Perché il Mercato Azionario è tornato a Crescere?

Come mai nel pieno della più grande crisi finanziaria ed economica dal tempo della 2a guerra mondiale, il mercato azionario è tornato a crescere così tanto e così rapidamente? Cerchiamo di capirlo insieme

  • Disoccupazione da record: le richieste iniziali di disoccupazione negli Stati Uniti superano i 6,6 milioni per la seconda settimana consecutiva.
  • I casi confermati di coronavirus globale superano 1,5 milioni e continuano a salire.
  • Il modello di recessione di Bloomberg Economics prevede una probabilità di recessione del 100% nei prossimi 12 mesi, con una probabilità molto alta che uno sia già iniziato.
  • L’ S & P 500 ha la sua settimana migliore dal 1974.

Tutto ciò è accaduto tra il 3 aprile e il 9 aprile di quest’anno. La performance del mercato azionario – in crescita del 12,1% in sette giorni – sembra completamente in contrasto con il resto delle notizie che fanno riflettere. La disconnessione ha spinto il principale corrispondente economico di Politico , Ben White, a chiedere in un tweet: “Wall Street è impazzita?”

No, non è così (almeno, non più del solito). E mentre nessuno può dire con certezza al 100% perché il mercato si comporti in questo modo, ecco i tre motivi perfettamente logici per cui gli investitori stanno acquistando in questo momento.

Leggi >> Azioni Italiane interessanti anche con il coronavirus

Perché il Mercato Azionario è tornato a Crescere?
Il mercato azionario americano ha riguadagnato in 1 settimana il 50% di quello che aveva perso all’inizio della crisi del coronavirus

Quello che è passato è passato

Mentre la notizia della disoccupazione di massa e della recessione economica è sia seria che sconvolgente, non è inaspettata.

Oltre il 95% degli americani è attualmente sottoposto a “stare a casa”, “al riparo in atto” o ordini simili. Privati ​​di clienti, ovviamente aziende come negozi al dettaglio, cinema e bar hanno licenziato il personale. Inoltre, scuole e asili nido sono chiusi in gran parte del paese, costringendo un numero maggiore di persone fuori dalla forza lavoro a prendersi cura dei propri figli.

Quando enormi aree dell’economia americana sono state costrette a chiudere per un mese o più, qualcuno ha pensato che non saremmo scivolati nella recessione (che, dopo tutto, è solo due trimestri consecutivi di crescita negativa)? Il mercato lo ha visto arrivare.

Tuttavia, quei numeri di disoccupazione e gli indicatori economici ci parlano solo del passato e del presente, mentre l’acquisto di azioni è una scommessa sul futuro. E durante la settimana del 3-9 aprile, c’erano alcuni barlumi di speranza:

  • L’OPEC + sembrava muoversi verso un accordo per porre fine alla guerra dei prezzi del petrolio che aveva decimato i prezzi del greggio globale.
  • Il Governatore di New York, Andrew Cuomo, ha annunciato che l’epidemia di coronavirus di New York City sembra essere “plateau”.
  • Il dottor Anthony Fauci ha dichiarato che le misure di allontanamento sociale negli Stati Uniti sembrano avere l’effetto desiderato, con il previsto bilancio delle vittime di COVID-19 che scende a circa 60.000 dalla precedente stima di 100.000 a 200.000.
  • Molte aree del paese hanno vissuto il loro primo caldo clima primaverile dell’anno, il che potrebbe aver contribuito a rafforzare il sentimento degli investitori.

Queste notizie ottimistiche potrebbero aver spinto gli investitori a sperare che, sebbene le cose sembrino male adesso, una rapida inversione di tendenza è in arrivo.

Pensano che sia tutto sotto controllo

Gli investitori hanno avuto un altro buon motivo per non vendere il panico nelle ultime due settimane: la risposta del governo alla crisi economica è stata finora sia rapida che aggressiva.

Il Congresso e la Casa Bianca hanno impiegato solo circa due settimane per redigere e approvare un pacchetto di stimolo economico da $ 2,2 trilioni, il CARES Act , che ha ampliato l’assicurazione contro la disoccupazione, ha autorizzato $ 350 miliardi in prestiti rimborsabili alle piccole imprese e ha promesso pagamenti diretti di stimolo alla maggior parte degli americani, tra altre misure.

La Federal Reserve è stata persino più attiva del Congresso. Oltre a ridurre i tassi di interesse a zero il 3 marzo, la banca centrale ha promesso di iniettare miliardi di dollari di liquidità nell’economia per tenerlo a galla. Gli sforzi comprendono nuovi programmi di prestito diretto a banche, società e comuni, nonché acquisti di obbligazioni societarie, titoli garantiti da ipoteca, carta commerciale e titoli del Tesoro.

Solo il 9 aprile, la Fed ha impegnato altri 2,3 trilioni di dollari in prestiti in aggiunta alle sue autorizzazioni precedenti, portando il suo impegno totale ad almeno 4 trilioni di dollari (alcuni dei programmi sono a tempo indeterminato, quindi l’importo finale potrebbe essere molto più elevato). La Fed ha già aggiunto più di $ 1,8 trilioni al suo bilancio dal 1 ° marzo. Al contrario, ha investito meno di $ 1,4 trilioni nel 2008 e nel 2009 insieme .

Nonostante i cattivi dati economici, gli investitori possono sentirsi rassicurati dalla Fed che fa uscire i grossi cannoni e li fa uscire presto.

La paura di essere tagliati fuori dalla grande ripresa del mercato – FOMO

Il leggendario investitore Warren Buffett ( BRK . B ) ha consigliato di “avere paura quando gli altri sono avidi e … essere avidi solo quando gli altri hanno paura“, ma è molto più facile a dirsi che a farsi. Ciò è in parte dovuto al fatto che FOMO – la paura di essere tagliati fuori – è un potente fenomeno psicologico, in particolare per gli investitori.

È facile vedere come potrebbe essere in gioco FOMO qui. Mentre il mercato stava calando del 30% nel corso di un mese, nessuno voleva comprare … almeno, non fino a quando non fossero sicuri che avesse toccato il fondo. Ma poi, sorpresa! Il 23 marzo, l’ S & P 500 è aumentato di quasi il 10%, e i prezzi di ieri sembravano improvvisamente un vero affare. Ti manca la tua unica possibilità di comprare queste azioni in vendita? Ogni giorno il mercato sale, ti senti come se fossi ancora più indietro. Forse è meglio che tu entri ora mentre l’ottenimento è buono …

L’attrazione di FOMO potrebbe essere stata troppo per alcuni investitori per resistere all’inizio di aprile.

La particolarità della borsa italiana

In tutto questo, la borsa italiana è ovviamente influenzata anche dalle vicende interne del paese.

Se c’è una cosa di cui la finanza e le aziende hanno bisogno, quelle sono le certezze. Purtroppo il governo in carica sembra non avere la più pallida idea di cosa fare, se non quello di tenere chiuso fino a data da destinarsi. E’ dal 9 marzo che l’Italia è ferma e che solo le attività indispensabili sono aperte,  ma  motori trainanti della Nostra economia come automotive, turismo, moda, sono completamente fermi.

In più il Governo tentenna su quello che fare per gli stimoli economici. Ritardi, difficoltà ad accordarsi con i partner europei, anche se la BCE si è detta completamente disponibile , il M5S ha detto che non vuole i prestiti del MES senza condizioni, ma preferisce i prestiti dei coronabond ( strumento inesistente e che bisognerebbe inventare di sana pianta, con accordi internazionali che molti stati non si sognano nemmeno di firmare).

Partite IVA, un altro motore dell’economia italiana che devono pagare le tasse e a cui arrivano 600 euro dopo 1 mese e mezzo di chiusura, soldi giusti giusti per pagare le tasse, insomma una gestione economica e finanziaria della crisi a dir poco dilettantesca.

Previsioni economiche di FMI ed altre agenzie di rating che danno un calo del PIL italiano dello – 10% , il peggiore a livello mondiale, proprio perchè stiamo tenendo troppo tempo chiuso rispetto agli altri paesi.

Il tutto si ripercuote nello SPREAD che è tornato a salire proprio in seguito di queste ultimissime vicende e che significa bruciare altri miliardi di euro che potrebbero aiutare l’economia.

Non solo: la borsa italiana è quella il cui “rimbalzo” è stato più tiepido, per non parlare di quello che è accaduto il 15 Aprile con un – 5%

Chi ha ragione?

Se io sapessi dove va il mercato, significa che conoscerei il futuro e sarei la persona più fortunata e ricca del mondo, ma non è così, però sappiamo alcune cose.

Dove va il mercato, dipende quasi esclusivamente da come si svolge la pandemia di coronavirus in corso. In altre parole, nessuno lo sa adesso. Per il momento, il mercato sembra aver deciso collettivamente che andrà meglio di quanto precedentemente previsto. Potrebbe diventare una profezia che si autoavvera.

D’altra parte, abbiamo appena assistito a un forte declino del mercato, seguito da un rimbalzo di circa la metà. Questo è quello che è successo finora.

T.M.F.

L'Economia e la Finanza dalla parte del consumatore

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *