Perché le azioni ENI stanno avendo questa crisi

Le azioni ENI si scambiano oggi a 6,45 euro; a gennaio il loro valore era più del doppio, cioè oltre i 14 euro per azione. In effetti un recupero dai minimi della pandemia c’era stato, ma poi la difficoltà di ripresa di tutte le industrie mondiali con il conseguente calo del prezzo del petrolio e le continue notizie negative rispetto alla 2a ondata della pandemia hanno penalizzato le azioni delle industrie petrolifere, tanto che le azioni ENI oggi stanno raggiungendo un minimo storico, eppure questa compagnia è solida, aspetta solo di poter ripartire.

Azioni ENI e titoli petroliferi in forte crisi

Azioni, prezzi del petrolio estendono le perdite dopo che Trump afferma di avere il coronavirus
Lo stato di salute di Trump potrebbe comportare una maggiore volatilità nei mercati finanziari con l’avvicinarsi delle elezioni negli Stati Uniti, affermano gli analisti.I futures sulle azioni degli Stati Uniti hanno esteso le perdite venerdì dopo che il presidente Donald Trump ha dichiarato che lui e sua moglie sono risultati positivi al coronavirus, settimane prima delle elezioni.

I futures per l’S & P 500 sono scesi dell’1,21% nel primo pomeriggio in Asia, mentre anche i rendimenti del Tesoro USA sono diminuiti con l’aumento dei prezzi delle obbligazioni.

Anche il dollaro USA ha aumentato il suo valore, in particolare contro la sterlina britannica, i dollari australiani e neozelandesi poiché gli investitori hanno cercato ciò che considerano attività relativamente sicure.

Trump ha detto su Twitter che lui e sua moglie erano stati testati per il coronavirus dopo che Hope Hicks, un consigliere senior che ha recentemente viaggiato con il presidente, è risultata positiva.

In seguito ha twittato che lui e la first lady erano risultati positivi al test: “Inizieremo immediatamente il nostro processo di quarantena e recupero”, ha detto.

Il risultato positivo del test sul coronavirus di Trump potrebbe causare una nuova ondata di volatilità del mercato mentre gli investitori si preparano per le elezioni presidenziali fortemente contestate a novembre.

Perché le azioni ENI stanno avendo questa crisi

“Ha il potenziale per ridurre la capacità di campagna elettorale di Trump. Ha molto da fare ed è un’interruzione “, ha detto Sean Callow, stratega valutario al Westpac di Sydney.

“Lo ferisce anche per quanto riguarda l’intera narrazione di cui non c’è davvero molto di cui preoccuparsi – mette la stessa crisi COVID in primo piano e al centro.”

L’indice più ampio di MSCI di azioni Asia-Pacifico al di fuori del Giappone è sceso dello 0,27%. L’indice S & P / ASX 200 australiano è sceso dello 0,98% a causa del calo dei prezzi del petrolio e del rame che ha pesato sul settore delle risorse del paese.
L’indice giapponese Nikkei 225 ha cancellato i guadagni ed è sceso dello 0,69% quando la Borsa di Tokyo ha ripreso a negoziare normalmente dopo che la sua peggiore interruzione di sempre ha bloccato il terzo mercato azionario del mondo.

I futures sull’Euro Stoxx 50 sono aumentati dello 0,06%, i futures sul DAX tedesco sono aumentati dello 0,03%, ma i futures FTSE sono scesi dell’1,02%.

I mercati erano stati instabili all’inizio di venerdì dopo che un’ondata di dati, comprese le richieste di sussidio di disoccupazione e la spesa dei consumatori, suggeriva che la faticosa ripresa economica degli Stati Uniti potrebbe perdere forza.

I future per il Nasdaq ad alto contenuto tecnologico sono scesi dell’1,7%. Il rendimento del Tesoro a 10 anni di riferimento è sceso allo 0,6545 percento.

I mercati azionari e obbligazionari cinesi, i mercati dei cambi e dei futures sulle materie prime sono chiusi dall’1 all’8 ottobre per le festività della Golden Week. Anche i mercati della Corea del Sud e di Hong Kong sono chiusi il venerdì per le festività.

I mercati statunitensi hanno dato il via al quarto trimestre chiudendo in rialzo giovedì, mentre gli investitori hanno seguito i progressi nei negoziati per ulteriori stimoli fiscali.

Il Dow Jones Industrial Average è salito dello 0,13% giovedì. L’S & P 500 ha guadagnato lo 0,53% e il Nasdaq Composite l’1,42%.

Le azioni globali hanno sofferto ultimamente a seguito di un brusco rimbalzo dal crollo di marzo che ha raggiunto il picco a settembre.

Migliaia di tagli di posti di lavoro questa settimana hanno mostrato come le aziende stiano ancora lottando con i riadattamenti necessari per sopravvivere nell’era della pandemia mentre i casi di virus continuano a crescere.

“I rischi per il rally sono reali”, ha dichiarato a Bloomberg TV Joanne Feeney, partner di Advisors Capital Management LLC. “Ciò che è molto insolito è che al momento ci sono molti più rischi a breve termine che a lungo termine.”

Altri dati sull’occupazione negli Stati Uniti

La spesa dei consumatori statunitensi sta iniziando a rallentare a causa del traballante mercato del lavoro. Se i politici non sono d’accordo su un maggiore sostegno, l’economia statunitense potrebbe perdere più slancio.

I commercianti stanno anche aspettando il rapporto del Dipartimento del lavoro sui libri paga non agricoli e sul tasso di disoccupazione più tardi venerdì, a seguito di nuovi annunci di licenziamento da parte di Disney e Goldman Sachs.

L’indice del dollaro è balzato dello 0,3% sull’avversione al rischio.

Il prezzo spot dell’oro è sceso dello 0,55% a $ 1.894,60 l’oncia, aumentando il suo mese peggiore da novembre 2016, mentre i prezzi del petrolio hanno continuato a scendere, aggiungendo un calo del 10% a settembre.

Venerdì i future sul greggio Brent sono scesi dello 0,93% a 40,54 $ al barile, mentre i futures sul greggio USA sono scesi dello 0,98% a 38,34 $ al barile.

Giovedì i prezzi del petrolio sono diminuiti di oltre il 3% poiché l’aumento dei casi di coronavirus in tutto il mondo ha smorzato le prospettive della domanda, mentre l’aumento della produzione del mese scorso da parte dei membri dell’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio ha anche fatto pressione sui prezzi.

Cosa dovrebbe fare un investitore con queste azioni?

Premesso che ogni investitore ha usa storia a sé e che l’azienda rimane comunque solida, è difficile prevedere quando ci sarà un rialzo dei prezzi del petrolio.

Gli analisti consigliano un HOLD , cioè tenere queste azioni per un bel periodo sperando in un aumento del prezzo.

 

Altri articoli che ti potrebbero interessare legati ad aziende petrolifere ed energetiche

 

Energia rinnovabile

Pirelli 

Leonardo

ENEL 

Ei Towers 

Salini Impregilo

Poste 

Ferrari RACE 

Fiera Milano

FCA 

Energia eolica  

Aramco

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *