Come Investire in Africa nel 2019: Vantaggi e Rischi

Come investire in Africa? Ecco una piccola guida, dei semplici consigli che vi possono dare un’idea di come affrontare degli investimenti in Africa senza dovervi recare nel Continente Nero.
Molti investitori considerano l’Africa “l’ultima frontiera” mentre i mercati emergenti come la Cina e l’India , grandi realtà dalle quali arrivano enormi capitali verso il grande continente africano.
Con una popolazione di circa un miliardo di abitanti e risorse naturali significative, il continente è cresciuto in popolarità tra gli investitori nel corso dei decenni.
Ma la regione è stata anche devastata dalle guerre e dai cambiamenti di regime che hanno tenuto lontane molte multinazionali e investitori.

 

Dove conviene investire in Africa: Nord, Sud o Centro?

A differenza dell’Europa o del Sud America, investire in Africa varia un po ‘per regione. L’Africa settentrionale è molto simile a gran parte del Medio Oriente in termini di risorse petrolifere e grandi industrie, mentre il Sudafrica è considerato un mercato più sviluppato con una forte industria mineraria. L’Africa subsahariana è ancora ampiamente non disponibile per gli investitori internazionali e comprende le economie meno sviluppate.

 

Il Sudafrica rappresenta il modo più popolare per investire in Africa. Guidato in gran parte da materie prime e miniere, il paese è il più grande produttore di oro, platino e cromo nel mondo. Tuttavia, anche i settori agricolo e bancario del paese sono abbastanza consistenti e la sua classe di consumatori sta lentamente riducendo la dipendenza dalle esportazioni e alimentando la crescita dei servizi interni.

 

L’Africa settentrionale è costituita da Algeria, Egitto, Libia, Mauritania, Marocco, Tunisia e Sahara occidentale. Molti di questi paesi sono noti per le loro vaste riserve di petrolio greggio. Ad esempio, la Libia detiene le maggiori riserve petrolifere dell’Africa e l’ottava più grande riserva al mondo. Oltre il dieci per cento di tutto il petrolio greggio importato in Europa proviene dalla Libia. Le multinazionali hanno partecipazioni in molte di queste riserve petrolifere, sebbene la politica interferisca spesso con le operazioni.

Investire facilmente in Africa con ETF e fondi comuni

Il modo più semplice per investire in Africa è attraverso fondi negoziati in borsa (ETF) e fondi comuni di investimento . Questi fondi non solo sono negoziati sulle borse statunitensi, ma contengono anche una diversificazione integrata e costano molto meno della creazione manuale di un portafoglio con American Depositary Receipts (ADR) o titoli esteri che operano su borse estere.

L’ETF sudafricano più popolare è l’MSCI South Africa Index Fund (NYSE: EZA), che rappresenta l’unico gioco puro da investire nel paese. Tuttavia, l’ ETF SPDR S & P Middle East & Africa (NYSE: GAF) ha anche oltre l’80% di esposizione al paese, il che rende un gioco più diversificato sul paese e sulla regione.

Dal momento che il resto dell’Africa non è altrettanto popolare, ci sono solo alcune ampie opzioni per investire nella regione. La prima opzione è quella di acquistare ETF del Medio Oriente e del Mercato di frontiera che includano l’esposizione nei paesi africani. Poiché molti paesi africani hanno enormi risorse naturali, la seconda opzione è investire in ETF su materie prime, come quelli incentrati sul rame e sull’oro.

Gli ETF più popolari da investire in Africa includono:

  • Market Vectors Africa Index ETF (NYSE: AFK)
  • ETF SPDR S & P Middle East & Africa (NYSE: GAF)
  • Portfolio Paesi MENA Frontier (NYSE: PMNA)
  • Middle East Dividend ETF (NYSE: GULF)
  • Frontier Markets ETF (NYSE: FRN)

Come Investire in Africa: Vantaggi e Rischi
Investire in Africa: vantaggi e rischi

L’Africa offre il massimo ritorno sugli investimenti esteri diretti nel mondo, secondo Overseas Private Investment Corporation (OPIC) e UNCTAD. Ma ci sono anche molti rischi unici affrontati da coloro che investono in Africa. Dalle guerre civili al rischio politico , le aziende affrontano una serie di ostacoli in competizione nelle economie promettenti della regione.

I vantaggi di investire in Africa includono:

Risorse naturali: l’ Africa ha un’enorme quantità di risorse naturali, che vanno dal petrolio e dai diamanti all’oro e all’uranio. E molte di queste risorse naturali rimangono inutilizzate a causa della bassa densità umana e della mancanza di infrastrutture e finanziamenti.
Grande popolazione: la popolazione africana rappresenta circa il 14,72% della popolazione mondiale totale con circa un miliardo di abitanti in più di 60 territori. Ciò crea un’enorme opportunità per i beni di consumo, come le telecomunicazioni e il settore bancario.
Relativamente sottosviluppata: l’ Africa rimane relativamente sottosviluppata con un reddito pro capite che è in ritardo rispetto al resto del mondo. Ciò significa che potrebbero esserci enormi opportunità di crescita in futuro, man mano che la sua popolazione cresce e diventa più ricca.

I rischi di investire in Africa includono:

Problemi governativi: alcuni governi in Africa sono noti per la loro corruzione o mancanza di politica. La corruzione può portare a una serie di problemi, che vanno dall’estorsione alle nazionalizzazioni, mentre la mancanza di politiche può rendere complicato fare affari.
Mancanza di infrastrutture: l’ Africa ha una bassa densità umana e reddito pro capite, che contribuisce alla sua mancanza di infrastrutture. Ciò rende difficile per le aziende ottenere l’elettricità, le strade e altri componenti necessari per operare in alcune aree.
Conflitti regionali: l’ Africa è ben nota per le sue guerre civili e conflitti, che hanno preso un tributo sulla sua popolazione. Il cambio di regime può anche essere molto difficile per le aziende, poiché provoca una grande quantità di incertezza.

Conclusioni:

Gli investitori dovrebbero valutare attentamente i benefici e i rischi degli investimenti in Africa prima di assumere qualsiasi posizione. In generale, è una buona idea allocare solo una piccola percentuale di attività a regioni più rischiose, come l’Africa, per massimizzare i rendimenti corretti per il rischio.

Parliamo di Investimenti e Prestiti dal 2012

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *