Coronavirus: le Azioni Short e Vendite allo Scoperto

Ecco una serie di titoli azionari in cui molti traders stanno vendendo allo scoperto e stanno andando short per ricavarne un guadagno, sfruttando la triste situazione creata dall’epidemia di Coronavirus.

Si tratta ovviamente di azioni di grandi aziende cinesi che nei prossimi giorni avranno quasi certamente delle perdite e vedranno contrarsi i proprio affari, nonchè il valore delle azioni, visto che molte industrie in Cina sono ferme per precauzione.

Correlati >>> Dove investire con il coronavirus

Di seguito sono riportati le azioni con il maggior numero di nuove vendite allo scoperto:

Coronavirus: le Azioni Short e Vendite allo Scoperto

I principali ETF incentrati sulla Cina interessati dai venditori allo scoperto includono l’ETF ISHS MSCI China (MCHI), l’ETF China Large Cap ETF (FXI), l’ETF Kraneshs CSI China Internet Fund (KWEB) e l’ETF SPDR S&P China (GXC).

Prevediamo che le vendite allo scoperto continueranno con i titoli a capitalizzazione di mercato più importanti che guidano il pacchetto, in particolare con i mercati cinesi chiusi “, ha dichiarato Ihor Dusaniwsky, Managing Director di S3 Partners. sugli scambi statunitensi, non si sa se in futuro ci saranno restrizioni o difficoltà nelle vendite allo scoperto in Cina e Hong Kong. ”

I mercati azionari cinesi hanno subito una chiusura prolungata dopo le vacanze di Capodanno lunare mentre i funzionari sanitari cercano di contenere l’epidemia. Restrizioni di viaggio sono in atto in tutte le principali città della Cina e aumentano i controlli sanitari nei principali aeroporti in Asia e in Europa.

ATTENZIONE : questo tipo di investimenti non è consigliato ad investitori con un profilo di rischio non adatto.

In che modo l’epidemia di coronavirus ha provocato uno shock per azioni, obbligazioni e altre attività a gennaio

Il numero di azioni S&P 500 scambiate al di sopra della media mobile a 50 giorni di venerdì, è sceso al livello più basso da ottobre

Un periodo di un mese di coronavirus ha devastato la Cina, causando centinaia di vittime e infastidendo migliaia di persone, ma l’influenza asiatica ha anche infettato il mercato azionario e altri beni, raffreddando il sentimento rialzista per il momento e alimentando l’incertezza in un periodo di elevate valutazioni.

Le maggiori ansie intorno al coronavirus arrivano quando il numero di persone infette in tutto il mondo si avvicina a 10.000 e quando le autorità dei Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie hanno segnalato la prima quarantena negli Stati Uniti in 50 anni, mentre il Regno Unito e la Russia hanno annunciato i loro primi casi di malattia mortale che ha tracciato confronti con la SARS, grave sindrome respiratoria acuta.

Ecco alcuni dei beni e dei settori su cui la nuova malattia asiatica ha avuto un impatto finora, poiché l’infezione è stata notata il 31 dicembre.

Dow Jones scivola dello 0,7% a gennaio e scende sotto la media mobile di 50 giorni a 28.443,30, una linea a breve termine che non ha chiuso da ottobre, secondo i dati di mercato di Dow Jones. Le medie mobili sono utilizzate dai tecnici di mercato per aiutare a determinare lo slancio rialzista e ribassista in un asset.

Venerdì pomeriggio, il DIA Jones Industrial Average DJIA, -2,09% è sceso di 587 punti, o 2%, a 28.272. S&P 500 SPX, -1,77% ha perso 57 punti, ovvero l’1,7%, 3.226. L’indice composito Nasdaq COMP, -1,59% si è ritirato di 138 punti, o 1,5%, a 9.161.

La quota di componenti S&P 500 scambiati al di sopra del loro MA a 50 giorni è scesa al di sotto del 50% per la prima volta dal 10 ottobre, secondo Dow Jones Market Data.

Il coronavirus potrebbe danneggiare la domanda di greggio perché la Cina è tra i maggiori importatori di materie prime, mettendo la quotazione del petrolio sull’orlo di un mercato ribassista. L’ingresso in un mercato ribassista è definito da un calo dei prezzi di almeno il 20% da un massimo recente.

Il greggio intermedio del Texas occidentale per la consegna di marzo CLH20, + 0,14% è stato fissato per uno skid settimanale del 5,3% ed è sceso del 18,9% dal suo recente picco di $ 63,27 colpito il 6 gennaio. Un insediamento inferiore a $ 50,62 lo spingerebbe in un mercato ribassista, secondo ai dati di mercato di Dow Jones. I prezzi del petrolio WTI sono scesi di quasi il 16% a gennaio, secondo i dati di FactSet.

Il settore energetico S&P 500 XLE, -3,12% è sull’orlo della chiusura venerdì in territorio ribassista. Dovrebbe chiudere a 405,8 o meno ed è attualmente a 404,1.

Linee aeree

Le azioni delle compagnie aeree sono state appiattite. Le azioni di United Airlines Holdings Inc. UAL, -3,79% sono crollate del 14,9% finora a gennaio. Azioni di Delta Air Lines Inc. DAL, -2,38% è sceso del 4,7% nel mese fino ad oggi e American Airlines Group Inc. AAL, -3,17% le azioni sono diminuite di oltre il 6,6%, poiché entrambi hanno fermato i voli verso la Cina a causa della diffusione dei timori del coronavirus.

Le obbligazioni subiscono una flessione, segnale di recessione

La nota del Tesoro a 10 anni produce TMUBMUSD10Y, + 0,00% ha toccato il livello più basso da ottobre dopo aver iniziato il mese all’1,92%, recentemente è stato scambiato all’1,53% e il differenziale tra l’obbligazione di riferimento. I prezzi delle obbligazioni aumentano al diminuire dei rendimenti. Inoltre, il tasso dei buoni del Tesoro a 3 mesi TMUBMUSD03M, + 0,00% si era invertito brevemente, una condizione che tendeva a essere vista come un predittore accurato delle recessioni future. Gli investitori a reddito fisso, tuttavia, hanno indicato recentemente i timori del coronavirus come il principale fattore trainante dei rendimenti.

L’indice di volatilità Cboe VIX, + 21,63% , o VIX, che utilizza le opzioni S&P 500 per misurare le aspettative degli operatori per la volatilità nei prossimi 30 giorni, è sulla buona strada per il suo più grande salto mensile per iniziare un anno record, in base alle disponibilità dati risalenti al 1990, secondo Dow Jones Market Data. L’indicatore spesso indicato come una guida al livello di paura degli investitori, è salito del 39,3% a gennaio e tende a salire con la caduta delle azioni.

 

COME SI E’ CONCLUSA L’ULTIMA SEDUTA DI GENNAIO DELLE AZIONI che di solito seguiamo per Voi

BRE.MI 10.32 -0.17      -1.62%
PST.MI 10.35 -0.44       -4.08%
DIS 138.29 +0.49          +0.35%
BMPS.MI 1.6950 -0.0450 -2.59%
ATL.MI 22.17 +0.44       +2.02%
UBER 36.28 -0.40          -1.09%
FCA.MI 11.73 -0.19         -1.63%
LDO.MI 11.18 +0.21        +1.91%
RACE.MI 152.50 -1.90    -1.23%
ENI.MI 12.66 -0.27           -2.07%
UCG.MI 12.08 -0.30          -2.44%
MSFT 171.16 -1.62           -0.94%
GOOG 1,439.62 -16.22      -1.11%
INTC 64.20 -2.27                -3.42%
AMZN 2,028.94 +158.26    +8.46%
FB 202.19 -7.34                 -3.50%
TSLA 645.01 +4.20           +0.66%
FBK.MI 10.57 -0.40            -3.69%
FM.MI 5.49 -0.29                -5.02%
BC.MI 32.82 -0.32              -0.97%
JUVE.MI 1.1380 -0.0240     -2.07%
PYPL 114.30 -2.82               -2.41%
AAPL 312.80 -11.07             -3.42%
NFLX 345.32 -2.42               -0.70%

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *