Borse Valori: Previsioni e High Frequency Trading ( HTF ) Cosa Accadrà?

Sono arrivato al NYSE nell’estate del 1980, avevo 19 anni. Era il luogo più magico, dinamico, eccitante ed esilarante di New York e del mondo. C’erano più di 5000 personalità di Tipo A che si radunavano lì ogni giorno. Oggi ci sono meno di 250 persone al piano dello scambio.

Quando ho varcato le porte – non c’erano telecamere, TV o radio e certamente non c’era un computer, Internet, Twitter, Facebook (FB ), Google ( GOOGL )o Amazon (AMZN ). C’erano solo copie del Wall Street Journal del giorno, del New York Times, del New York Post. e The Daily News.

Sono stati condotti affari su carta e penna. Le società di intermediazione hanno inoltrato gli ordini al broker del piano via telefono per la rappresentazione nella folla commerciale. La lingua parlata nello scambio era molto specifica, piena di simboli e frazioni che definivano i parametri del trading.

C’erano tre veri e propri centri di mercato: il NYSE, l’AMEX e il NASDAQ. Oggi ci sono più di 60 posti dove scambiare e la mia ipotesi è che in futuro quel numero si ridurrà sostanzialmente. La protesta aperta era il sistema operativo del NYSE e dell’AMEX. Il Nasdaq è apparso sulla scena nel 1971 come primo scambio elettronico. Il trading è stato effettuato in 1/8 di dollaro e quel design stesso ha mantenuto il trading controllato e “in gioco”, senza permettergli di diventare “rumoroso” ed irregolare.

A metà degli anni ’80, il cambiamento stava avvenendo, anche se a piccoli passi. L’introduzione di computer in grado di consegnare gli ordini allo stand del broker sul pavimento ha iniziato a trasformare il processo commerciale. Le modifiche alle regole che consentivano a quegli stessi computer di consegnare il flusso degli ordini direttamente allo specialista , iniziarono un altro processo di cambiamento gettando le basi per il futuro.

Ciò si rivelerebbe essere l’evento che ha avviato il movimento per eliminare il broker di piani tradizionale. Fu l’inizio della terza rivoluzione industriale che avrebbe cambiato ancora una volta il mondo e il modo in cui operava. Allo stesso tempo, Internet e i personal computer sono diventati onnipresenti, offrendo a chiunque l’accesso a informazioni, mercati e broker online.

Borse Valori: il Futuro Nei Prossimi 20 anni
Le Borse valori oggi, non sono come la maggior parte delle persone se le immaginano. Ormai le operazioni si fanno comodamente dal proprio desktop, o smartphone, da casa, o dal proprio ufficio.

L’evoluzione delle Borse Valori

All’inizio del secolo in cui Y2K si rivelò un non-evento, la borsa e l’industria furono catapultate nel nuovo secolo.

I mandati della SEC richiedevano che tutti i titoli azionari si spostassero in decimali dalle frazioni entro aprile 2001 e, quando ciò fu completato, i mercati dei capitali statunitensi divennero ufficialmente guidati dal computer. Le sedi di scambi alternativi che avevano lottato per ottenere trazione in un ambiente frazionato hanno improvvisamente trovato il loro piede. L’introduzione di computer palmari, algoritmi e consegna automatizzata ed esecuzione ha iniziato a prendere piede, costringendo il cambiamento in un settore che era maturo per l’efficienza che la tecnologia avrebbe fornito.

La Securities and Exchange Commission (SEC) degli Stati Uniti ha ordinato a tutti i mercati azionari statunitensi di convertirsi in decimalizzazione entro il 9 aprile 2001
Poi, l’11 settembre è successo e la conversazione non riguardava più l’efficienza. Adesso si trattava di sicurezza.

Sono emerse piscine oscure , progettate da tutte le grandi banche per interiorizzare il proprio flusso di ordini. Sono nati nuovi scambi elettronici portando il numero di posti per scambiare azioni a oltre 60 – rispetto all’originale 3. I traders potevano scambiare qualsiasi azione, NY, AMEX o Nasdaq, su qualsiasi scambio purché ci fosse volume e partecipazione. Il rumore era assordante; il trading è diventato più caotico e instabile man mano che questa nuova struttura guadagnava accettazione.

Gli scambi in tutto il mondo sono diventati società quotate in borsa e ora erano responsabili nei confronti degli azionisti e ciò ha creato una dinamica completamente nuova nel modo in cui operavano. Accesso al mercato, dati di mercato, pay to play, co-location sono diventati le parole d’ordine. Gli scambi di ieri erano ormai ufficialmente morti. La nascita del settore dei servizi finanziari e di scambio del 21 ° secolo era qui ed era tutta una questione di velocità, tecnologia intelligente ed esecuzioni automatizzate.

Gli incrementi del trading sono stati ora definiti da decimali (0,0001 – 0,9999) e ciò ha consentito un aumento globale del trading computerizzato ad alta velocità guidato da “algoritmi intelligenti” in grado di leggere e cancellare i titoli delle pubblicazioni finanziarie e delle piattaforme di social media come Facebook ( FB )e Twitter.

E tutto ciò ha generato una nuova generazione di trader, sia nelle banche che nella comunità, che ha utilizzato la logica avanzata e la potenza di elaborazione superveloce per accedere ai mercati.

High Frequency Trading ( HTF ): il futuro delle Borse valori è già qui

I traders ad alta frequenza erano ora ovunque, dal tuo cortile, alle nazioni del blocco dell’Europa orientale come Ucraina, Tagikistan, Uzbekistan e Russia. La partecipazione globale ha creato un’impennata di volumi e opportunità, generando un sacco di scambi che hanno creato volatilità.

L’esplosione degli ETF . (Exchange Traded Funds) ha messo radici mentre i progressi della tecnologia accoppiati con l’ambiente sub-decimale hanno spianato la strada a nuove e più complesse strategie dell’ETF. Anche questo ha sfidato la tesi di investimento e ha permesso a sempre più persone di partecipare generando una tesi di investimento completamente nuova nota come investimenti passivi.

Il che ora ci porta alla grande domanda: come sarà il futuro di borse, broker, market maker, investitori, trader e istituzioni?

Dirò che il futuro è luminoso per gli scambi, in quanto hanno l’obbligo di contribuire a fornire protezione agli investitori. Gli investitori dovrebbero continuare a credere che qualsiasi quotazione in uno scambio “regolamentato” sia un segno di qualità.

Gli algoritmi informatici hanno sostituito la maggior parte dei trader umani e ora stanno prendendo di mira anche gli analisti della ricerca.

Il market maker oggi è diventato più proattivo e non è più ostacolato da una serie di regole scritte quasi un secolo fa e che li rende più dinamici e attivi contribuendo a creare un mercato più solido. Supervisiona la pletora di algoritmi scritti da programmatori che hanno scarsa comprensione di ciò che guida la tesi di investimento, ma svolgono un ruolo sempre più importante man mano che processo e prodotti diventano più complicati.

Le aziende Fintech continueranno a cercare modi per interrompere gli scambi tradizionali, cosa che credo non dovrebbe essere autorizzata dai regolatori. Mentre accolgo con favore l’interruzione in alcuni settori, l’interruzione non regolamentata dei servizi finanziari NON è una di queste. (Dobbiamo ricordare cosa è successo ai mercati globali nel 2007/2010 a causa di “prodotti derivati ​​non regolamentati“?)

Gli investimenti passivi (ETF) continueranno a crescere e permetteranno ancora più specificità nell’individuare tendenze, opportunità in tutto il mondo. Diventeranno inoltre ancora più complessi, il che dovrebbe destare preoccupazione per le autorità di regolamentazione, gli scambi e gli investitori. Gli ETF oscuri che utilizzano derivati ​​si sono dimostrati molto pericolosi per i mercati e hanno sollevato dubbi su quanto sia sensibile il mercato più ampio a un crollo di uno di questi complessi prodotti derivati.

Pertanto, man mano che diventano più complessi e più integrati nelle diverse classi di attività e paesi, dobbiamo chiederci: “I loro potenziali benefici valgono l’ aumento del rischio “che pongono al mercato più ampio e alla stabilità del mercato più ampia? Questa è una domanda globale, poiché i mercati sono più interconnessi che mai. Il mio senso? Penso che siano un disastro in attesa di accadere – e questo è il risultato diretto della velocità con cui questi scambi possono avvenire e di quanto siano interconnessi. È anche perché nessuno capisce davvero come reagiranno a qualche evento esogeno che nessuno ha visto arrivare. I regolatori devono assumere il controllo ed essere consapevoli delle prestazioni di questi prodotti sia in periodi positivi che negativi, ma poi: come possono davvero sapere cosa succede in un tracollo fino a quando non accade? Gli intermediari (broker, non consulenti patrimoniali) continueranno a soffrire.

Le negoziazioni di azioni possono avvenire con una velocità di 0,09 secondi attraverso i mercati elettronici, ma la maggior parte dei singoli investitori ha una velocità di esecuzione media di 0,43 secondi.
Il controllo finirà nelle mani di alcune grandi banche e piattaforme di trading. Aziende come Google ( GOOGL ), Amazon ( AMZN )e Facebook ( FB )continueranno a utilizzare le loro tecnologie di “data mining” per farsi strada nei servizi e nei prodotti finanziari.

Le valute digitali diventeranno reali man mano che la globalizzazione matura. Una valuta accettata in tutto il mondo consentirà un’esplosione nel trading. Anche se ora sembra ancora incerto, non lo farà tra qualche altro anno. ICE (Intercontinental Exchange), che possiede il NYSE e una serie di altri scambi – ha appena introdotto uno scambio “regolamentato” per supportare e legittimare le valute digitali. Quindi, questa parte della storia è appena iniziata.

Il futuro è sia cauto che eccitante. Rimanete sintonizzati.

Kenny Polcari, CEO Kace Capital Advisors, Llc, @CNBC Market Analyst, Speaker.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *