Azioni PayPal Comprare Conviene? Quotazioni in Tempo reale Titolo PYPL

Conviene investire soldi e comprare azioni Paypal Holdings Inc ( Nasdaq: PYPL)?

Paypal nasce nel 1999 dall’ idea di P. Thiel, e M. Levchin, con diffusione mondiale rapida, ed impressionante. Si tratta di un metodo di pagamento online, facile ed intuitivo a cui tutti possono accedere semplicemente con un click.
Di lì a poco, nel 2002, il gruppo Ebay compra Paypal; tale operazione finanziaria e commerciale perdura sino al 2015, quando Paypal viene scorporata e comincia la sua avventura, personale, in Borsa.
Il “divorzio” tra Paypal ed Ebay, tuttavia, si trasforma in partenariato commerciale, con firma sino al 2020. Se consideriamo un semplice aspetto di Ebay, ovvero, il mancato possesso di un conto Paypal rende difficile ogni transazione sulla più grande piattaforma di vendita mondiale, possiamo renderci conto dell’ importanza assunta da Paypal.
Dalla partenza iniziale negli Stati Uniti, il business si allarga, poi, nel 2007 in Europa, inizialmente sotto la supervisione della Commissione di Sorveglianza del Lussemburgo.Oggi Paypal Holdings Inc è quotata sul listino Nasdaq , si scambia sotto la sigla PYPL e corrisponde al numero ISIN US-70450Y1038

Ma come funziona Paypal?

Paypal ha come fondamento della sua attività, l’ effettuazione di transazioni finanziarie senza dover condividere i dati della propria carta di credito col destinatario.

Paypal non effettua alcuna comunicazione nei confronti del destinatario.

Il sito istituzionale di Paypal (www.paypal.com) permette la registrazione, e l’ accensione di un conto Paypal, tramite registrazione del proprio indirizzo email, e l’inserimento di una password.

L’ apertura di un conto Paypal è senza spese, e permette l’ abbinamento di una carta di credito, di una carta prepagata, o di uno o più conti correnti bancari.

Effettuati tali passaggi, si può caricare dei fondi sul conto Paypal tramite una delle suddette modalità, e trasferire dal conto Paypal verso le carte di credito, ed i conti correnti abbinati al conto.

La presenza di una disponibilità fondi sul conto Paypal permette di poter effettuare transazioni online (Ebay in primis).

Inoltre, Paypal, per coloro che ne facciano espressa richiesta, mette a disposizione una propria carta di credito (circuito Visa), ed una prepagata (circuito Mastercard).

Molto interessante è il programma di protezione offerto da Paypal che rappresenta una eccellenza.

L’ acquirente, ed il venditore, che hanno regolato una transazione tramite il proprio conto, sono protetti in caso di contestazioni con la controparte. Ad esempio, mancata ricezione della merce acquistata, per l’ acquirente. La tutela copre l’ importo regolato, ed eventuali spese sostenute. Il venditore viene protetto in caso di perdite per pagamenti effettuati con frode.

Le transazioni Paypal possono essere effettuate anche via mobile, con telefono cellulare, e con relativa applicazione, disponibile solo per Ios e Windows Phone.

La gratuità di Paypal è quasi assoluta. L’ invio di denaro, a fronte del regolamento di beni e servizi è gratuito. Anche l’ invio a familiari ed amici è gratuito (tramite bonifico con regolamento Sepa).

I regolamenti con carte di pagamento hanno tariffe variabili dall’ 1,8% al 3,4% dell’ importo. In ricezione, si applica pari commissione per beni e servizi (senza spese per familiari ed amici).

In casi di prelievi vige la gratuità per importi maggiori di Eur 100,00.

In caso di importi inferiori, si paga Eur 1,00 di commissione. I prelievi con carta Paypal sono gratuiti, sempre.

COME USARE PAYPAL: Come fare i pagamenti onlineCome chiudere l’account onlineCome collegare PostePay

Azioni Paypal: Comprare Conviene? Quotazioni e Previsioni Titolo PYPL

L’ operatività Paypal in Italia

Paypal opera in Italia con l’ osservanza del Testo Unico Bancario (TUB), offrendo servizi finanziari nel territorio italiano.

Banca d’ Italia ha precisato che, in ogni caso, Paypal è da equipararsi ad un istituto di credito operante in territorio domestico; da ciò ne consegue che ogni normativa deve essere osservata, e i poteri di sorveglianza verso Paypal funzionano come per qualsiasi altra banca.

Nel 2016, Banca d’ Italia ha emesso apposito provvedimento normativo per far fronte ai molti fenomeni, in contrasto con la legalità del sistema, in riferimento a molteplici società lussemburghesi operative nel nostro territorio, con intento elusivo delle normative. Da ciò ne deriva che, anche per l’ aspetto fiscale, tali società operanti in Italia e con sede in Lussemburgo, devono essere equiparate a quelle domestiche.

QUOTAZIONE AZIONI PAYPAL HOLDING INC ( PYPL) in tempo reale

 


Azioni Paypal in Borsa

Le azioni Paypal Holdings (PYPL) sono quotate sul listino Nasdaq.

In questo periodo, le azioni quotano circa Usd 89,72, con punti di resistenza (1, 2), pari a Usd 91,85 e Usd 95,57 rispettivamente. I punti di supporto (1, 2) sono pari Usd 88,13 e Usd 86,55 rispettivamente.

Le performance a livello settimanale registrano un – 1.87%, mentre su base annuale si attestano a un + 21,87%.

Al momento, le sessioni di Borsa per Paypal Holdings sono moderatamente positive, anche se, considerando le performance del Nasdaq 100, si evince un forza minore delle azioni, con possibili manovre speculative al ribasso.

Sul medio periodo, Paypal Holdings mostra segnali di debolezza, con possibili oscillazioni verso il punto di supporto 1 (vedasi sopra). Gli analisti sono convinti che, al momento, non vi siano rilevanti movimentazioni speculative sulle azioni, anche sulla base del fatto che il volume di scambio (su base giornaliera) risulti minore rispetto alla media mobile mensile. Tale precisazione, ci permette di dire che il trend delle azioni dovrebbe mantenersi abbastanza stabile: scenario possibilmente interessante per gli investitori con obiettivo di profitto medio, evitando rischi di perdita.

Elementi a favore delle azioni Paypal

Paypal è ormai divenuto un brand molto noto nei sistemi di pagamento online, con un’ interessante offerta di protezione per gli acquisti.

La società, anche se con sede in America, è diffusa su scala globale, e col suo sistema innovativo, offerto ai privati, ed alle imprese, consente di effettuare transazioni di acquisto, o vendita online, oltre a permettere trasferimenti, e prelievo fondi.

La piattaforma operativa di Paypal vanta forti punti di tecnologia avanzata ed innovazione. La mission della società è quella di semplificare i pagamenti nei siti di commercio online, con l’ utilizzo di dispositivi mobili, o in negozio. Tutta questa operatività avviene attraverso i brand Paypal, Paypal credit, Venmo, e Braintree.

La società, sebbene realizzi più della metà dei suoi profitti in America, registra interessanti livelli di fatturato in Regno Unito, ed a venire nel resto del mondo, con tendenza al rafforzamento ulteriori dei numeri di business.

Se consideriamo, poi, che il gruppo Paypal ha in essere dei partenariati davvero rilevanti, come Visa e MasterCard, è possibile comprendere le potenzialità del gruppo. Oltre a questi due brand ben noti, esistono partenariati con Europe Assistance, Aon, Samsung (Samsung Pay), Apple, iTunes, Apple Music and Store etc.

A favore delle azioni Paypal, possiamo considerare che dall’ inizio delle quotazioni in Borsa (2014) (Usd 37,00 ad azione), di passi rilevanti ne sono stati fatti fino ad oggi.

Se consideriamo, poi, i bilanci societari, ed i profitti, i dati evidenziano segnali positivi quasi ogni anno, a partire sempre dal 2014. A titolo di esempio, nel biennio 2014 – 2016, il gruppo Paypal ha consolidato gli utili (crescita del 35% rispetto al pregresso), consolidamento del margine operativo lordo, e riduzione del margine Ebitda.

Considerando quanto sopra esposto, possiamo considerare come convenga investire in azioni Paypal, in un’ ottica di medio periodo, con particolare attenzione ai punti di supporto, e resistenze attuali. Prudenza bassa/moderata. Sito ufficiale.

Altri Investimenti su titoli tecnologici

 

Collaboratore di Economia Italia dal 2012, scrive di economia, finanza e politica dal 2007. Diplomato in ragioneria, è pubblicista e operatore turistico, ha frequentato la Facoltà di Economia e Commercio e il Dipartimento di Lettere, lingue, letterature , civiltà antiche e moderne, presso l'Università degli Studi di Perugia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *