Unicredit compra Banca Monte dei Paschi di Siena: Cosa Succede Ora?

Probabilmente rimarrà il prestigioso nome del più antico istituto bancario italiano e del mondo, ma ormai è cosa praticamente certa: Unicredit compra Banca Monte dei Paschi di Siena, il suo AD si è dimesso proprio perché contrario a questa acquisizione, in contrasto con la decisione presa a votazione dal consiglio di amministrazione Unicredit.

Perché Unicredit compra Banca Monte dei Paschi di Siena?

Difficile dirlo, sicuramente non si tratta di un buon affare per Unicredit (BIT:  UCG ) ,quanto un ottimo affare per il Monte dei Paschi ( BIT:  BMPS ).

Piazza Affari non per altro ha emesso il suo verdetto a cavallo tra novembre e dicembre 2020 il titolo Unicredit ha perso il 7% in una seduta e il titolo del Monte dei Paschi di Siena ha guadagnato il 7%.

La vera ragione di questa acquisizione probabilmente la sapremo tra mesi, ma si tratta probabilmente di favori che la banca milanese sta facendo al governo o meglio allo Stato italiano.

La banca senese è infatti proprietà al 68,25% dello Stato italiano, il quale ha promesso un bonus di 1,5 miliardi di euro all’acquirente.

Unicredit compra Banca Monte dei Paschi di Siena: Cosa Succede Ora?
Sopra: Una sede di Monte dei Paschi di Siena, Banca dal 1472

Le reazioni di Unicredit

Le azioni di UniCredit in Italia sono scese dell’8% all’inizio degli scambi martedì dopo che l’amministratore delegato Jean Pierre Mustier ha dichiarato che lascerà alla fine del suo mandato ad aprile a causa di divergenze con il consiglio di amministrazione sulla strategia.

UniCredit ha annunciato lunedì in ritardo il presidente eletto Pier Carlo Padoan e il consiglio inizierà a cercare un sostituto.

La notizia della partenza di Mustier arriva sullo sfondo del consolidamento accelerato nel settore bancario italiano, dove il Tesoro sta cercando un acquirente per la banca salvata Monte dei Paschi.

Le azioni della banca toscana sono aumentate del 6% sulla speculazione che l’uscita di Mustier potrebbe facilitare un accordo.

“Mustier è stato un sostenitore chiave della strategia di restituzione del capitale sulle fusioni e acquisizioni e per l’ampiezza internazionale del gruppo”, hanno scritto gli analisti di Citi in una nota che declassava il titolo a “neutrale” rispetto all’acquisto.

“Crediamo che il mercato lo vedrà uscire come un rischio chiave per il ruolo di UniCredit nel consolidamento italiano, a scapito del rendimento del capitale / profilo di rischio”.

Cosa succede ora ad investimenti e risparmi se Unicredit compra Monte dei Paschi di Siena ?

I risparmi ed investimenti sono tutelati, a meno se si tratti di azioni delle due banche, in quanto come abbiamo visto ci sarà un impatto sul prezzo delle azioni, impatto difficilmente quantificabile.

Quasi sicuramente le azioni della banca senese cresceranno di prezzo, come già si è visto in questi giorni in quanto il valore della Banca sembra molto superiore agli 1 euro per azione. Sia per il numero di clienti, sia per il numero di sportelli, sia per il patrimonio immobiliare ( il quale in parte è stato ceduto proprio oggi per un valore di 300 milioni di euro ) sia per il prestigio di essere la più antica banca del mondo, ma ci sono molte cose che pesano negativamente su questa banca.

Innanzitutto ci sono le responsabilità economiche con miliardi di LOAN cioè crediti inesigibili, poi non meno importanti sono le responsabilità giudiziarie.

Anzi sono proprio le responsabilità giudiziarie che rendono la quotazione di questa banca estremamente difficile.

Perché chi l’acquisterà dovrà non solo farsi carico dei crediti inesigibili, ma anche delle azioni compiute dai vertici di questa banca negli anni precedenti, azioni che sono al vaglio della magistratura,  cioè la vendita  di prodotti finanziari senza avvertire in modo completo la clientela anzi, cioè non tenendo conto del profilo di rischio del cliente che possono essere considerate delle vere e proprie truffe, come sta indagando la magistratura, ci sarebbe anche un omicidio di mezzo e chi prende le redini ora potrebbe venir coinvolto in cose accadute anni fa.

Cosa accadrà a livello societario è difficile dirlo, ancora siamo in piena fase di trattative. anche se avanzate nulla si è concluso.

Unicredit potrebbe dividersi in Unicredit Europa ed Unicredit Italia e a quest’ultima andare a comprare MPS .

In questo caso ci sarà un bel taglio di personale, sopratutto vertici di MPS a Siena, vertici già presenti in Unicredit. Questo per lo meno dicono i sindacati, ma ripetiamo ancora siamo in alto mare con notizie e trattative.

Ci impegniamo ad aggiornare questo articolo quando ci saranno più  particolari.

Quello che pare chiaro a tutti è che qui si sta giocando un’enorme partita politica, oltre che finanziaria.

 

Servizi offerti da MPS:

Conto Corrente

Piani di Accumulo

Conto Deposito

C/C bancario per giovani e studenti

Trading

Offerte di Prodotti Unicredit

Mobile Token –

Conto Corrente My Genius –

Internet Banking –

Mobile App –

Prestiti 

Prestiti Auto –

Mutuo –

Conto Deposito –

Unicreditclick –

PIR –

Surroga Mutuo –

Carte di Credito Prepagate –

Certificato di Deposito MoneyBox –

Offerte per investire –

Conto Gestito –

Fondi di investimento –

Polizze Assicurative –

Tassi di interesse negativo su C/C –

Mutuo a tasso fisso –

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.