Migliori Mutui Settembre 2019 I Più Convenienti

Acquistando una nuova abitazione non bisogna solo valutare il luogo, le dimensioni e il prezzo, bensì anche il mutuo che viene offerto per l’acquisto. Rivolgersi ad una banca per richiedere un mutuo è una pratica sempre più frequente nella vita dell’italiano medio, anche a causa dell’assenza di ingenti liquidità nel breve periodo. Proprio per questa ragione confrontare le varie categorie di mutuo a disposizione aiuta a trovare la soluzione più adatta alle proprie esigenze economiche, scegliendo di conseguenza il finanziamento più adatto. Al fine di scoprire quali siano i migliori mutui di settembre 2019 occorre valutare una serie di elementi, sia nelle offerte commerciali che negli istituti di credito che le presentano.

Migliori mutui, cosa occorre valutare?

Nel processo di acquisto di una casa, prima di accendere un mutuo pluriennale sono diversi gli elementi da valutare attentamente. Da prendere in considerazione sono:

  • Istituto di credito che eroga il mutuo
  • TAN (tasso annuo nominale), che rappresenta la percentuale degli interessi sul mutuo
  • TAEG (tasso annuo effettivo globale), che rappresenta in percentuale il reale costo del mutuo includendo oneri fiscali
  • Copertura del prezzo dell’immobile
  • Quantità e dimensione delle rate mensili
  • Finalità

Se da un lato una rata irrisoria può fare la differenza, è però anche vero che un TAN particolarmente basso non implichi sempre convenienza. In tal merito è estremamente importante valutare anche la tipologia di tasso di interesse applicato, che può essere:

  • Fisso, con rate che mantengono costantemente lo stesso importo
  • Variabile, con rate che possono presentare importi differenti in base a variazioni di mercato (tasso medio Euribor e tasso di inflazione)

Se in fase iniziale un tasso variabile può risultare più conveniente, occorre però tenere in considerazione un maggiore rischio in scenari futuri. Con un mutuo a tasso fisso questa eventualità viene invece aggirata, essendo più adatto a chi ha un profilo di rischio minore, affrontando però una rata che può essere maggiore sin dall’inizio.

Bisogna poi ricordare che la rata ideale non deve superare il 33% del proprio stipendio, e che le banche non erogano mai il 100% del capitale ipotecario. Ad esempio, a fronte di un finanziamento che copre solitamente l’80% del valore d’ipoteca, diventa fondamentale avere una liquidità minima a disposizione per coprire il restante 20%.

Migliori Mutui Settembre 2019

 

Quali sono i migliori mutui di settembre 2019?

Sono ormai tanti gli istituti bancari che erogano mutui per l’acquisto di un’abitazione. Nomi che godono di autorevolezza e garantiscono sicurezza del proprio acquisto, e che presentano una serie di offerte divise per finalità:

  • Acquisto prima casa
  • Acquisto seconda casa
  • Surroga

In merito a queste informazioni è possibile determinare il miglior mutuo a seconda delle proprie esigenze.

Mutui per acquisto prima casa

Questa categoria di mutuo è rivolta esclusivamente a chi non è ancora proprietario di un immobile. In questa formula le banche possono coprire fino all’80% dell’intero importo immobiliare.

  • CheBanca!
    • Tasso di interesse: fisso
    • Copertura finanziabile: dal 75% all’80% del valore ipotecario
    • Durate disponibili: dai 10 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,83%
    • TAEG: 1,00%
    • Spese iniziali: istruttoria 600,00 euro, perizia 300,00 euro
    • Spese aggiuntive: incasso rata mensile 2,50 euro
  • Credem
    • Tasso di interesse: variabile
    • Copertura finanziabile: fino all’80% del valore ipotecario
    • Durate disponibili: dai 5 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,26% medio
    • TAEG: 0,56% medio
    • Spese iniziali: istruttoria dai 1200,00 euro, perizia 280,00 euro
    • Spese aggiuntive: incasso rata mensile 1,75 euro, gestione annuale 39,00 euro
  • Unicredit
    • Tasso di interesse: variabile
    • Copertura finanziabile: fino all’80% del valore ipotecario, fino al 70% per residenza italiana inferiore ai 5 anni
    • Durate disponibili: dai 5 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,51% medio
    • TAEG: 0,64% medio
    • Spese iniziali: istruttoria 500,00 euro, perizia 211,06 euro
    • Spese aggiuntive: nessuna

Mutui per acquisto seconda casa

Pensato appositamente per chi desidera un’abitazione per le vacanze o da far fruttare come rendita immobiliare in affitto, questo mutuo vede restrizioni sul richiedente, che deve avere una prima casa non catalogata come di lusso e non essere proprietario di altri immobili nello stesso comune della sua prima casa.

  • Crédit Agricole
    • Tasso di interesse: fisso
    • Copertura finanziabile: fino all’80% del valore ipotecario
    • Durate disponibili: dai 10 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,70%
    • TAEG: 1,05%
    • Spese iniziali: istruttoria 500,00 euro, perizia 201,30 euro
    • Spese aggiuntive: gestione mensile 1,50 euro, resoconto cartaceo periodico 4,70 euro
  • Credem
    • Tasso di interesse: variabile
    • Copertura finanziabile: fino all’80% del valore ipotecario
    • Durate disponibili: dai 5 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,46% medio
    • TAEG: 0,97% medio
    • Spese iniziali: istruttoria dai 1200,00 euro, perizia 280,00 euro
    • Spese aggiuntive: incasso rata mensile 1,75 euro, gestione annuale 39,00 euro
CORRELATO >> Perchè fare un’assicurazione sul mutuo

Mutui surroga

Grazie alla legge Bersani n.40/2007, la surroga è una forma contrattuale permette di trasferire un mutuo precedentemente acceso presso una banca verso un’altra, godendo di eventuali condizioni migliori e riducendo le spese.

  • Unicredit
    • Tasso di interesse: variabile
    • Copertura finanziabile: fino all’80% del valore ipotecario, fino al 70% per residenza italiana inferiore ai 5 anni
    • Durate disponibili: dai 5 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,51% medio
    • TAEG: 0,57% medio
    • Spese iniziali: perizia variabile da precedente ipoteca
    • Spese aggiuntive: nessuna
  • CheBanca!
    • Tasso di interesse: fisso
    • Copertura finanziabile: fino all’80% del valore ipotecario e importo minimo finanziabile 75,000 euro
    • Durate disponibili: dai 10 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,77%
    • TAEG: 0,83%
    • Spese iniziali: nessuna
    • Spese aggiuntive: incasso rata mensile 2,50 euro
  • Crédit Agricole
    • Tasso di interesse: fisso
    • Copertura finanziabile: fino all’80% del valore ipotecario
    • Durate disponibili: dai 10 ai 30 anni
    • Rata: mensile
    • TAN: 0,74%
    • TAEG: 0,82%
    • Spese iniziali: nessuna con rimborso precedente perizia
    • Spese aggiuntive: gestione mensile 1,50 euro, resoconto cartaceo periodico 4,70 euro

Conclusioni

Esaminando a fondo i dati a disposizione si può capire che i migliori mutui di settembre 2019 possono essere valutati in base a numerosi parametri che ne determinano la qualità:

  • Istituti di credito che li erogano
  • Tassi di interesse TAN e TAEG
  • Tipologia di tasso fisso o variabile
  • Coperture dell’ipoteca
  • Finalità

A conti fatti, si possono vedere requisiti differenti anche a seconda delle finalità: ad esempio si notano pesanti restrizioni per l’ipoteca di una seconda casa, in quanto quest’ultima può richiedere una condizione economica più stabile e può essere utilizzata a scopo di rendita; diversamente avviene per l’ipoteca di una prima casa, destinata a chi non è ancora proprietario di immobili, o per la surroga, che permette di proseguire un mutuo già precedentemente acceso trasferendolo presso un’altra banca.

Ciò che diventa necessario, come nella maggior parte dei casi, è un’attenta verifica dei dettagli di ogni offerta commerciale calcolando eventuali rischi, così da valutare quale può essere il miglior prodotto anche sul lungo periodo.

Cosa fare per avere mutuo prima casa

Come ottenere un mutuo al 100% del valore della casa

Dal 2012 informiamo su finanza personale , investimenti, banche e gestione finanziaria

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *