Crisi Bancaria Deutsche Bank: Conti Correnti a rischio?

I clienti delle banche italiane vogliono sapere se i loro conti correnti ed altri tipi di deposito sono a rischio. E’ quello che cercheremo di far capire al lettore nell’articolo più avanti.

Le ragioni della crisi bancaria e del crollo del titolo Deutsche Bank la scorsa settimana

Qual è il problema oggi alla Deutsche Bank? In mezzo a una diffusa disfatta dei titoli bancari, le azioni Deutsche Bank sono scese di circa il 12%, tre punti percentuali in più rispetto ai rivali. I suoi CDS hanno superato i 200 punti base , il livello più alto dai travagli della banca nel 2019.

Qual è il problema ora? Deutsche Bank ha passato gli ultimi tre anni a ristrutturare e vendere le attività tossiche nella sua unità di rilascio di capitale. Al momento dei risultati del primo trimestre della banca, il CEO Christian Sewing ha affermato che DB era in buona forma e ben posizionata per effettuare assunzioni strategiche avendo già subito una ristrutturazione . Comincia a sembrare un po’ ottimista.

Il problema di Deutsche Bank è in parte la sua grande esposizione al settore dei prestiti alle imprese, che è sconvolto sia dal crollo di SVB che dai continui aumenti dei tassi. Tuttavia, in una nota di questa settimana gli analisti bancari di JPMorgan hanno osservato anche altri problemi con la banca. – Con l’aumento dei costi di finanziamento all’ingrosso, Deutsche Bank è più esposta rispetto ai suoi rivali europei. “Stimiamo che un aumento del 3% dei costi di finanziamento all’ingrosso si traduca in un impatto negativo medio del -2%/-1% sul PBT nel 2024/25E”, affermano gli analisti guidati da Kian Abouhossein. “All’interno del settore, la nostra sensibilità mostra DBK, SG, Barclays e Santander come relativamente più esposti a maggiori costi di finanziamento all’ingrosso”.

Con l’aumento dei tassi, l’implicazione è che Deutsche potrebbe dover tagliare maggiori costi se vuole raggiungere il suo obiettivo di generare rendimenti superiori al 10% e distribuire 8 miliardi di euro di capitale agli azionisti prima del 2025. il patrimonio netto nel 2022 era del 9,4% al lordo delle imposte e dell’8,4% dopo, il che va bene dato che il costo del capitale è di circa il 9% e in aumento.

Questa non è una crisi bancaria ea 200 punti base, i CDS di Deutsche sono molto al di sotto del livello di 1000 punti base spinto dal Credit Suisse la scorsa settimana. È, tuttavia, un promemoria del fatto che l’aumento dei tassi ha implicazioni reali per le banche e che le migliori intenzioni per i profitti e gli obiettivi di crescita possono fallire, e sembra che lo stiano facendo.

 

crisi bancaria conti correnti a rischio
I numeri del prezzo delle azioni dei maggiori titoli bancari europei, spiegano meglio di tante parole la difficoltà delle banche europee

Crisi bancaria: le Banche Europee sono a rischio fallimento? 

 

All’ultimo vertice Ue cè stato detto che il settore bancario europeo non è in subbuglio

Mentre le azioni delle banche europee sono crollate, i leader dell’UE non sono preoccupati. Ma avvertono di “non accontentarsi mai”.

Rispondendo alle preoccupazioni sul fatto che le turbolenze bancarie iniziate negli Stati Uniti si sarebbero diffuse in Europa, i leader dell’Unione Europea (UE) hanno affermato che il settore bancario europeo è stabile.

Giovedì, i 27 leader del blocco si sono riuniti a Bruxelles nell’ambito di un vertice di due giorni per parlare dello stato attuale dell’economia europea, nonché di altre questioni urgenti per l’Unione, come la guerra in Ucraina .

La presidente della Banca centrale europea (BCE) Christine Lagarde si è unita al vertice per i colloqui economici.

All’interno dell’UE si è temuto che , a seguito del crollo della Silicon Valley Bank e della Signature Bank negli Stati Uniti, le conseguenze dell’acquisizione del Credit Suisse da parte della Svizzera potessero mettere a rischio le banche europee.

Secondo Bloomberg, le azioni della Deutsche Bank tedesca sono crollate fino al 15% venerdì, segnando il più grande calo dal 2020 e alimentando ulteriori timori di una crisi bancaria.

Ma il cancelliere tedesco Olaf Scholz ha detto ai giornalisti a Bruxelles che non c’era motivo di preoccuparsi, poiché la Deutsche Bank aveva riorganizzato il proprio modello di business ed era una “banca molto redditizia“.

Prima della riunione dei leader dell’UE, Paschal Donohoe , ministro irlandese delle finanze e presidente dell’Eurogruppo, ha condiviso una voce simile di rassicurazione: “Sono fiducioso nella resilienza del nostro sistema bancario in questo momento. Penso che l’anno scorso sia stato un ottimo esempio di ciò, nonostante lo scoppio di questa terribile guerra contro il popolo ucraino”, ha detto ai giornalisti.

“Ma non possiamo nemmeno essere compiacenti, motivo per cui il lavoro dei nostri regolatori e il futuro cambiamento delle politiche sono così importanti”, ha aggiunto.

crisi bancaria cosa fare
crisi bancaria cosa fare

Timori di rivivere la crisi bancaria e finanziaria del 2008

Nel frattempo, il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha sottolineato che la BCE ha svolto un “ottimo lavoro” nel sostenere qualsiasi potenziale crisi bancaria.

Insieme a Italia, Portogallo e Spagna, il suo paese è stato duramente colpito dalla crisi bancaria del 2008 e il ricordo delle severe misure di austerità imposte dall’UE all’epoca è ancora vivo nella mente delle persone.

“Direi che c’è stata una regolamentazione aggressiva da parte della BCE per garantire che gli errori del passato non si ripetano“, ha detto Mitsotakis ai giornalisti.

La scorsa settimana, la BCE ha alzato i tassi di interesse di 0,5 punti percentuali come misura di controllo dell’inflazione nel mezzo delle attuali tensioni finanziarie.

“Il settore bancario dell’area dell’euro è resiliente, con solide posizioni patrimoniali e di liquidità. In ogni caso, il toolkit della BCE è completamente attrezzato per fornire sostegno di liquidità al sistema finanziario dell’area dell’euro, se necessario”, ha affermato la BCE in una dichiarazione sul Domenica.

Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea (BCE). Christine Lagarde, presidente della Banca centrale europea (BCE).
La scorsa settimana la Banca centrale europea ha alzato i tassi di interesse per contrastare l’inflazioneImmagine: Frederick Florin/AFP
Jacob Funk Kirkegaard, membro anziano del German Marshall Fund of the United States (GMF) a Bruxelles, ha dichiarato a DW che questa volta l’economia europea non era sull’orlo di una grave crisi finanziaria, aggiungendo che quanto accaduto nel 2008 era stato molto diverso .

“La crisi bancaria iniziata con le emissioni della Silicon Valley Bank è stata in qualche modo idiosincratica per le banche negli Stati Uniti, e anche fondamentalmente un fallimento della vigilanza da parte della Federal Reserve. E le emissioni del Credit Suisse sono qualcosa che i mercati conoscono da molto tempo, ” Egli ha detto.

“Quando la Silicon Valley Bank è crollata, i mercati erano già in grado di stimare se l’aumento dei tassi di interesse avrebbe avuto un impatto sulle banche altrove che acquistavano titoli di stato. Questo non era il caso nel 2008”, ha aggiunto.

Ma Kirkegaard ha sottolineato che poiché le banche sono interconnesse, le preoccupazioni sono valide. Credeva che questo fosse il motivo per cui il governo degli Stati Uniti ha deciso di agire con tanta forza nel garantire la sicurezza di tutti i depositi nella Silicon Valley Bank.

“All’interno dell’UE, per garantire ulteriormente le banche, è necessario uno slancio per completare il piano dell’unione bancaria europea”, ha aggiunto.

 

Progressi nell’unione bancaria europea?

L’unione bancaria europea è stata costituita nel 2014 dopo che la crisi finanziaria del 2008 ha scosso l’economia europea. Cerca di armonizzare le leggi bancarie e ha lo scopo di garantire che le banche del blocco possano resistere alle crisi finanziarie senza “ricorrere al denaro dei contribuenti”.

Ma negli ultimi anni, questa unione non ha avuto un solido sistema europeo di assicurazione dei depositi (EDIS) per garantire che tutti i depositi fossero garantiti a livello paneuropeo.

“Purtroppo, il problema qui è che ci sono controversie politiche di lunga data. Ad esempio, un caso è quello in cui il governo tedesco, tra gli altri, non vuole accettare assicurazioni sui depositi comuni fino a quando le banche italiane non ridurranno le disponibilità di titoli di stato italiani. Ed è una sorta di stallo. Quindi non sono particolarmente ottimista su questo fronte”, ha detto Kirkegaard.

Il ministro delle finanze irlandese Pascal Donohue ha incontrato la presidente della Commissione europea Ursula von der LeyenIl ministro delle finanze irlandese Pascal Donohue ha incontrato la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen
I leader dell’UE si sono incontrati a Bruxelles per discutere lo stato dell’economia europea in mezzo alle ricadute bancarieImmagine: John Thys/AFP
Dopo l’incontro con altri leader dell’UE, Donohoe ha detto ai giornalisti che questo disaccordo è una questione che deve essere risolta dai parlamenti nazionali.

Il cancelliere tedesco Scholz ha detto ai giornalisti che l’unione bancaria ha reso più capitali accessibili all’interno del blocco e ha assicurato gli attuali livelli di stabilità.

Nel frattempo, il presidente francese Emmanual Macron ha detto ai giornalisti che l’unione bancaria non sta progredendo abbastanza velocemente. “Ma la parte importante è fatta. Ora dobbiamo passare alla questione dei depositi. Diversi Stati membri sono titubanti, ma la Francia non sta bloccando”, ha detto.

I correntisti europei dovrebbero essere preoccupati?

Mentre le azioni europee hanno continuato a reagire ai movimenti del mercato globale dopo la conclusione dell’incontro con i leader dell’UE, Donohoe ha affermato che non c’è ancora motivo di preoccuparsi.

“Se guardo a dove si trova l’economia in generale, abbiamo un’economia che è ancora in crescita, che ha più persone che lavorano in essa che mai, e abbiamo banche che, come ho detto, hanno ricevuto l’impatto di diverse decisioni prese qui in Europa negli ultimi anni per quanto riguarda il loro capitale, per quanto riguarda la loro liquidità. Credo che sia prezioso e ne vedremo i benefici nel tempo a venire”, ha detto ai giornalisti dopo l’incontro.

Le misure dell’UE per proteggere le banche “hanno funzionato”

Kirkegaard ha sottolineato che tra il recente aumento dei tassi di interesse della BCE e il calo dei prezzi dell’energia, anche l’inflazione all’interno dell’UE si stabilizzerebbe.

“Ovviamente, coloro che stanno cercando di acquistare una nuova casa o impegnarsi in un rifinanziamento dovranno affrontare tassi di interesse più elevati e avranno un problema che dovranno superare nei prossimi mesi. Ma nel complesso, i mercati del lavoro in tutta l’UE sono storicamente forti. Quindi, anche se certamente ci sono problemi nei singoli paesi europei, la situazione generale non è male”, ha detto.

“Ma è importante non essere compiacenti, perché l’Europa sta ancora vivendo una guerra e questo porrà sfide strategiche che avranno anche un impatto sull’economia. Ma rispetto alla crisi bancaria del 2008, questa situazione attuale è diversa e non porterà a un grave tracollo finanziario”, ha aggiunto.

 

Considerazioni della redazione:

Come già avevamo detto ieri, anche se è vero che i conti delle banche europee sono in ordine come dicono dalla BCE bisogna segnalare che la storia insegna che fidarsi dii quello che dicono le autorità non sempre è una buona idea.

12 anni fa dicevano che le banche europee non sarebbero state toccate dalla crisi, che in particolare il sistema creditizio italiano era solido, poi abbiamo visto che non era proprio così.

Secondo Noi è vero che le banche europee sono molto più solide di quelle americane e che in questi anni il sistema di controllo ha sgretto la cinghia e ora serve liquidità vera per operare, ma purtroppo sappiamo anche che ad esempio la borsa italiana è in larga parte capitalizzata da banche italiane; sappiamo che le banche fanno ingenti investimenti in altre banche e per questo anche una crisi come quella di Silicon Valley Bank potrebbe innescare un effetto domino sulle banche di tutto il mondo difficilmente governabile.

Bisogna andare a ritirare i soldi che abbiamo nel conto corrente? 

Secondo Noi no, ancora siamo molto lontano da quel problema, di certo però per tutelarsi e rimanere tranquilli bisognerà tenersi informati su quello che succede all’intero sistema bancario internazionale.

 

Risorse Utili:

 

..

.

Dal 2014 scriviamo di finanza, economia, investimenti, prestiti, banche. Scriviamo recensioni e guide su: investimenti , trading online, operazioni di borsa, prestiti, facciamo recensioni di prodotti finanziari cercando di spiegare al lettore in modo semplice ed intuitivo il mondo e le notizie della finanza italiana ed internazionale. "La finanza al servizio del consumatore" è il Nostro motto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.