Stress Test Banche Italiane ed Europee 2021: BMPS la peggiore in assoluto

La Bce afferma che le banche dell’UE sono “robuste” dopo lo stress test, a parte Monte dei Paschi di Siena ( BMPS ) che non ha superato la prova.
Le autorità bancarie europee hanno condotto l’esercizio semestrale per determinare se le banche dispongono di capitale sufficiente per resistere allo shock economico. È importante sottolineare che i risultati significano che le banche possono probabilmente riprendere il pagamento dei dividendi.

Le banche europee sono pronte per ricominciare a pagare dividendi quando verrà revocato il divieto della BCE di farlo durante la pandemia.

L’ Autorità bancaria europea (EBA) e la Banca centrale europea (BCE) hanno presentato venerdì rapporti dettagliati sugli stress test condotti su oltre 100 istituzioni finanziarie europee.

I test EBA sono stati condotti su 50 istituzioni in 15 paesi europei, mentre la BCE ha testato 51 banche nei 19 paesi della zona euro. In tutto, le banche testate rappresentano il 70% delle attività bancarie dell’UE.

Come si sono comportate le banche europee durante lo stress test?

Parlando con il quotidiano economico tedesco Handelsblatt, il vicepresidente della Bce Luis de Guindos ha dichiarato: “Le banche europee sono robuste. Sono resilienti“.

De Guindos ha detto del test semestrale che tiene conto di fattori come l’aumento della disoccupazione, un crollo dei prezzi degli immobili, un forte calo della domanda estera e il calo dei tassi di interesse: “Il nostro scenario peggiore questa volta è ancora più difficile che durante il l’ultimo test nel 2018 e le banche hanno inoltre appena affrontato il difficile anno del 2020. Nonostante questo punto di partenza impegnativo, mi aspetto che le banche avranno fatto bene nel test nel complesso”.

Durante questo recente test , le banche sono state incaricate di stimare lo stato del loro capitale nei prossimi tre anni, calcolando le continue ricadute economiche derivanti dalla crisi del coronavirus.

 

Leggi anche: Le migliori banche italianeI Conti Correnti bancari più convenienti in Italia

Stress Test Banche Italiane ed Europee 2021: BMPS la peggiore in assoluto
Immagine sopra: le più grandi banche europee per capitalizzazione ( in miliardi di euro )

Perché le banche vengono testate?

Sebbene il rapporto core aggregato tra capitale e attività ponderate per il rischio sia sceso di quasi 500 punti base nei test, portando il rapporto al 10,2% dal 15%, i regolatori dell’UE considerano il risultato complessivo alla pari con gli stress test condotti dalla Federal Reserve degli Stati Uniti e la Banca d’Inghilterra.

L’esercizio dell’EBA ha mostrato che, nonostante le banche dell’UE abbiano subito un colpo di 265 miliardi di euro (314,7 miliardi di dollari), due terzi delle loro riserve di capitale siano rimaste intatte.

Gli stress test , che si svolgono ogni due anni, sono stati introdotti nell’UE e altrove dopo la crisi finanziaria globale del 2007-2008, che ha costretto i contribuenti di tutto il mondo a salvare le banche sottocapitalizzate quando queste sono state colte di sorpresa dopo aver consapevolmente concesso prestiti molto rischiosi .

I test erano previsti per l’anno scorso, ma hanno dovuto essere rinviati a causa della pandemia di coronavirus.

Quali banche hanno fatto meglio?

Nel complesso, le banche italiane hanno ottenuto risultati negativi nel test, con tutte sotto la soglia del 10% di capitalizzazione, e la banca più antica del mondo, il Monte dei Paschi – il cui capitale sarebbe stato completamente azzerato in condizioni di test – è stata la peggiore in Europa.

Le banche svedesi hanno ottenuto i risultati migliori con tutte sopra la soglia del 10% e Skandinaviska Enskilda Banken con la migliore performance al 17,4%.

Deutsche Bank e Société Générale, banche di investimento entrambe alla ricerca di turnaround, hanno sottoperformato con punteggi rispettivamente del 7,56% e del 7,73%. BNP Paribas e Commerzbank sono andati leggermente meglio, arrivando all’8,28%, all’8,52%.

Solo una delle quattro banche spagnole testate, Bankinter, ha superato il 10%.

Tuttavia, il direttore finanziario di Deutsche Bank, James von Moltke, è stato ottimista, affermando: “Questo risultato è tanto più incoraggiante perché la forte crescita degli utili che abbiamo realizzato nella prima metà del 2021 non si riflette in questo esercizio”.

Cosa significano gli stress test per le banche?

Sebbene i test EBA e ECB non abbiano esito positivo/negativo, consentono a entrambi gli istituti di vigilanza di valutare i requisiti patrimoniali dei singoli istituti finanziari.

In particolare, gli stress test sono visti come la chiave per le banche che riprendono il pagamento dei dividendi agli investitori, cosa vietata dalla BCE durante la pandemia come un modo per conservare il capitale. Le banche hanno già fornito consulenza agli azionisti sui dividendi poiché la regola della BCE sembra destinata a scadere.

Il mese scorso, la Federal Reserve ha condotto stress test sulle banche statunitensi e non limiterà più divieti simili sui pagamenti derivanti dalla pandemia di coronavirus dopo una performance positiva delle istituzioni finanziarie statunitensi. La Banca d’Inghilterra ha revocato restrizioni simili alle banche del Regno Unito il 13 luglio.

Altre banche europee

Il test separato della BCE su 51 istituti di credito di medie dimensioni non inclusi nell’esercizio EBA ha mostrato un calo medio del capitale dal 18,1% all’inizio del test all’11,3% alla fine.

Tre delle principali banche greche erano tra quelle i cui livelli di capitale sono scesi al di sotto dell’8% entro la fine del test della BCE, così come la portoghese Novo Banco, la Bank of Cyprus, l’italiana Carige e la Banque Internationale Luxembourg.

Dopo il divieto della BCE sui dividendi lo scorso anno, che dovrebbe essere revocato, alcune banche questa settimana hanno già iniziato a guidare gli azionisti sui dividendi e Garcia ha affermato che ciò non sarebbe stato possibile senza che i finanziatori fossero usciti indenni dallo stress test.

Le banche più focalizzate sul mercato interno hanno subito maggiori colpi al capitale nel test rispetto ai loro omologhi transfrontalieri.

Il risultato complessivo è visto dai regolatori dell’UE come in linea con gli stress test della Federal Reserve e della Bank of England.

Marco Troiano, analista dell’agenzia di rating del credito Scope, ha affermato che l’esaurimento del capitale in ciascuna banca nello scenario più difficile del test sarà attentamente esaminato e potrebbe potenzialmente portare a acquisizioni ostili.

Il mese scorso, le banche statunitensi hanno superato uno stress test della Federal Reserve e non dovranno più affrontare le restrizioni sui pagamenti dell’era della pandemia. Anche le banche britanniche questa settimana hanno segnalato i dividendi dopo che i risultati degli stress test sono stati annunciati all’inizio di questo mese.

Sebbene il test dell’UE non abbia superato o meno il punteggio, i risultati saranno utilizzati dal supervisore della banca, che è la Banca centrale europea nella zona euro, per determinare i requisiti patrimoniali.

Gli stress test, che ora si tengono ogni due anni nell’UE, sono stati introdotti ogni anno all’indomani della crisi finanziaria globale di oltre un decennio fa, che ha costretto i contribuenti a salvare le banche sottocapitalizzate.

All’inizio, i risultati positivi o negativi sono stati utilizzati per colmare le lacune patrimoniali, ma quando i creditori sono diventati sufficientemente capitalizzati, le autorità di vigilanza hanno abbandonato le soglie e hanno utilizzato l’esercizio per individuare le vulnerabilità e modellare la supervisione.

Il test di venerdì è stato il primo a non includere i finanziatori del Regno Unito a causa dell’uscita della Gran Bretagna dall’UE lo scorso dicembre.

Come sono andate le banche italiane

Tutte le grandi banche italiane hanno superato gli stress test, a parte MPS, ma la cosa era già nell’aria.

Nei prossimi giorni Vi daremo i numeri precisi, che ancora dobbiamo analizzare.

Per il momento possiamo pure dire che nonostante MPS sia la più problematica, non ci sarà un default visto che è proprietà dello Stato italiano, ci sarà l’ennesimo aumento di capitale ( con i soldi di Noi contribuenti ) , in modo da chiudere le perdite e riuscire a farla comprare ad Unicredit come ormai nei piani alti hanno deciso.

  1. Mediobanca  Cet1 fully loaded ratio 14,51% di fine 2020 passa al 9,73% del 2023;
  2. Intesa Sanpaolo Cet1 fully loaded 14,04% del 2020 passa al 9,38%, del 2023
  3. Unicredit Cet1 ratio 15,14% del 2020 al 9,22% del 2023;
  4. Banco Bpm Cet1 fully loaded  13,23% 2020 al 7,02% a fine 2023. .
  5. BMps Cet1 fully loaded  9,86% del 2020 a -0,1% del 2023

Conti Correnti di banche operanti in Italia che abbiamo recensito:

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *