Cina e Brasile, BRICS alleati contro il Dollaro: Cosa succede ora

Cina e Brasile firmano un accordo per abbandonare il dollaro USA per il commercio diretto di valuta

Il nuovo accordo, annunciato mercoledì dal Brasile, consente a Cina e Brasile di scambiare yuan cinesi con real brasiliani, escludendo il tradizionale intermediario statunitense per condurre scambi bilaterali.

Cina e Brasile firmano un accordo per abbandonare il dollaro USA per il commercio diretto di valuta
Cina e Brasile alleati contro il Dollaro: Cosa succede ora?
Cina e Brasile alleati contro il Dollaro: Cosa succede ora?
Cina e Brasile hanno concordato un nuovo accordo commerciale che consentirà loro di commerciare nelle proprie valute, abbandonando il Dollaro Americano come intermediario per il commercio bilaterale.
L’accordo è stato annunciato mercoledì dal governo brasiliano e consentirà ai due paesi di condurre direttamente le loro massicce transazioni commerciali e finanziarie, scambiando Yuan cinese con Real brasiliano e viceversa. Questa mossa è l’ultima di una serie di azioni della Cina contro il dollaro USA, mentre il paese cerca di affermarsi come il principale rivale dell’egemonia economica degli Stati Uniti.
Per il Brasile, l’accordo rappresenta un significativo allontanamento dalla tradizionale dipendenza dal dollaro come valuta principale del mondo. L’accordo dovrebbe ridurre i costi e promuovere un commercio bilaterale ancora maggiore, secondo l’Agenzia brasiliana per la promozione del commercio e degli investimenti, ApexBrasil. Il principale partner commerciale del paese è la Cina, con un volume record di scambi bilaterali pari a 150,5 miliardi di dollari lo scorso anno.
Il nuovo accordo valutario fa seguito a un accordo preliminare raggiunto dai due paesi a gennaio, ed è stato annunciato dopo un forum commerciale Cina-Brasile di alto livello a Pechino.
Il presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva era originariamente programmato per partecipare al forum come parte di una visita di alto profilo in Cina, ma domenica ha dovuto posticipare il suo viaggio a tempo indeterminato a causa di una polmonite.
La Banca industriale e commerciale della Cina e la Banca delle comunicazioni BBM eseguiranno le transazioni, hanno detto i funzionari. La Cina ha già accordi valutari simili con Russia, Pakistan e molti altri paesi.
L’allontanamento dal dollaro USA come intermediario nel commercio internazionale potrebbe avere implicazioni significative per l’economia globale. Potrebbe portare altri paesi a seguire l’esempio e condurre le loro transazioni commerciali e finanziarie nelle proprie valute, minando potenzialmente la posizione del dollaro come valuta principale del mondo.

Il dollaro USA perde valore per la terza settimana consecutiva mentre il primo trimestre volge al termine

L’indice del dollaro USA sembra chiudere la terza settimana consecutiva in territorio negativo.
La tendenza rialzista EUR/USD rimane intatta nel breve termine.
I flussi di fine trimestre potrebbero avere un impatto sulla valutazione dell’USD prima del fine settimana.

Il dollaro USA (USD) ha iniziato questa settimana sotto una pressione ribassista poiché l’attenuazione dei timori per una crisi finanziaria globale ha consentito agli investitori di spostarsi verso asset sensibili al rischio. Dopo aver chiuso le due settimane precedenti in territorio negativo, l’ indice del dollaro USA (DXY) ha continuato a scendere e si è avvicinato a 102,00 prima di mettere in scena un modesto rimbalzo all’inizio di venerdì. Anche le rinnovate aspettative circa la sospensione del ciclo di inasprimento da parte della Federal Reserve statunitense (Fed) alla prossima riunione hanno dato ulteriore peso alle spalle del dollaro.

Venerdì, l’USD ha messo in scena una correzione tecnica contro i suoi principali rivali, ma ha perso parte della sua forza dopo i dati sull’inflazione più deboli del previsto. Il Bureau of Economic Analysis degli Stati Uniti ha riferito che il Core Personal Consumption Expenditures (PCE) Price Index, l’indicatore di inflazione preferito dalla Fed, è sceso al 4,6% su base annua a febbraio dal 4,7% di gennaio. Su base mensile, l’inflazione Core PCE è aumentata dello 0,3%, rispetto all’aspettativa di mercato dello 0,4%. Tuttavia, il DXY rimane sulla buona strada per concludere la terza settimana consecutiva in territorio negativo e ha perso oltre il 2% nel mese di marzo.

Daily digest market mover: il dollaro USA fatica ad estendere il rimbalzo

L’indice annuale dei prezzi PCE è sceso al 5%, l’indice dei prezzi Core PCE è sceso al 4,6%.
Lo strumento FedWatch del gruppo CME mostra che i mercati stanno scontando una probabilità di quasi il 50% che la Federal Reserve statunitense lascerà invariato il suo tasso di riferimento alla prossima riunione.
Il Bureau of Economic Analysis degli Stati Uniti ha annunciato giovedì di aver rivisto la crescita del prodotto interno lordo (PIL) annualizzato per il quarto trimestre al 2,6% dal 2,7% della stima precedente.
Secondo quanto riferito, Brasile e Cina hanno raggiunto un accordo per abbandonare il dollaro USA come intermediario nelle transazioni commerciali.
I principali indici di Wall Street sembrano aprire in territorio positivo poiché i futures sugli indici azionari statunitensi vengono scambiati leggermente al rialzo dopo i dati sull’inflazione.
I dati settimanali del Dipartimento del lavoro degli Stati Uniti hanno rivelato che le richieste iniziali di disoccupazione sono aumentate di 7.000 a 198.000 nella settimana terminata il 25 marzo.
I dati mensili del Conference Board hanno mostrato martedì che l’indice di fiducia dei consumatori è aumentato leggermente a marzo, mentre la componente dell’aspettativa di inflazione a un anno è leggermente salita al 6,3%.
Il rendimento dei titoli del Tesoro USA a 10 anni di riferimento si è mosso lateralmente tra il 3,5% e il 3,6% dopo il decisivo rimbalzo di lunedì.
Lunedì, parlando, il governatore della Federal Reserve Philip Jefferson si è astenuto dal condividere la sua opinione sull’opportunità che la Fed continui ad alzare i tassi di interesse.
L’ufficio cinese per gli affari di Taiwan ha minacciato ritorsioni per la visita di mercoledì negli Stati Uniti del presidente di Taiwan Tsai Ing-wen.
Secondo quanto riferito, mercoledì il presidente del FOMC Jerome Powell ha dichiarato al Comitato di studio repubblicano che intendono aumentare il tasso ufficiale ancora una volta prima della fine dell’anno.
Lo strumento FedWatch di CME Group mostra che i mercati scontano una possibilità del 45% che la Fed lasci invariato il suo tasso ufficiale a maggio.
L’inflazione in Germania, misurata dall’indice dei prezzi al consumo (CPI), è scesa al 7,4% su base annua dall’8,7% di febbraio, ma ha superato le aspettative del mercato del 7,3%. Nell’Eurozona, l’indice annuale armonizzato dei prezzi al consumo (IPCA) è salito al 5,7% a marzo dal 5,6% di febbraio.
FDIC ha rilasciato una dichiarazione durante il fine settimana annunciando che First Citizens BancShares Inc ha acquistato tutti i prestiti e i depositi di SVB.

Analisi tecnica: dollaro USA in svantaggio rispetto all’euro

La tendenza rialzista dell’EUR/USD rimane intatta nel breve termine con l’indicatore del Relative Strength Index (RSI) sul grafico giornaliero che si mantiene vicino a 60. Questa lettura tecnica suggerisce anche che la coppia ha più spazio al rialzo prima di passare all’ipercomprato. Inoltre, la coppia continua a essere scambiata al di sopra delle medie mobili semplici a 50 giorni dopo averla testata verso la fine della settimana precedente.

1.0900 (livello psicologico, livello statico) si allinea come livello tecnico chiave per EUR/USD. Se la coppia riesce a stabilizzarsi al di sopra di tale livello, potrebbe puntare a 1,1000 (punto finale dell’ultimo trend rialzista) e 1,1035 (massimo plurimese stabilito all’inizio di febbraio).

Al ribasso, 1,0800 (livello psicologico) potrebbe essere visto come supporto intermedio davanti a 1,0730 (SMA a 50 giorni, SMA a 20 giorni) e 1,0650/60, dove la SMA a 100 giorni e il ritracciamento del 23,6% di Fibonacci dell’ultimo trend rialzista si trova. Una chiusura giornaliera al di sotto di quest’ultimo potrebbe essere vista come un significativo sviluppo ribassista e aprire la porta a un lungo scivolamento verso 1,0500 (livello psicologico) e 1,0460 (ritracciamento di Fibonacci 38,2%).

In che modo il dollaro USA è correlato ai mercati azionari statunitensi?

È probabile che i mercati azionari negli Stati Uniti diventino ribassisti se la Federal Reserve entra in un ciclo di inasprimento per combattere l’aumento dell’inflazione. Tassi di interesse più elevati aumenteranno il costo dei prestiti e peseranno sugli investimenti delle imprese. In tale scenario, è probabile che gli investitori si astengano dall’assumere posizioni ad alto rischio e ad alto rendimento. Come risultato dell’avversione al rischio e della politica monetaria restrittiva, l’indice del dollaro statunitense dovrebbe aumentare mentre l‘indice S&P 500 generale dovrebbe diminuire, rivelando una correlazione inversa.

Durante i periodi di allentamento monetario attraverso tassi di interesse più bassi e allentamento quantitativo per accelerare l’attività economica, è probabile che gli investitori scommettano su attività che dovrebbero fornire rendimenti più elevati, come le azioni di società tecnologiche. Il Nasdaq Composite è un indice fortemente tecnologico e dovrebbe sovra performare altri importanti indici azionari in tale periodo. D’altra parte, l’indice del dollaro USA dovrebbe diventare ribassista a causa dell’aumento dell’offerta di moneta e dell’indebolimento della domanda di beni rifugio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *