Azioni META ex Facebook: conviene investire nel 2022? Attenzione!

Bisogna stare molto attenti ad investire in azioni META ( ex Facebook ) in quanto la crescita di questo social network sembra arrivato quasi alla fine almeno nei paesi più sviluppati. D’altronde il numero degli umani presenti sulla terra non è infinito, come il nuovo marchio del metaverso fa intendere.

Cosa sta accadendo alle azioni Facebook che a giorni saranno chiamate META

Facebook ( NASDAQ:FB×​) il titolo è decollato giovedì pomeriggio del 3,6%  dopo che la società ha fatto un grande annuncio che fino ad ora era stato solo vociferato .

Molto presto, Facebook non sarà più “Facebook”. Sarà invece “Meta”, un’abbreviazione di “metaverso“, cioè un universo parallelo digitale , fatto di social e siti internet rispetto a quello reale .

Proprio così. L’azienda che sostanzialmente per prima ha definito il concetto di ” social network ” (ho sentito dire che hanno anche fatto un film su di esso) si sta allontanando dai social media semplici e andando avanti in una nuova direzione, entrando nel metaverso . intanto per META si intende l’insieme dei i social network: Facebook, Instagram e Whatsapp .

Cos’è esattamente è un metaverso? Come ha spiegato l’azienda questo pomeriggio:

Come dicevamo, la parola “Meta” è l’abbreviativo di Metaverso, una parola inventata da uno scrittore di fantascienza anni fa e descrive in moto nuovo l’universo vero e proprio creato dai siti internet, social network e di realtà virtuale, fatta sopratutto di giochi online che sono e saranno sempre di più Facebook, Instagram e Whatsapp.  Meta ( ex facebook ) si è dato il difficile obiettivo di dominare questo nuovo “universo parallelo digitale”

 

Leggi anche:  I migliori titoli del metaverso

Ora che succede?

Potresti dare credito a Facebook: per un’azienda che ha fatto molto bene come azienda di social media, crescendo sostanzialmente di dieci volte in valore dalla sua IPO di maggio 2012 fino ai suoi recenti problemi di ” Facebook Files “, Facebook non è un po’ timido nel suo impegno al suo nuovo modello di business.

Facebook non solo ha in programma di costruire un metaverso, e non solo si è impegnato a spendere 10 miliardi di dollari solo quest’anno. Facebook è così impegnato in questa impresa che sta cambiando il suo nome in Meta, cambiando il suo logo aziendale e impegnandosi a mettere tutte “le app e le tecnologie di Facebook sotto [questo] un nuovo marchio aziendale”.

È una mossa audace e, a giudicare da come si sta muovendo il titolo questo pomeriggio, è una mossa che gli investitori approvano.

Azioni META ex Facebook: conviene investire nel 2022? Attenzione!
Azioni META ex Facebook: conviene investire nel 2022? Attenzione!

Attenzione ad investire nelle azioni META ( Facebook ) perchè la sua crescita sembra giunta al termine

Il gigante dei social media non sta attirando lo stesso tipo di folla a cui era abituato e anche gli utenti sono meno coinvolti.

Riassumendo:

  • La crescita degli utenti sta rallentando a passo d’uomo, in particolare nei mercati più redditizi di Facebook.
  • Le sue entrate medie per utente per il terzo trimestre hanno subito una battuta d’arresto insolita dai risultati del secondo trimestre.
  • Questa decelerazione si sta sviluppando da un po’ di tempo, suggerendo che il modello di business di Facebook potrebbe avvicinarsi al suo massimo potenziale.

Secondo la maggior parte dei parametri, quello passato è stato un trimestre abbastanza buono. Facebook ( NASDAQ:FB×​) è stato più redditizio di quanto si aspettassero gli analisti e, sebbene la top line del terzo trimestre della società non sia stata all’altezza delle stime, entrambe le metriche sono state decisamente più elevate su base annua. E la società ha continuato a coinvolgere gli utenti attivi delle sue piattaforme di social media. La vendita istintiva del titolo derivante da una guida poco brillante per il quarto trimestre è stata ed è tuttora relativamente ben contenuta.

Gli investitori disposti e in grado di guardare oltre tutto il recente dramma che circonda il gigante dei social network, tuttavia, potrebbero aver notato qualcosa nell’aggiornamento trimestrale di Facebook di cui non stanno parlando abbastanza persone. Cioè, la crescita totale degli utenti è rallentata a livelli record, quasi nulli, mentre le entrate per utente sembrano aver colpito un muro.

Facebook potrebbe aver finito la propria crescita?

Non è solo una domanda retorica. In effetti, date un paio di metriche utente che Facebook fornisce regolarmente agli azionisti come parte del suo aggiornamento trimestrale, è una domanda del tutto legittima che vale la pena porre.

 

Una di queste metriche è il numero di persone che utilizzano regolarmente almeno uno dei siti digitali di Facebook – Instagram, WhatsApp e, naturalmente, lo stesso Facebook – su base mensile e giornaliera. Entrambe le cifre sono aumentate sia in sequenza che su base annua nell’ultimo trimestre… di nuovo. Gli utenti giornalieri sono saliti a 2,81 miliardi, mentre gli utenti mensili sono cresciuti fino a 3,58 miliardi nel terzo trimestre di quest’anno. Questo progresso in avanti ha anche portato entrambe le metriche più in profondità nel territorio dei record.

Tuttavia, questo progresso in avanti è stato anche il secondo tasso di crescita degli utenti sequenziale più debole (dal secondo trimestre al terzo trimestre) dell’1,8% che Facebook ha visto da quando ha raccolto e pubblicato le informazioni… con la crescita più debole che ha preso forma durante il secondo trimestre del quest’anno, quando è crollato all’1,5%. Anche la crescita sequenziale degli utenti mensili sta diminuendo.

In altre parole, la capacità di Facebook di attirare nuovi utenti sui suoi siti di social network sta svanendo. L’ondata di utenti guidata dal COVID dello scorso anno non solo non sta riscontrando un grande seguito, ma l’ondata stessa potrebbe anche aver spinto Facebook significativamente più vicino al suo numero potenziale massimo di utenti regolari. Inoltre, sebbene non sia mostrato nell’immagine sottostante, il numero di utenti in Nord America ed Europa è stagnante dall’inizio del 2020. Altri mercati potrebbero non essere molto indietro rispetto ai loro simili venti contrari.

Questo rallentamento di per sé non è devastante. In effetti, ci si poteva aspettare; c’è un limite al numero di persone nel mondo che possono e si collegheranno ad almeno una delle app di Facebook. Inoltre, l’organico è ancora in crescita.

Se abbinato all’altra metrica in questione, tuttavia, il rallentamento della crescita degli utenti suscita preoccupazioni maggiori.

L’altra metrica è il ricavo medio per utente o ARPU. L’ARPU dell’ultimo trimestre di $ 8,18 è superiore del 21% rispetto al comp di $ 6,76 dell’anno precedente. Ma, per la prima volta nella storia recente, l’ARPU del terzo trimestre è diminuito rispetto al fatturato medio degli utenti del secondo trimestre. Vale a dire, le entrate per utente in genere aumentano nel terzo trimestre rispetto alla cifra del secondo. Nemmeno gli utenti più preziosi di Facebook – dai suddetti mercati nordamericani ed europei – hanno generato più entrate nell’ultimo trimestre di quanto non abbiano fatto durante il secondo trimestre. Questo è un grosso problema, poiché più di due terzi del business di Facebook viene svolto in quei due continenti.

Sarebbe miope ignorare le circostanze insolite del 2020 che si protraggono nel 2021. Vale a dire, la pandemia ha spinto molti inserzionisti a chiudere i cordoni della borsa fino a quando non ci fosse stata maggiore chiarezza sul futuro. Quando quella chiarezza ha finalmente preso forma nell’ultima parte dello scorso anno, la spesa pubblicitaria si è rimaterializzata, a palate. Gli inserzionisti sono ancora alla ricerca del mix di spesa ottimale in questo cosiddetto ambiente di “nuova normalità”.

Il vento contrario dell’ARPU di Facebook è comunque degno di nota, in quanto potrebbe essere un suggerimento più ampio che Facebook stesso stia perdendo il favore come mezzo pubblicitario preferito.

Niente panico, ma bisogna stare attenti

Non è necessariamente un motivo per scaricare le condivisioni di Facebook che potresti possedere… almeno non ancora. Un trimestre insolito non fa tendenza, e anche se questa è la prova di un trend in erba, Facebook si sta preparando per il futuro ripensando a tutto ciò che fa ed è. Ad esempio, la piattaforma di social media sta investendo pesantemente per diventare quella che il CEO Mark Zuckerberg descrive come una ” società del metaverso ” che funge da host digitale per spazi di realtà virtuale in cui le persone reali possono connettersi tra loro.

Facebook può monetizzare questo sforzo vendendo (o pubblicizzando) beni o esperienze virtuali. Tale iniziativa aumenterebbe anche la domanda per l’hardware VR a marchio Oculus dell’azienda.

Data l’assoluta incertezza su questo nuovo tipo di social media, tuttavia, oltre al riconoscimento di Zuckerberg che potrebbero volerci anni prima che una piattaforma del metaverso diventi pronta per la commercializzazione, l’ARPU dell’ultimo trimestre e le bandiere rosse della crescita degli utenti non smettono di sventolare . La mania di Facebook potrebbe aver fatto il suo corso, inaugurando una nuova e meno impressionante era dell’esistenza dell’azienda. È una preoccupazione semplicemente perché gli investitori non hanno mai visto Facebook lottare per far crescere i suoi profitti o profitti. Ora potrebbero.

Altre azioni simili a META:

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *