Investire all’Estero in tempo di Crisi: Come fare Investimenti in Dollari

Sarà uno degli argomenti di cui si discuterà molto in futuro: come investire all’estero? investire all’estero in tempo di crisi resta uno dei principali modi per proteggere i Nostri risparmi , ma come posso fare degli investimenti in dollari?
Se si vogliono fare investimenti all’estero superiori ai 15.000 euro questi vanno dichiarati nel Quadro RW della dichiarazione dei redditi.
Questo sia se si tratti di case o altro tipo di immobili, azioni, obbligazioni o altri tipo di investimenti, su questa va versata la IVAFE, l’imposta sui Nostri capitali all’estero, che è del 2 per mille ogni anno per i prodotti finanziari, mentre per libretti di risparmio e Conti Correnti all’estero, c’è una imposta fissa di 34,20 euro ciascuno all’anno, se non superano i 5.000 euro.

Investire in dollari su prodotti esteri dall’Italia

Quando ci sono dei momenti particolarmente difficili per la Nostra economia e in particolare per la Nostra moneta, ecco che viene subito in mente di investire in dollari, che da sempre è un considerato uno dei sistemi per fare investimenti sicuri.

In questo particolare momento storico, in cui si sta insediando un Governo euro scettico che potrebbe fare un passaggio dall’Euro alla Nuova Lira in un weekend come dicono in molti, quella di investire in dollari potrebbe rivelarsi una buona idea.

I modi più frequenti di investire in $ statunitensi, è quello di comprare Obbligazioni di Stato americane in dollari o ETF in dollari, sempre legati alle obbligazioni di Stato.

C’è un però.

Il dollaro americano , come si può vedere molto bene nel grafico, è sì un investimento sicuro ma non è questo campione di stabilità che invece si è rilevato l’euro in questi anni.

Investire all'Estero in tempo di Crisi: Come fare Investimenti in Dollari

Investire all’estero in Europa

Un’altra soluzione piuttosto facile per poter proteggere i Nostri risparmi, nel caso in cui l’Italia volesse lasciare l’euro, sarebbe quella di investire soldi in un paese europeo.

Si potrebbe investire in bond tedeschi, ad esempio, ma si parla sempre di euro che è si stabile, ma in caso in cui l’Italia dovesse recedere ed uscire dalla UE in pochi giorni avrebbe comunque dei problemi.

Investimenti fuori dall’Europa

Gli investimenti esteri sono quando le imprese o gli individui investono in un altro paese. Esistono due tipi principali di investimenti esteri:

  • investimenti esteri diretti (IED) – in cui un investitore crea o acquista un’impresa in un altro paese
  • investimento di portafoglio: quando un investitore acquista capitale o debito di una società estera. L’investitore non ha necessariamente un interesse a lungo termine nella società o un’influenza sulla sua gestione.

L’UE è al contempo il maggior fornitore e la destinazione di IDE nel mondo, misurata in base a scorte e flussi.

Nel settembre 2017 l’UE ha proposto un regolamento e ha pubblicato un documento di lavoro per aiutare l’UE e i paesi membri a rivedere gli investimenti esteri diretti (IED). Ciò al fine di garantire che gli Ide rimangano una fonte di crescita nell’UE proteggendo al tempo stesso gli interessi essenziali dell’UE. La Commissione ha anche pubblicato una comunicazione sulla necessità della revisione.

Perché gli investimenti internazionali sono importanti

Investimenti internazionali nell’UE:

  • valgono € 5,4 trilioni – o circa il 36% della ricchezza prodotta annualmente dall’UE
  • sostenere direttamente 7,6 milioni di posti di lavoro nell’UE
  • fornire capitale e tecnologia per promuovere la ricerca, l’innovazione e la concorrenza europee

Investimenti dell’UE all’estero:

  • valgono 6,9 trilioni di euro – circa il 46% della ricchezza prodotta annualmente dall’UE.
  • sostenere direttamente 14,4 milioni di posti di lavoro all’estero
  • consente alle aziende europee di ottimizzare la propria produzione, accedere a materie prime e componenti e servire meglio i mercati esteri

Le imprese utilizzano il commercio e gli investimenti internazionali per reperire materie prime e componenti e per individuare alcune fasi della produzione nei luoghi più efficienti in termini di costi o di abbondanza di competenze.

Questo è il motivo per cui molte imprese non europee investono nei paesi dell’UE, ad esempio costruendo fabbriche, mentre molte aziende europee rimangono competitive sui mercati mondiali investendo all’estero o acquistando input dall’estero. Questo fenomeno è noto come catene globali del valore.

Si calcola che l’80% del commercio globale avvenga oggi utilizzando reti di produzione internazionali – aziende internazionali che scambiano beni e servizi intermedi per costruire un prodotto finale.

Obiettivi della politica di investimento dell’UE

La politica di investimento dell’UE mira a:

  • aprire i mercati esteri per le aziende dell’UE
  • garantire che le società europee non siano discriminate all’estero
  • avere un ambiente aziendale prevedibile e trasparente
  • attirare investimenti internazionali nell’UE
  • rendere le regole di investimento internazionali chiare e coerentemente applicate
  • proteggere gli investimenti dei cittadini e delle imprese dell’UE all’estero
  • assicurare la libera circolazione dei pagamenti, del capitale e del personale chiave necessario per gli investimenti internazionali

Anche la politica di investimento dell’UE preserva pienamente il diritto dei paesi di origine e di accoglienza di regolare le loro economie nell’interesse pubblico.

Politica di investimento dell’UE in azione

L’UE sta attualmente negoziando accordi di investimento con la Cina e il Myanmar . L’UE sta inoltre negoziando le norme sugli investimenti come parte dei suoi accordi commerciali con partner quali:

  • Egitto
  • India
  • Indonesia
  • Giappone
  • Giordania
  • Malaysia
  • Mercosur
  • Messico
  • Marocco
  • Filippine
  • Singapore
  • Tunisia
  • Gli Stati Uniti

Riforma della politica di investimento dell’UE

Dopo l’entrata in vigore del trattato di Lisbona nel dicembre 2009, l’UE ha acquisito competenze esclusive sugli investimenti esteri diretti come parte della politica commerciale comune. La Commissione europea ha delineato il suo approccio alla politica di investimento nella sua comunicazione politica nel luglio 2010.

Negli ultimi 50 anni i paesi dell’UE hanno negoziato più di 1.400 accordi bilaterali di investimento che offrono protezione degli investimenti a molti investitori europei. Questi accordi continueranno ad esistere fino a quando non saranno sostituiti da accordi dell’UE.

La Commissione europea vuole riformare il modo in cui funziona la protezione degli investimenti.

A settembre 2015 ha pubblicato proposte sul diritto di regolamentare e per un nuovo sistema giudiziario di investimento . Le riforme sono state incluse nella proposta dell’UE per un accordo transatlantico di partenariato e investimenti con gli Stati Uniti (TTIP) e in altri negoziati commerciali e di investimento dell’UE.

Nella sua strategia Trade for All propone:

  • una maggiore enfasi sul diritto dei paesi di regolamentare nell’interesse pubblico
  • regole di protezione degli investimenti più chiare
  • un sistema giudiziario di investimento pubblico per risolvere le controversie in materia di investimenti.

La proposta di un sistema di tribunali di investimento comprende:

  • istituire un tribunale permanente per ciascun accordo commerciale dell’UE, insieme al partner commerciale corrispondente
  • nominando un pool di giudici altamente qualificati, assegnandone poi casualmente tre per ciascun caso
  • evitare qualsiasi conflitto di interessi impedendo ai giudici nominati di lavorare anche come avvocati di investimento
  • il diritto di impugnare i verdetti e la possibilità di annullare le decisioni della corte
  • rendere tutti i documenti disponibili online e ascoltare le notizie sul webstreaming per tutti

L’UE ha già incluso la sostanza di queste proposte nei suoi nuovi accordi commerciali con il Canada (firmato nel 2016) e il Vietnam (concluso nel 2015).

La Commissione europea intende riformare ulteriormente il modo in cui vengono risolte le controversie in materia di investimenti e sta conducendo sforzi con altri partner commerciali per istituire un tribunale multilaterale per gli investimenti al fine di decidere sulle controversie in materia di investimenti.

A dicembre 2016, la Commissione europea ha avviato una consultazione pubblica su una riforma multilaterale della risoluzione delle controversie in materia di investimenti .

Maggiori informazioni sull’approccio dell’UE alla risoluzione delle controversie in materia di investimenti

Partecipazione a forum internazionali

L’UE partecipa attivamente a istituzioni e organizzazioni internazionali in cui le norme sugli investimenti internazionali sono discusse e concordate:

Maggiori informazioni sugli investimenti all’estero cioè fuori dall’UE

  • Il regolamento n. 1219/2012 garantisce la sicurezza giuridica agli accordi bilaterali di investimento esistenti tra gli Stati membri dell’UE e i paesi terzi fino a quando non vengono sostituiti da accordi di investimento a livello dell’UE.

Nostro collaboratore dal 2012, ragioniere, operatore alla promozione turistica, ha frequentato la facoltà di economia e commercio e il dipartimento di lettere, lingue, letterature, civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *