Estinzione anticipata del mutuo senza pagare oneri aggiuntivi: guida

Ecco come posso fare l’estinzione anticipata del mutuo senza pagare oneri aggiuntivi, a volte , si trovano i soldi per poter estinguere il mutuo, cioè pagare tutte le rate rimanenti in una volta sola, magari si è avuta un’eredità, oppure si hanno dei risparmi da parte, allora ecco come fare un’estinzione anticipata del mutuo senza pagare gli oneri aggiuntivi.

Finalmente la direttiva Europea 17/2014 , ha ottenuto il via libera del Consiglio dei Ministri e entro il 21 marzo 2016 dovrà essere recepita.
Nel momento in cui andremo ad estinguere un mutuo, cioè quando andremo a pagare il rimanente di un mutuo, non dovremo più pagare degli oneri aggiuntivi, che sono previsti tutt’ora.

Estinzione anticipata del mutuo senza pagare oneri aggiuntivi: perchè questa scelta?

Il mercato dei mutui é in fermento, tra tanti contratti che hanno sfruttato il diritto di surroga, tra l’economia che sta iniziando un pochino a ‘smuoversi’, tra il costo del danaro che è sceso quasi a zero, tra il mercato immobiliare che è arrivato al minimo storico , quindi i prezzi delle case sono decisamente scesi, le famiglie che hanno deciso di prendere un mutuo sono aumentate questo 2015, quasi il doppio rispetto l’anno scorso, anche se va detto che il 2013-2014 sono stati gli anni horribils dei mutui per la casa.

 

Mutui: estinzione anticipata senza pagare oneri
Soldi in Prestito senza Garanzie I Migliori Tassi per Mutui
Mutuo Islamico cosa é? Prestito Vitalizio Ipotecario cos’é

Estinzione anticipata del mutuo senza pagare oneri aggiuntivi, Novità Mutui per la casa, arrivano nuove regole:

  1. Le nuove regole previste dalla direttiva europea, non consistono solo nella possibilità dell’estinzione del mutuo senza spese aggiuntive, indennità, oneri e commissioni, ma anche altre novità.
  2. I mutui ipotecari, si dovranno concedere in base al valore delle case proprio come ora, solo che questo valore sarà un ‘valore standard’, valutazione che dovrà essere fatta dall’Osservatorio del mercato immobiliare dell’agenzia delle Entrate.
  3. Colui che stipula un mutuo, avrà 7 giorni ‘per riflettere’ prima di firmarlo, in modo da poter valutare anche altre offerte.

Nella direttiva EU di cui sopra, ci sono anche altri argomenti, altre leggi che dovranno essere recepite dal Nostro paese entro il 2016, cosa che avverrà in maniera praticamente certa, visto che ora se non si recepiscono certe direttive europee, si va incontro a pesanti sanzioni, ecco un piccolo riassunto delle principali novità, non solo in campo economico o finanziario:

  1. Nuove leggi contro l’uso di buste di plastica ( finalmente!).
  2. Nuove leggi sul diritto d’autore, concessioni edilizie, musica e libri, dovranno adeguarsi a quelle comunitarie.
  3. Obbligo di scrivere dove un prodotto viene prodotto e confezionato.
  4. Nuove leggi contro il riciclaggio di danaro.
  5. Cittadini UE all’estero: una nuova legge dovrebbe permettere a tutti i cittadini UE di avvalersi di un’Ambasciata o Consolato dei 27 stati membri nel caso in quel paese non ci sia la sua specifica.
 Mutuo ipotecario  Mutuo per giovani coniugi  Mutuo Bancoposta
 Comprare casa all’asta grazie al mutuo ipotecario  TAEG TAN definizione
 Mutuo Unicredit  Mutuo Bancoposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *