Previsione Mercati Azionari Europei 2024: Su Cosa Investire per gli Analisti Finanziari

Di seguito troverete le opinioni dei principali analisti della Borsa di Londra sull’eventualità o meno di fare investimenti nel 2024. La Borsa di Londra, insieme a quella di Wall Street è la più importante per l’intero occidente e di solito copia l’andamento delle principali borse europee ed occidentali, italiana compresa.

  1. QUI le previsioni per il 2024 a livello globale.
  2. Previsioni mercati finanziari 2024 secondo JP Morgan

La guerra in Ucraina ha aggravato i cali subiti dalle economie di tutto il mondo di fronte all’inflazione galoppante , all’aumento dei prezzi dell’energia e ai continui colli di bottiglia della catena di approvvigionamento.

Sul fronte interno, le nubi recessive si sono intensificate a seguito di un periodo di sconvolgimenti politici sismici . All’inizio di questo autunno, la sterlina è sprofondata al suo valore più basso di sempre rispetto al dollaro sulla scia di un disastroso mini-Budget, anche se da allora ha recuperato le sue perdite.

Al momento in cui scriviamo (5 dicembre 2022), il FTSE 100 , l’indice del mercato azionario del Regno Unito delle azioni delle principali società, si trova sostanzialmente allo stesso livello di quando è stato aperto a gennaio.

Dall’altra parte dell’Atlantico, nel frattempo, l’ indice S&P 500 statunitense sta subendo perdite a due cifre, in calo di circa il 16% da inizio anno. Il Nasdaq, fortemente tecnologico, è andato anche peggio, avendo perso più di un quarto del suo valore dall’inizio del 2022.

Mentre ci avviciniamo al nuovo anno, cosa devono fare gli investitori di questo scenario inquietante?

In quello che potrebbe essere un impegnativo 12 mesi a venire, abbiamo chiesto ai professionisti degli investimenti di rispondere ad alcune delle domande chiave che devono affrontare gli investitori al dettaglio.

Leggi Anche : Consigli su Investimenti Sicuri

Previsione Mercati Azionari Europei 2024
Previsione Mercati Azionari Europei 2024

Previsione Mercati Azionari Europei 2024: è ora di investire nelle azioni del Regno Unito?

Jason Hollands, amministratore delegato, Bestinvest

Sì, ma con un focus sulle società multinazionali a grande capitalizzazione del Regno Unito, piuttosto che sui titoli focalizzati sul mercato interno più prevalenti nella fascia di mercato delle società a media capitalizzazione e di piccole dimensioni.

Le prospettive per l’economia del Regno Unito sono fosche per 2023 , ma il FTSE 100 è di natura altamente internazionale con circa tre quarti degli utili realizzati all’estero. La fascia alta del mercato ha un’elevata esposizione a settori che storicamente si sono dimostrati resilienti in tempi più difficili, compresi i beni di consumo di base – aziende che producono articoli di uso quotidiano che le persone continuano ad acquistare indipendentemente dallo stato dell’economia – assistenza sanitaria e servizi di pubblica utilità.

Le aree da evitare includono i settori sensibili al consumo interno del Regno Unito, compresi i titoli dei beni di consumo voluttuari, come quelli del commercio al dettaglio, dell’ospitalità e dei viaggi.

Karen Lau, senior investment manager, JM Finn

Se si dispone di un orizzonte temporale di investimento a lungo termine, questo è un buon periodo per investire nelle azioni del Regno Unito, tenendo presente il detto “è il momento nel mercato che conta, piuttosto che il tempismo del mercato”.

Gli investitori nervosi potrebbero considerare di investire in tranche nel tempo e in modo diversificato.

Zoe Gillespie, gestore degli investimenti, RBC Brewin Dolphin

Il FTSE 100 ( il più importante indice dalla Borsa di Londra ) ha sovraperformato la maggior parte degli indici azionari nell’ultimo anno, avendo beneficiato di un’elevata ponderazione per i settori petrolifero e del gas e bancario che hanno entrambi registrato ottimi risultati nel 2022. Ma le prospettive più deboli per l’economia del Regno Unito rendono meno allettante investire in aziende focalizzate nel 2023.

Detto questo, non tutte le società Footsie hanno ottenuto buoni risultati quest’anno, offrendo agli investitori l’opportunità di raccogliere azioni vendute a livelli interessanti.

Rob Morgan, analista degli investimenti, Charles Stanley

Il Regno Unito ha registrato risultati mediocri negli ultimi dieci anni, ma ora sembrano esserci gli ingredienti per un periodo di prestazioni decenti.

Le valutazioni delle società sono basse a causa del diffuso disprezzo degli investitori. Ancora più importante, il mercato potrebbe sottovalutare il potenziale di aumento dei pagamenti dei dividendi . Gli utili sono sani, la copertura dei dividendi [il rapporto tra gli utili di una società e il dividendo pagato] è elevata e la composizione del mercato del Regno Unito, con la sua inclinazione verso l’energia, le materie prime e i finanziari generalmente ben capitalizzati, dovrebbe essere relativamente resiliente durante un periodo di rialzo dei tassi di interesse.

Poppy Fox, gestore degli investimenti, Quilter Cheviot

Sì, come parte di un portafoglio globale diversificato. Si parla chiaramente molto dell’economia britannica, della recessione e del rallentamento della crescita. Ma come investitori dobbiamo essere consapevoli che i guadagni dei mercati azionari del Regno Unito non dipendono esclusivamente dall’economia del Regno Unito. Una parte significativa dei guadagni proviene dall’estero.

Victoria Scholar, responsabile degli investimenti, investitore interattivo

È probabile che le pressioni recessive e inflazionistiche continuino a pesare sulle prospettive del Regno Unito il prossimo anno, con gli investitori che si rivolgono a azioni difensive più a prova di inflazione per superare la recessione.

Graham Bishop, chief investment officer, Handelsbanken Wealth and Asset Management

Questa decisione deve essere presa nel contesto della sovraperformance del Regno Unito rispetto ad altri mercati nel 2022. Ciò è stato in parte dovuto al fatto che il FTSE 100 ha un peso maggiore rispetto alle materie prime, ma anche grazie al deprezzamento della sterlina.

È tutt’altro che certo che uno di questi driver persisterà. Al momento non siamo particolarmente entusiasti delle azioni britanniche.

Ian Lance, co-gestore del fondo, fondo di investimento Temple Bar

Il Regno Unito è uno dei mercati globali più economici, vicino alla sua valutazione più bassa rispetto ai mercati mondiali in 50 anni e in una valuta che si è recentemente deprezzata.

Rachel Winter, partner, Killik & Co

Per gli investitori che possono accettare un livello di rischio più elevato, questo è un momento interessante per aggiungere società britanniche più piccole, anche se non allocheremmo più del 10% di un portafoglio in quest’area.

I mercati sono lungimiranti. Anche se non siamo ancora ufficialmente in recessione, la sua presenza è già stata scontata. Quando l’economia tornerà a crescere, il settore delle small cap sarà probabilmente ripreso e l’opportunità di acquisto sarà svanita.

Holly Warburton, gestore di portafoglio, Ravenscroft

Le azioni britanniche quotate sono state appesantite dall’incertezza relativa all’inflazione, ai tassi di interesse, alle preoccupazioni sulla crescita più lenta e all’accresciuta confusione politica. Probabilmente, quelli con flussi di entrate globali, non solo operazioni rivolte al mercato interno, sono stati ingiustamente offuscati e ora sembrano attraenti dal punto di vista dei prezzi.

Quale mercato estero dovrebbero prendere in considerazione gli investitori al dettaglio nel 2023?

Jason Olanda

I mercati che vale la pena prendere in considerazione includono l’ oro , il reddito fisso core (ad es. il debito pubblico) e i mercati emergenti . L’oro non è stato immune al calo dei prezzi delle attività durante il 2022, ma ha sovraperformato le obbligazioni . Dopo anni di assenza dai radar per la maggior parte degli investitori al dettaglio, il reddito fisso core è di nuovo rilevante come diversificatore di portafoglio, dato che i rendimenti sono aumentati notevolmente in tutto il mondo. La nostra preferenza è per i Treasury statunitensi, dove il rendimento di riferimento a 10 anni è del 3,8%. Le valutazioni dei mercati emergenti sono poco impegnative, il che le rende un potenziale acquisto con l’MSCI Emerging Market Index su un multiplo prezzo/utili di 10,8 volte e un rendimento da dividendo da non sottovalutare del 3,6%.

Karen Lau

Preferisco gli Stati Uniti , non solo per il 2023, ma anche a lungo termine. È uno dei mercati più sviluppati ed efficienti a livello globale e si prevede che gli Stati Uniti sarebbero i primi ad allontanarsi dalle difficoltà economiche.

Zoe Gillespie

I rendimenti obbligazionari in rapido aumento hanno danneggiato le azioni statunitensi quest’anno, in particolare le azioni ad alta crescita . Se la Federal Reserve, la banca centrale degli Stati Uniti, sospende l’aumento dei tassi di interesse all’inizio del 2023, i rendimenti obbligazionari non sono lontani dal loro picco. Questo sarà un vento favorevole per i titoli in stile crescita pesantemente malconci.

Inoltre, sebbene il prossimo anno sembri ancora probabile una recessione negli Stati Uniti, per ora il mercato rimane un punto luminoso per la crescita economica globale.

Rob Morgan

Gli Stati Uniti rimangono il mercato di riferimento per l’accesso alle aziende leader a livello mondiale, anche se potrebbe essere necessario essere selettivi per trarne il meglio nel 2023. È probabile che un contesto di crescita più lenta metterà sotto pressione i margini e le aziende lo faranno devono bilanciare la loro strategia di prezzo con il mantenimento della quota di mercato.

Nella posizione migliore saranno le aziende con un buon potere di determinazione dei prezzi e una base di produzione diversificata per ridurre al minimo le interruzioni della catena di approvvigionamento o dell’energia.

Papavero Volpe

Guarderei ai mercati statunitensi dato che sono ancora significativamente più economici di quanto non fossero all’inizio dell’anno. Abbiamo assistito a un mini-rally da quando i dati sull’inflazione statunitense in calo sono stati pubblicati all’inizio di novembre.

In base alla valutazione, sebbene non sia così economico come altri mercati azionari globali, non sembra costoso. I dati economici dagli Stati Uniti stanno iniziando a sembrare più positivi e con tutti gli indici ancora in forte calo da inizio anno potrebbe essere un’area che vale la pena considerare.

Vittoria Studiosa

Con la Banca del Giappone che si oppone all’innalzamento dei tassi di interesse, in contrasto con lo spostamento globale verso l’inasprimento, il paese ha un contesto monetario molto più accomodante. A differenza di molte altre grandi economie, il Giappone trova la prospettiva di una certa inflazione molto meno intimidatoria.

Tuttavia, essendo una nazione fortemente dipendente dalle importazioni, il rallentamento economico di alcuni dei suoi principali partner commerciali come gli Stati Uniti potrebbe pesare sulla crescita.

Graham Vescovo

Il mercato azionario cinese sembra interessante, avendo sottoperformato per un po’ a causa delle sfide del Covid. Ma sembra che sia in corso una riapertura graduale, forse man mano che il Covid diventa più asintomatico e migliora l’efficacia del vaccino. Ciò è di buon auspicio per l’attività economica della Cina e rappresenterebbe un netto cambio di direzione per il Paese in pochi anni.

Ian Lance

Mercati emergenti. Questi sono diminuiti in modo significativo quest’anno e sembrano avere un buon rapporto qualità-prezzo

Rachele Inverno
Le azioni statunitensi continuano a sembrare interessanti nonostante rimangano più costose rispetto ai loro omologhi globali. Gli Stati Uniti sono molto più indipendenti del Regno Unito e dell’Europa in termini di produzione di energia, e quindi non hanno subito un’inflazione energetica così dannosa.

La maggior parte delle società più grandi e migliori del mondo sono quotate negli Stati Uniti: il paese rappresenta quasi il 60% della capitalizzazione di mercato globale totale.

Holly Warburton

I mercati emergenti hanno continuato a rimanere indietro dopo non essere riusciti a partecipare al rally post-Covid vissuto dal resto del mondo. A lungo termine ci sono opportunità di crescita in particolare nell’ambito dei consumi e delle infrastrutture.

 

Previsione mercati finanziari esteri:  dovrebbero essere evitati dagli investitori?

Jason Olanda

Resterei molto cauto nei confronti degli Stati Uniti, dato che il mercato ha una forte inclinazione verso i titoli di crescita che in genere sottoperformano quando i rendimenti obbligazionari sono più alti. Le speranze che la Federal Reserve si rivolga in modo decisivo in qualsiasi momento lontano dai rialzi dei tassi si sono recentemente dissipate con i funzionari della Fed che parlavano di tassi di interesse che dovevano andare oltre il 5%.

È probabile che gli Stati Uniti finiscano in recessione nell’ultima parte del prossimo anno, il che è un altro fattore su cui essere cauti. Il dollaro storicamente alto non aiuta le esportazioni statunitensi.

Karen Lau

Sono cauto nell’investire in Cina poiché le sue politiche Covid hanno avuto un impatto negativo sull’economia del paese. Essendo la seconda economia più grande del mondo, continua a essere una terra di opportunità, come dimostrato da un recente rally del mercato sulla scia della notizia che il paese stava, potenzialmente, riaprendo. Tuttavia, l’esecuzione di eventuali modifiche ai criteri potrebbe richiedere del tempo.

Zoe Gillespie

La performance relativa delle azioni giapponesi è stata ostacolata dallo yen molto debole. Guardando al 2023, non vedo un catalizzatore che possa innescare un’inversione di tendenza significativa nelle prestazioni.

I principali venti contrari demografici sono un forte disincentivo per le imprese a investire e potrebbero avere un impatto sulla performance a lungo termine delle azioni e delle azioni del paese.

Rob Morgan

La Cina rimane un’area da evitare in termini di esposizione diretta. L’incerto contesto normativo è eccezionalmente difficile da navigare ed è necessario farlo quando è possibile accedere indirettamente alla storia della crescita dei consumi cinesi attraverso i mercati sviluppati.

POPPY FOX

Non ho aree che vorrei evitare particolarmente. Garantirei invece una buona diversificazione dei settori geografici.

VICTORIA SCHOLAR

Si prevede che le esportazioni cinesi rallenteranno il prossimo anno con i suoi partner commerciali che sposteranno le loro attività verso altre economie asiatiche. È probabile che ciò comporti una crescita più debole del paese.

Graham BISHOP

Le azioni giapponesi sono rimaste indietro, nonostante i migliori sforzi da parte dei politici per iniettare forze inflazionistiche nell’economia. Non è chiaro se questo scenario possa cambiare nel breve termine.

Ian Lance

Gli Stati Uniti che sono ancora vicini alla loro valutazione più alta della storia.

Rachele Winter

Investire in Cina rimane difficile. La politica zero Covid in corso ha decimato il tasso di crescita un tempo invidiabile del Paese, e il peggioramento delle relazioni con l’Occidente rischia di avere un ulteriore impatto negativo.

La Cina ha raggiunto la crescita fungendo da hub di produzione per il mondo, ma molte grandi aziende come Apple stanno ora spostando le loro catene di approvvigionamento altrove.

Holly Warburton

L’Europa appare fragile a causa dell’incertezza politica, degli alti livelli di indebitamento e di una crisi energetica incombente. Nel prossimo anno questo ha il potenziale per causare disordini e attriti tra i paesi.

Quali settori di investimento dovrebbero attrarre gli investitori nel 2024?

Jason Hollands

Riteniamo che i settori dell’energia e dei materiali rimangano attraenti. Energia, a causa della disciplina del capitale molto migliorata e dei vincoli di produzione da parte dei membri dell’OPEC +, e materiali perché parti fondamentali dell’aumento della spesa per le infrastrutture e della domanda di componenti necessari per passare a un’economia a basse emissioni di carbonio.

Karen Lau

L’assistenza sanitaria e la tecnologia sono normalmente temi interessanti a lungo termine. Ma la guerra in Ucraina ha evidenziato ancora una volta l’importanza dell’autonomia energetica. Vi è una crescente urgenza di garantire “l’indipendenza energetica” e questo potrebbe continuare a essere un buon tema su cui investire.

Zoe Gillespie

Il settore tecnologico è stato uno dei settori con le peggiori prestazioni nel 2022 a causa dell’aumento dei tassi di interesse globali. La recente stagione dei rapporti societari in questo settore ha evidenziato la resilienza nella maggior parte delle principali società tecnologiche, che dovrebbero beneficiare di un contesto di tassi di interesse più stabile nel 2023

Rob Morgan

Degna di menzione è anche l’assistenza sanitaria guidata dalla crescita del numero di pazienti, della spesa e delle approvazioni di farmaci.

Poppy Fox

Dato che la tecnologia ha avuto un periodo torrido quest’anno – con l’indice Nasdaq in calo del 29% al momento in cui scriviamo – potrebbe valere la pena per gli investitori considerare di aggiungere un po’ di allocazione.

Questo non vuol dire che non vedremo ulteriore volatilità, ma in una visione a più lungo termine questa potrebbe essere una buona opportunità di acquisto.

Victoria Scholar

I giganti petroliferi, le compagnie minerarie e alcuni titoli finanziari hanno ottenuto buoni risultati quest’anno sulla scia dell’aumento dei tassi di interesse e dell’inflazione, un tema che potrebbe continuare nel 2023.

I giochi difensivi come l’assistenza sanitaria e i beni di consumo di base potrebbero andare meglio dei rivenditori o del settore tecnologico che hanno faticato a causa delle pressioni sui consumatori.

Graham Bishop

Privilegiamo l’IT e l’assistenza sanitaria poiché sono storie di crescita strutturale dovute ai cambiamenti demografici, all’innovazione guidata dalla tecnologia e al cambiamento delle abitudini di consumo.

L’assicurazione è anche più un gioco di valore che può crescere con l’economia digitale poiché i cambiamenti normativi e l’innovazione tecnologica stanno creando requisiti assicurativi sempre più complessi.

I servizi di pubblica utilità sono un altro gioco di valore con flussi di contratti/ricavi legati all’inflazione, aggiungendo anche una certa qualità difensiva.

Ian Lance

Energia, dal momento che 10 anni di investimenti insufficienti hanno creato una carenza di approvvigionamento che i politici non mostrano segni di affrontare.

Rachele Winter

Le società di energia rinnovabile dovrebbero continuare a fare bene. La guerra in Ucraina ha reso i governi di tutto il mondo fin troppo consapevoli di essere stati troppo dipendenti dalla Russia per i combustibili fossili. Ora stanno cercando di diventare più indipendenti dal punto di vista energetico investendo in una maggiore capacità rinnovabile.

Holly Warburton

In definitiva, la tecnologia guiderà l’innovazione e la crescita in quasi tutti i settori e le industrie, che si tratti di soluzioni sanitarie o ambientali. Ha il potenziale per rimbalzare fortemente dopo i cali significativi di quest’anno.

Altri settori in crescita:

Gli investitori dovrebbero tornare sul mercato obbligazionario?

Jason Hollande

I rendimenti gilt più elevati li rendono degni di essere presi nuovamente in considerazione, ma al momento in cui scriviamo riteniamo che le migliori opportunità siano nei Treasury statunitensi.

Tuttavia, date le significative oscillazioni valutarie dell’ultimo anno, raccomandiamo di investire in Treasury attraverso fondi che coprano l’esposizione valutaria alla sterlina, poiché l’incredibile rally del dollaro dell’ultimo anno potrebbe iniziare a esaurirsi.

Karen Lau

Ci viene insegnato che il reddito fisso è un investimento sicuro. Ma, come abbiamo visto quest’anno, il prezzo dei gilt può essere altrettanto violento: per prova, guarda l’indice FTSE All Gilts (TR) che è sceso del 20% da inizio anno.

Qui si presenta un’opportunità per cui, con l’aumento dei tassi di interesse nel Regno Unito, abbiamo iniziato a vedere i prezzi dei gilt scendere sotto la pari. Poiché il prezzo si avvicina alla parità, ciò significa che gli investitori possono realizzare una plusvalenza. Per i contribuenti, questo è interessante in quanto l’imposta sulle plusvalenze (CGT) non è dovuta sui guadagni sulle obbligazioni qualificate.

Zoe Gillespie

I gilt convenzionali sembrano più attraenti a lungo termine rispetto ai gilt indicizzati poiché l’inflazione dovrebbe diminuire nel 2023.

Rob Morgan

I mercati obbligazionari sono ora valutati in modo molto più realistico per un contesto di inflazione e tassi di interesse più elevati dopo la brutale svendita di quest’anno. Potrebbero ora fornire un rendimento totale allettante, in particolare se l’inflazione, e successivamente i tassi di interesse, dovessero iniziare a diminuire.

Poppy Fox

Nonostante gli eventi di quest’anno, direi che i gilt e le obbligazioni sono ancora una parte essenziale di qualsiasi portafoglio bilanciato. I gilt sono stati in disgrazia per qualche tempo offrendo rendimenti bassi. Ma, probabilmente, le recenti turbolenze causate dal mini-Budget di settembre le hanno rese più attraenti di quanto non lo siano state da anni.

Nessuna imposta sulle plusvalenze viene pagata sui gilt che, date le imminenti modifiche alle quote CGT del prossimo anno, potrebbero essere vantaggiose per alcuni investitori.

Sam Benstead, analista del reddito fisso, investitore interattivo

I rendimenti, che si muovono inversamente al prezzo, sul gilt a 10 anni sono scesi da circa il 4,5% al ​​3% in seguito al cambiamento politico, offrendo grandi plusvalenze per gli investitori che hanno acquistato al culmine del panico del mercato.

Tuttavia, un rendimento del 3% pagato dal governo non è nulla da annusare, in particolare alla luce del burrascoso contesto economico e dell’incertezza sugli utili aziendali di fronte a un rallentamento recessivo.

L’acquisto diretto di gilt bloccherà questo rendimento, con scadenze disponibili da uno a 50 anni, a seconda dell’orizzonte temporale degli investitori.

Graham Bishop

I gilt hanno avuto un terribile 2022, ma ora i rendimenti sono notevolmente più alti e ciò ha presentato una serie di opportunità. Possono fornire rendimento e diversificazione in un modo in cui non sono stati in grado di fare per molti anni. Appello per le scrofette a scadenza più breve.

Ian Lance

No, perché i gilt offrono ancora un rendimento reale negativo

Rachele Winter

Il rendimento dei gilt a due anni è attualmente di poco superiore al 3%, che è inferiore al tasso pagato da molti conti in contanti a tempo determinato. Detto questo, i gilt rimangono utili per coloro i cui saldi di cassa superano le 85.000 sterline garantite dal Financial Services Compensation Scheme.

I gilt possono anche essere fiscalmente efficienti per i contribuenti con aliquote più elevate. I gilt non sono soggetti all’imposta sulle plusvalenze, quindi i contribuenti con aliquote più elevate potrebbero prendere in considerazione l’acquisto di gilt che hanno cedole basse ma grandi sconti sui loro valori nominali.

Le obbligazioni societarie hanno rendimenti più elevati rispetto ai gilt e possono quindi essere attraenti per gli investitori che richiedono reddito, ma non desiderano assumersi il rischio di investire in azioni.

Holly Warburton

I rendimenti dei gilt britannici non si attestano a questi livelli da tempo. Ma, nonostante il valore offerto, hanno ancora il potenziale per essere volatili mentre la volatilità dell’inflazione continua. Sarebbero più appropriati per quegli investitori disposti a detenere fino alla scadenza e alla ricerca di un rendimento fisso.

L’anno prossimo, il FTSE 100 della Borsa di Londra finirà più in alto o più in basso rispetto alla fine del 2024?

Jason Holland

Mi aspetto pienamente che il FTSE 100 sia più alto nel prossimo anno, dato che i punti di partenza sono valutazioni molto basse e previsioni per la crescita degli utili.

Karen Lau

Questa è più una speranza che una previsione. Ma ora che il Regno Unito ha un governo più stabile, l’impatto del Covid sta diminuendo e il FTSE 100 è relativamente economico dal 2016, mi piacerebbe pensare che il mercato azionario del Regno Unito avrà l’opportunità di ottenere risultati migliori nel 2023.

Zoe Gillespie

Non credo che il FTSE 100 continuerà a sovraperformare altri mercati globali nel 2023 come quest’anno. Potrebbe finire al ribasso nel 2023, se assisteremo a una svendita del prezzo del petrolio e a un contesto economico meno favorevole in generale.

Un aumento della sterlina potrebbe anche avere un impatto negativo sugli utili dato che una grande percentuale di questi proviene dall’estero per i componenti di Footsie.

Rob Morgan

Un po’ più alto e, dato il livello del reddito da dividendi, un rendimento totale a due cifre è una concreta possibilità.

Poppy Fox

Se solo avessimo quella sfera di cristallo! Ci sono troppe incognite per fare previsioni e non posso dirlo con certezza, ma mi piacerebbe pensare che finirebbe più in alto.

Victory Scholar

Continuerà a crescere

Graham Bishop

Sospettiamo più in alto data una svolta nella narrativa dell’inflazione.

Ian Lance

Prevedo che cresca.

Rachele Winter

Mi aspetto che finisca nel 2023 a un livello simile a dove finirà nel 2022. Sebbene l’indice contenga alcune gemme come SSE ed Experian, manca di componenti di crescita e quindi non è andato da nessuna parte negli ultimi cinque anni.

È anche fortemente esposto a banche come HSBC e Standard Chartered che dipendono dalla Cina per le entrate, così come alcuni grandi minatori che si trovano nella stessa barca. Se il tasso di crescita cinese continua a rallentare, è probabile che ciò peserà sul Footsie e gli impedirà di salire notevolmente.

Holly Warburton, gestore di portafoglio, Ravenscroft

 

Indica una società o un fondo a cui prestare attenzione nel 2024

 

Jason Holland

Il fondo di investimento di Temple Bar è uno da tenere d’occhio. Il suo approccio si concentra sulla selezione di società che i gestori ritengono stiano negoziando a sconto rispetto al loro valore intrinseco. Ciò non significa mirare alle azioni su multipli di prezzo/utili bombardati, ma una valutazione più sfumata del valore reale di un’azienda.

Oltre l’80% del portafoglio è investito in azioni britanniche, quasi un quarto è investito in titoli energetici e anche un cospicuo 19% in titoli finanziari.

Zoe Gillespie

Microsoft ha registrato un calo del 30% del prezzo delle sue azioni durante il 2022. L’azienda è fondamentalmente in buona forma, con una gamma di prodotti ampia e ben investita. Il business del cloud, Azure, continua a essere il motore della crescita che sembra destinata a continuare.

Il calo del prezzo delle azioni offre un ottimo punto di ingresso per gli investitori che cercano una solida tenuta a lungo termine.

Rob Morgan

Artemis Global Income offre un approccio pragmatico e completo con un mix di diverse società e una strategia incentrata sul valore.

Al momento, il fondo è orientato verso le società difensive in grado di continuare a operare in un contesto difficile, nonché le materie prime e l’energia, per le quali il gestore ritiene che dovrebbe esserci resilienza in un contesto di inflazione più elevata.

Poppy Fox

Un fondo tecnologico o sanitario potrebbe essere un buon tema da considerare. Hanno caratteristiche diverse ma potenzialmente entrambe potrebbero essere aree interessanti a seconda della propensione al rischio. Polar Capital Technology Trust è un fondo tecnologico ben diversificato che quest’anno è in calo di circa il 30%. Possiede nomi di qualità che sono stati in disgrazia durante il 2022, ma che rimangono ben posizionati per trarre vantaggio dalle tendenze a lungo termine.

Ian Lance

Servizi di distribuzione internazionale. Precedentemente noto come Royal Mail, quest’anno il prezzo delle azioni è sceso da 600 pence a 240 pence poiché gli investitori si sono preoccupati per la scarsa redditività delle attività nel Regno Unito e per il deterioramento delle relazioni industriali.

Rachele Winter

I generatori di energia eolica Orsted e SSE dovrebbero beneficiare del passaggio in corso dai combustibili fossili all’energia rinnovabile. Sebbene sia stata imposta una tassa straordinaria sui produttori di elettricità che operano nel Regno Unito, non è così grave come si era temuto, inoltre il fatto che sia stata annunciata ha rimosso una nuvola di incertezza che incombeva sul settore.

Affrontare il cambiamento climatico sta diventando sempre più importante e queste due società dovrebbero essere una parte importante del nostro futuro a basse emissioni di carbonio.

Holly Warburton

Contraddicendo l’opinione secondo cui è considerata un’azienda di software vecchio stile, riteniamo che Oracle sia destinata a un’accelerazione della crescita organica a lungo termine grazie alla sua posizione di leader della tecnologia cloud. Tali discrepanze possono creare opportunità redditizie per gli investitori pazienti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *