Istituti Finanziari Europei della BCE – Elenco

La BCE mantiene elenchi dei seguenti gruppi di istituzioni, sulla base delle informazioni fornite regolarmente da tutti i membri del Sistema europeo di banche centrali (SEBC).

Per ulteriori informazioni, controlla le nostre domande frequenti.

Istituzioni finanziarie monetarie (IFM)

Per poter avere un quadro completo degli sviluppi monetari, la BCE raccoglie informazioni statistiche dalle IFM – il “settore emittente moneta”. Le IFM, come definite dalla BCE nel Regolamento BCE/2021/2 , comprendono i seguenti settori statistici

  • le banche centrali (S121) , ovvero le banche centrali nazionali degli Stati membri dell’Unione Europea ( come Bankitalia )  e la Banca Centrale Europea ( la BCE );
  • società di raccolta depositi, ad eccezione delle banche centrali (S122) , che sono:
    1. enti creditizi , come definiti all’articolo 4, paragrafo 1, punto 1, del regolamento (UE) n. 575/2013 , la cui attività consiste nel raccogliere depositi o altri fondi rimborsabili dal pubblico e nel concedere crediti per proprio conto;
    2. intermediari finanziari diversi dagli enti creditizi la cui attività consiste nel ricevere depositi e/o stretti sostituti dei depositi da unità istituzionali (anche da istituzioni diverse dalle IFM) e nel concedere prestiti e/o effettuare investimenti in titoli per proprio conto;
    3. istituti di moneta elettronica , come definiti all’articolo 2, paragrafo 1, della direttiva 2009/110/CE , che svolgono principalmente attività di intermediazione finanziaria sotto forma di emissione di moneta elettronica;
  • fondi comuni monetari (S123) , ossia organismi di investimento collettivo autorizzati ai sensi dell’articolo 4 del Regolamento (UE) 2017/1131 e che emettono azioni o quote che sono strettamente sostituti dei depositi.

Le IFM ( in inglese sono indicate con la sigla FMIs, cioè Monetary Financial Institutions ) non includono gli “enti creditizi diversi dalle IFM”, che sono enti creditizi che sono imprese di investimento e che svolgono esclusivamente l’attività di cui all’articolo 4, paragrafo 1, paragrafo 1, lettera b), del regolamento (UE) n. 575/2013 . Questi sono invece classificati nel settore “Altri intermediari finanziari, escluse le imprese di assicurazione e i fondi pensione” (S125).

In conformità al Regolamento BCE/2021/2 , la BCE mantiene e aggiorna regolarmente un elenco delle IFM. Questo elenco:

  • facilita il monitoraggio e la produzione di un bilancio completo e coerente del settore creatore di moneta nell’area dell’euro sulla base di una popolazione di IFM corrispondente ai settori S121, S122 e S123 del Sistema europeo dei conti 2010 (SEC 2010);
  • assicura che la popolazione segnalante statistica sia completa e omogenea;
  • sostiene la produzione di elenchi esaustivi e coerenti degli enti creditizi soggetti ai requisiti di riserva minima dell’Eurosistema e delle controparti ammissibili alle operazioni dell’Eurosistema.

La BCE pubblica quotidianamente informazioni aggiornate sull’elenco delle IFM. I download sono disponibili come file CSV delimitati da tabulazioni. In alternativa, le interrogazioni definite dall’utente possono essere eseguite direttamente tramite la funzione di accesso ai dati della MFI .

I dati più recenti sono disponibili tramite il portale dati della BCEInoltre il seguente materiale viene aggiornato mensilmente:

Istituti Finanziari Europei della BCE - Elenco

Fondi di investimento (FI)

I “fondi di investimento” (FI) sono organismi di investimento collettivo che: i) investono in attività finanziarie e non finanziarie, ai sensi del Sistema europeo dei conti nazionali e regionali nella Comunità (SEC 95), nella misura in cui l’obiettivo è investire il capitale raccolto dal pubblico; e ii) sono istituiti ai sensi del diritto comunitario o nazionale.

Nella definizione di FI rientrano: organismi le cui quote o azioni sono, su richiesta dei detentori, riacquistate o rimborsate direttamente o indirettamente a valere sul patrimonio dell’organismo; e le imprese che hanno un numero fisso di azioni emesse e i cui azionisti devono acquistare o vendere azioni esistenti quando entrano o escono dal fondo.

Non sono inclusi nella definizione di FI i fondi pensione e i fondi del mercato monetario (che rientrano nelle IFM).

Le informazioni sugli IF vengono raccolte:

  • fornire alla BCE un quadro statistico completo delle attività finanziarie del sottosettore FI; E
  • garantire che gli operatori statistici segnalanti sui FI siano completi e omogenei.

Il quadro normativo per i FI è stabilito nel Regolamento (UE) n. 1073/2013 della Banca Centrale Europea del 18 ottobre 2013 relativo alle statistiche sulle attività e passività dei fondi di investimento (BCE/2013/38).

La BCE pubblica un aggiornamento trimestrale dell’elenco dei FI (nove settimane dopo la fine del trimestre a cui si riferisce l’elenco) e anche elenchi rivisti per i tre periodi di riferimento precedenti l’ultima pubblicazione.

Dettagli pubblicati riguardanti l’elenco dei FI, compresi i dati storici:

Società veicolo finanziarie (FVC)

Le “società veicolo finanziarie” (SV) sono imprese costituite ai sensi del diritto nazionale o comunitario che principalmente:

  • per realizzare operazioni di cartolarizzazione e che siano protette dal rischio di fallimento o di qualsiasi altro inadempimento dell’originator; e che
  • emettere titoli, quote di fondi di cartolarizzazione, altri strumenti di debito e/o derivati ​​finanziari e/o possedere legalmente o economicamente beni sottostanti l’emissione di titoli, quote di fondi di cartolarizzazione, altri strumenti di debito e/o derivati ​​finanziari offerti in vendita al pubblico o venduto sulla base di collocamenti privati.

Né le IFM (vedere la prima scheda sopra) né i FI (vedere la seconda scheda sopra) sono inclusi nella definizione di SV.

Per “cartolarizzazione” si intende un’operazione o uno schema mediante il quale: i) un’attività o un insieme di attività viene trasferito a un’entità distinta dall’originatore ed è creato o serve allo scopo della cartolarizzazione; e/o ii) il rischio di credito di un’attività o di un insieme di attività, o parte di esso, viene trasferito a coloro che investono in titoli, quote di fondi di cartolarizzazione, altri strumenti di debito e/o derivati ​​finanziari emessi da un’entità separata da cedente ed è creato o serve allo scopo della cartolarizzazione.

Le informazioni sulle FVC vengono raccolte:

  • fornire alla BCE un quadro statistico completo delle attività finanziarie del sottosettore FVC; E
  • garantire che la popolazione segnalante statistica sulle SV sia completa e omogenea.

Il quadro giuridico per le SV è stabilito nel Regolamento (UE) n. 1075/2013 della Banca Centrale Europea del 18 ottobre 2013 relativo alle statistiche sulle attività e passività delle società veicolo finanziarie coinvolte in operazioni di cartolarizzazione (BCE/2013/40).

La BCE pubblica un aggiornamento trimestrale dell’elenco delle FVC (tre settimane dopo la fine del trimestre a cui l’elenco si riferisce) e anche elenchi rivisti per i tre periodi di riferimento precedenti l’ultima pubblicazione.

Dettagli pubblicati riguardanti l’elenco delle FVC, compresi i dati storici:

Istituzioni rilevanti per le statistiche sui pagamenti (PSRI)

Le “istituzioni rilevanti per le statistiche sui pagamenti” (PSRI) sono prestatori di servizi di pagamento (compresi gli emittenti di moneta elettronica) e operatori di sistemi di pagamento. I PSRI offrono servizi di pagamento e/o hanno il diritto di farlo. Possono essere classificati in diversi settori istituzionali.

I prestatori di servizi di pagamento comprendono i seguenti soggetti:

  • per enti creditizi si intendono le imprese la cui attività consiste nel ricevere depositi o altri fondi rimborsabili dal pubblico e nel concedere crediti per proprio conto;
  • istituti di moneta elettronica , ovvero persone giuridiche autorizzate a emettere moneta elettronica, vale a dire valore monetario memorizzato elettronicamente, anche magneticamente, emesso al ricevimento di fondi e che può essere utilizzato per effettuare pagamenti;
  • istituti di giro postale abilitati ai sensi del diritto nazionale a fornire servizi di pagamento;
  • la Banca Centrale Europea e le banche centrali nazionali (BCN) quando non agiscono in qualità di autorità monetaria o di altre autorità pubbliche;
  • Stati membri o le loro autorità regionali o locali quando non agiscono in qualità di autorità pubbliche;
  • per istituti di pagamento si intendono le persone giuridiche diverse da quelle sopra elencate autorizzate a fornire ed eseguire servizi di pagamento in tutto il territorio dell’Unione Europea.

Gli operatori dei sistemi di pagamento sono entità legalmente responsabili della gestione di un sistema di pagamento.

La BCE mantiene e aggiorna ogni anno l’elenco dei PSRI. L’elenco comprende anche informazioni sui soggetti a cui è stata concessa una deroga da parte di una BCN per quanto riguarda gli obblighi di segnalazione delle statistiche sui pagamenti.

In ottemperanza ai propri obblighi giuridici, la BCE pubblica regolarmente questi dati di riferimento, a condizione che le informazioni non siano riservate.

Imprese di assicurazione (IC)

Le “imprese di assicurazione” (IC) sono società o quasi-società finanziarie che svolgono principalmente attività di intermediazione finanziaria in conseguenza della condivisione dei rischi, principalmente sotto forma di assicurazione diretta o riassicurazione.

Le imprese di assicurazione comprendono le società o quasi-società finanziarie che forniscono:

  • servizi di assicurazione sulla vita , in cui gli assicurati effettuano pagamenti regolari o una tantum all’assicuratore in cambio dei quali l’assicuratore garantisce di dare agli assicurati una somma concordata, o una rendita, ad una determinata data o prima;
  • servizi di assicurazione contro i danni per coprire, ad esempio, rischi di incidenti, malattia, incendio o default del credito;
  • servizi di riassicurazione , in cui l’assicurazione viene acquistata dall’assicuratore per proteggersi da un numero inaspettatamente elevato di sinistri o sinistri eccezionalmente elevati.

Le informazioni sugli IC vengono raccolte:

  • fornire alla BCE un quadro statistico completo delle attività finanziarie del sottosettore IC;
  • garantire che la popolazione segnalante delle statistiche IC sia completa e omogenea;
  • garantire la produzione di un elenco completo e coerente delle controparti idonee per le operazioni dell’Eurosistema.

Il quadro giuridico per le IC è stabilito nel Regolamento (UE) n. 1374/2014 della Banca Centrale Europea del 28 novembre 2014 sugli obblighi di segnalazione statistica per le imprese di assicurazione .

Fondi pensione (PF)

I “fondi pensione” (FP) sono intermediari finanziari che offrono assicurazioni sociali fornendo reddito agli assicurati dopo il loro pensionamento. Spesso forniscono anche prestazioni in caso di morte e invalidità. I regimi pensionistici sono elementi fondamentali del reddito delle famiglie europee durante la pensione. Anche i fondi pensione svolgono un ruolo nei mercati finanziari come investitori istituzionali. Per questi motivi la BCE raccoglie statistiche sui bilanci dei fondi pensione per le sue analisi sul sistema finanziario e sulla ricchezza delle famiglie.

Le informazioni sui PF vengono raccolte:

  • fornire alla BCE un quadro statistico completo delle attività finanziarie del settore FP;
  • garantire che gli operatori segnalanti delle statistiche del FP siano completi e omogenei;
  • produrre un elenco completo e coerente delle controparti idonee per le operazioni dell’Eurosistema.

Il quadro giuridico per gli FP è stabilito nel Regolamento (UE) n. 2018/231 della Banca Centrale Europea del 26 gennaio 2018 sugli obblighi di segnalazione statistica per i fondi pensione (BCE/2018/2) (“il Regolamento”).

In conformità all’articolo 3 del Regolamento, la BCE pubblica e mantiene, a fini statistici, il seguente elenco di FP e gestori pensionistici che fanno parte degli operatori effettivamente soggetti agli obblighi di segnalazione soggetti al Regolamento. L’elenco può includere informazioni sulle entità a cui è stata concessa una deroga da una BCN ai sensi dell’articolo 7 del regolamento.

Un’analisi dei primi dati del PF è stata pubblicata sul Bollettino Economico.

  • Panoramica del numero totale di FP, compresi i dati storici (suddivisi per paese e tipologia di schema) ultimo aggiornamento: 06/10/2023
  • Dettagli pubblicati riguardanti l’elenco dei PF, inclusi i dati storici ultimo aggiornamento: 06/10/2023
  • Definizioni degli attributi nell’elenco dei PF ultimo aggiornamento: 02/11/2021

Cos’è il sistema europeo delle banche centrali

Il Sistema europeo di banche centrali (SEBC) è l’istituzione centrale dell’Unione Europea responsabile della politica monetaria dell’area euro. È composto dalla Banca centrale europea (BCE) e dalle banche centrali nazionali (BCN) dei 19 paesi dell’area euro.

Il SEBC ha il mandato di mantenere la stabilità dei prezzi nell’area euro. Per fare ciò, la BCE può utilizzare una serie di strumenti, tra cui:

  • La politica monetaria di base, che consiste nell’acquisto e nella vendita di titoli di Stato e altri titoli finanziari;
  • La politica monetaria di destinazione, che consiste nell’imporre requisiti di riserva alle BCN;
  • La comunicazione della politica monetaria, che consiste nel fornire informazioni al mercato sulla politica monetaria della BCE.

Il SEBC è un’istituzione indipendente e non risponde alle autorità politiche dell’Unione Europea. Tuttavia, è soggetto al controllo del Parlamento europeo e del Consiglio dell’Unione Europea.

Le funzioni del SEBC sono le seguenti:

  • Stabilire e attuare la politica monetaria dell’area euro;
  • Emettere la moneta dell’area euro, l’euro;
  • Gestire le riserve ufficiali dell’area euro;
  • Supervisionare il sistema finanziario dell’area euro;
  • Cooperare con le banche centrali di altri paesi.

Il SEBC ha sede a Francoforte sul Meno, in Germania.

Le BCN sono responsabili dell’attuazione della politica monetaria della BCE nei rispettivi paesi. Sono anche responsabili della supervisione del sistema finanziario nazionale.

Il SEBC è stato istituito nel 1998 con l’entrata in vigore del Trattato di Maastricht.

Domande frequenti sugli elenchi degli istituti finanziari europei

Qual è la differenza tra l’elenco delle istituzioni finanziarie monetarie (IFM) e l’elenco degli istituti di credito soggetti all’obbligo di riserva minima?

L’elenco delle IFM è stabilito dalla BCE a fini statistici e comprende tutte le IFM in tutti gli Stati membri dell’UE.

Le IFM, come definite nel Regolamento BCE/2021/2 , comprendono i seguenti settori statistici: banche centrali (S121), società di deposito, escluse le banche centrali (S122), e fondi comuni monetari (S123).

L’elenco degli enti creditizi soggetti all’obbligo di riserva minima comprende tutti gli enti creditizi residenti nell’area dell’euro e identifica quelli soggetti all’obbligo di riserva minima (variabile “riserva” impostata su “Sì”).

Gli enti creditizi dell’area dell’euro presenti nell’elenco delle IFM (nel settore S122) sono inclusi anche nell’elenco degli enti creditizi soggetti all’obbligo di riserva minima. Tuttavia, questi ultimi possono includere anche “istituti creditizi diversi dalle IFM”, che sono imprese di investimento autorizzate come enti creditizi ma che non soddisfano la definizione statistica di IFM – questi sono invece classificati nel settore “Altri intermediari finanziari, esclusi imprese di assicurazione e fondi pensione” (S125).

L’elenco delle IFM viene aggiornato quotidianamente sul sito web della BCE, mentre l’elenco degli istituti di credito soggetti all’obbligo di riserva minima su base mensile. I dati possono essere scaricati tramite lo strumento “ Scarica dataset ”. In alternativa iscriviti alle mailing list.

Qual è il codice identificativo dell’entità? Da dove deriva?

Il codice identificativo dell’entità è un codice alfanumerico univoco assegnato all’istituto finanziario dalla banca centrale nazionale dello Stato membro dell’UE in cui è residente. Le prime due cifre rappresentano il codice ISO a due cifre del paese di residenza dell’istituto finanziario.

Il codice identificativo dell’entità ha una base giuridica o è semplicemente un codice interno utilizzato dalla BCE?
La convenzione sul codice identificativo dell’entità è stata istituita e concordata dalla BCE e dalle banche centrali nazionali. È giuridicamente vincolante ed è stabilito nell’Indirizzo BCE/2018/16 .

Gli identificatori degli istituti finanziari possono cambiare?

Sebbene applicato solo in rare circostanze, le banche centrali nazionali (BCN) possono decidere di modificare l’identificativo assegnato a un’istituzione finanziaria residente nella loro giurisdizione. Ciò può essere dovuto, ad esempio, a un’importante riorganizzazione interna dei sistemi nazionali di reporting statistico. Un elenco delle modifiche avvenute in passato è disponibile qui:

I dati sulle fusioni e acquisizioni sono disponibili sul sito web della BCE?

Il documento sulle fusioni e acquisizioni è disponibile sul sito web della BCE: Fusioni e acquisizioni che coinvolgono il settore bancario dell’UE: fatti e implicazioni (dicembre 2000). Tuttavia, informazioni specifiche riguardanti tale attività nel settore delle IFM dell’UE saranno pubblicate in futuro. Le seguenti informazioni saranno fornite su base mensile: nomi registrati delle istituzioni coinvolte, codici ID (ove applicabile) e le corrispondenti date di efficacia giuridica di tutte le IFM coinvolte con altre IFM/non IFM in attività legate alle fusioni.

Esiste un’alternativa alle versioni annuali se desidero ricevere l’elenco delle IFM e delle istituzioni soggette a riserva obbligatoria?

Vai su Scarica set di dati e scarica i dati necessari.

Alcuni degli elementi nelle caselle di riepilogo “Cerca nel database” sono selezionati per impostazione predefinita. Come faccio a deselezionare queste opzioni?
Tieni premuto il tasto Ctrl e fai clic contemporaneamente sull’elemento selezionato.

Non riesco ad accedere alle aree “Cerca nel database” o “Scarica set di dati”.
Uno dei motivi di questo problema potrebbe essere un sovraccarico temporaneo di Internet. Se ciò accade, riprova più tardi.

Non riesco ad accedere all’area “Scarica set di dati” anche dopo aver provato ripetutamente. Ricevo un messaggio di errore: “L’operazione richiesta non può essere eseguita dal proxy: impossibile individuare l’host mfi.ecb.int”.

Questo è un problema sul sito dell’utente, poiché il server proxy dell’utente non riesce a localizzare il sito web della BCE. Ciò potrebbe essere dovuto a un’errata configurazione del proxy o a un problema con “https”.

Quando accedo a un sito web ricevo un messaggio di errore che informa che potrebbe verificarsi una “violazione della sicurezza” e in questo caso non posso più accedere.

Il sito web dell’MFI è un server web sicuro. La sicurezza viene ottenuta utilizzando https come protocollo di comunicazione e il problema potrebbe essere correlato alle impostazioni del sito dell’utente che disabilitano la comunicazione https. Chiedi informazioni al tuo supporto IT locale e/o consulta la politica Internet della tua azienda.

Potresti fornirmi il software necessario per decomprimere i file compressi e le istruzioni?

Forniamo file in formato compresso (.gzip) e in formato non compresso (.txt) per il download manuale. Le istruzioni per il download e la posizione del software di decompressione sono reperibili nella Guida per l’utente.

Dove posso trovare informazioni legali sulle IFM?

Maggiori informazioni giuridiche sulle IFM sono disponibili nella sezione Quadro giuridico del sito della BCE.

Classifica Banche Italiane CET1

Le migliori Banche Italiane per sicurezza, determinata dal CET 1 Ratio più alto
Nome Banca CET1 Ratio
Finecobank 20,8%
Banca Mediolanum 20,7%
Icrea Banca 19,2%
BCC Roma18,96%
Banca Sella 18,63%
BFF Bank 16,90%
Banca Generali 16,30%
Fideuram 15,8%
Monte dei Paschi di Siena 15,6%
Popolare di Sondrio15,4%
Banca Ifis 15,1 %
Banca Desio 15,1%
Unicredit 14,9%
ING Group 14,5%
Mediobanca14,0%
Credem 13,72%
Intesa Sanpaolo 13,5%
Banco BPM 13,3%
Banca Sistema 12,6%
BPER 14,0%
Banca Ifis
IFF
15,21%

Banca Migliore Dove Aprire un Conto Corrente Titoli

Di seguito la Classifica dei migliori CONTI CORRENTI TITOLI che servono anche ad investire, classifica fatta in base a questi parametri.
Pos.BancaOpinioni
Clienti
CET1 RATIOUsab.Voto
1Fineco10/1020% 109,5/10
2MPS

9/1016,9% 08/10
3Intesa San Paolo 7/1013,5% 77,5/10
4Unicredit8/1014,9% 77,5/10
5Webank ( Banco BPM) 8/1013,50% 7,57,5/10
6Conto You, Banco BPM8/1013,83% 7,57,5/10
7 Banca Sella 7,5/10 18,36% 8,5 7,5/10

Miglior Conto Corrente per Giovani

PosizioneNomeSpese Canone ContoSpese Canone CartaPossibilità di investimenti
1 Conto Fineco under 300€0 €
2Widiba start under 300€0€No
3Hello Bank Young0€0€No
4Hype0€0€No
5Credit Agricole0€0€
6N260€0 euroNo
7Credem0€ primo anno
azzerato under 35
8 euro al mese
0€
8BPER Banca0€18€ annoNo ( devi aprire
un conto trading
apposito per
investire)

Classifica Banche Italiane per Capitalizzazione

Le più grandi banche italiane per Capitalizzazione
NomeCET1 RatioCapitalizzazione
MLD di€
ING Group 14,5%47,40 MLD
Intesa Sanpaolo 13,5%45,08
Unicredit 14,9%43,2 MLD
Finecobank 20,8%7,74 MLD
Banco BPM BAMI14,0%6,65 MLD
Banca Mediolanum 20,7%6,09 MLD
BPER 14,0%3,93
Banca Generali 16,30%3,80 MLD
Monte dei Paschi di Siena 15,6%3,31 MLD
Credem 13,72%2,58 MLD
BFF Bank 16,90%1,81 MLD
Banca Ifis 15,1 %0,872 MLD
Banca Sella18,63%0,871
Banca Sistema 12,6%0,094 MLD
Icrea Banca 19,2%--
BCC Roma18,96%--
Fideuram 15,8%--
Popolare di Sondrio15,4%--
Banca Desio 15,1%--

Migliori Broker per fare Trading Online regolamentati CONSOB

Elenco dei Migliori Broker per fare Trading Online in base ai parametri di affidabilità, assistenza, facilità e costi di gestione e regolarmente iscritti alla CONSOB o altre autorità europee equivalenti.
NomeAffidabilitàAssistenzaFacilità d'usoCosti
1

Fineco


1010107,5
2 eToro8 8,510 10
3Interactive Brokers*96510
4 De Giro7788,5
5 Banca Sella Conto Trading9888
6Trading Bancoposta
SERVIZIO
SOSPESO
NEL 2021
-- -- -- --
7Smart Trading BPER10777,5
8 Trading con Intesa Sanpaolo1088 7,5
9Robinhood *9569
10Webank7787
11 ActiveTrades8779
12Plus5006688
13 Trading Unicredit87,566

Copia di Banca Migliore Dove Aprire un Conto Corrente abilitato ad Investire in Borsa

Si tratta di NORMALI CONTI CORRENTI che IN PIU' hanno anche la possibilità di fare investimenti in Borsa di tutti i tipi: Azioni, Obbligazioni, ETF, Fondi e altri asset
Posizione
in classifica
BANCA Opinioni dei ClientiCET1 RATIOVOTO
1Fineco10/1020%9,5/10
2Poste Italiane7/10N.D.8/10
3Monte dei Paschi di Siena 9/1016,9%8/10
4Intesa San Paolo 7/1013,5%7,5/10
5Unicredit8/1014,9%7,5/10
6Webank ( Banco BPM) 8/1013,50%7,5/10
7Conto You, Banco BPM8/1013,83%7,5/10
8 Conto Corrente Banca Sella 8/1013,41%7,5/10

Elenco di Banche Italiane NON QUOTATE presso la Borsa italiana

PosizioneBancaCapitale sociale (€)
1Cassa Centrale Banca6.000.000.000
2Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto4.000.000.000
3Cassa di Risparmio di San Miniato2.000.000.000
4Cassa di Risparmio di Ferrara1.000.000.000
5Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza1.000.000.000
6Cassa di Risparmio di Asti900.000.000
7Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo800.000.000
8Cassa di Risparmio di Cuneo700.000.000
9Cassa di Risparmio di Lucca600.000.000

Elenco 30 Banche Italiane per CET1 Ratio

Elenco banche italiani migliori per CET1 Ratio che ne ratifica la solvibilità, cioè le più affidabili.
PosizioneBancaSimbolo delle azioniCet1 Ratio
1Fineco Bank20,8%
2Mediolanum20,7%
3Icrea Banca19,2%
4BCC Roma18,96%
5Banca Sella18,63%
6BFF Bank16,9%
7Banca Popolare di Sondrio15,4%
8Banca Ifis15,01%
9Banco Desio15,01%
10UniCredit14,9%
11Ing group14,5%
12Mediobanca14%
13Credem13,72%
14Intesa Sanpaolo13,5%
15Banco BPM13,3%
16Banca Sistema12,00%
17BPER12,04%
18Banca Popolare di Bari11,9%
19Banca Popolare di Milano11,6%
20UBI Banca11,3%
21Cassa Centrale Banca11,2%
22Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto11,1%
23Cassa di Risparmio di San Miniato10,9%
24Cassa di Risparmio di Ferrara10,8%
25Cassa di Risparmio di Parma e Piacenza10,7%
26Cassa di Risparmio di Asti10,6%
27Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo10,5%
28Cassa di Risparmio di Cuneo10,4%
29Cassa di Risparmio di Lucca18,27%
30Credit Agricole Italia17,2%

Migliori Broker per fare Trading Online regolamentati CONSOB

Elenco dei Migliori Broker per fare Trading Online in base ai parametri di affidabilità, assistenza, facilità e costi di gestione e regolarmente iscritti alla CONSOB o altre autorità europee equivalenti.
NomeAffidabilitàAssistenzaFacilità d'usoCosti
1

Fineco


1010107,5
2 eToro8 8,510 10
3Interactive Brokers*96510
4 De Giro7788,5
5 Banca Sella Conto Trading9888
6Trading Bancoposta
SERVIZIO
SOSPESO
NEL 2021
-- -- -- --
7Smart Trading BPER10777,5
8 Trading con Intesa Sanpaolo1088 7,5
9Robinhood *9569
10Webank7787
11 ActiveTrades8779
12Plus5006688
13 Trading Unicredit87,566

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.