I Migliori ( e peggiori ) Investimenti dei GURU di Wall Street

I luminari della finanza e di altri settori rivelano i loro più grandi successi e i più grandi errori sugli investimenti che hanno fatto.È il periodo dell’anno per la riflessione. Il Wall Street Journal ha chiesto a persone di successo nel mondo della finanza e non solo quali sono gli investimenti migliori o peggiori che abbiano mai fatto.

Le risposte sono arrivate da un ex presidente della Federal Reserve, 2 premi Nobel per l’economia, diversi importanti investitori e leader aziendali, un poeta di fama nazionale e molti altri.

I loro commenti mostrano come si possono trarre lezioni preziose sia dalle scommesse che pagano sia da quelle che vanno male. (Nota: alcuni commenti sono stati modificati per maggiore chiarezza.)

I Migliori ( e peggiori ) Investimenti dei GURU di Wall Street
Immagine sopra: Paul Volcker Presidente FED ( destra) insieme al Presidente USA Reagan ( anni ’80 ) 

Paul Volcker, ex presidente della Federal Reserve (1979-1987):

Il peggior investimento finanziario che abbia mai fatto è stato passare così tanto tempo nel governo.

L’investimento personale più soddisfacente che abbia mai fatto è stato spendere così tanto tempo nel governo, frustrante per quanto possa essere.

William Bernstein, neurologo e gestore degli investimenti presso la società di gestione del denaro Efficient Frontier Advisors:

Il peggior investimento che abbia mai fatto è stato circa 30 anni fa, quando ho imparato a mie spese, facendo trading sul platino, perché i singoli investitori non dovrebbero dilettarsi con i futures sulle materie prime. Il prezzo è crollato e ho perso qualcosa nelle cinque cifre basse. Ho applicato la lezione alla speculazione in generale e da allora sta pagando dividendi.

IL migliore, intorno al 1994, è stata la partecipazione al [gigante messicano delle telecomunicazioni] Telmex, una combinazione di astuzia e stupida fortuna. Era a buon mercato, circa cinque volte i guadagni, e ho guadagnato qualcosa come 20 volte i miei soldi sulle azioni e sui suoi spin-off. In seguito ho capito che una mossa molto più sicura e intelligente sarebbe stata quella di acquistare un fondo indicizzato dei mercati emergenti. Telmex avrebbe potuto facilmente andare in bancarotta, ma non una dozzina o due interi mercati.

Mellody Hobson, presidente del gestore di fondi comuni Ariel Investments:

La mia istruzione universitaria è stata il mio miglior investimento.

Ero il più giovane di sei figli; mia madre era una mamma single, un’imprenditrice in difficoltà. Venivamo sfrattati, avevamo il telefono scollegato, perché non potevamo pagare le bollette.

Mia madre ha detto: “Questa istruzione si ripaga da sola”. Così ho assunto decine di migliaia di debiti studenteschi, ma li ho ripagati molto rapidamente. Il mio stipendio iniziale era di 35.000 $ e ogni mese restituivo circa cinque volte quello che era dovuto sui miei prestiti studenteschi. Ho pensato che quando non sei abituato ad avere soldi, è il momento migliore per rinunciare a goderteli.

Molte persone stanno mettendo in dubbio il valore di un’istruzione universitaria ora, ma penso che la matematica sia indiscutibile. È direttamente correlato al reddito.

Terrance Odean, professore di finanza, Università della California, Berkeley:

All’inizio del 1989, ho letto che la terra sotto il Palazzo Imperiale di Tokyo valeva più di tutta la terra della California. Ho chiamato il mio agente di cambio e gli ho chiesto come avrei potuto mettere allo scoperto gli immobili di Tokyo. Pochi giorni dopo, mi disse che potevo acquistare put warrant sull’indice Nikkei [una scommessa su un calo dei principali titoli giapponesi]. Senza ulteriori ricerche o riflessioni, ho acquistato  20.000 $ in put warrant.

Ma il Nikkei ha continuato a salire e i miei mandati sono crollati. I 20.000 dollari si erano ridotti a poco più di  2.000 $. Ma non ho nemmeno preso in considerazione la vendita. Il colpo emotivo derivante dalla perdita di  18.000 dollari o dalla perdita di 20.000 dollari sarebbe stato più o meno lo stesso, e la possibilità che l’investimento si riprendesse dopo che avevo esaurito era molto più preoccupante.

Nel 1990 il Nikkei cadde e i miei mandati iniziarono a riprendersi. Quando la posizione è arrivata a poco più di  6.000 $, valeva circa un terzo di quello che ho pagato ma era triplicato dal minimo. Ho venduto circa un terzo della mia posizione totale. Ne ho vendute altre durante la salita e ho guadagnato dei soldi sui mandati finali che ho venduto.

Per molti anni, mi sono detto che avevo rotto anche nel complesso. Ma non l’avevo fatto. Avevo perso almeno 2.000 $. Peggio ancora, il Nikkei continuava a cadere. Se avessi mantenuto i warrant, avrei realizzato un grande profitto, probabilmente fino a 100.000 $.

Anche se ho perso soldi, questo è stato un investimento prezioso. Ho imparato che non potevo cronometrare i mercati e che una scommessa che alla fine ripaga non ti fa bene se non puoi permetterti di mantenerla. Ma la lezione più grande che ho imparato è che è molto più difficile vendere per una perdita che per un profitto.

Dolly Parton, cantautrice, comproprietaria del Dollywood Theme Park a Pigeon Forge, Tennessee:

Migliore: sicuramente, Dollywood.

Ha realizzato un mio sogno personale. Inoltre, ha fornito così tanto divertimento e svago alle famiglie di tutto il mondo, così come tanto lavoro per la gente del posto, la mia gente.

E ha aiutato la crescita dell’intera regione.

Jonathan Tisch, presidente di Loews Hotels & Resorts:

Peggio: all’inizio del 2000, ho investito nel ristorante Chingalle nel Meatpacking District di New York City. Sfortunatamente a causa di un periodo traballante a Wall Street e poi dell’impatto dell’11 settembre sugli affari di Lower Manhattan, il ristorante chiuse. Ogni volta che io e mia moglie mangiamo in quella che oggi è una fiorente area di Meatpacking, mi lamento di come fossimo un po ‘in anticipo sui nostri tempi.

Rob Arnott, presidente della società di investimento Research Affiliates:

Il mio migliore e peggiore investimento di sempre è stato una strategia che coinvolgeva opzioni short put e call ad alta leva finanziaria sull’S & P dal 1997 al 2002, una tecnica per trarre profitto quando le fluttuazioni dei prezzi delle azioni diminuiscono. Durante la maggior parte di questo periodo ho scommesso che le forti oscillazioni dei prezzi sarebbero diminuite. Nel 2001, avevo circa il 10% del mio patrimonio netto investito in questa strategia, perché le opzioni erano sistematicamente troppo costose in quel momento.

La mattina dell’11 settembre, sapevo di aver perso una grossa fetta del mio patrimonio netto in un istante (era circa il 35%), ma davvero non mi importava perché l’evento è stato un promemoria così potente per tutti noi che la vita, la famiglia, l’amore e la salute sono preziosi; l’entità della perdita finanziaria in realtà rendeva l’irrilevanza della perdita molto più evidente.

È stato anche il miglior investimento della mia vita a causa di quel promemoria di ciò che è importante e perché il mio passo successivo è stato – come contrarian – acquistare azioni in modo aggressivo quando i mercati hanno riaperto. Ho sempre amato aumentare le strategie e le classi di attività che sono state profondamente deludenti.

Dana Gioia, professore di poesia e cultura pubblica, University of Southern California, ed ex presidente del National Endowment for the Arts:

Il miglior investimento della mia vita sono stati i 0,83 dollari che ho speso per due tazze di caffè alla Tressider Memorial Union della Stanford University nell’ottobre 1975. Avevo incontrato una bellissima studentessa laureata pochi minuti prima nella libreria del campus e non volevo. terminare la nostra conversazione. Abbiamo conversato da allora, soprattutto dopo che entrambi abbiamo detto “Sì” in chiesa cinque anni dopo. Questo investimento ha successivamente richiesto consistenti apporti di liquidità, ma continua a fornire un robusto ritorno sul capitale.

Il mio peggior investimento sono stati i $ 53 che ho speso nel 1964 per acquistare un pezzo d’oro da cinque dollari Indian Head. Non avevo mai speso così tanti soldi per niente, ma la moneta sembrava così magnifica ai miei occhi di 13 anni che ho svuotato il mio minuscolo conto di risparmio. La moneta si sarebbe effettivamente rivelata un buon investimento, ma una volta tornata a casa, l’ho lasciata cadere e intaccata, distruggendo così il suo valore collezionabile. L’esperienza mi ha insegnato che non sono solo i tuoi investimenti che contano, ma quanto bene li gestisci.

Anne Stausboll, amministratore delegato del sistema pensionistico dei dipendenti pubblici della California:

Peggio: aziende che non praticano una buona governance aziendale. Il legame tra il buon governo e il valore per gli azionisti è così forte che a volte investiamo di più in società sottoperformanti con l’obiettivo di migliorare la governance e, di conseguenza, i dati finanziari.

John C. Bogle, fondatore del gigante di fondi speculativi Vanguard Group:

Il miglior investimento che abbia mai fatto è stato quello che dovevo risparmiare.

Ho investito nel Wellington Fund dal luglio 1951, quando sono andato a lavorare alla Wellington Management e il 15% della mia paga, o 37,50 dollari, è andato ogni mese come parte del piano pensionistico dell’azienda.

Poi, alla fine degli anni ’60, il fondo divenne aggressivamente rischioso e abbandonò la sua focalizzazione su azioni sicure e remunerative. Si è concluso con il peggior record di 10 anni di qualsiasi fondo bilanciato.

Nel 1978 era rotto ed ero determinato a ripararlo. Abbiamo stabilito obiettivi e strategie chiari per raggiungerli, comprese maggiori partecipazioni obbligazionarie e un elenco di 50 titoli che pagano il reddito tra cui scegliere. Il fondo è tornato dall’orlo del baratro e ha sovraperformato il fondo bilanciato medio in 27 dei 35 anni dal 1979.

Il fondo [ora chiamato Vanguard Wellington ] ha avuto una vera rinascita, ed è per me motivo di orgoglio personale. Ricevo ancora lettere dagli investitori del Wellington Fund che mi ringraziano. Il fondo rappresenta anche circa il 20% dei miei risparmi pensionistici totali anche adesso, dopo aver versato notevoli contributi in beneficenza.

Eugene Fama, Premio Nobel per l’economia (2013) e professore di finanza all’Università di Chicago:

Migliore: una politica di 50 anni di non investire mai con gestori attivi.

Peggio: 15.000 $ persi in un investimento degli anni ’60 in una compagnia privata di esplorazione petrolifera.

La rivoluzione dello scisto avrebbe potuto salvarli, ma a quel punto erano spariti.

William Sharpe, premio Nobel per l’economia (1990) e professore emerito di finanza presso la Stanford University:

Quando insegnavo Investimenti a livello MBA a Stanford, iniziai la prima lezione scrivendo un numero di telefono alla lavagna. Poi ho detto agli studenti che era l’informazione più preziosa che avrebbero ricevuto da me.

Probabilmente hai intuito che era il numero di Vanguard. Certo, ora sarebbe l’indirizzo di un sito web. E probabilmente dovrebbero essere incluse altre aziende.

Ma la mia devozione per i fondi indicizzati a basso costo e ampiamente diversificati non è venuta meno.

Burton Malkiel, professore emerito di economia alla Princeton University e autore di “A Random Walk Down Wall Street”:

Ho acquistato una serie di azioni singole nella mia vita. Alcuni se la sono cavata molto bene e altri meno. L’investimento più consistentemente migliore che abbia mai fatto è un fondo indicizzato per il mercato azionario totale.

Investire è divertente. Se la parte più consistente del tuo denaro viene investita in fondi indicizzati e desideri investire in qualcosa di marginale, fallo. Lo faccio. Ricordo i successi meglio dei fallimenti. Ho ricevuto un po ‘di Alibaba all’offerta pubblica iniziale. Continuerò a farlo per divertimento. E continuerò a farlo perché non mi sto illudendo che farò molti guadagni in eccesso.

Kenneth French, professore di finanza, Dartmouth College:

Sarebbe difficile battere il ritorno dal mio investimento nell’istruzione. Borse di studio straordinariamente generose mi hanno permesso di frequentare la Lehigh University e l’Università di Rochester quasi per niente. Anche se includo il valore del mio tempo e dei miei sforzi, il costo di questo investimento era una piccola frazione del guadagno previsto, e il guadagno monetario e non monetario effettivo è stato molte volte superiore a quello. Ci vorrà una vita per ripagare i donatori che hanno finanziato la mia istruzione.

Laurence Siegel, direttore della CFA Institute Research Foundation:

Dopo un incidente nella mia vecchia Mustang malandata nel 1979, ho citato in giudizio il tizio che mi ha picchiato e nel 1982 ha ottenuto un assegno di 5.000 dollari. Dopo aver pagato l’avvocato, ho messo tutto nel fondo dell’indice S&P 500 di Vanguard. Sono entrato vicino al fondo del mercato e ho ancora le azioni – in un conto pensionistico individuale, ovviamente, quindi non ho mai pagato alcuna tassa sui guadagni, anche se lo farò. Valgono circa centomila dollari.

Cosa lo ha reso il miglior investimento? Pagare un prezzo basso e resistere per sempre.

Daniel Loeb, amministratore delegato della società di investimenti di attivisti Third Point:

Peggio: è successo mentre ero al college e scambiavo azioni nel tempo libero. Avevo guadagnato 120.000 $ e ho investito tutto in un’idea che mi appassionava particolarmente: Puritan-Bennett, un produttore di respiratori medici. L’azienda ha subito enormi perdite dopo che i suoi prodotti sono stati associati a diversi decessi. Negli anni che ci sono voluti per rifare i miei profitti persi, ho avuto molto tempo per assorbire l’importante lezione di non concentrare eccessivamente le posizioni.

Jim Cramer, conduttore di “Mad Money” della CNBC ed ex gestore di hedge fund:

Memorex Telex è stato di gran lunga il peggior investimento che abbia mai fatto. Questa società di archiviazione di computer aveva un ottimo affare ma troppi debiti. Così nel 1992 hanno presentato una bancarotta preconfezionata che ha spazzato via gli azionisti.

Ho aspettato che gli investitori che avevano azioni nel fallimento le vendessero. Ho comprato diverse centinaia di migliaia di azioni a  2 dollari quando ha iniziato a fare trading. Quasi immediatamente è sceso a 1,50, dove ho comprato un altro paio di centinaia di migliaia. In pochi mesi l’azione è scesa a 1 dollaro. A 1 dollaro, ho capito quanto potevo perdere, quindi ho comprato un altro milione di azioni. La prossima cosa che so è a 0,625. Ho pensato quanto puoi perdere a 5/8 di dollaro? Quindi ho raddoppiato di nuovo. Due milioni di azioni possedute a 5/8 di dollaro.

Abbastanza sicuro, Memorex Telex non solo è diventata una delle aziende più veloci a superare il processo di fallimento, ma è anche diventata una delle più veloci a tornare in bancarotta. Quanto potrei perdere? Che ne dici di tutto?

Quando hai un’azione a basso prezzo, non pensare a te stesso: “Quanto posso perdere di più?” Puoi ancora perdere tutto da un livello di dollaro inferiore.

Tony La Russa, capo ufficiale di baseball degli Arizona Diamondbacks e manager della Hall of Fame

Non so davvero molto di finanze, ma dal primo giorno, io e mia moglie, ogni volta che abbiamo fatto qualcosa nel settore immobiliare, come un lotto o una casa, è andata molto bene.

Il mio peggior investimento è stato che ho investito con Balcor quando ero con i White Sox, perché quella era la compagnia di Jerry Reinsdorf, il mio capo. Non è andata alla grande. Era verso il tempo in cui quei sindacati immobiliari erano quassù [gli tiene la mano sopra la testa]. Quindi sono entrato nel momento sbagliato, che è stata colpa mia.

Aaron Vermut, amministratore delegato di Prosper Marketplace, un prestatore peer-to-peer:

Uno dei miei peggiori investimenti è stato quello che ho fatto quest’anno in un’attività di fracking del petrolio nel bacino del Permiano in Texas. Ho commesso il classico errore di investire in un settore di cui non so nulla perché l’affare sembrava un gioco da ragazzi: un grande rialzo con uno svantaggio limitato e persone coinvolte che erano investitori intelligenti e ricchi di risorse naturali. La realtà è che stavo seguendo una tendenza. Ero in ritardo alla festa e ignaro dei rischi. La lezione che ho imparato (di nuovo) è di attenermi a ciò che sai, assicurarti di capire in cosa stai investendo e non inseguire le tendenze.

Allan Roth, consulente finanziario e fondatore della società di consulenza Wealth Logic a Colorado Springs, Colorado:

L’investimento migliore? Ho ripreso i soldi della mia laurea nel 1980 e ho comprato monete d’oro a  664 dollari l’oncia. Ero sicuro che sarebbe valso almeno 2.000 $ l’oncia in circa un anno. Invece, non ha tenuto il passo con l’inflazione. Mi ha insegnato che non ero intelligente come pensavo di essere.

Il peggior investimento che ho mai fatto ? Quando avevo 11 anni, la mia famiglia andò in crociera. Mio padre mi ha dato una manciata di centesimi e siamo andati alle slot machine, che erano senza equipaggio. Con il mio secondo centesimo, ho vinto 15 dollari. Questo mi ha insegnato che fare soldi con il gioco d’azzardo era così facile che non potevo aspettare fino a 21 anni per entrare nei casinò.

Ian Schrager, boutique hotelier, co-fondatore di Studio 54 e presidente di Ian Schrager Co:

Il miglior investimento che abbia mai fatto di gran lunga è il tempo che ho trascorso con mia moglie e la mia famiglia, così come il tempo che ho passato con le persone con cui ho lavorato per molto tempo nel corso della mia carriera. I dividendi che ho ricevuto da questo hanno superato di gran lunga qualsiasi cosa abbia mai ricevuto da tutti i miei investimenti messi insieme.

 

Si ringrazia: WSJ

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *