del paese, hanno registrato cali rispettivamente del 2,6% e dell’1,9%.

La Shahjalal Islami Bank mantiene la sua posizione di prestatore islamico con le migliori prestazioni del Bangladesh, grazie a punteggi elevatissimi in termini di redditività, efficienza operativa, rendimento del rischio e leva finanziaria.

Immagine indonesiana

Come si addice al paese con la più grande popolazione islamica del mondo, l’Indonesia contribuisce con 35 banche alla classifica delle principali banche islamiche per il 2023, più di qualsiasi altro paese. Gli asset conformi alla Sharia nel paese sono diminuiti dello 0,6% nel 2022, ancora una volta a causa della debolezza della rupia indonesiana rispetto al dollaro durante il periodo.

Bank Mandiri è il più grande finanziatore islamico dell’Indonesia nella classifica principale, nel suo ruolo di proprietario della Bank Syariah Indonesia (BSI), creata dal governo come principale istituto di credito conforme alla Sharia del paese dalla fusione di tre istituti di credito più piccoli. BSI, la cui base patrimoniale è aumentata del 4,5% nel 2022, è ora il più grande finanziatore islamico non malese dell’Asia, superando IBBL nella classifica di quest’anno.

Oltre a BSI, le banche islamiche indonesiane si sono comportate adeguatamente nel corso dell’anno, con 22 delle 35 complessive che hanno registrato un aumento degli asset, nonostante la debolezza della rupia, sottolineando la crescente domanda di servizi bancari conformi alla Sharia nel paese. Nelle tabelle delle performance del paese, la Bank Aladin Syariah risulta essere la migliore grazie ai punteggi elevati in termini di crescita, rendimento del rischio, solidità e leva finanziaria.

Il settore della finanza islamica del Pakistan continua a prosperare nonostante le sfide economiche del paese. Nonostante la scarsa performance della rupia pakistana, gli asset bancari conformi alla sharia sono diminuiti solo dello 0,3% nel 2022. Sebbene l’obiettivo del governo di rendere l’intero settore bancario conforme alla sharia entro il 2027 difficilmente verrà raggiunto, la domanda di servizi bancari islamici è in crescita in buona salute nel paese, anche se solo cinque istituti di credito hanno registrato un aumento delle attività.

In testa alla classifica ancora una volta in Pakistan c’è la Meezan Bank, che ha visto la sua base patrimoniale aumentare del 5,5% nel corso del 2022, collocandosi al 35° posto nella classifica generale. Al 103° posto assoluto, la United Bank è stata l’istituto di credito pakistano in più rapida crescita, con asset superiori a 1 miliardo di dollari e una crescita del 19,4%.

Metodologia

Creata per la prima volta nel 2006, la classifica The Banker’s Top Islamic Financial Institutions funge da barometro per la salute e la crescita del settore bancario e finanziario islamico globale. Fin dalla sua nascita, la classifica delle principali istituzioni finanziarie islamiche si è guadagnata la reputazione di una delle fonti più credibili per misurare lo sviluppo del settore finanziario islamico globale.

La metodologia utilizzata nella classifica delle principali istituzioni finanziarie islamiche si sforza di adattarsi ai cambiamenti del mercato mantenendo allo stesso tempo il nostro approccio fondamentale che preserva la solidità statistica che i lettori si aspettano da The Banker.

Raccolta e verifica dei dati

Il gruppo di ricerca di The Banker ha compilato un elenco completo di istituzioni che forniscono servizi e prodotti finanziari conformi alla Sharia. Per completare l’elenco, abbiamo utilizzato varie fonti tra cui banche centrali, autorità di vigilanza finanziaria governativa e altre agenzie pubbliche e private che forniscono servizi di contabilità e revisione contabile per le organizzazioni finanziarie islamiche.

Una volta identificate le istituzioni, le contattiamo per richiedere i loro ultimi rapporti finanziari sottoposti a revisione. Ove possibile, utilizziamo informazioni finanziarie verificate e riviste esternamente da società di revisione indipendenti e comitati della sharia. I set di dati raccolti passano attraverso un rigoroso processo di revisione e verifica per garantire che le informazioni utilizzate per la classifica mantengano stabilità e coerenza.

I criteri di classificazione

Tutte le informazioni finanziarie che abbiamo utilizzato nella classifica si basano su dati annuali. I dati finanziari di fine anno non solo forniscono cifre più stabili grazie alle verifiche dei revisori indipendenti e dei consigli di vigilanza della sharia, ma ci consentono anche di confrontare elementi chiave come la crescita e la redditività tra le istituzioni su un piano più paritario.

La classifica principale delle principali istituzioni finanziarie islamiche si basa sugli asset conformi alla Sharia. Riconosciamo che l’utilizzo di tale misurazione riguarda principalmente gli istituti di raccolta dei depositi. La classifica utilizza i tassi di cambio annualizzati delle statistiche finanziarie internazionali del Fondo monetario internazionale quando convertono i dati finanziari riportati in dollari statunitensi.

Trattamento delle filiali estere e nazionali

Se una società madre o holding pubblica una serie consolidata di dati che riportano il totale delle attività conformi alla Sharia, le filiali nazionali e di proprietà straniera di quella particolare istituzione non sono incluse nel calcolo del totale delle attività globali conformi alla Sharia. Se una holding di livello superiore non segnala attività conformi alla Sharia e quindi non è inclusa nella classifica principale, le sue filiali vengono incluse nella classifica individualmente. La sezione delle classifiche per i singoli paesi continua a includere le filiali di proprietà straniera nei paesi in cui operano.

Nuovi aspetti e sviluppi

Nel 2022 è stata presa la decisione di concentrarsi esclusivamente sulle banche commerciali e di rimuovere gli istituti non bancari dai nostri set di dati. Le classificazioni regionali utilizzate nella presentazione dei dati sono state adeguate per corrispondere alle principali classificazioni regionali utilizzate altrove in The Banker e The Banker Database. I dati per le banche iraniane e libanesi rimangono esclusi a causa dell’indisponibilità di dati affidabili per il periodo da parte dei finanziatori iraniani e dell’ampliamento della differenza tra i tassi di cambio ufficiali ed effettivi sia in Iran che in Libano.

Nonostante i nostri sforzi, la nostra metodologia non è esente da carenze e pertanto le classifiche dovrebbero essere utilizzate con cautela: ad esempio, la conversione in dollari statunitensi per le classifiche potrebbe produrre risultati fuorvianti per alcuni paesi, in particolare quelli con elevata volatilità dei tassi di cambio. Come negli ultimi anni, un certo numero di banche dei mercati emergenti hanno registrato un calo significativo nelle classifiche non perché i loro fondamentali siano cambiati, ma perché le loro valute nazionali si sono gravemente indebolite rispetto al dollaro statunitense.

Risorse Utii:

Autore

  • Economia-italia.com

    Amministratore e CEO del portale www.economia-italia.com Massy Biagio è anche analista finanziario, trader, si avvicina al mondo della finanza dopo aver frequentato la Facoltà di Economia e Commercio presso l'Università di Perugia. Collaboratore di varie testate online dal 2007, in cui scrive di economia, mercati, politica ed economia internazionale, lavoro, fare impresa, marketing, dal 2014 è CEO di www.economia-italia.com.

    Visualizza tutti gli articoli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *