Banche Europee migliori delle Banche degli Stati Uniti: ecco perché

Perché le banche europee riescono a sopportare meglio i rischi legati ai tassi di interesse rispetto alle loro controparti statunitensi
Gli esperti affermano che i diversi approcci di vigilanza fanno sì che le banche statunitensi di medie dimensioni siano ancora vulnerabili al rischio di tasso di interesse, mentre le banche europee rimangono relativamente sicure. Ma le banche dovrebbero accantonare più capitale per garantire un sistema più resiliente.

Una serie di aumenti dei tassi di interesse da parte delle banche centrali – e i successivi fallimenti bancari statunitensi – hanno portato la gestione del rischio di tasso di interesse nel portafoglio bancario (IRRBB) sotto un maggiore controllo.

Ora un nuovo rapporto, pubblicato dall’agenzia di rating Moody’s, svela il motivo per cui le banche regionali statunitensi sono state le più colpite dal rapido aumento dei tassi di interesse all’inizio dell’anno, mentre le banche europee ne sono uscite sostanzialmente indenni.

Secondo il rapporto, una regolamentazione allentata e una supervisione leggera hanno contribuito a far sì che le banche statunitensi più piccole siano sempre più esposte al rischio di tasso di interesse, mentre una regolamentazione più severa e una supervisione attiva aiutano – e di fatto obbligano – le banche europee ad adottare misure per gestirlo.

L’IRRBB deriva da disallineamenti nella rivalutazione di attività fruttifere come prestiti e titoli e passività come depositi, in linea con i movimenti dei tassi di interesse. Gestire l’IRRBB significa prevedere, identificare e quindi agire per ridurre questi disallineamenti. Ma se una banca non è in grado di gestire adeguatamente il proprio IRRBB, i bruschi movimenti dei tassi di interesse possono causare il calo dei livelli di capitale e degli utili – o addirittura l’annullamento.

Tuttavia, il rapporto di Moody’s evidenzia come la regolamentazione influenzi fortemente la gestione del rischio di tasso di interesse da parte delle banche e i contesti normativi molto diversi di Europa e Stati Uniti, il che significa una gestione altrettanto divergente dell’IRRBB.

“In Europa, le autorità di vigilanza possono richiedere misure correttive o imporre requisiti patrimoniali aggiuntivi. Le banche europee sono inoltre soggette a un test di vigilanza anomalo [SOT] che confronta l’esposizione di una banca all’IRRBB rispetto alle sue controparti. In pratica, ciò significa che la maggior parte delle banche ha una scarsa propensione al rischio di tasso di interesse”, afferma Simon Ainsworth, amministratore delegato associato di Moody’s Investors Service e uno degli autori del rapporto.

Le banche europee sono soggette alle linee guida normative emanate dall’Autorità bancaria europea (EBA). Lo scorso ottobre, l’EBA ha pubblicato una serie di requisiti normativi più severi per l’IRRBB, applicabili a tutte le banche dell’UE.

Le linee guida aggiornate per il 2022 includono nuovi criteri per le autorità di regolamentazione per identificare modelli interni non soddisfacenti per la gestione dell’IRRBB e un esame più attento del limite di scadenza di ripricing di cinque anni dei depositi senza scadenza.

Le autorità di vigilanza statunitensi non seguono le linee guida di Basilea sull’IRRBB

Ainsworth afferma che la regolamentazione e la supervisione statunitense sono state più limitate, contribuendo a indebolire la gestione dell’IRRBB in alcune banche statunitensi.

Negli Stati Uniti, le normative richiedono essenzialmente che le autorità di vigilanza giudichino se la gestione dell’IRRBB di una banca è conforme alla sua politica interna sull’IRRBB. Le autorità di vigilanza non valutano il rischio rispetto alle altre banche.

Ciò è in diretto contrasto con il parere fornito dal Comitato di Basilea per la vigilanza bancaria. In effetti, uno dei principi chiave di Basilea è che un SOT identifichi le banche con esposizioni IRRBB eccessive nel contesto delle sue controparti.

Negli Stati Uniti mancava un’applicazione coerente dei [test di vigilanza anomali] per le banche di medie e piccole dimensioni.

Banche Europee migliori delle Banche degli Stati Uniti, ecco perché

L’opinione di Tim Breitenstein

Per Tim Breitenstein, direttore dei servizi finanziari presso KPMG Deutschland, il SOT è vitale per la capacità delle banche europee di resistere alla recente serie di aumenti dei tassi. “Uno strumento che ha davvero funzionato in Europa è il test dei valori anomali di vigilanza. Ogni banca misura il rischio di tasso di interesse secondo scenari prescritti. Viene poi riferito, ogni trimestre, alle autorità di vigilanza. Le autorità di vigilanza possono verificare rapidamente se i rischi sono emergenti. Negli Stati Uniti mancava un’applicazione coerente di questi test anomali per le banche di medie e piccole dimensioni”.

Ma sottolineare le lacune in materia di vigilanza tra l’UE e gli Stati Uniti non è una novità. Nel 2020, il Fondo monetario internazionale (FMI) ha offerto una serie di raccomandazioni per rafforzare il rigore della regolamentazione e della supervisione statunitense dell’IRRBB.

“L’FMI lo ha denunciato nel 2020”, afferma David Aikman, direttore del Qatar Center for Global Banking and Finance presso il King’s College. “Si affermava che l’IRRBB era un’area [in cui] le autorità statunitensi non stavano adottando un approccio sufficientemente quantitativo. E poiché gli Stati Uniti hanno mutui a lunghissimo termine, questo è un grosso problema”.

Si tratta di un affare ancora più grande per le banche statunitensi più piccole, che hanno requisiti patrimoniali inferiori. Il rapporto di Moody’s fa riferimento a un altro documento: il rapporto sul rischio di tasso di interesse della primavera 2023 dell’Ufficio del controllore della valuta. Il rapporto ha esaminato circa 900 banche e ha scoperto che la mediana per le banche vigilate sia di piccole che di medie dimensioni (con asset pari o inferiori a 115 miliardi di dollari) ha, in uno scenario di shock, un rischio di valore economico del capitale azionario (EVE) del 20% 1 capitale. Il limite regolamentare per le banche dell’UE e del Regno Unito è del 15%.

Le peggiori banche statunitensi avevano un rischio EVE pari al 68%. L’EVE è un indicatore a lungo termine del flusso di cassa netto e aiuta le banche a determinare l’impatto delle variazioni dei tassi di interesse sul proprio capitale.

Potrebbero essere previsti altri fallimenti bancari regionali negli Stati Uniti
“Dato l’attuale livello di perdite non realizzate, mi aspetto che ci saranno più fallimenti negli Stati Uniti “, afferma Giorgio Bou-Daher, autore di “Banking in the Age of the Platform Economy” e docente di banche, fintech e finanza presso i mercati emergenti. Normandie Business School. “Probabilmente a fallire saranno le banche regionali più piccole che non sono nomi familiari”, dice. Prevede anche un certo consolidamento: “Le piccole banche, semmai, diventeranno foraggio per quelle grandi”.

Sebbene le prospettive per le banche europee siano potenzialmente più rosee rispetto ad alcune negli Stati Uniti, le banche europee non sono ugualmente esposte all’interno della regione.

“Dipende principalmente dalla propensione al rischio, che si riflette nel modello di business e nella diversa natura delle attività e delle passività che una banca ha nel suo bilancio”, afferma Ainsworth di Moody’s. Il rapporto di Moody’s rivela che le caratteristiche dei mutui immobiliari di una banca sono un fattore chiave.

L’esposizione delle banche francesi al mercato immobiliare nazionale viene evidenziata come una particolare vulnerabilità, poiché questa forma di prestito, a differenza, ad esempio, del Regno Unito e della Spagna, è tipicamente per periodi più lunghi. In Francia, la durata del mutuo può variare da cinque a 25 anni e i mutui a tasso fisso consentono ai mutuatari di fissare il tasso per tutta la durata del prestito.

Anche se Bou-Daher non vede una catastrofe in termini di gestione dell’IRRBB da parte delle banche europee, per lui il quadro è alquanto contrastante. “A prima vista, l’Europa sta bene; non sono previsti crolli. Tuttavia, quando si approfondisce, emergono diverse sfumature. Quando i tassi di interesse salgono, è particolarmente rischioso se si hanno molti prestiti a tasso fisso e a lungo termine, come possiamo vedere con diverse banche francesi, soprattutto quelle più locali che traggono la maggior parte dei loro ricavi dalla Francia.

Quindi, quali strumenti hanno le banche per mitigare l’IRRBB? In sostanza, si tratta di ridurre i disallineamenti di attività e passività utilizzando derivati ​​sui tassi di interesse e, nel caso di rischi non lineari, alterando il mix di attività e passività.

“I rischi di tasso di interesse derivanti da gap strutturali sono relativamente lineari, il che significa che scenari di tassi di interesse al ribasso e al rialzo della stessa entità comporterebbero un impatto sul valore sostanzialmente simile [ma in direzioni opposte]. Questo tipo di rischio viene quindi generalmente coperto con swap sui tassi di interesse”, afferma Ainsworth.

È necessario più capitale per mitigare il rischio di tasso di interesse
Tuttavia, alcune attività e passività, vale a dire i mutui a tasso fisso e i depositi dei clienti, si comportano diversamente, a seconda dell’entità della variazione dei tassi di interesse e dell’aumento o della diminuzione dei tassi, creando un rischio di tasso di interesse non lineare, come l’esistenza di opzioni per riscattare anticipatamente un mutuo o ritirare depositi.

“A causa di queste caratteristiche non lineari, questi rischi non possono essere completamente coperti con gli swap. È quindi importante che le banche e le autorità di regolamentazione comprendano il grado in cui il modello di business le espone al rischio, in che misura i rischi lineari sono coperti e il rischio potenziale e l’impatto dei rischi non lineari che si cristallizzano, così come altri attenuanti strutturali che possono essere impiegati [come le penalità di riscatto per i mutui], o una modifica al mix o alla tipologia di attività e passività in bilancio”, afferma.

Aikman, che in precedenza è stato economista presso la Banca d’Inghilterra, ritiene che requisiti patrimoniali più severi serviranno in definitiva a mitigare al meglio il rischio. Sollecita la possibilità di spostare il requisito patrimoniale per l’IRRBB dal secondo pilastro della regolamentazione di Basilea, dove le autorità di vigilanza nazionali hanno un’ampia discrezionalità, al pilastro uno, che copre i principali requisiti patrimoniali e ha standard globali chiari.

Altro su Basilea

Basteranno le regole di Basilea per far sì che si diventi “too big to fail”?
“Avevamo ricevuto indicazioni dal Comitato di Basilea su come dovrebbe essere il secondo pilastro, ma in molti paesi semplicemente non è stato implementato. Quindi non puoi fare affidamento su questo per garantire la copertura di queste regole in tutti i paesi. Deve essere un’accusa di primo pilastro”, afferma.

Ma la vera chiave, dice Aikman, è più capitale. Si tratta di una misura impopolare ma, a suo avviso, realizzabile. “Respingo fondamentalmente l’idea che le banche non possano aumentare i propri livelli di capitale”. Ammette che ci vorranno anni, ma i benefici sono chiari. “L’aumento del capitale significa che non è più così importante individuare piccole sacche di rischio qua e là, o cercare di recuperare il ritardo. Ottieni un sistema più resiliente, punto.”

Risorse Utili

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.