Migliori Mutui Per Comprare Casa per Cittadini Stranieri

In Italia sono presenti oltre 5 milioni di stranieri, quasi tutti regolari e quasi tutti con un lavoro. Ecco che con il tempo trasferiscono le mogli e i figli e vogliono prendere un mutuo per comprarsi la prima casa e trasferirsi a vivere qui da Noi . Oggi scopriremo insieme i migliori mutui per stranieri europei o non comunitari, conoscendone caratteristiche e principali requisiti.

Come avviene coi prestiti, anch’essi hanno requisiti legati fortemente alla posizione residenziale e lavorativa, con una procedura burocratica apposita che permetterà di accedere anche a chi non italiano. Che siano per acquisto, costruzione o ristrutturazione, quali sono e come funzionano i migliori mutui per cittadini stranieri comunitari ed extracomunitari?

Cosa valutare in un mutuo?

Come anche gli italiani devono fare, nello scegliere un mutuo è fondamentale valutare una serie di fattori chiave, che determineranno la qualità del prodotto:

  • Banca erogante
  • Immobile per cui viene richiesto
  • Tasso fisso o variabile
  • Dimensione rate
  • Periodo d’ammortamento
  • Interessi
  • Imposte fiscali
  • Valuta
  • Garanzie richieste
  • Condizioni

Anche per cittadini europei ed extracomunitari, che si risieda stabilmente o meno Italia le offerte disponibili sul mercato sono puramente orientative e sarà cruciale avere un quadro completo, comprendendo anche esigenze e situazione finanziaria, per giungere alle decisioni finali da soli o con l’aiuto di un consulente.

mutui per stranieri
mutui per stranieri

Quali requisiti per un mutuo per stranieri?

I requisiti di un cittadino straniero che vive stabilmente in Italia per avere un mutuo In Italia passano per la dimostrazione di posizione lavorativa, con un contratto da almeno 6 mesi che garantisca stabilità, e disposizioni di tipo residenziale, con regolare residenza italiana e permesso di soggiorno; vi saranno requisiti minori per cittadini non residenti stabilmente in Italia.

Per acquisto, costruzione, ristrutturazione o surroga, il mutuo coprirà fino all’80% dell’importo totale e i requisiti sono molto simili:

  • Per immigrati regolarmente residenti e lavoratori in Italia
    • Residenza da almeno 2 anni
    • Permesso di soggiorno
    • Certificazione reddituale
    • Conto corrente bancario o postale
    • Contratto di lavoro da almeno 6 mesi, meglio ancora se a tempo indeterminato
  • Per immigrati non residenti regolarmente in Italia
    • Contratto di lavoro
    • Conto corrente presso la banca a cui si richiede il mutuo

Tuttavia, l’iter sarà differente rispetto a quello per italiani, poiché oltre alla suddetta documentazione è richiesta anche la traduzione in italiano della dichiarazione dei redditi, considerando il tasso di cambio euro-altra valuta, Deve poi sussistere reciprocità tra le nazioni coinvolte.

Quali categorie di migliori mutui per stranieri?

Tali mutui saranno disponibili presso banche italiane con filiali nei paesi di residenza o estere con filiali in Italia.

come avere un mutuo per casa per stranieri

Mutuo prima casa 

  • Destinatari: stranieri residenti e non fino a 80 anni
  • Durate: da 5 a 30 anni
  • Frequenza rate: mensile
  • Tasso:
    • Fisso
      • Credem: TAN 2,55% TAEG 2,82%
      • Credit Agricole: TAN 2,98% TAEG 3,22%
    • Variabile
      • BPER Banca: TAN 2,45%-3,55% TAEG 2,74%-3,84%
      • Banco di Sardegna: TAN 2,53%-3,73% TAEG 2,78%-3,98%
  • Imposta sostitutiva: 0,25% importo erogato
  • Istruttoria:
    • Credem: 0,5% importo totale min 600,00 euro
    • Credit Agricole: 500,00 euro
    • BPER Banca: 390,00 euro
    • Banco di Sardegna: 0,90% importo totale min 690,00 euro max 990,00 euro
  • Spese perizia:
    • Credem: 280,00 euro
    • Credit Agricole: 201,30 euro
    • BPER Banca: 280,00 euro
    • Banco di Sardegna: 280,00 euro
  • Garanzie: ipoteca primo grado fino al 150% sul bene immobile con atto notarile, nessuna con Fondo Garanzia

Mutuo seconda casa

  • Destinatari: stranieri residenti e non fino a 80 anni
  • Durate: da 5 a 30 anni
  • Frequenza rate: mensile
  • Tasso:
    • Fisso
    • Variabile
      • BPER Banca: TAN 2,45%-3,88% TAEG 2,74%-4,17%
      • ING: TAN 2,60%-3,55% TAEG 2,96%-3,91%
  • Imposta sostitutiva: 2,00% importo erogato
  • Istruttoria:
    • Credem: 1% importo totale min 1.200 euro
    • Banco BPM: 1% importo totale max 1.000 euro
    • BPER Banca: 0,59% importo totale min a 698,00 euro
    • ING: 750,00 euro
  • Spese perizia:
    • Credem: 280,00 euro
    • Banco BPM: 320,00 euro
    • BPER Banca: 280,00 euro
    • ING: 250,00 euro
  • Garanzie: ipoteca primo grado fino al 200% sul bene immobile con atto notarile

Mutuo per la ristrutturazione di una casa

  • Destinatari: stranieri residenti e non fino a 80 anni
  • Durate: da 5 a 30 anni
  • Frequenza rate: mensile
  • Tasso:
    • Fisso
    • Variabile
      • BCC Milano: TAN 1,00%-2,40% TAEG 1,37%-2,77%
      • BPER Banca: TAN 2,30%-3,73% TAEG 2,64%-4,07%
  • Imposta sostitutiva: 0,25% importo erogato per prima casa, 2,00% per seconda casa
  • Istruttoria:
    • Banco BPM: 1% importo totale max 1.000 euro
    • Credit Agricole: 500,00 euro
    • BCC Milano: max 750,00 euro, 0,30% importo erogato fino a 500.000 euro, 0,10% oltre 500.000 euro
    • BPER Banca: 0,59% importo totale min a 698,00 euro
  • Spese perizia:
    • Banco BPM: 320,00 euro
    • Credit Agricole: 201,30 euro
    • BCC Milano: 350,00 euro
    • BPER Banca: 280,00 euro
  • Garanzie: ipoteca primo grado fino al 200% sul bene immobile con atto notarile

Surroga di un mutuo ( possibilità di cambiare banca continuando a pagare il mutuo ) 

  • Destinatari: stranieri residenti e non fino a 75 anni
  • Durate: da 5 a 30 anni
  • Frequenza rate: mensile
  • Tasso:
    • Fisso
      • Credit Agricole: TAN 3,23% TAEG 3,41%
      • Credem: TAN 3,38% TAEG 3,52%
    • Variabile
  • Imposta sostitutiva: nessuna
  • Istruttoria: nessuna
  • Spese perizia: nessuna
  • Garanzie: ipoteca primo grado fino al 150% sul bene immobile con atto notarile

Imposte fisse nel mutuo per stranieri

Anche se per stranieri europei o extracomunitari l’accensione di un mutuo prevede oneri fiscali e spese burocratiche, che si aggiungono al restante 20% dell’importo dell’immobile non coperto dal finanziamento e alle relative spese d’istruttoria e perizia. Per tutte le tipologie, questi sono:

  • IVA: non richiesta per acquisto da venditori privati o imprese costruttrici dopo 4 anni dal termine dei lavori, 4% per acquisto da imprese costruttici entro 4 anni dal termine dei lavori
  • Imposta registro: 3% importo totale per acquisto da venditori privati o imprese costruttrici dopo 4 anni dal termine dei lavori, 168,00 euro per acquisto da imprese costruttici entro 4 anni dal termine dei lavori
  • Imposta ipotecaria: 168,00 euro per ogni tipologia
  • Imposta catastale: 168,00 euro per ogni tipologia

Mutui e stranieri, la situazione italiana

Circa l’11,04% delle richieste di mutuo in Italia proviene da cittadini stranieri, quota che sale a 25,8% in Lombardia, mentre col 32,5% del totale sono i cittadini rumeni a richiederne maggiormente, seguiti dai cinesi con circa il 30%; la richiesta media è invece di 132.000 euro. Considerando grandi città come Roma, Milano, Torino o Bologna, anche nelle case popolari sono mediamente il 10% gli stranieri comunitari e non ad accendere mutui.

A conti fatti, differentemente dai prestiti, che hanno procedure molto simili, i mutui per cittadini UE ed extra-UE seguono un iter più complesso, richiedendo garanzie più stringenti e una serie di documenti che attestino stabilità della propria posizione reddituale e lavorativa, tra questi anche traduzione formale della dichiarazione dei redditi.

 

Altri Mutui da Noi recensiti:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *