Investire in argento nel 2017 conviene?

Conviene investire in argento in questo periodo? Nel 2017 quale sarà la quotazione dell’argento? Comprare bèni rifugio sembra l’ultimo trend in una economia stagnante e
L’argento è un metallo prezioso molto diffuso e utilizzato. Già nei tempi antichi veniva usato come moneta di scambio insieme all’oro. E’ stato usato, nell’ambito del sistema del bimetallismo, in auge fino alla fine del XIX secolo. L’argento, oltre che essere un metallo prezioso, è utilizzabile come investimento rifugio. Peraltro l’argento è un metallo industriale molto sfruttato nel settore dell’elettronica di consumo.

Il consumo di argento è aumentato

Il boom industriale di Cina e India, ha fatto accrescere la domanda di argento e con essa il suo prezzo. Esistono diversi modi per investire con questo metallo. Alcuni funzionano, altri sono piuttosto rischiosi ed è preferibile evitarli.

Lingotti di argento

Il metodo più classico per investire in metalli preziosi è quello di acquistare lingotti di argento di diverse dimensioni. I lingotti vanno conservati e protetti da eventuali furti. I lingotti non possono aumentare il loro valore in base alla rarità. Alcune banche si offrono per lo stoccaggio in cavò. Attraverso il deposito di lingotti d’argento in banca, questo investimento diventa un bene rifugio. Nel caso ipotetico di un crollo finanziario, un’onciad’argento mantiene il suo valore a differenza di altri tipi d’investimento.

Monete d’argento

Le monete d’argentorappresentano il sistema di investimento in metalli preziosi più diffuso e antico. Alcune Nazioni mantengono alcune monete in metallo prezioso proprio per venire incontro alla forte richiesta. Le divise più diffuse sono le sterline e i dollari. Molte sterline o dollari in argento vengono prodotti perlopiù per i collezionisti e per gli investitori soprattutto in Gran Bretagna e USA, tra i paesi più sensibili alla cultura dell’investimento.
L’investimento in monete d’argento è di facile implementazione. Si può comprare una moneta per poi rivenderla nel momento in cui viene quotata di più. Possedere tante monete espone al rischio di possibili furti e quindi bisogna tutelarsi con dei sistemi di sicurezza.

Quando si acquista argento lo si compra a prezzo di mercato. Quando lo si rivende si può ricavare meno del prezzo di mercato. A volte la perdita può superare anche il 20%. Con le monete non si può speculare su leggere variazioni di prezzo dell’argento, ma bisogna puntare almeno a raddoppi del valore se non di più.

Aziende estrattive

Si può puntare sulle aziende estrattive di argento mettendo in portafoglio azioni di imprese operanti nel settore. Si tratta di un investimento indiretto. Le azioni riguardano le aziende estrattive e non l’andamento dell’argento. Se la quotazione dell’argento aumenta verosimilmente è aumentata la sua richiesta nel mercato a meno che non si sia in presenza di bolle speculative. A fronte di una maggiore richiesta le aziende estrattive lavorano a pieno regime e le quotazioni di queste aziende beneficiano di un incremento del valore delle proprie azioni. La variazione del comparto non segue in modo speculare l’andamento della materia prima. Se la materia prima ottiene un incremento delle quotazioni del 100%, difficilmente avviene anche per le aziende legate al comparto che si fermano al più ad un 10/20 %.

Oggetti in argento

Si può ipotizzare di investire in oggetti in argento. Tutti questi oggetti hanno un loro valore in base al contenuto in argento. Si possono monetizzare portandoli in uno dei tantissimi compro oro e argento. Non si possono considerare un vero e proprio investimento in quanto, come accade con le monete, essi perdono valore nella rivendita e per guadagnarci serve una variazione elevata della quotazione. La tendenza a vendere argento si è sviluppata con la crisi economica. E’ comunque un metodo per investire puntando magari sull’idea di lasciare questi beni alle generazioni future. Si possono ad esempio comprare le posate d’argento da lasciare ai figli ipotizzando che dopo 40 anni esse potrebbero aver aumentato in modo notevole il proprio valore.

Argento finanziario

Investire in argento può tradursi anche nell’acquisto di quote di un fondo sulla commodity argento.
L’argento si può comprare come se fosse un normale ETF ma con sottostante argento. Questo offre l’opportunità di conseguire degli effettivi valori finanziari dell’argento con la comodità di scambio delle azioni. La gestione è semplice ma non si possiede effettivamente l’argento che è in mano ad un gestore. Bisogna essere oculati nello scegliere il gestore più affidabile.

I metodi migliori per investire in argento

I metodi migliori per investire in questo metallo prezioso sono il possesso di argento fisico detenuto in banca con servizi particolari o quello di comprare argento finanziario mediante un ETC. L’argento fisico va bene se si vuole tenere la posizione per lungo tempo. L’uso dei fondi finanziari è più indicato per movimenti frequenti.

Per rimanere aggiornati su Investire in Argento e altri bèni rifugio, seguiteci su FB

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *