Investire in Azioni con Coronavirus e Pandemia Globale

Dopo settimane di tentennamenti i mercati finanziari sono crollati lunedì scorso e per tutta la settimana hanno avuto segno negativo. La pandemia globale è solo questione di tempo ormai, visto che ci sono 3 o 4 focolai fuori dalla Cina, il COVID-19 arriverà dappertutto, anche negli Stati uniti come ha sottolineato la responsabile infettivologa degli States, è solo una questione di tempo.

Quello che possiamo fare se abbiamo dei risparmi e vogliamo proteggerli o se abbiamo degli investimenti o siamo intenzionati a far fruttare il Nostro capitale,  è guardare ai paesi in cui prima è arrivato e per primi hanno risolto e comprendere come muoverci. Cosa che dovrebbero fare anche le autorità per migliorare la prevenzione, la diffusione e per eliminare errori di valutazioni già fatti, per assorbirne anche l’inevitabile impatto economico. In Cina a fine Febbraio stanno ripartendo le attività economiche dopo oltre 1 mese di quarantena, anche se ancora la città di Wuhan rimane praticamente ferma.

La situazione ora è che casi segnalati di COVID-19 sono aumentati durante il fine settimana in paesi tra cui Italia, Israele, Corea del Sud e Iran, mostrando agli investitori che la malattia ha il potenziale per essere una pandemia globale, sconvolgendo gli affari e la vita quotidiana non solo in Cina ma anche in tutto il mondo .

Tuttavia, gli investitori esperti sanno che svendite come queste spesso creano grandi opportunità di acquisto, altrimenti le azioni stellari finiscono per essere negoziate con uno sconto. Con questo in mente, qui ci sono tre titoli che devo tenere d’occhio se i titoli continuano a crescere a spirale verso il basso sulle paure del coronavirus.

LEGGI ANCHE >>> Investire in azioni – Guida 

migliori azioni di oggi

Su quali azioni investire con Coronavirus e Pandemia Globale

1. Amazon.com

Amazon.com ( NASDAQ: AMZN ) è scivolato del 4,1% lunedì, scendendo momentaneamente al di sotto di $ 2.000 per azione e una valutazione di $ 1 trilione. Il titolo ha toccato il massimo storico la scorsa settimana a $ 2.185,10 ma da allora ha rinunciato all’8% per i timori dell’epidemia.

Per un’azienda gigante, le azioni Amazon tendono a essere volatili, poiché la società è ancora valutata come una borsa in crescita ed è soggetta a sorprese come quello che è successo con il suo rapporto sugli utili del quarto trimestre . Tuttavia, non sembra esserci una buona giustificazione per far scendere Amazon di quasi il 10%, rinunciando a quasi $ 100 miliardi di valore di mercato, a causa del coronavirus.

Come quasi tutti gli altri rivenditori statunitensi, Amazon dipende dalla Cina per la sua catena di fornitura, poiché molti dei prodotti venduti sulla piattaforma provengono dall’economia n. 2 del mondo. Ma a causa del suo mercato, molti dei prodotti venduti su Amazon sono ridondanti. Amazon non si affida a un solo fornitore per una determinata linea di prodotti, e nemmeno gli acquirenti. Inoltre, i concorrenti al dettaglio di Amazon negli Stati Uniti si trovano in una posizione molto più vulnerabile rispetto al gigante dell’e-commerce se si verifica un continuo rallentamento della produzione in Cina. Un evento del genere potrebbe far sì che i rivenditori deboli di mattoni chiudano i negozi più rapidamente e persino spingano alcune catene in bilico verso il fallimento.

Amazon ha anche una scarsa esposizione diretta alla Cina, avendo ritirato il proprio mercato dal paese l’anno scorso dopo che la concorrenza di società native come Alibaba e JD.com si è rivelata troppo intensa. Le altre sue attività, tra cui cloud computing e prodotti Kindle, sono rimaste piccole di fronte al potere regolamentare del governo.

Dopo l’ultimo rapporto sugli utili, è chiaro che l’azienda è forte come non lo è mai stata. La spedizione Prime in un giorno è un successo travolgente e il suo abbonamento Prime globale è passato da 100 milioni a 150 milioni in 19 mesi. È improbabile che COVID-19 ostacoli in modo significativo l’azienda, ma potrebbe danneggiare i suoi concorrenti. I timori per l’epidemia potrebbero far abbassare lo stock, ma non c’è dubbio che Amazon, con la sua attenzione a lungo termine, si riprenderà.

2. Facebook

Un altro gigante della tecnologia, Facebook ( NASDAQ: FB ) , stava già negoziando in un intervallo di valori prima del sell-off di lunedì. Le azioni del colosso dei social media sono scese del 4,5% lunedì, anche se è sconcertante il motivo per cui il titolo verrebbe colpito più duramente dell ‘S & P 500 . Dopotutto, Facebook era già a buon mercato prima che si diffondessero le preoccupazioni circa la diffusione dell’epidemia e la società è ben protetta da un impatto diretto del virus.

Innanzitutto, Facebook non ha alcuna esposizione in Cina, ad eccezione dei suoi dispositivi di realtà virtuale Oculus. In secondo luogo, l’azienda guadagna da persone che utilizzano siti come Facebook e Instagram e il tempo sullo schermo sembrerebbe essere incoraggiato solo da un focolaio, in particolare uno che ha causato milioni di persone in tutto il mondo per annullare i piani di viaggio e persino per eventi come Venezia Carnevale da tirare.

Come azienda pubblicitaria, Facebook dipende dalla crescita economica complessiva poiché le aziende hanno meno probabilità di spendere in un clima di recessione, ma Facebook attira una vasta gamma di inserzionisti grandi e piccoli e offre una capacità unica di raggiungere potenziali clienti. Le aziende che utilizzano Facebook dipendono dalla sua portata e all’improvviso non si arrenderanno solo perché il coronavirus sta agitando i mercati.

Facebook è anche altamente redditizio e si trova a $ 54 miliardi in contanti e equivalenti, offrendo alla società molta resilienza contro un’interruzione prolungata. Il titolo è scambiato con un rapporto P / E di 21 sulla base di utili rettificati e sostenendo la sua somma in contanti. Considerando il suo tasso di crescita, lo stock sembra già un vero affare. Se le azioni continuano a cadere, sarà un vero furto.

3. MercadoLibre

L’operatore di e-commerce latinoamericano è stato ancora un’altra vittima della svendita del coronavirus lunedì. Le azioni sono diminuite dell’8,5% a fianco della più ampia immersione sul mercato. Il calo delle azioni MercadoLibre ( NASDAQ: MELI ) è particolarmente imbarazzante. Sebbene la società sia una società in crescita senza profitti di cui parlare, opera solo in America Latina, una parte del mondo che deve ancora vedere notizie significative di un focolaio di coronavirus.

Il rapporto sugli utili più recente della società mostra perché vale la pena raccogliere le azioni se lo stock viene messo in vendita. Non solo gestisce la principale attività di e-commerce dell’America Latina, che ha visto un aumento del volume delle merci lorde del 39,7% su una base neutrale rispetto alla valuta a $ 3,9 miliardi, ma è anche emerso come leader nei pagamenti digitali grazie alla sua piattaforma di pagamento MercadoPago.

L’America Latina è ancora relativamente poco sviluppata nei pagamenti online, offrendo alla società un’enorme opportunità lì. Nell’ultimo trimestre, il volume totale dei pagamenti su MercadoPago è quasi raddoppiato, passando dal 98,5% a $ 8,7 miliardi. Ciò ha contribuito a spingere la crescita complessiva delle entrate neutrali della valuta dell’84% nel trimestre.

Come Amazon, anche MercadoLibre ha investito la propria infrastruttura, aumentando gli articoli spediti attraverso MercadoEnvios, il suo servizio di consegna pacchi, del 47% negli ultimi tre mesi. La società ha anche annunciato piani la scorsa settimana di investire $ 420 milioni quest’anno in Messico, con un aumento del 46% rispetto all’anno precedente. Il Messico è il suo mercato in più rapida crescita e le vendite sono salite del 152% a $ 275 milioni l’anno scorso.

MercadoLibre è probabilmente punito perché è scambiato con una valutazione elevata senza profitti e un rapporto prezzo-vendita vicino a 15, e lo stock è quasi raddoppiato nell’ultimo anno. Ma la società non è minacciata da COVID-19 e ha due interessanti opportunità di crescita a lungo termine nel commercio elettronico e nei pagamenti digitali in uno dei più grandi mercati emergenti del mondo, l’America Latina. Un continuo sell-off qui costituirebbe un’opportunità di acquisto interessante per questo titolo ad alta crescita.

Altri titoli azionari da seguire 

BRE.MI Azioni Brembo
PST.MI Azioni Poste Italiane
DIS Azioni Disney

SPCE Virgin Galactic
BMPS.MI Azioni Banca Monte dei Paschi di Siena
UBER Azioni Uber
FCA.MI Azioni FCA
LDO.MI Azioni Leonardo
RACE.MI  Azioni Ferrari
ENI.MI Azioni ENI
UCG.MI Azioni Unicredit
MSFT Azioni Microsoft
GOOG Azioni Alphabet / Google
FBK.MI Azioni Fineco
FM.MI Azioni Fiera Milano
BC.MI Azioni Brunello Cucinelli
JUVE.MI Azioni Juventus
PYPL Azioni Paypal
AAPL Azioni APPLE
NFLX Azioni Netflix

Titoli per Trading Intraday

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *