Comprare azioni FuelCell Energy per Investire nel 2021, Conviene?

Le azioni FuelCell Energy sembrano uno dei migliori acquisti azionari da fare in questo inizio 2021. Da novembre l’azione ha iniziato a crescere ed è difficile dire quando questa crescita si fermerà. Investire in idrogeno sembrava una cosa da folli solo pochi mesi fa, invece il mercato inizia a crederci e queste azioni sembrano ricalcare molto da vicino il destino delle azioni TESLA.

Le aziende legate all’energia rinnovabile ed emissioni zero è stato un ottimo mercato in cui investire durante il 2021. I ritorni sugli investimenti sono stati ancora più esplosivi negli ultimi dodici mesi. Grazie l’attuale fascino di Wall Street per tutto ciò che è energia rinnovabile per aiutare a reclamare il nostro pianeta, anche con vecchie conoscenze del Nasdaq come questa azienda, che ha ritrovato nuovo vigore. Ancora più importante, ci sono ovvie ragioni per cui la tendenza odierna rimanga persistente.

I miglioramenti nella scienza dietro l’energia alternativa e il movimento zero emissioni, così come i costi inferiori per competere contro i combustibili fossili tradizionali e più sporchi hanno reso più ecologico nella nostra vita quotidiana a casa, al lavoro o da qualche parte nel mezzo, più facile di giorno in giorno.

I veicoli elettrici come quelli di Tesla (NASDAQ: TSLA ) e quelli solari sono i volti dominanti di questo mercato. Ma per gli investitori ci sono altre alternative che si fanno strada da sole e vale la pena prestare attenzione. Uno di questi sono le tecnologie basate sull’idrogeno. E un’azione senza carenza di fallimenti passati e molti critici che stanno guidando questa tendenza verso un futuro più luminoso è FuelCell Energy.

Chi è e qual’è il business di FuelCell Energy Inc

FuelCell Energy Inc, progetta, produce, gestisce e fornisce assistenza a centrali elettriche a celle a combustibile dirette (un tipo di cella a combustibile a carbonato fuso ) che funzionano a gas naturale e biogas. Le loro centrali elettriche non sono considerate “celle a combustibile a idrogeno” perché la loro materia prima non è idrogeno puro e i sottoprodotti della generazione elettrica includono l’anidride carbonica. Essendo uno dei maggiori produttori di celle a combustibile quotati in borsa negli Stati Uniti , la società gestisce oltre 50 impianti in tutto il mondo.  Gestisce il più grande parco di celle a combustibile del mondo, il parco di celle a combustibile  che si trova in Corea del Sud. Il parco è costituito da 21 centrali elettriche che forniscono 59 megawatt di elettricità più il teleriscaldamento a numerosi clienti in Corea del Sud .  Gestisce anche il più grande parco di celle a combustibile del Nord America, costituito da cinque centrali elettriche da 2,8 MW e un ciclo di fondo per turbine a ciclo Rankine a Bridgeport, nel Connecticut .  L’azienda ha due mercati, tra cui l’energia ultra pulita, basata sul gas naturale, e l’energia rinnovabile che funziona con biogas rinnovabile.  La sua base di clienti comprende imprese commerciali e industriali, comprese società di servizi pubblici, comuni, università, ecc.

FuelCell Energy inc conviene investire?
immagine sopra: come funzionano le nuove centrali elettriche di FuelCell Energy a 0 emissioni e maggiore energia prodotta

ExxonMobil e FuelCell Energy, Inc. hanno firmato un nuovo accordo di sviluppo congiunto di due anni ampliato per migliorare ulteriormente la tecnologia delle celle a combustibile a carbonato allo scopo di catturare l’anidride carbonica dagli impianti industriali.

L’accordo, per un valore massimo di 60 milioni di dollari, concentrerà gli sforzi sull’ottimizzazione della tecnologia di base, l’integrazione complessiva dei processi e l’implementazione su larga scala di soluzioni per la cattura del carbonio. ExxonMobil sta esplorando le opzioni per condurre un test pilota della soluzione di cattura del carbonio delle celle a combustibile di prossima generazione in uno dei suoi siti operativi.

La tecnologia proprietaria di FuelCell Energy utilizza celle a combustibile a carbonato per catturare e concentrare in modo efficiente i flussi di anidride carbonica da grandi fonti industriali. Lo scarico della combustione è diretto alla cella a combustibile, che produce potenza mentre cattura e concentra l’anidride carbonica per lo stoccaggio permanente.

Il design modulare consente di implementare la tecnologia in un’ampia gamma di luoghi, il che potrebbe portare a un percorso più efficiente in termini di costi per l’implementazione su larga scala della cattura e del sequestro del carbonio.

ExxonMobil e FuelCell Energy hanno iniziato a lavorare insieme nel 2016 con l’obiettivo di comprendere meglio la scienza fondamentale alla base delle celle a combustibile a carbonato e come aumentare l’efficienza nella separazione e concentrazione di anidride carbonica dallo scarico della generazione di energia alimentata a gas naturale.

Test di laboratorio hanno indicato che l’applicazione di celle a combustibile a carbonato alla generazione di energia a gas naturale potrebbe catturare l’anidride carbonica in modo più efficiente rispetto all’attuale tecnologia CCS convenzionale. Le prime ricerche hanno indicato che applicando questa nuova tecnologia, è stato possibile catturare più del 90% delle emissioni di anidride carbonica di una centrale elettrica a gas naturale.

> L’uso di celle a combustibile per catturare l’anidride carbonica dalle centrali elettriche può comportare una separazione più efficiente dell’anidride carbonica dai gas di scarico delle centrali con una maggiore produzione di elettricità. Lo scarico della centrale elettrica viene immesso nel lato catodico della cella a combustibile (che viene distribuito nella centrale elettrica), sostituendo l’aria ambiente utilizzata nelle applicazioni tipiche.

Storia

Nel 1969, l’azienda è stata fondata come Energy Research Corporation (ERC) dai primi pionieri delle celle a combustibile Bernard Baker e Martin Klein, entrambi ingegneri chimici con conoscenze professionali nelle tecnologie avanzate delle batterie. Dagli anni ’70 agli anni ’90, con la sponsorizzazione da parte delle forze armate statunitensi e di altre società di servizi pubblici, l’azienda si è estesa all’area delle celle a combustibile a bassa temperatura e ai sistemi di alimentazione a carbonato ad alta temperatura, che hanno dimostrato di avere un maggiore potenziale nelle applicazioni commerciali. Ha completato la sua IPO nel 1992 ed è stata ribattezzata FuelCell Energy, Inc. Ha scorporato la sua divisione batterie, Evercel nel 1999. L’azienda ha iniziato ad espandersi a livello globale nel 2007 attraverso una partnership, mirando ai mercati del sud-est asiatico, in particolare la Corea del Sud, ma la società ha annunciato la fine della partnership nel 2020.

Nel 2012, la struttura europea dell’azienda è stata fondata con la tedesca FuelCell Energy Solutions, GmbH.  Nello stesso anno, ha completato la joint venture con Fraunhofer IKTS e ha acquisito Versa Power Systems, Inc.

L’azienda è coinvolta in una joint venture con Toyota per sviluppare una struttura a Long Beach, in California .

La società è stata utilizzata dall’Office of Naval Research per fornire assistenza sul programma LDUUV (Large Displacement Unmanned Undersea Vehicle). L’LDUUV è un grande sommergibile senza pilota con una durata prevista di 70 giorni più la resistenza che consentirebbe all’LDUUV di essere basato su un molo come un sottomarino tradizionale invece di richiedere una piattaforma di lancio e recupero dedicata.

FuelCell costruisce centrali elettriche stazionarie a celle a combustibile per la generazione di energia distribuita. L’azienda fa questo attraverso un approccio su più fronti, comprese le applicazioni di distribotori di idrogeno per auto. Ma per gli investitori FuelCell è anche un titolo di battaglia senza carenze di orsi. E quasi il 18% degli interessi a breve del gruppo ha la storia dalla loro parte.

Comprare azioni FuelCell Energy per Investire nel 2021, Conviene?

Conviene o no comprare le azioni di FuelCell Energy oggi?

Potrebbe essere che FuelCell sia più vecchio di quasi tutti i colossi tecnologici di oggi, inclusi Apple (NASDAQ: AAPL ) e Microsoft (NASDAQ: MSFT ). Il fatto è che mentre quelle società e altre nella loro vena hanno cambiato il nostro mondo in favore di investimenti migliori e comprovati di prim’ordine per gli azionisti, FuelCell ha prodotto davvero poco nei suoi oltre cinque decenni come impresa.

Chiaro e semplice, negli ultimi due decenni la caratteristica più investibile è stata la vendita allo scoperto di azioni sostenuta dai continui fallimenti di FuelCell sull’orlo del collasso totale come società quotata in borsa. Tuttavia le cose sono cambiate.

Lo scorso novembre, una partnership ampliata con Exxon Mobil (NYSE: XOM ) del valore di  60 milioni di dollari per lo sviluppo della cattura del carbonio e una linea di credito separata di  200 milioni di dollari è stata un’ancora di salvezza. Il vantaggio immediato per gli azionisti è stato il rally di FCEL da circa 25 centesimi del 2019 a quasi 20 dollari di oggi ,

Ma lo spettacolo di fede in coppia è anche qualcosa di più? È finalmente arrivato il momento di FuelCell? Purtroppo, gli investitori a lungo termine hanno poche possibilità di recuperare le perdite in qualunque momento presto. Nonostante la continua dimostrazione di forza del 2020, il titolo, secondo i calcoli di molti analisti, è ancora lontano  dai suoi massimi storici fissati durante la bolla speculativa di Dot.com.

Tuttavia, per gli investitori sul breve periodo, c’è sempre più di un semplice clamore e speranza che circonda FuelCell. In effetti, il dottor Fatih Birol, direttore esecutivo dell’International Energy Association, sostiene pienamente lo slancio dell’idrogeno. Il dottor Birol vede l’alternativa energetica come una parte vitale e importante del futuro di energia pulita e sicura del pianeta.

Per essere onesti, il titolo FCEL rientra ancora nel regno di investimenti più speculativi. L’azienda rimane impantanata nell’inchiostro rosso e continua a bruciare contanti. E quando i guadagni sono stati rilasciati a giugno, FuelCell ha scelto di non fornire indicazioni citando il coronavirus. Non che l’azienda sia sola su questo punto.

Ancora e ottimisticamente, lo slancio degli affari nel rapporto ha mostrato alcuni miglioramenti marcati con perdite molto minori che hanno eguagliato Wall Street, piuttosto che deluso. Anche la crescita delle vendite anno su anno di circa il 105% è impressionante e ha superato le visualizzazioni di consenso.

Rispetto ai concorrenti Ballard Power (NASDAQ: BLDP ) e Plug Power (NASDAQ: PLUG ), la valutazione di FuelCell è sostanzialmente inferiore. La società recupera circa 600 milioni di dollari rispetto a capitalizzazioni di mercato di  3,5 miliardi e  2,8 miliardi di dollari, rispettivamente. Anche la crescita dei ricavi di FCEL lo scorso anno si è dimostrata più forte e il suo rapporto prezzo / vendita di circa 6,25 volte è in cima al gruppo.

Tecnicamente parlando, il grafico dei prezzi settimanali di FuelCell si presta anche a qualcosa di più del semplice clamore e speranza. Gli azionisti possono continuare a guidare la tendenza odierna verso maggiori profitti. Come mostra il grafico azionario illustrato, il titolo FCEL è attualmente in un trend rialzista emergente più ampio dal catalizzatore di finanziamento iniziale di novembre. È promettente, ma non l’intera storia. Gli orsi potrebbero non essere ancora finiti.

Gli investitori dovrebbero sempre diffidare di un investimento dall’aspetto perfetto, indipendentemente da dove provengono le informazioni. Tuttavia, l’acquisto di azioni FuelCell oggi è tutt’altro che ideale nella sua tendenza più ampia. . Inoltre, le prese di profitto hanno infranto il supporto più ripido del trend all’interno del trend rialzista più ampio.

In definitiva, è più che accettabile credere che il tempo di FuelCell sia qui per davvero e il boom del mercato delle energie alternative porterà a un futuro sostenibile per l’azienda.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *