Previsione Mercati Finanziari Maggio 2024 dai Migliori Esperti

Le prospettive globali per le azioni migliorano: gli investimenti attivi potrebbero generare ulteriori guadagni, sono queste le conclusioni a cui sono arrivati gli Istituti di Ricerca di Black Rock e della banca di investimenti svizzera UBS,

 

La storia non si ripete, ma può avvicinarsi a quella precedente. Come bilanciare il rischio, data la posizione dominante delle azioni statunitensi nel mercato azionario globale, è una questione chiave per qualsiasi investitore, soprattutto dopo la più recente corsa al rialzo guidata dall’intelligenza artificiale (AI), che ha guidato la performance spettacolare di titoli come Microsoft ( USA:MSFT) e Nvidia (USA:NVDA) .

I dati della nuova edizione dell’UBS Global Returns Yearbook (ex pubblicazione del Credit Suisse) mostrano che il mercato statunitense è tra i meno concentrati a livello globale.

La più grande azienda per capitalizzazione di mercato, Microsoft, aveva una capitalizzazione di mercato di 3 trilioni di dollari (2,37 trilioni di sterline) alla fine di febbraio, e rappresentava circa il 6% del mercato statunitense. La borsa più grande e importante del mondo è anche la seconda meno concentrata, dopo quella giapponese. Il più grande titolo azionario quotato nel Regno Unito, Shell (SHEL) , rappresenta circa l’8% del mercato, mentre la Corea ha oltre un terzo del suo valore di borsa rappresentato da una sola società, Samsung (KR:005930) .

Dato che l’insieme delle opportunità globali è dominato dagli Stati Uniti – che rappresentano oltre i tre quinti del valore del mercato azionario mondiale – questo è rassicurante. In ogni caso, per gli investitori con sede nel Regno Unito, dove il mercato interno è dominato da cinque settori (industriale, sanitario, energetico, bancario e minerario), un tracker S&P 500 fornisce un’utile esposizione ai titoli tecnologici di livello mondiale.

Previsione Mercati Finanziari Marzo/Aprile 2024 dai Maggiori Esperti

Diventa attivo

Un altro studio pubblicato la scorsa settimana dal BlackRock Investment Institute (BII) attira l’attenzione sul ruolo che la gestione attiva può svolgere nel mutevole regime di mercato. BII sostiene che una maggiore volatilità, incertezza macroeconomica e divergenza nella performance regionale meritano di prestare maggiore attenzione ai fattori granulari e che le allocazioni di asset “imposta e dimentica” potrebbero non sovraperformare la liquidità nella stessa misura che nell’era dei tassi di interesse ultra-bassi.

Ipoteticamente, agire sulla ricerca di settore avrebbe avuto un impatto molto maggiore sui rendimenti azionari statunitensi tra il 2020 e il 2023 rispetto al periodo 2016-19. Questa scoperta, assumendo il beneficio del senno di poi di 20:20, non è sorprendente. Dopotutto, ci sono stati due periodi di sovraperformance tecnologica che si sono intrecciati con il sell-off del 2021-22 e la compressione dei multipli di valutazione per questi titoli.

Prevedere tali oscillazioni in tempo reale sarà la vera sfida, anche se BII indica come prova di incertezza la gamma di previsioni di inflazione che mostrano una maggiore dispersione. La sua stessa convinzione è che fattori strutturali come la transizione verso un’economia a basse emissioni di carbonio, le divergenze demografiche e la frammentazione geopolitica renderanno l’inflazione più volatile: nel 2025 BII prevede una ripresa.

Questa prospettiva suggerisce che i gestori degli investimenti qualificati che ruotano il tempo tra i settori andranno bene. Questo è più facile a dirsi che a farsi, ma implica anche che gli investitori dovrebbero pensare alle concentrazioni settoriali all’interno dei mercati generali a cui sono esposti. L’S&P 500 ha schiacciato tutti gli investitori nell’ultimo anno, ma il non amato FTSE 100, con il suo focus sulle materie prime e le società predisposte a pagare i dividendi, offre una certa diversificazione quando l’inflazione aumenterà la pressione sui tassi di interesse.

 

 

Creazione di ricchezza a lungo termine

Ulteriori lezioni contenute nell’annuario UBS supportano la tesi dell’incertezza, ma rafforzano i vantaggi principali derivanti dal restare investiti. Sono prevedibili ribassi periodici, profondi e prolungati delle azioni globali e, sebbene le riprese negli ultimi tempi siano state più rapide, gli autori sottolineano che ci sono troppo poche osservazioni per iniziare a fare generalizzazioni.

Il rimborso per l’assunzione dei rischi delle azioni è il premio per il rischio azionario (ERP), che gli accademici calcolano come il tasso livellato di rendimento in eccesso rispetto ai buoni del Tesoro sicuri simili a contanti. Storicamente, in termini reali di dollari USA questo è stato del 4,7% ma, affermando che questo è stato incrementato da circostanze eccezionali nella seconda metà del 20° secolo, gli autori si aspettano un ERP moderato del 3,5% per il futuro.

La cosa più incoraggiante è che il fatto che i tassi di interesse siano più alti che da qualche tempo significa che lo saranno anche i tassi di rendimento principali. Due anni fa, l’annuario prevedeva che il tasso di rendimento reale annualizzato sui titoli di Stato (più rischiosi dei titoli di Stato a causa della loro sensibilità al tasso di interesse) sarebbe stato pari a zero per i futuri investitori della Generazione Z. Il tasso di rendimento reale previsto per le azioni era del 2,5%.

Andando avanti velocemente, oggi le generazioni più giovani, sebbene meno fortunate dei loro antenati, possono ragionevolmente sperare di aumentare la propria ricchezza in termini reali del 4,5% all’anno con le azioni e del 2% all’anno con le obbligazioni. Pertanto, con una ragionevole diversificazione tra le classi di asset per contribuire a mitigare alcuni di questi bruschi ribassi e forse un po’ di asset allocation tattica per adattarsi alle opportunità del settore, il futuro è probabilmente ancora luminoso per gli investitori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *