Bolla Finanziaria dell’Intelligenza Artificiale: quali Azioni Crescono? Quando Esploderà?

Ormai è più di un anno che si parla di intelligenza artificiale; da allora come ogni volta che si apre una nuova finestra di opportunità centinaiaa di migliaia di piccoli investitori e qualche decina di Fondi ed Hedge Funds si sono gettati nella preda come un branco di squali su una succulente preda.

In casi come questi si vede la formazione di una bolla ( titoli che hanno un prezzo per azione molto al di sopra della loro reale valutazione) , bolla che prima o poi scoppierà, con tanto di crollo del prezzo di questi titoli e conseguente riallineamento con la realtà.

Difficile, se non quasi impossibile capire quando esploderà ma possiamo scommettere che qualche trader stia già scommettendo contro.

Gli squali di Wall Street non hanno divorato tutti i possibili asset di intelligenza artificiale

L’indice S&P 500 ha registrato un solido rendimento del 24% nel 2023. Sebbene molti analisti di Wall Street stiano ora prevedendo una crescita economica più lenta nel 2024, la possibilità di una recessione sembra essere piuttosto bassa. Insieme al miglioramento delle proiezioni degli utili per i titoli S&P 500, gli analisti ora si aspettano che l’indice guadagni dall’8% al 9% nel 2024, un po’ inferiore al rendimento medio annuo storico a lungo termine dell’indice del 10%.

I trader non si aspettano che i tagli dei tassi di interesse da parte della Federal Reserve inizieranno prima di maggio 2023 a causa dei dati economici più forti del previsto e delle indicazioni di una continua battaglia con l’inflazione. Tuttavia, una volta che la banca centrale inizierà a tagliare i tassi, si prevede che continuerà a farlo cinque volte alla fine del 2024. Successivamente, il mercato azionario e l’S&P 500 molto probabilmente inizieranno a registrare un rally significativo nell’ultima parte del 2024.

Ecco perché ora potrebbe essere un buon momento per iniziare ad assumere piccole posizioni in titoli in crescita come Nvidia (NASDAQ: NVDA) e Palantir Technologies (NYSE: PLTR) , che si prevede cresceranno più rapidamente del mercato complessivo.

Bolla Finanziaria dell'Intelligenza Artificiale: quali Azioni Crescono? Quando Esploderà?
Gli investimenti in Intelligenza Artificiali sono arrivati ad essere una bolla finanziaria?

Le azioni di intelligena artificiale che continuano a crescere nonostante la Bolla Finanziaria

Nvidia

L’anno scorso è stato un anno gratificante per Nvidia, con le azioni in rialzo del 246%.

Gran parte di questo rally è attribuito alla leadership indiscussa di Nvidia nel mercato dell’intelligenza artificiale (AI). Una vasta gamma di clienti come aziende Internet di consumo, fornitori di servizi cloud e aziende ora si affidano alla suite completa di CPU, GPU, tecnologie di rete e software ottimizzati per l’intelligenza artificiale di Nvidia per costruire infrastrutture AI ed eseguire applicazioni AI aziendali.

Il futuro di Nvidia sembra ancora più luminoso con i data center che si concentrano sulla transizione da un’infrastruttura basata su CPU a GPU o basata su elaborazione accelerata. Ciò è guidato dai data center che si concentrano sull’aumento della produttività e sull’esecuzione di calcoli ad alte prestazioni, analisi dei dati e carichi di lavoro di intelligenza artificiale ad alto consumo di energia.

Il CEO Jensen Huang ha stimato che i data center spenderanno quasi 1 trilione di dollari in questi investimenti nei prossimi quattro anni, traducendosi in quasi 250 miliardi di dollari di spese in conto capitale all’anno. Con le sue GPU all’avanguardia ottimizzate per l’addestramento, l’inferenza o l’esecuzione in tempo reale di modelli linguistici di grandi dimensioni e per l’esecuzione di applicazioni di intelligenza artificiale generativa, Nvidia sembra posizionata per sfruttare questa tendenza. L’acquisizione di Mellanox Technologies, fornitore leader di tecnologie di rete ad alte prestazioni, nel 2020 ha ulteriormente rafforzato la posizione dell’azienda nel mercato dei data center.

Nvidia sta inoltre riscontrando una solida domanda per i suoi chip e software AI da parte di grandi aziende come Snowflake , ServiceNow , Adobe e Databricks che integrano assistenti AI nelle loro piattaforme. Questa tendenza più ampia in tutti i settori verso lo sviluppo di applicazioni IA personalizzate può rivelarsi un importante vantaggio per l’azienda.

Per sfruttare queste opportunità, Nvidia si sta concentrando sull’accelerazione del ritmo di rilascio della nuova architettura per i chip dei data center da ogni due anni a ogni anno. L’azienda sta inoltre facendo passi da gigante nel segmento del software e può raggiungere un tasso di fatturato annualizzato di 1 miliardo di dollari entro la fine dell’anno fiscale 2024 (che terminerà il 31 gennaio 2024) per le sue offerte ricorrenti di software, supporto e servizi. Le soluzioni software di Nvidia stanno svolgendo un ruolo importante nel consentire alle aziende di sfruttare l’intelligenza artificiale generativa e altre tecnologie di intelligenza artificiale.

Non c’è dubbio che Nvidia sembri piuttosto costosa, essendo scambiata a 34 volte rispetto alle vendite di 12 mesi . Tuttavia, considerando l’enorme potenziale dell’opportunità dell’intelligenza artificiale e la forza di Nvidia in questo mercato in continua evoluzione, la società può ancora rivelarsi una scelta intelligente nel 2024 anche a livelli elevati di prezzo delle azioni.

Tecnologie Palantir

Le azioni dello specialista di analisi dei dati Palantir sono aumentate di un impressionante 167% nel 2023, nonostante un pullback a seguito di un rapporto scettico dell’analista di William Blair Louie DiPalma. Il rapporto ha evidenziato la diminuzione del valore di rinnovo e della durata del contratto della società con l’esercito americano, citando le questioni relative alla “proprietà dei dati” come uno dei punti critici. Nonostante questo problema, la capacità di Palantir di aiutare vari enti governativi e commerciali ad analizzare in modo efficiente estesi set di dati e a scoprire informazioni nascoste continua a rappresentare un importante vantaggio competitivo.

L’attenzione di Palantir nel fornire prodotti e servizi che aiutano a combattere gli attori violenti e immorali ha contribuito a promuovere il riconoscimento del marchio e la fiducia tra la sua base di clienti governativi. La società ha recentemente lanciato Palantir Government Web Services per supportare le aziende emergenti ed esistenti di tecnologia di difesa nell’ampliamento delle proprie capacità mission-critical. Pertanto, mentre le entrate governative di Palantir sono cresciute solo del 12% su base annua fino a raggiungere i 308 milioni di dollari nel terzo trimestre, esiste ancora un enorme potenziale di crescita in questo business relativamente stabile.

Palantir ha inoltre visto i suoi ricavi commerciali nel terzo trimestre aumentare del 23% su base annua raggiungendo i 251 milioni di dollari, mentre le attività commerciali hanno raggiunto un tasso di esecuzione annualizzato di 1 miliardo di dollari nel terzo trimestre.

Inoltre, anche la piattaforma AIP (Artificial Intelligence Platform) lanciata di recente, che integra le capacità di apprendimento automatico esistenti dell’azienda con modelli linguistici di grandi dimensioni, si sta rivelando un importante catalizzatore di crescita. L’azienda ha optato per i Bootcamp AIP, che consentono ai potenziali clienti di lavorare su flussi di lavoro reali con dati reali dei clienti in cinque giorni o meno. Si tratta di un miglioramento significativo rispetto alla tradizionale strategia di go-to-market basata su un progetto pilota, che può richiedere da uno a tre mesi. Poiché i clienti ottengono un’esperienza in tempo reale lavorando con AIP, si ottengono trattative più rapide e una migliore economia unitaria.

Sebbene Palantir sia scambiato a 17,7 volte il rapporto delle vendite degli ultimi 12 mesi, molto più alto della mediana del settore del software di 2,3, è comunque un acquisto interessante in base al suo robusto potenziale di crescita.

Quando esploderà la LA BOLLA DELL’INTELLIGENZA ARTIFICIALE

Un anno fa, quando la prospettiva di un aumento dei tassi di interesse cominciò a gettare la sua ombra sui mercati e sui portafogli dei clienti, e l’inflazione sembrava fuori controllo, una delle profezie più popolari tra i commentatori di mercato era la fine dell’età dell’oro dei titoli tecnologici.

Con l’era della liquidità a bassissimo costo sarebbero finite anche le megavalutazioni delle aziende in crescita, compresi i grandi colossi americani come Apple e Alphabet. Si pensava che i multipli sorprendenti non sarebbero più stati giustificati e la promessa di continuare a generare crescita sarebbe diventata più difficile da mantenere.

Il mercato, si diceva, avrebbe spostato la sua attenzione sulla redditività, piuttosto che sulla crescita a tutti i costi.

Con sorpresa di molti, oggi ci troviamo di fronte a un nuovo boom del Nasdaq, un indice che negli ultimi anni ha raggiunto un livello di attrazione gravitazionale capace di sostenere da solo le fortune di tutti gli investitori azionari globali.

Ma cosa ha scatenato il toro? Chiedi a ChatGPT.

La frenesia scatenata dalla divulgazione dell’intelligenza artificiale generativa (AI) ci ha ricordato che siamo sull’orlo di una nuova rivoluzione industriale. Dimentica prototipi malfunzionanti, chatbot di assistenza clienti che fraintendono le cose. Solo pochi mesi fa avreste letto in qualsiasi rapporto che la rivoluzione dell’IA sarebbe stata lenta ad arrivare o che l’automazione avrebbe interessato solo le attività più ripetitive.

Prova a farti la stessa domanda oggi. Sembra che gli investitori si siano svegliati sulla panchina di una stazione, con nelle orecchie l’ultimo richiamo del treno diretto verso il futuro, e si stiano precipitando verso il primo vagone che trovano davanti a loro, sperando che sia quello giusto.

Bolla o opportunità?

Ma siamo alle pendici di una nuova bolla o di un’importante opportunità di mercato?

L’azienda simbolo di questa strana fase è Nvidia, l’ultima arrivata nel club delle mega-corporazioni con una capitalizzazione di mercato di oltre mille miliardi di dollari.

L’azienda produce microchip e fino a qualche anno fa era nota ai più per le schede grafiche installate in numerosi computer. Questi componenti hardware sono necessari per i supercomputer che supportano le tecnologie legate all’intelligenza artificiale, e quindi gli investitori se ne sono aggrappati come un modo per possedere un’azienda consolidata, ma anche potenzialmente per cogliere le opportunità di investimento associate all’intelligenza artificiale.

Il risultato è che le azioni sono aumentate del 244%  e le azioni sono arrivate a simboleggiare per molti operatori di mercato l’inizio di una nuova bolla, che ricorda il “crollo delle dot com” alla fine dell’anno. inizio del millennio.
Tuttavia, dopo la revisione al rialzo delle aspettative sui ricavi nel terzo trimestre a 11 miliardi di dollari (8,5 miliardi di sterline), ovvero il 64% rispetto ai numeri record dello scorso anno. La capitalizzazione di mercato è esplosa, rendendola la sesta società quotata in borsa al mondo in termini di valore, con una capitalizzazione di mercato di oltre 1 trilione di dollari.

La scintilla che ha scatenato l’euforia è stata la consapevolezza che l’era dell’intelligenza artificiale è già iniziata. Si è aperto il lancio della nuova versione di ChatGPT da parte di OpenAI Inc.

Agli occhi della gente comune e degli investitori.

Di intelligenza artificiale si parla da molti anni. Secondo il rapporto “AI in action: dove va il denaro intelligente?” pubblicato a maggio da Deutsche Bank, tra il 2012 e il 2022 sono state pubblicate oltre 175.000 domande di brevetto sull’IA.

Ciò che potrebbe essere diverso questa volta è che l’aumento della potenza di calcolo raggiunto negli ultimi anni rende possibile e commercialmente fattibile lo sviluppo di idee tecnologiche brevettate nell’intelligenza artificiale e in altre aree emergenti della tecnologia.

Gli azionisti di Nvidia non sono gli unici a beneficiare di questa situazione. La ricerca e gli investimenti nell’intelligenza artificiale si sono moltiplicati da anni sotto la superficie, e molte grandi aziende oggi cercano di posizionarsi come vincenti nella corsa all’intelligenza artificiale agli occhi degli investitori. Un esempio lampante è Alphabet Inc., la società madre di Google, che si è impegnata in una massiccia campagna di comunicazione per pubblicizzare le numerose applicazioni dell’intelligenza artificiale all’interno dei suoi servizi e, di conseguenza, ha sovraperformato il mercato anche senza prove evidenti di un impatto positivo sugli utili per gli azionisti di Alphabet dalle innovazioni.

Un fuoco di paglia?

L’impennata dei mercati ha colto molti di sorpresa e può essere interpretata in vari modi. L’interpretazione positiva, da cui gli investitori possono imparare una lezione, è che l’innovazione tecnologica è un fattore di sorpresa positiva nel mercato e può essere così decisiva da ribaltare anche i parametri di valutazione fondamentali.

Questa è una prova significativa, poiché significa che non è più così semplice come chiedere se il prezzo di un’azione è in una “bolla” o meno.

Naturalmente, la frenesia attorno all’intelligenza artificiale ha anche sollevato alcune sopracciglia, e molti si chiedono quanto siano solide le fondamenta di questo rally, poiché una caratteristica tipica di un ciclo di hype è che solleva molte barche, ben prima che diventi evidente quali navi siano veramente adatto alla navigazione.

L’intelligenza artificiale è qui per restare?

Le domande che dobbiamo porci, quindi, sono: il trend dell’intelligenza artificiale e dell’innovazione continuerà ad avere un impatto positivo sui mercati? Quali aziende saranno le vincitrici? E qual è il modo migliore per gli investitori di trarne vantaggio? Se consideriamo diversi studi, che dovrebbero essere affrontati con cautela, proprio come le analisi a lungo termine, i numeri saranno sicuramente allettanti.

Secondo il rapporto “Il potenziale economico dell’intelligenza artificiale generativa: la prossima frontiera della produttività” pubblicato a giugno da McKinsey & Company, l’intelligenza artificiale generativa, la tecnologia alla base dello stesso ChatGPT, sarà il fondamento di una nuova rivoluzione della produttività. Lo studio ha considerato 63 casi d’uso dell’intelligenza artificiale generativa, dal servizio clienti al marketing aziendale.

Secondo gli analisti, l’aumento della produttività può creare un valore compreso tra 2,6 e 4,4 trilioni di dollari all’anno (anche più del Pil italiano, anche secondo le proiezioni più prudenti).

Secondo l’analisi di mercato pubblicata da Precedence Research, che osserva le tendenze dal 2022 al 2032, il fatturato del settore dell’intelligenza artificiale crescerà del 19% all’anno fino al 2032. Un rapporto più ottimista è stato pubblicato a maggio da Fortune Insight: “Artificial Intelligence Le dimensioni del mercato supereranno i 2 trilioni di dollari entro il 2030, con un CAGR (tasso di crescita annuale composto) del 21,6%”.

Insomma, da ogni punto di vista sembra che l’intelligenza artificiale sia destinata a generare un livello di crescita che farebbe gola a qualsiasi investitore.

Naturalmente, ci sono anche rischi e potenziali effetti negativi che una simile rivoluzione potrebbe scatenare sull’economia globale e sul mercato del lavoro. Quante persone perderanno il lavoro? La forza lavoro sarà in grado di riqualificarsi? Ci sarà un effetto deflazionistico? E chi pagherà il conto? Tutte queste domande avranno prima o poi bisogno di risposte legislative. Gli impatti dell’intelligenza artificiale sono attualmente argomento per i futuristi, ma potrebbero presto diventare un argomento per i legislatori.

In attesa di scoprire cosa accadrà, possiamo dare per scontato che l’intelligenza artificiale continuerà a dominare il mondo del lavoro.

Meno chiaro è l’elenco delle aziende che trarranno beneficio da questa rivoluzione. La storia delle principali rivoluzioni industriali è costellata di aziende che nascono, si espandono, scoppiano e vengono dimenticate.

Insomma, potremmo vedere esplodere molte meteore prima di scoprire Google e Amazon della quarta rivoluzione industriale (se ce ne saranno). Si tratta di un rischio non da poco in un mercato dove le valutazioni, misurate ad esempio dal rapporto prezzo-utili, di alcune aziende specializzate nel settore raggiungono cifre esorbitanti con rapporti superiori a 30/40 volte, contro una media tech di settore intorno 25 volte.

Come abbiamo accennato, per ora gran parte della torta è ancora nelle mani delle società a mega capitalizzazione.

Microsoft viene premiata dagli investitori per essere stata la prima azienda a investire in OpenAI, la società che ha programmato ChatGPT, e vi ha investito 13 miliardi di dollari dal 2019.

L’azienda ha dichiarato che per ogni punto percentuale di quota di mercato guadagnata nel settore dei motori di ricerca, avrà l’opportunità di ottenere 2 miliardi di dollari di entrate pubblicitarie annuali. Alphabet, la società madre di Google, ha lanciato la propria versione di ChatGPT chiamata Bard, nel tentativo di migliorare le capacità del suo motore di ricerca.

Passi da gigante

Ed è stato recentemente annunciato che Meta collaborerà con Microsoft per lo sviluppo di Llama2, il proprio modello di intelligenza artificiale da utilizzare per la ricerca e per uso commerciale.

Oltre alle Big Tech, altri evidenti beneficiari sono le aziende che gestiscono le infrastrutture per far funzionare il sistema (semiconduttori, software, società di internet).

Molti investitori esprimono il loro desiderio di investire in queste imprese del tipo “piccone e pala”, piuttosto che cercare di scegliere le società tecnologiche vincitrici. In effetti, NVidia è un esempio di tale attività.

La sfida di un simile approccio potrebbe essere che, in questa fase relativamente iniziale dell’evoluzione dell’intelligenza artificiale, potrebbe non essere nemmeno ovvio quali tipi di infrastrutture emergeranno come necessarie.

In ogni caso, considerati i rischi e la complessità di conoscere con certezza i vincitori, continuiamo a raccomandare un approccio diversificato e selettivo. L’ondata dell’intelligenza artificiale è appena arrivata e, come spesso accade negli investimenti, la partita sarà vinta a lungo termine. COME spesso dimostrato dal passato, giocare in modo intelligente sembra essere la cosa più intelligente da fare, piuttosto che caricare a capofitto le ultime azioni che si riprendono in risposta al mercato che decide che è una scommessa sull’intelligenza artificiale.

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.