Titoli Energetici Outlook 2024: è ora di Vendere? Analisi ENI, ENEL, Saras

È probabile che i prezzi del petrolio rimangano elevati nel 2024 a causa dell’offerta limitata, dell’accresciuto rischio geopolitico e della crescente domanda, che dovrebbero generalmente sostenere la redditività dei produttori di petrolio e gas.
Potremmo essere all’inizio di un significativo ciclo di investimenti nella produzione internazionale e offshore, che non è stato ancora pienamente apprezzato dagli investitori.
Le società di apparecchiature e servizi energetici, che forniscono le attrezzature e i servizi essenziali necessari per produrre petrolio e gas, potrebbero essere potenziali beneficiari di questo ciclo di investimenti.
Sebbene i titoli energetici abbiano avuto un 2023 lento, credo che il 2024 potrebbe essere brillante, grazie ai prezzi del petrolio persistentemente elevati e ai crescenti investimenti nella produzione di energia. Tra i potenziali beneficiari: produttori di petrolio e società di apparecchiature e servizi energetici.

È probabile che i prezzi del petrolio greggio rimangano elevati nel 2024, spinti dalla scarsità dell’offerta, dall’aumento del rischio geopolitico e dal rafforzamento della domanda globale di energia. Ciò potrebbe creare un contesto positivo per la redditività e potenzialmente per i prezzi delle azioni nel settore. Anche un’ondata di nuovi investimenti nella produzione internazionale e offshore ha contribuito a questa prospettiva positiva e ha creato un contesto particolarmente interessante per le società di apparecchiature e servizi energetici.

Dopo i grandi guadagni del 2022, il 2023 non è stato così roseo per i titoli energetici

Dopo aver guidato il mercato con un enorme margine nel 2022, quando l’energia era il settore con le migliori performance, questi titoli sono arretrati. A metà dicembre il settore aveva perso il 6,7%, rispetto al guadagno di quasi il 20% dell’indice S&P 500 ®
Diversi fattori in gioco stanno contribuendo a limitare le prospettive di offerta del petrolio, il che dovrebbe contribuire a continuare a sostenere i prezzi. Gli investimenti globali nella produzione petrolifera sono rimasti bassi per quasi un decennio. Sebbene gli investimenti siano in aumento, ci vorranno diversi anni prima che la maggior parte della nuova fornitura sia online.

Titoli Energetici Outlook 2024: è ora di Vendere? Analisi ENI, ENEL, Saras

Negli Stati Uniti, la produzione di shale oil potrebbe registrare una crescita più lenta in futuro, dati l’aumento dei costi di produzione e la maturità delle regioni produttrici di shale. Guardando all’estero, l’Organizzazione dei paesi esportatori di petrolio (OPEC), un cartello dei principali paesi produttori di petrolio, sta mantenendo uno stretto controllo sulle forniture. Il gruppo ha concordato la scorsa primavera di ridurre la produzione fino al 2024, e i paesi membri Arabia Saudita e Russia hanno annunciato che avrebbero tagliato volontariamente la produzione anche di più di quanto aveva concordato il cartello. È probabile che l’OPEC mantenga sotto controllo le forniture di petrolio nel tentativo di mantenere i prezzi del petrolio al barile nell’intervallo tra gli 80 e i 100 dollari, considerato il punto debole che offre una forte redditività ai produttori di petrolio senza danneggiare la domanda di petrolio. Un altro fattore è l’elevato rischio geopolitico, con due grandi guerre attualmente in corso che potrebbero minacciare le forniture globali di petrolio.

Nel frattempo, la domanda globale di petrolio è solida. Mi aspetto che cresca nel 2024, grazie alla continua ripresa economica della Cina e alla crescita in India e in altre economie in via di sviluppo. Guardando oltre il 2024, la crescita economica nei mercati in via di sviluppo probabilmente determinerà ulteriori aumenti della domanda di petrolio.

Questa potenziale combinazione di domanda crescente e offerta limitata potrebbe continuare a sostenere i prezzi dell’energia.

 

azioni energetiche
Grafico sopra: come si può notare nel 2023 i titoli energetici hanno sottoperformato lo S&P 500

Cosa guardare: titoli di attrezzature e servizi energetici

Guardando al settore, credo che le società di attrezzature e servizi energetici potrebbero essere ben posizionate nel 2024. Si tratta delle aziende che forniscono le attrezzature e i servizi essenziali per produrre petrolio e gas, come gli impianti di perforazione, le squadre e la tecnologia necessaria per trivellare e completare un pozzo. Si tratta di un settore che ritengo potrebbe trarre vantaggio da diversi anni di crescenti investimenti necessari per sostenere la crescente domanda di petrolio e gas. Inoltre, ritengo che molti investitori potrebbero sottovalutare il livello di investimenti necessari per soddisfare la crescente domanda mondiale di materie prime energetiche.

I titoli energetici italiani, vendere o tenere?

ENI ed ENEL sono le piùà grandi aziende italiane quotate in borsa e sono anche quelle che di solito danno i dividenti più alti.

Conosciamo dei Nostri lettori che le azioni ENI le tengono da anni e le usano come “azioni da non vendere mai”, ci sono dei signori che le hanno comprate quando avevano 50 anni, ora ne hanno quasi 80 e ci hanno detto che si sono sempre trovati bene e che le lasceranno in eredità a figli e nipoti.

Ecco, così ha un senso, ma se si fa un investimento per 3-4 anni, secondo Noi bisogna iniziare a chiedersi se tenerle o meno perchè se poi il prezzo del petrolio dovesse diminuire allora nonostante i dividendi probabilmente rimarranno alti, il valore intriinseco di un’azione calerebbe fortemente, nonostante ENI punti molto sulle energie alternative ai fossili.

Intanto vediamo cosa dice l’analisi tecnica, che ci aiuterà a capire dove investire nei prossimi giorni..

Azioni ENI , analisi tecnica

Il 28 dicembre, la Compagnia dei Cani a Sei Zampe ha vissuto una giornata relativamente tranquilla, chiudendo con una variazione percentuale negativa marginale dello 0,51% rispetto alla sessione precedente. La giornata è iniziata in modo simile alla chiusura precedente, con i prezzi in calo durante la giornata e una chiusura più debole vicino ai minimi.

Esaminando su base settimanale l’andamento del titolo rispetto all’indice FTSE MIB, ENI ha mantenuto una forza relativa positiva, indicando un maggiore apprezzamento da parte degli investitori rispetto all’indice stesso (performance settimanale pari a +1,04% contro +0,19% dell’indice principale del Borsa di Milano).

Un’analisi a breve termine delle attività della società energetica lungo tutta la catena di fornitura rivela un rafforzamento della fase rialzista, con una resistenza immediata rilevata alle 15.46 e il primo supporto individuato alle 15.23. Da un punto di vista tecnico, si prevede un ulteriore slancio al rialzo verso nuovi massimi stimati nella fascia 15,7.

In termini di analisi del rischio, ENI mostra una certa stabilità del trend, evidenziata dal basso livello di volatilità giornaliera fissata a 1,349, e dai volumi giornalieri che rimangono relativamente bassi. Gli investitori istituzionali potrebbero non essere particolarmente attratti da questo investimento, poiché i volumi bassi non comportano scostamenti significativi dei prezzi.

Analisi tecnica azioni ENEL

Nella seduta di contrattazioni del 28 dicembre la performance del gruppo energetico ( BIT: ENEL ) è rimasta sostanzialmente invariata, concludendo la giornata con valori simili alla seduta precedente. La giornata è iniziata con forza, aprendo a 6,741 euro, leggermente al di sotto dei massimi della sessione precedente. Tuttavia, una tendenza all’indebolimento è continuata per tutta la sessione, portando ad una chiusura più debole a 6,709, vicino ai minimi della sessione.

L’andamento complessivo di Enel ha rispecchiato fedelmente quello del FTSE MIB, classificando il titolo come un asset a basso alfa che non fornisce un significativo valore aggiunto in termini di rendimenti rispetto all’indice di riferimento.

L’analisi a breve termine della maggiore azienda elettrica italiana indica un rafforzamento della fase rialzista, con una resistenza immediata osservata a 6,731 e il primo supporto individuato a 6,678.

Da un punto di vista tecnico, ci si aspetta un ulteriore movimento al rialzo nella traiettoria del titolo verso nuovi massimi stimati in prossimità di 6,784. In termini di analisi del rischio, Enel mostra una certa stabilità nel suo andamento, evidenziata da una bassa volatilità giornaliera fissata a 1,124 e da volumi di scambi giornalieri relativamente bassi. Gli investitori istituzionali potrebbero mostrare meno interesse per questo investimento a causa dei volumi inferiori, che non comportano scostamenti significativi dei prezzi.

Analisi Tecnica Azioni Saras

Il 28 dicembre la società energetica ( BIT: SRS) ha registrato una performance sfavorevole, chiudendo la giornata con una variazione percentuale negativa dello 0,89% rispetto alla sessione precedente. La giornata è iniziata in modo stabile, ma ha visto un graduale deterioramento nel corso della riunione, concludendosi su una nota sommessa vicino al livello più basso della giornata.

La performance di Saras nel corso della settimana è apparsa più debole rispetto all’indice di riferimento, innescando potenzialmente opportunità di vendita sul mercato. Nonostante ciò, le prospettive strutturali a medio termine sono rimaste positive, mentre i segnali a breve termine hanno indicato una contrazione, lottando contro la resistenza identificata a 1,62, con un supporto costante a 1,599. Il contesto complessivo suggerisce la prosecuzione della fase di consolidamento verso 1,592.

Analizzando il rischio, la volatilità giornaliera del Gruppo attivo nella raffinazione è stata particolarmente elevata, segnalando un aumento del rischio, anche se i volumi giornalieri sono rimasti sotto controllo, mostrando una diminuzione rispetto alla media mobile del mese. Il titolo esaminato ha mostrato attrattiva speculativa, rivolgendosi ai trader disposti ad accettare un rischio di perdita più elevato in cambio della prospettiva di guadagni sostanziali, sottolineando un approccio commerciale rapido e a breve termine.

Altri titoli energetici italiani che dovresti tenere sotto controllo:

  • A2A (BIT: A2A )
  • eViso ( BIT: EVS )
  • Gas Plus S.p.a. ( BIT: GSP )
  • Gruppo Hera (BIT: HER )
  • Italgas (BIT: IG )
  • Prysmian ( BIT: PRY )
  • Snam (BIT: SRG )
  • Tenaris (BIT: TEN )
  • Terna ( BIT: TRN )
  • Tesmec ( BIT: TES )

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.