Fare Trading Online corso e demo

Cos’é il trading online su internet? Scopriamo insieme come fare compravendita di strumenti finanziari su internet, con esempi e demo.

Fare trading online in Italia, é possibile da una quindicina d’anni, grazie ad una legge della Consob che regolamenta questo aspetto della finanza italiana, che per molti é diventato un lavoro, cioé quello del Trader.

Visto che il trading online é un’attività che si può fare esclusivamente su internet, ogni volta che navighiamo sul web, e ci interessiamo di economia, troviamo numerosi articoli su questi attività, che tutti vedono ma che in pochi usano, sì perché basta poco per diventare Trader:

Fare Trading Online corso e demo

11 cose da sapere sul Trading Online:

  1. Trading online significa ‘negoziazione digitalizzata’.
  2. 6 milioni di italiani hanno un conto corrente bancario con cui poter fare Trading online.
  3. Si tratta di un servizio messo a disposizione di società finanziarie, che si chiamano Broker Online, società regolarmente iscritte alla Consob.
  4. Ogni ordine di vendita o ogni ordine di acquisto che Noi mandiamo online, lo paghiamo alla società di brokeraggio.
  5. I broker possono essere società finanziarie specializzate in questo particolare settore, oppurre delle semplici banche; probabilmente anche la Vostra banca fa brokeraggio.
  6. Si può fare compravendita di: azioni, obbligazioni, titoli di stato, futures..
  7. Di norma, si consiglia di non investire più del 10% dei propri risparmi sull’attività di trading, per mantenere una buona diversificazione dei propri risparmi. Ovviamente, a questa quota ci si potrà arrivare solo DOPO aver acquisito una certa dimestichezza; il trading è considerato un servizio finanziario ad alto livello di rischio, questo non bisognerebbe mai dimenticarselo, specialmente quando si inizia a guadagnare buone cifre, guadagni che di solito fanno scordare i rischi.
  8. Prima di iniziare, bisogna fare un piano di investimenti: già lo abbiamo accennato al punto 7, ma naturalmente quando si inizia a fare trading non bisogna certo subito ( ad es.) metterci 10 mila euro se Noi abbiamo un capitale di risparmio di 100 mila euro. Bisogna vedere se si ha già esperienza negli investimenti, che tipo di investimenti si vogliono fare, se l’azienda su cui vogliamo investire è solida o meno, quale tipo di futures vogliamo comprare. In base a queste considerazioni, potremo iniziare a investire un po’ dei Nostri soldi.
  9. Fare corsi, comprare libri per studiare, aggiornarsi, fare corsi gratuiti, o corsi pagati non importa. Il Nostro Blog di finanza, già si occupa di investimenti, ma cercherà di pubblicare dei corsi gratuiti di trading online, di tanto in tanto, in quanto siamo ben coscienti che é una grande risorsa, sfruttata ancora molto poco nel Nostro paese. Molti libri, li potrete trovare su tradinglibrary.it, una libreria online italiana specializzata, che ha nel proprio catalogo tutti i libri possibili ed immaginabili sul trading.
  10. Scegliere il broker migliore: i costi sono variabili, da 2 o 3 euro per transazione , fino a 15 euro, costo che dipende dall’attività specifica che si svolge e dalla piattaforma usata; con il numero delle compravendite onlin svolte, le commissioni diminuiscono. Autorizzati ad operare dalla CONSOB in Italia, ci sono circa cento broker stranieri, 4 banche online specializzate che offrono anche altri servizi bancari (IW Bank, Fineco, Sella-Sella.it, Webank); poi ce ne sono altre che offrono solo trading, infine la maggior parte delle banche convenzionali italiane offrono servizio di broker.
  11. Il segreto per avere successo con il traging online: su questo ci sono pochi dubbi; tutti i manuali, tutti i trader esperti dicono la stessa cosa. Per riuscire a fare del trading una professione, anche piuttosto remunerativa, bisogna avere carattere, che non significa solo avere spregiudicatezza nel comprare delle azioni su cui abbiamo messo gli occhi, ma anche avere il carattere di non mettere tutti i Nostri risparmi in un affare per quanto remunerativo, Noi lo possiamo considerare. Tirarsi fuori quando si é guadagnato, cercare di ‘non strafare’. Come avevamo accennato al punto 7 ed 8, darsi degli obiettivi é vitale, per fare un trading vincente. Sì, perché il trader dovrà mettere in contro che si può anche perdere, che il guadagno non può essere infinito, che se investo 100 e decido di uscire quando quel valore é arrivato a 110, non aspetterà di uscire se il valore continua a salire: dovrò uscire perché sono arrivato al mio obiettivo. 

Fare Trading, é come usare una moto con il casco. E’ inutile andare in moto con il casco, senza usare la testa.

Sopra: una prima lezione di infarinatura sul Trading online; ne seguiranno altre che pubblicheremo sempre su questo Blog; seguiteci sulla pagina di Economia Italia su FB, cliccate ‘mi piace’ sulla colonna destra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *