10 Cose da Sapere Prima di Investire in Oro

L’oro tende a fare bene nei momenti difficili, come abbiamo ampiamente visto con la crisi della pandemia del 2020 e la invasione Ucraina del 2022.

L’oro tende a fare bene nei momenti difficili. Bene, grazie alla pandemia di coronavirus che ha bloccato l’economia globale, gli investitori hanno avuto problemi a palate nel 2020, e questo è stato evidente in un aumento di quasi il 25% per il metallo giallo.

Tuttavia, i prezzi dell’oro hanno attraversato un periodo più difficile nel 2021, in calo di circa l’8% da inizio anno. Con la guerra in Ucraina siamo tornati ai massimi storici. Però cerchiamo di capire se fare investimenti in oro in tempi diciamo “normali” sia o no una buona idea per il piccolo investitore.

Per capirci: versare una parte delle tue risorse in oro non è sempre una buona idea. In effetti, l’oro ha una pessimo ritorno come investimento a lungo termine.

Ecco alcune nozioni fondamentali che dovresti sapere sull’investimento in oro prima di scommettere sul metallo prezioso.  Dati, prezzi e rendimenti sono stati forniti da Kitco, DQYDJ, Perth Mint, World Gold Council, YCharts, US Mint e Morningstar.

Migliori ETF su Oro 2° Trimestre 2021 (Aprile, Maggio e Giugno )

1. Dal 1980, quale investimento ha generato i migliori rendimenti?

Oro? No. Forse obbligazioni statunitensi? Sbagliato di nuovo. I titoli a grande capitalizzazione scambiati negli Stati Uniti hanno facilmente sovraperformato quelle classi di attività negli ultimi quattro decenni.

Andiamo in ordine storico: da marzo 1980 a marzo 2021, l’S&P 500, con i dividendi reinvestiti, ha restituito un 12,1% annualizzato. Per quanto riguarda le obbligazioni, il Buono del Tesoro decennale benchmark ha prodotto un rendimento annualizzato del 6,6% nello stesso periodo. Ma l’oro? Non è stato così brillante, restituendo un guadagno annualizzato di appena il 2,8% durante quell’intervallo.

Anche più recentemente, l’oro è ancora deludente. L’S&P 500 ha registrato un rendimento annualizzato del 13,8% con dividendi reinvestiti nell’ultimo decennio terminato a marzo, mentre i Treasury di riferimento hanno reso il 2,2% e l’oro il 3,1%.

2. Dal 1990, quale investimento ha ottenuto i risultati migliori?

Ancora una volta, le azioni statunitensi hanno battuto sia le obbligazioni statunitensi che l’oro.

Da marzo 1990 a marzo 2021, l’S&P 500 ha guadagnato il 10,4% su base annua con dividendi reinvestiti. La nota del Tesoro a 10 anni ha prodotto un rendimento annualizzato del 4,6%. L’oro, nel frattempo, ha generato un rendimento annualizzato del 5,2%. È interessante notare che l’oro dovrebbe essere un baluardo contro l’aumento dei prezzi, ma se aggiustato per l’inflazione, la merce ha ottenuto risultati anche peggiori.

Adeguato all’inflazione, l’S&P 500 ha restituito un 7,9% annualizzato da marzo 1990 a marzo 2021, dividendi inclusi. Il Tesoro a 10 anni ha generato un rendimento annualizzato del 2,2%. L’oro corretto per l’inflazione ha prodotto solo il 2,7% annualizzato.

Si noti che il prezzo dell’oro è effettivamente sceso di circa il 27% tra il 1989 e il 1999. L’oro spesso perde valore nei periodi di prosperità, come lo erano generalmente gli anni ’90.

 

3. E dal 2000?

Il 21° secolo è stato il momento dell’oro per brillare. Da marzo 2000 a marzo 2021, l’oro ha generato un rendimento annualizzato del 19,1%. Al netto dell’inflazione, che arriva al 14,7% annualizzato.

Tuttavia, non dimentichiamo che l’oro è sceso a 208 dollari l’oncia nel 1999 da 595 dollari nel 1980 e $ 401 nel 1989. Ancora una volta, il prezzo dell’oro è sceso durante un periodo di prosperità economica: gli anni ’90.

Le azioni sono arrivate al secondo posto nello stesso periodo, con un rendimento del 6,8% annualizzato, dividendi inclusi. (O 4,7% dopo aver tenuto conto dell’inflazione.) Le azioni sono state vittime dello scoppio di due bolle: la bolla tecnologica all’inizio del secolo e le bolle immobiliari e creditizie iniziate intorno al 2007.

I titoli del Tesoro di riferimento sono arrivati ​​ultimi in questo periodo, con un rendimento annualizzato del 3,6%, o 1,5% in termini corretti per l’inflazione.

4. L’oro non è la copertura dell’inflazione che dovrebbe essere

Il prezzo dell’oro non tiene traccia dell’inflazione, come regola generale. Tra il 1987 e il 2001, quando l’inflazione ha oscillato intorno al 3% all’anno, il prezzo dell’oro è sceso.

Ma è vero che durante periodi di inflazione straordinariamente alta, il prezzo dell’oro può salire alle stelle.

È quello che è successo dalla metà degli anni ’70 fino all’inizio degli anni ’80, quando l’inflazione è salita dal 4,8% nel 1976 al 13,3% nel 1979 e al 12,4% nel 1980, prima di iniziare una lunga discesa. Il prezzo dell’oro è balzato da meno di 150 dollari l’oncia a più di 800 dollari, per poi crollare a 400 dollari nel 1981.

Vuoi una copertura dall’inflazione garantita? Prova i titoli protetti dall’inflazione del Tesoro (TIPS).

5. Ma l’oro può davvero essere una buona copertura in una crisi

L’oro può aumentare di valore durante i periodi difficili, quando gli investitori sono timorosi e incerti e cercano sicurezza. Basta guardare i percorsi divergenti che le azioni e l’oro hanno intrapreso nel 2020 durante lo scoppio del COVID-19 o nel periodo dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia nel 2022.

Quando il selloff delle azioni alimentato dalla pandemia ha finalmente toccato il fondo il 23 marzo, l’S&P 500 era seduto su una perdita da inizio anno di oltre il 30%. I prezzi dell’oro, tuttavia, sono rimasti fermi. Entro il 23 marzo, erano aumentati di circa l’1% da inizio anno.

E poi è iniziato il vero divertimento. L’oro ha subito  un’impennata del 36% fino al 6 agosto, quando ha raggiunto il massimo storico di 2.067,20 dollari l’oncia.

Come notato sopra, il 21° secolo ha dato all’oro diverse opportunità di brillare. Le turbolenze seguite agli attacchi terroristici dell’11 settembre 2001 e al tracollo economico del 2008-2009 sono state rialziste per gli investitori in oro.

Non è insolito vedere il prezzo dell’oro aumenti con le cattive notizie (come la pandemia globale o una crisi del debito sovrano, una guerra ) e diminuire con buone notizie (come una crescita economica migliore del previsto).

6. L’oro NON E’ una buona riserva di valore

Un argomento di lunga data a favore dell’investimento in oro è che si tratta di una buona riserva di valore, ovvero il suo prezzo corretto per l’inflazione rimane relativamente stabile per lunghi periodi.

Una riserva di valore implica un prezzo stabile e, come abbiamo visto, i prezzi dell’oro sono tutt’altro che stabili. Sebbene la correlazione dell’oro con le azioni sia complicata, basti dire che il metallo prezioso può essere volatile. Nel 2012, ad esempio, il prezzo è salito di quasi il 6%. Nel 2013 è crollato del 28%. Nel 2017? In aumento del 12,6%. Ma in calo dell’1,2% nel 2018.

Lo stesso vale anche per intervalli di tempo più lunghi. Prendi l’ultimo decennio, per esempio, e taglialo a metà. Durante i primi cinque anni terminati il ​​15 aprile 2016, i prezzi dell’oro sono scesi di circa il 16,5%. Ma da allora? L’oro è aumentato di oltre il 40% negli ultimi cinque anni.

 

7. L’oro non è il più prezioso dei metalli preziosi

L’oro è il metallo prezioso più popolare per gli investitori, ma non è il più costoso. Quel titolo in realtà appartiene al rodio, che è salito ai massimi storici nel 2021 e attualmente raggiunge 26.200 dollari l’oncia.

Infatti, tra i principali metalli preziosi, l’oro è al quarto posto per prezzo per oncia, dietro rodio, iridio e palladio, ma davanti a platino e argento.

8. I fondi d’oro battono l’oro fisico

Per quanto interessanti possano essere monete e lingotti, i fondi sono il modo più semplice per gli investitori al dettaglio di ottenere esposizione all’oro. Stanno diventando sempre più popolari anche loro. Gli ETF sull’oro hanno registrato afflussi record di  47,9 miliardi di dollari nel 2020, quasi il doppio del record precedente stabilito nel 2016. In termini di tonnellaggio, la domanda di ETF sull’oro è aumentata del 120% rispetto al 2019. La domanda di lingotti e monete è cresciuta solo del 3% anno su anno.

Non c’è da stupirsi: è molto più facile ottenere esposizione all’oro detenendo un fondo in oro elettronicamente in un conto di intermediazione piuttosto che ricevere, immagazzinare e assicurare il metallo fisico.

L’SPDR Gold Shares ( GLD ), il più grande fondo negoziato in borsa garantito dall’oro, ha circa 61,3 miliardi di dollari di asset. L’ETF segue il prezzo dei lingotti d’oro. Se scegli di investire in questo modo, Kiplinger preferisce l’iShares Gold Trust ( IAU ) a basso costo, che ha spese annuali dello 0,25%, rispetto allo 0,40% per GLD.

Puoi anche investire in numerosi fondi comuni di investimento ed ETF che investono in azioni di società di estrazione dell’oro.

9. I prezzi dell’oro possono essere volatili, ma non sono niente in confronto all’argento.

Il mercato dell’argento è più piccolo di quello dell’oro.

Inoltre, l’argento ha più usi industriali dell’oro, rendendo il prezzo del primo più sensibile agli alti e bassi dell’economia. Questi due fattori si combinano per rendere il prezzo dell’argento più alto di quello dell’oro.

Se vuoi dormire bene la notte, scegli l’oro, non l’argento.

La moneta d'oro più grande del mondo
La moneta d’oro più grande del mondo

10. La moneta d’oro più grande del mondo

La più grande moneta d’oro a corso legale mai prodotta è stata coniata dalla Perth Mint nell’Australia occidentale nel 2012.

La “moneta d’oro da una tonnellata di canguro australiano” del 2012 contiene una tonnellata metrica di oro puro al 99,99% e ha un diametro di circa 80 centimetri per uno spessore di 12 centimetri.

L’enorme moneta ha un valore nominale di $ 1 milione di dollari australiani, ma si stima che valga più di $ 50 milioni di AUD.

 

Approfondimenti su investimenti in oro:

 

La Finanza dalla parte del piccolo investitore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *