Ribilanciamento del Portafoglio Titoli: Significato e Come Farlo

Per molti di noi, investire è il modo in cui risparmiamo per la pensione , l’istruzione universitaria e altri eventi della vita. Dopo aver fissato i nostri obiettivi finanziari e costruito un portafoglio diversificato, possiamo osservare la crescita dei nostri investimenti nel tempo. Ma con il passare degli anni e il mutare delle situazioni, potremmo dover adeguare tali investimenti. È qui che entra in gioco il ribilanciamento del portafoglio.

In sostanza, il ribilanciamento del portafoglio funge da messa a punto per i tuoi investimenti. Assicura che la tua tolleranza al rischio sia in linea con i tuoi obiettivi finanziari a lungo termine e ti dà la possibilità di rivedere i tipi di investimenti che detieni.

Ribilanciamento del Portafoglio Titoli: Significato e Come Farlo
Sopra: un esempio di Lazy Portafoglio

Come funziona il ribilanciamento del portafoglio

Quando si tratta di ribilanciare, il primo passo è dare un’occhiata alla tua asset allocation .

L’asset allocation è il mix di investimenti che possiedi come azioni, obbligazioni, fondi, immobili e contanti. Questa asset allocation tiene conto della tua tolleranza al rischio e dei tuoi obiettivi finanziari.

Qualcuno che è più tollerante al rischio potrebbe avere un’allocazione maggiore in attività storicamente rischiose come azioni o criptovalute. D’altro canto, un investitore avverso al rischio potrebbe optare per una maggiore ponderazione di asset class meno volatili come obbligazioni o immobili.

Quando si costruisce un portafoglio, la chiave è capire in che modo ciascuna classe di attività può influire sulla performance complessiva. Avendo un portafoglio bilanciato, stai mitigando il rischio di perdita di capitale aumentando al contempo la probabilità di generare rendimenti.

Una volta determinata la tua asset allocation ottimale, ci sono buone probabilità che tali ponderazioni cambino con l’accumularsi di guadagni e perdite.

Considera un portafoglio composto per il 60% da azioni e per il 40% da obbligazioni all’inizio del mercato rialzista nel 2009. A questo punto, l’asset allocation sarebbe cambiata in circa l’85% di azioni e il 15% di obbligazioni. Perché? Perché da allora il mercato azionario ha sovraperformato in modo significativo il mercato obbligazionario.

Per un investitore vicino alla pensione, una tale asset allocation potrebbe essere troppo aggressiva, soprattutto se il mercato azionario dovesse affrontare un lungo mercato ribassista.

Prendendo il tempo per rivedere e adattare la tua asset allocation, potresti anche venire a conoscenza di potenziali opportunità di acquistare a basso prezzo e vendere a prezzo alto.

Tipologie di ribilanciamento del portafoglio

Ci sono varie strategie per riequilibrare il tuo portafoglio. Il tipo di strategia che utilizzi dipende dai tuoi obiettivi di investimento e dalla fase della vita.

Ad esempio, creare una famiglia può significare che desideri destinare una parte maggiore del tuo denaro a un conto di risparmio universitario . Pianificare l’acquisto di una casa potrebbe significare avere più denaro a disposizione per un acconto . Ottenere una promozione potrebbe tradursi nella massimizzazione dei tuoi conti pensionistici.

Una volta determinato il tuo obiettivo finanziario, puoi calibrare il tuo portafoglio di conseguenza.

Per la maggior parte degli investitori, il motivo più comune per riequilibrare un portafoglio è la diversificazione. Attraverso questa strategia, cerchi di garantire che le allocazioni di asset rimangano coerenti e in linea con i tuoi obiettivi di investimento.

Un’altra strategia per l’asset allocation è chiamata “smart beta”, in cui si utilizza una combinazione di fondi indicizzati gestiti professionalmente e investimenti tematici.

Con i fondi indicizzati , ad esempio, gli investitori sono in grado di imitare la performance di un paniere di azioni che compongono un indice come l’S&P 500 . In questo caso, un investitore acquisterebbe un fondo negoziato in borsa (ETF) o un fondo comune di investimento. Attraverso uno di questi investimenti, ottieni esposizione a tutti i titoli di quell’indice.

Un’altra opzione è l’investimento tematico tramite ETF o fondi comuni di investimento . Ce ne sono migliaia che seguono temi di investimento come la tecnologia 5G, i veicoli elettrici, il cloud computing, la sicurezza informatica e la sostenibilità, solo per citarne alcuni.

Ma contrariamente ai fondi indicizzati, in cui i gestori di fondi seguono un indice, l’investimento attivo è legato alla capacità di un gestore di fondi di selezionare le azioni. Di conseguenza, questi tipi di investimenti tendono ad essere più volatili.

Quando ribilanciate un portafoglio, potete scegliere di aggiungere una combinazione di indici e investimenti tematici alla vostra allocazione azionaria. Utilizzando una o entrambe le strategie, la chiave è mantenere basse le commissioni e rimanere diversificati.

L’importanza di riequilibrare un portafoglio

I mercati cambiano, il che significa che anche il tuo portafoglio dovrà cambiare. Non farlo può portare a perdite che non ti saresti aspettato.

I rendimenti oscilleranno, così come la loro ponderazione nel tuo portafoglio. Ad esempio, gli investimenti che una volta erano considerati sicuri potrebbero diventare speculativi in ​​un paio d’anni e dovrai adeguarti di conseguenza per mantenere la tua tolleranza al rischio.

Un investimento che una volta consideravi a basso rischio e detenevi, diciamo, il 20 percento del tuo portafoglio potrebbe diventare rischioso in cinque anni. La tua ponderazione dovrebbe quindi passare a un importo inferiore per adattarsi.

Se credi nel valore a lungo termine di determinati investimenti e hai un lungo orizzonte temporale, tenere duro potrebbe non essere una cattiva idea. Se, tuttavia, detieni determinati investimenti con l’intento di mantenere un basso profilo di rischio, probabilmente dovrai ribilanciare il tuo portafoglio per riflettere i movimenti del mercato.

A seconda di quali sono i tuoi obiettivi di investimento, il mancato ribilanciamento del tuo portafoglio può farti incorrere in perdite significative per le quali potresti non essere preparato. È importante tenere costantemente il passo con il tuo portafoglio e lo stato dei tuoi investimenti.

Quanto spesso dovresti riequilibrare?

Non esiste una regola ferrea su quando riequilibrare il tuo portafoglio. Ma molti investitori hanno l’abitudine di rivedere le loro allocazioni di investimento annualmente, trimestralmente o anche mensilmente. Altri decidono di apportare modifiche quando un’asset allocation supera una certa soglia come il 5%.

La ricerca di Vanguard mostra che non esiste una strategia di ribilanciamento ottimale. Se un portafoglio viene ribilanciato mensilmente, trimestralmente o annualmente, i rendimenti del portafoglio non sono molto diversi.

In realtà, controllando i tuoi investimenti troppo frequentemente, potresti finire per prendere decisioni emotive sul momento invece di attenerti ai tuoi obiettivi a lungo termine. Diversi studi sulla finanza comportamentale rivelano che gli investitori potrebbero essere tentati di modificare l’asset allocation in base alla volatilità del mercato invece che ai loro obiettivi finanziari. Nonostante la frequenza con cui controlli, l’obiettivo è mantenere un profilo di rischio equilibrato nel tempo.

Ribilanciare il tuo portafoglio costa denaro?

Per l’investitore fai-da-te, il ribilanciamento di un portafoglio in questi giorni può essere effettuato a basso costo o senza alcun costo. Molte società di intermediazione offrono operazioni senza commissioni , mentre abbondano le opzioni a basso costo.

Gli investimenti automatizzati hanno anche semplificato il ribilanciamento del portafoglio. I robo-advisor riallineano automaticamente le allocazioni di asset come parte del loro servizio in base ai profili degli investitori.

Molti investitori sono ancora più a loro agio nel lavorare con un consulente finanziario. Naturalmente, quell’attenzione personalizzata può avere un costo più elevato.

Per la pianificazione della pensione, vale la pena notare che i fondi con data obiettivo – menzionati in precedenza – di solito hanno un costo leggermente superiore rispetto ai fondi indicizzati puri.

Inoltre, alcuni fondi comuni di investimento potrebbero avere commissioni di rimborso anticipato o persino commissioni di caricamento. Una commissione di carico è una commissione che un investitore paga quando acquista o vende fondi comuni di investimento. Queste commissioni sono determinate dalle società di fondi comuni e dai loro intermediari.

Al momento di decidere, è importante prendere nota di questi costi in anticipo. Più riesci a ridurre al minimo le commissioni non necessarie, più puoi investire per il tuo futuro finanziario.

Considerazioni fiscali durante il ribilanciamento

Se hai bisogno di vendere asset per riequilibrare il tuo portafoglio, prenditi del tempo per considerare eventuali implicazioni fiscali.

Invece di vendere, gli investitori possono anche smettere di fornire nuovi contributi a determinate classi di attività e reindirizzare tali fondi verso partecipazioni sottoponderate come un modo per riequilibrare nel tempo. Questa strategia riduce al minimo le potenziali passività fiscali.

Durante il ribilanciamento, è fondamentale prestare attenzione al tipo di conto in cui si trovano i tuoi beni e al periodo di tempo in cui li hai posseduti. Questi fattori determineranno la modalità di tassazione delle plusvalenze o delle perdite .

Prima di apportare modifiche, ti consigliamo di consultare un professionista fiscale.

Riequilibrio per la pensione

Al di fuori dei conti di investimento personali, i conti pensionistici meritano un’attenzione particolare poiché la tua età determinerà principalmente come allocare le risorse.

Quando hai a che fare con più account, considera di consolidarli tutti con un portfolio tracker online o di mantenerli presso lo stesso istituto finanziario. Anche se i tuoi account sono gestiti attivamente, averli sotto un’unica visualizzazione dovrebbe facilitarne il monitoraggio.

I fondi target-date potrebbero anche essere vantaggiosi per quegli investitori che preferiscono un approccio più diretto. Questi fondi gestiti modificano il profilo di rischio in base all’età pensionabile prevista, selezionando asset più conservativi con l’avanzare dell’età.

Conclusioni

Ribilanciare il tuo portafoglio è un ottimo modo per essere in sintonia con le tue finanze. Ti assicura di rimanere diversificato e sulla buona strada per raggiungere i tuoi obiettivi finanziari a lungo termine.

Rimanendo coinvolto, ti sentirai più autorizzato a prendere decisioni di investimento migliori ed evitare errori potenzialmente costosi.

Articoli Simili: 

Glossario per la scuola di trading

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *