Cessione del quinto QuiTu BiBanca, conviene? Recensione e Opinioni

La cessione del quinto è uno dei metodi più semplici per ottenere un finanziamento, che verrà rimborsato attraverso un quinto dello stipendio o pensione. Oggi scopriremo insieme la cessione del quinto QuiTu di BiBanca, cosa offre, come funziona e chi ne ha diritto, evidenziandone le principali caratteristiche.

Un prodotto completo, che gode della sicurezza del suo istituto facente parte del Gruppo BPER Banca. Con rata proporzionata alle proprie entrate, nessuna garanzia richiesta e polizze assicurative attive, è necessario comprenderlo nel dettaglio, il prestito QuiTu BiBanca è valido? Cosa c’è da sapere a riguardo?

Cessione del quinto QuiTu BiBanca, conviene? Recensione Opinioni
Sopra: come si presenta la schermata dell’offerta della Cessione del quinto QuiTu BiBanca

Cos’è BiBanca?

Fondato come Banca Cooperativa fra Commercianti Società Anonima nel lontano 1888 a Sassari, BiBanca S.p.A. è un istituto di credito italiano che fa parte del Gruppo BPER Banca, da cui eredita solidità e stabilità. Chiamato in precedenza Banca Popolare Cooperativa Anonima di Sassari e Banca Popolare di Sassari, confluirà nel 1993 in Banca di Sassari S.p.A., controllata dal Banco di Sardegna, con cui entrerà a far parte nel 2001 del Banco Popolare dell’Emilia Romagna.

I suoi maggiori servizi, coi quali come BPER utilizza sistemi di sicurezza 3d-secure e key6, sono:

  • Emissione carte prepagate o di credito
  • Gestione pagamenti elettronici
  • Erogazione prestiti personali o cessioni

Con sede principale a Sassari, conta circa 150 dipendenti e vanta un utile netto 2021 di 24 milioni di euro, +76,4% rispetto all’anno precedente, che rappresenta il miglior risultato dal 1993. L’utile netto al primo semestre 2022 è 10,9 milioni di euro, +11,5% rispetto al primo semestre 2021, con 685 milioni di finanziamenti, +30,7%. Il CET1 Ratio è 13,58%.

Come funziona e a chi è rivolta la cessione del quinto QuiTu BiBanca?

QuiTu è un prestito con cessione del quinto versatile e sostenibile, poiché rimborsabile con rate mensili che non supereranno mai 1/5 del proprio stipendio o pensione al netto delle ritenute. Non-finalizzato, non richiede alcuna giustificazione sulla richiesta. E’ rivolto a:

  • Dipendenti pubblici, statali e parastatali
  • Dipendenti privati, con contratto a tempo indeterminato in aziende con almeno 16 persone
  • Pensionati, con età massima 80 anni al momento della richiesta

Con importo massimo di 75.000 euro rimborsabile in un tempo massimo di 10 anni, prevede rate proporzionate e trattenute da buste paga e pensioni, che sono unica garanzia richiesta. Il TAN è fisso per tutta la durata e non sono previste spese aggiuntive quali imposta bollo, istruttoria o incasso rata.

L’istituto presenta anche numerose convenzioni con:

  • Aziende sanitarie locali
  • Enti pubblici e locali
  • Forze dell’ordine (Carabinieri, Polizia di Stato, Esercito, Guardia di Finanza, Polizia Penitenziaria)
  • Dipendenti statali e MIUR
  • INPS, ex-INPDAP e altri enti previdenziali

Sul finanziamento sono attive polizze assicurative rischio vita e rischio perdita impiego, obbligatorie ai sensi del D.P.R. 180/1950 e a carico di BiBanca.

Alla cessione del quinto QuiTu è possibile unire anche una delegazione di pagamento (chiamata anche doppio quinto), che aggiunge un ulteriore quinto dello stipendio al finanziamento in corso; per averla è necessario il consenso della propria azienda ma i requisiti saranno gli stessi del prestito. Non è disponibile per pensionati.

Caratteristiche e requisiti principali cessione del quinto QuiTu

Di seguito le principali caratteristiche della cessione del quinto BiBanca suddivise per richiedenti:

Richiedenti

Requisiti

Importo

TAN

TAEG

Polizze

Garanzie

Dipendenti pubblici

Contratto a tempo indeterminato da almeno 6 mesi

Fino a 75.000 euro

Fisso 3,61%

da 3,67% a 4,21%

Rischio vita e rischio impiego

Nessuna

Dipendenti privati

Contratto a tempo indeterminato da almeno 6 mesi

Fino a 55.000 euro

Fisso 5,02%

da 5,14% a 5,48%

Rischio vita e rischio impiego

Vincolo TFR

Pensionati

Pensione almeno 550,00 euro/mese, max 80 anni alla richiesta

Fino a 75.000 euro

Fisso 4,93%

da 5,05% a 5,36%

Rischio vita

Nessuna

 

Per i soggetti lavoratori è richiesta maggiore età, mentre tutti i richiedenti devono avere cittadinanza italiana, o di unpaese dell’Unione Europea o permesso di soggiorno a tempo indeterminato se extracomunitari. I pensionati non devono essere già clienti di una banca del Gruppo BPER.

Come richiedere la cessione del quinto QuiTu BiBanca?

Il prestito QuiTu può essere richiesto nelle 1.800 filiali BiBanca/Gruppo BPER Banca di tutta Italia e sarà a cura dei 250 agenti finanziari appositamente incaricati, che potranno essere trovati nella sezione Trova un Agente del sito ufficiale Bibanca.it, pagina Prestiti e cessioni. Sullo stesso sito vi sono anche un’area supporto, in cui vi sono le risposte alle domande più frequenti, e un’area richiesta preventivo. Tuttavia, non è possibile richiederlo online.

Documentazione necessaria da presentare in sede sarà:

  • Documento d’identità valido
  • Codice fiscale o tessera sanitaria originale
  • Ultima busta paga per lavoratori
  • Ultimo CUD per lavoratori
  • Certificato di stipendio o attestato di servizio per lavoratori dipendenti
  • Ultimo cedolino pensione per pensionati
  • Modello OBIS/M per pensionati
  • IBAN del conto corrente

Ulteriore documentazione potrebbe essere richiesta in sede di valutazione.

Offerte di cessione del quinto qui recensite:

La cessione del quinto BiBanca conviene?

Concludendo quest’esame, emerge che la cessione del quinto QuiTu è un prodotto assolutamente valido, perchè forte della resilienza del Gruppo BPER Banca da cui proviene grazie a BiBanca, e di condizioni particolarmente vantaggiose per dipendenti pubblici, privati e pensionati, basti pensare a TAN fissi a partire dal 3,61%.

Da considerare anche le numerose convenzioni che la banca presenta, come quelle per dipendenti statali, forze dell’ordine ed enti previdenziali, che assieme all’assenza di garanzie richieste non fanno altro che essere un punto di forza di questo prodotto.

Come tutti i prestiti con cessione del quinto, un grande punto debole però è l’inaccessibilità a molte categorie di clienti, come giovani, famiglie e disoccupati che non presentano reddito o entrate fisse, correndo il rischio di non riuscire ad adempiervi completamente.

A conti fatti, davanti all’instabile situazione economica, QuiTu rappresenta un ottimo strumento per avere liquidità immediata e sostenere le proprie spese, che siano esse quotidiane e ordinarie o periodiche ed eccezionali: il suo essere non-finalizzato aggira ogni giustificazione e gli permette di essere utilizzato in qualsiasi modo.

In ogni caso, l’aiuto di un agente è fondamentale per scegliere la miglior formula, una fase che come in tutti gli strumenti finanziari richiede giudizio e consapevolezza per scongiurare brutte sorprese sul lungo periodo.

Altri prestiti che dovresti valutare prima di prendere una decisione

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *