Carta di Credito Revolving Senza Busta Paga: Come Averla

Avere una carta di credito revolving è un metodo per ottenere un prestito senza avere una busta paga.

In certi casi è possibile ottenere una carta di credito revolving anche se non si ha una busta paga come garanzia.
In un’economia in cui avere un lavoro fisso è sempre più difficile, ottenere un prestito o anche un piccolo prestito come può essere quello di una carta revolving non è così semplice, in quanto non si hanno delle garanzie certe di restituire i soldi.

Cos’è una carta revolving

Una carta revolving è una carta prepagata con la possibilità di fido, è una delle poche carte con possibilità di prestiti senza busta paga.

Con gli articoli 121 e 128 del Decreto Unico del 1993 numero 385, la legge italiana disciplina anche l’uso della carta revolving , che è a tutti gli effetti una carta di credito.
La carta revolving non é altro che una normale carta di credito prepagata e si usa esattamente come una carta di credito, però al suo interno c’è solo un prestito che va restituito all’istituto di credito che ce l’ha erogato.

Come posso fare con una carta revolving

Una volta che avrò una carta di credito revolving, potrò fare dei pagamenti, potrò fare dei prelievi di danaro liquido ( questo non sempre, però, a volte ci si possono fare solo dei pagamenti) e potrò restituire i soldi che mi sono stati addebitati come prestito, in comode rate.

L’importo del prestito di una carta revolving non è mai alto; può essere di qualche centinaio di euro, fino ad arrivare ad un massimo di poche migliaia di euro, dipende più che altro dalle garanzie che si possono offrire all’istituto di credito.

 

ATTENZIONE: la carta di credito revolving richiede meno garanzie ma è meno conveniente per il cliente

Se è vero che è relativamente facile avere una carta di credito revolving, è anche vero che è il metodo meno conveniente per avere un prestito.

Questo perchè hanno degli interessi e spese così alte ( TAEG) che possono superare tranquillamente il 15% annuo, che su una inflazione di quasi lo zero per cento è un’enormità.

Il problema delle revolving deriva però dal rimborso delle rate.

Truffe a parte ( quelle ci possono essere in un qualsiasi contratto commerciale o finanziario) è la percezione del debitore che cambia.

Ad esempio: con una carta revolving di 3.000 euro di credito, una persona si ritrova ogni mese un estratto conto in cui c’è scritto “puoi spendere fino a 2.000 euro”, anche se in realtà già ne ha spese 1.000. A quel punto una persona si sentirà in diritto di spendere tutti i 2.000 euro a disposizione, non rendendosi bene conto che si tratta di debiti contratti. Questi debiti generano altri interessi passivi che si vanno a sommare al totale da ridare alla banca, e dato che si paga a rate, queste rate possono ( in teoria) non finire più.

Carta di Credito Revolving: Prestito Senza Busta Paga 2019

Carte di Credito: Unicreditcard – Viabuy – Widiba – PostePay Evolution – PayPal – Hype – Mastercard –

Essere il cliente di una banca, cioè possessore di un normale conto corrente, si può richiedere una di queste carte di credito particolari. In pratica sono dei veri e propri piccoli prestiti che saranno saldati a rate mensili.

Come ottenere una carta di credito revolving senza avere la busta paga:

Non essere cliente della banca, ma ottenere lo stesso questo prestito in quanto ho un fiduciario: in questo caso, se un cliente noto della banca ( il genitore del richiedente, o un amico o datore di lavoro) pone la propria firma su questo prestito la banca non fa problemi e rilascia la revolving.

Non essere cliente della banca, ma presentare una dichiarazione dei redditi dell’anno precedente in cui c’è scritto che il titolare ha la possibilità di rimettere il debito. Questo sistema però, non é consentito da tutte le banche

Carta Revolving: Prestito Senza Busta Paga 2019
Si ringrazia: Università Bocconi

Come avere una carta di credito revolving online:

Questo sistema è sempre meno usato dalle banche, ed è sempre più difficile avere una carta revolving online a meno che non si sia clienti bèn conosciuti dalla banca e si abbiano tutte le garanzie a posto. Però fino a pochi anni fa’ le banche concedevano molto più facilmente queste carte di credito revolving online.

Prendere una carta revolving solo se si ha estremo bisogno

Naturalmente non conviene prendere un prestito tramite una carta revolving, a meno che non ci siano delle particolari condizioni, in quanto hanno degli interessi passivi particolarmente alti, proprio perchè richiedono poche garanzie.

Ci sono molte tipologie di carte revolving, ‘una per ogni banca’, dicono tanti, infatti ogni banca mette delle particolari condizioni di restituzione, interessi passivi ecc. Prima di ‘buttarsi’ sulla prima carta plastificata che ci danno con dentro qualche centinaio di euro, conviene approfondire e cercare la carta revolving più conveniente.

carta revolving viva gold di compass

Carta Revolving Viva Gold di Compass

Questa carta di credito revolving può essere considerata una buona soluzione se si cercano carte di credito revolving.

Con la raccomandazione di stare attenti a quanto si va sotto, qui trovate la recensione di Viva Gold, la carta revolving di Compass ( che è proprietà di Mediobanca).

Anche qui gli interessi sono alti, come per tutte le carte revolving ( TAEG 15,70% all’inizio del 2019) ma d’altronde si sa, più è alto il rischio per la banca, più alti sono gli interessi.

ATTENZIONE ALLE CARTE REVOLVING

Scegli il Prestito Personale che fa per te:

come fare pagamenti sicuri online con una carta di credito

Finanziamenti FCA Bank

Prestiti BNL

Prestiti Fiditalia

Mastercard come funziona? 

Arancio di ING Direct

Unicredit CreditExpress Top

Prestiti Compass

Finanziamenti Fiditalia

Finanziamento BancoPosta per ristrutturazione casa

Finanziamento BancoPosta per auto

Cessione del quinto dello stipendio

Cessione del Quinto della Pensione Bancoposta

Finanziamenti personali per Vacanze AGOS

Testo Unico Bancario

Nostro collaboratore dal 2012, ragioniere, operatore alla promozione turistica, ha frequentato la facoltà di economia e commercio e il dipartimento di lettere, lingue, letterature, civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *